Fare un bambino da sola, perché no?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Eh già, perché no? Probabilmente sono molte le donne che con l’avanzare degli anni si pongono questa domanda, spinte dalla paura di perdere la possibilità di essere madre. Io mi sono posta un ultimatum: se tra 10 anni avrò il desiderio di essere madre ma non starò con nessuno, il mio bambino me lo farò da sola! So che l’orologio biologico avanza e non voglio rimpiangere di non avere avuto un figlio a causa delle mie scelte di vita…

Fare un bambino da sola, perché no?
 
 Sommario

Perché non sono ancora madre?

Nella mia vita, tutto accade molto velocemente. Ho studiato, trovato un lavoro e cercato di avere una stabilità economica e lavorativa. Perché per me è importante poter fare carriera, non ho paura di avere successo. Al contrario, desidero che la mia vita professionale sia il fulcro della mia vita. E, inoltre, ho sempre pensato che se un giorno fossi diventata madre l’avrei fatto avendo una situazione stabile e confortabile. Per me, un lavoro a tempo indeterminato è una condizione sine qua non per mettere su famiglia.

La mia decisione di restare single

Anche se in questo momento sono single, non ho mai rifiutato l’idea di avere una relazione! Ma fino ad ora, non ho mai provato la sensazione di aver trovato la persona giusta, quella con cui mi sentirò pronta ad avere un figlio. Spesso mi capitano persone che hanno il terrore di impegnarsi, oppure che non hanno alcuna intenzione di creare una famiglia. Ed è una cosa che non riesco a capire! Ora come ora adoro essere single, e non mi dà fastidio essere sola, ma non voglio che questo mi porti a rinunciare all’idea della maternità.

Un bambino si, ma non con chiunque

D’altronde, non intendo fare un figlio con il primo che passa solo perché il tempo scorre e il mio orologio biologico ticchetta. Fare un figlio con qualcuno è un legame ancora più forte del matrimonio. È una nuova vita che unisce due persone, è un impegno per la vita. E se da una parte so che tra qualche anno avrò voglia di avere un figlio, dall’altra non sono di sicura di voler essere legata a qualcuno.

Perché decidere di avere un bambino da sola?

Sfortunatamente, non tutti abbiamo la fortuna o la voglia di accettare la sfida dell’essere genitori così su due piedi. Dunque, piuttosto che stare lì a cercare l’anima gemella a qualunque costo per poter fondare una famiglia, preferisco cavarmela da sola, cosa che per me è ancora la soluzione più ottimale. E penso che quella della maternità debba essere una scelta ben ponderata, che richiede tempo e riflessione. È sicuramente la decisione più importante che si possa prendere nella propria vita, bisogna sentirsi pronti ed esserne sicuri. Che si sia in coppia o no!

Sono consapevole del fatto che anche se attualmente non ho una relazione, questo non vuol dire che io sia sola. Ho la fortuna di avere una bellissima famiglia al mio fianco e so che mi aiuterebbe durante la maternità. Una famiglia non è per forza composta da una mamma e da una papà, è un gruppo di persone che si amano, a prescindere dal loro genere o dal ruolo che ricoprono. E so che mio figlio avrà delle figure maschili che lo accompagneranno e lo aiuteranno grazie alle relazioni solide che fanno parte della mia vita.

Avere a che fare con il giudizio degli altri

La cosa che mi spaventa più di tutte è il giudizio degli altri, delle persone che non frequento. Sono una persona ipersensibile, ho paura di sentirmi giudicata o scoraggiata da quello che gli altri pensano o dicono. Credo che mi ritroverò a spiegare la mia singolare situazione anche quando dovrò iscrivere mio figlio all’asilo o a scuola. Insomma, è probabile che non tutte le persone non mi vedano di buon occhio. Decidere di avere un figlio da sola è una cosa, affrontare la paura dello sguardo altrui. Soprattutto in una società in cui giudicare gli altri è all’ordine del giorno.

Qual è la situazione in Italia?

Sfortunatamente, le donne single non possono intraprendere il percorso della Procreazione medicalmente assistita (PMA). La legge italiana consente questa pratica solo alle coppie eterosessuali. È un percorso complesso, ma questo non dovrebbe impedire alle donne single di continuare a seguire il loro sogno di essere madri.

Esistono molte storie di madri single, e leggendole ho capito che è necessario uscire dall’Italia per poter avere un figlio come madre single. In alcuni paesi vicini al nostro è possibile anche per una madre single o per le coppie omosessuali intraprendere questo percorso, e questi paesi sono: Belgio, Spagna, Danimarca, Paesi Basi e Regno Unito. Sono consapevole del fatto che questo trattamento costerà tanti soldi e sarà complicato, ancor più se la Fecondazione in vetro (FIVET) non funzionerà. In ogni caso, niente può fermare il mio desiderio di diventare madre. Voglio vivere la maternità, e sono disposta a farlo anche da sola.


Il consiglio della redazione: è una tua decisione!

Con questo articolo vi ho esposto il mio personale desiderio, ma non bisogna dimenticare che il rapporto con il proprio corpo, il rapporto con la maternità, il desiderio di voler diventare madre o no, sono tutte questioni molto intime e personali. È una decisione che spetta ad ognuna di noi e a nessun altro. È una cosa importante che merita riflessione e tempo. Consultare un terapeuta ti permetterà di portare avanti le tue riflessioni e di risolvere alcuni conflitti interiori.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!