Fare un bambino da sola, perché no?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Eh già, perché no? Probabilmente sono molte le donne che con l’avanzare degli anni si pongono questa domanda, spinte dalla paura di perdere la possibilità di essere madre. Io mi sono posta un ultimatum: se tra 10 anni avrò il desiderio di essere madre ma non starò con nessuno, il mio bambino me lo farò da sola! So che l’orologio biologico avanza e non voglio rimpiangere di non avere avuto un figlio a causa delle mie scelte di vita…

Fare un bambino da sola, perché no?

Perché non sono ancora madre?

Nella mia vita, tutto accade molto velocemente. Ho studiato, trovato un lavoro e cercato di avere una stabilità economica e lavorativa. Perché per me è importante poter fare carriera, non ho paura di avere successo. Al contrario, desidero che la mia vita professionale sia il fulcro della mia vita. E, inoltre, ho sempre pensato che se un giorno fossi diventata madre l’avrei fatto avendo una situazione stabile e confortabile. Per me, un lavoro a tempo indeterminato è una condizione sine qua non per mettere su famiglia.

La mia decisione di restare single

Anche se in questo momento sono single, non ho mai rifiutato l’idea di avere una relazione! Ma fino ad ora, non ho mai provato la sensazione di aver trovato la persona giusta, quella con cui mi sentirò pronta ad avere un figlio. Spesso mi capitano persone che hanno il terrore di impegnarsi, oppure che non hanno alcuna intenzione di creare una famiglia. Ed è una cosa che non riesco a capire! Ora come ora adoro essere single, e non mi dà fastidio essere sola, ma non voglio che questo mi porti a rinunciare all’idea della maternità.

Un bambino si, ma non con chiunque

D’altronde, non intendo fare un figlio con il primo che passa solo perché il tempo scorre e il mio orologio biologico ticchetta. Fare un figlio con qualcuno è un legame ancora più forte del matrimonio. È una nuova vita che unisce due persone, è un impegno per la vita. E se da una parte so che tra qualche anno avrò voglia di avere un figlio, dall’altra non sono di sicura di voler essere legata a qualcuno.

Perché decidere di avere un bambino da sola?

Sfortunatamente, non tutti abbiamo la fortuna o la voglia di accettare la sfida dell’essere genitori così su due piedi. Dunque, piuttosto che stare lì a cercare l’anima gemella a qualunque costo per poter fondare una famiglia, preferisco cavarmela da sola, cosa che per me è ancora la soluzione più ottimale. E penso che quella della maternità debba essere una scelta ben ponderata, che richiede tempo e riflessione. È sicuramente la decisione più importante che si possa prendere nella propria vita, bisogna sentirsi pronti ed esserne sicuri. Che si sia in coppia o no!

Sono consapevole del fatto che anche se attualmente non ho una relazione, questo non vuol dire che io sia sola. Ho la fortuna di avere una bellissima famiglia al mio fianco e so che mi aiuterebbe durante la maternità. Una famiglia non è per forza composta da una mamma e da una papà, è un gruppo di persone che si amano, a prescindere dal loro genere o dal ruolo che ricoprono. E so che mio figlio avrà delle figure maschili che lo accompagneranno e lo aiuteranno grazie alle relazioni solide che fanno parte della mia vita.

Avere a che fare con il giudizio degli altri

La cosa che mi spaventa più di tutte è il giudizio degli altri, delle persone che non frequento. Sono una persona ipersensibile, ho paura di sentirmi giudicata o scoraggiata da quello che gli altri pensano o dicono. Credo che mi ritroverò a spiegare la mia singolare situazione anche quando dovrò iscrivere mio figlio all’asilo o a scuola. Insomma, è probabile che non tutte le persone non mi vedano di buon occhio. Decidere di avere un figlio da sola è una cosa, affrontare la paura dello sguardo altrui. Soprattutto in una società in cui giudicare gli altri è all’ordine del giorno.

Qual è la situazione in Italia?

Sfortunatamente, le donne single non possono intraprendere il percorso della Procreazione medicalmente assistita (PMA). La legge italiana consente questa pratica solo alle coppie eterosessuali. È un percorso complesso, ma questo non dovrebbe impedire alle donne single di continuare a seguire il loro sogno di essere madri.

Esistono molte storie di madri single, e leggendole ho capito che è necessario uscire dall’Italia per poter avere un figlio come madre single. In alcuni paesi vicini al nostro è possibile anche per una madre single o per le coppie omosessuali intraprendere questo percorso, e questi paesi sono: Belgio, Spagna, Danimarca, Paesi Basi e Regno Unito. Sono consapevole del fatto che questo trattamento costerà tanti soldi e sarà complicato, ancor più se la Fecondazione in vetro (FIVET) non funzionerà. In ogni caso, niente può fermare il mio desiderio di diventare madre. Voglio vivere la maternità, e sono disposta a farlo anche da sola.


Il consiglio della redazione: è una tua decisione!

Con questo articolo vi ho esposto il mio personale desiderio, ma non bisogna dimenticare che il rapporto con il proprio corpo, il rapporto con la maternità, il desiderio di voler diventare madre o no, sono tutte questioni molto intime e personali. È una decisione che spetta ad ognuna di noi e a nessun altro. È una cosa importante che merita riflessione e tempo. Consultare un terapeuta ti permetterà di portare avanti le tue riflessioni e di risolvere alcuni conflitti interiori.
 
🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

I 7 migliori gadget antistress per lottare contro l’ansia

Che sia per un esame o per capire cosa fare della propria vita, lo stress mi conosce bene! Inoltre… Bisogna dire che sono una persona abbastanza stressata in generale e con il tempo ho trovato dei trucchetti per restare più tranquilla. Grazie a questo, sono riuscita a trovare dei modi che io utilizzo più o meno tutti i giorni per calmarmi. Lo stress ha un impatto molto importate sul corpo e sulla mente, non bisogna lasciargli spazio. Allora ecco 7 strumenti antistress che ci fanno bene!

Non ho ambizioni, è davvero così grave?

Fin dai tempi del liceo, avere degli ottimi voti in pagella non mi interessava un granché. Il proseguimento della mia vita professionale non è stato molto diverso. In un mondo all’insegna dell’iperproduttività, del continuo superamento dei propri limiti, di costanti sfide personali, io mi accontento di vivere la mia vita tranquillamente.

Dichiarazioni d'amore: apri il tuo cuore e tocca il suo

Avevo pensato a tutto: salire sul tetto della mia auto, chiedergli di andare sul balcone e cantare che l'amavo. Un po' esagerato. Mettere un messaggio d'amore in una torta. Troppo tecnico, troppo rischioso. O più "semplicemente" rifare la scena di Love Actually. Visto e rivisto. Alla fine, per dichiarargli il mio amore, ho scritto una lettera che ho fatto scivolare sul suo tavolo mentre me ne andavo. Le dichiarazioni d'amore sono sempre un grattacapo spaventoso. Abbiamo paura, vogliamo fare troppo, temiamo di non fare abbastanza. Sono sicura che tu abbia bisogno di una mano per iniziare.

I genitori dovrebbero essere incoraggiati a rivolgersi a uno psicologo? Ottima domanda...

Un argomento importante, vero? Mi sono posto questa domanda l'altro giorno, dopo aver cercato di parlare con mio padre della sofferenza che ho vissuto da bambino. Mi ha risposto “sì, ma per me è stato peggio con i miei genitori”. Alla faccia del dialogo, eh? Vorrei che si rendesse conto che è importante per lui riparare le proprie ferite, come sto cercando di fare io... Quindi, dovresti incoraggiare i tuoi genitori ad andare da uno psicologo oppure no? Ecco alcune risposte.

Il triangolo di Karpman, un pericoloso gioco psicologico

Oggi ti parlerò del triangolo drammatico di Karpman e dei 3 ruoli principali possibili: carnefice, salvatore e vittima. Io sono sempre stato la vittima in questo triangolo drammatico. Cosa significa? Come fai a sapere se ci sei dentro? Come si fa a uscirne? Ti racconto tutto.

8 cose di cui mi infischio vivendo alla grande!

A volte mi capita di essere pigro/a e invece di mettermi le scarpe da ginnastica per andare a correre, rimango a casa al calduccio. Chi se ne frega se non ho un corpo perfetto? Lasciare la presa, non dare troppa importanza ai giudizi altrui e soprattutto essere se stessi, non c'è modo migliore per essere felici. Devo ammettere che, da quando non do più importanza al giudizio altrui, sto molto meglio. Ecco otto cose di cui ormai mi infischio altamente ma che hanno cambiato in meglio la mia vita. Provare per credere!

"Quando avevo bisogno di te, tu non c'eri...": come superarlo.

Quando avevo bisogno di te, tu non c'eri... Mi ripetevo questa frase quando ero più giovane e che dolore è vedere che stai vivendo qualcosa da solo. La solitudine in un momento difficile della nostra vita, quando abbiamo bisogno di sostegno, può farci sentire tristi o addirittura peggio. Rabbia, incomprensione, risentimento, senso di abbandono... Sono tutti sentimenti che possono nascere da questa assenza. Perché ci sentiamo così? Come possiamo superare lo sconforto di vedere una persona che amiamo non essere presente quando ne abbiamo bisogno? Spiegazioni.

12 regole per ricominciare da zero una nuova vita

Hai finalmente deciso! Vuoi dare una svolta alla tua vita, ricominciare tutto da capo, mettere una pietra sopra il passato e guardare al futuro. Il desiderio di voler cominciare da zero è spesso motivato da una situazione in cui non ci sentiamo a nostro agio. Ecco come farlo in 12 semplici passi.

Mi sento esclusa: qual è il motivo di questa sensazione

“Da quando ero piccola, mi sento esclusa e ho grandi difficoltà a integrarmi. Purtroppo anche da adulta la situazione non è cambiata. Ho l’impressione che c’è qualcosa in me che genera antipatia e allontana gli altri. Eppure mi descriverei come una persona rispettosa, curiosa e ho davvero voglia di fare nuovi incontri e sopratutto di stringere amicizie solide.” Se ti sei riconosciuta in queste parole significa che anche tu ti chiedi perché provi questo sentimento di esclusione. Vediamo insieme da dove arriva per risolvere il problema.

Smart working: i miei amici, i miei colleghi, la bella vita!

Ci sono i legami d’amicizia che stringiamo con i nostri colleghi a lavoro, e poi ci sono i nostri amici. Quelli della vita, fuori dall’ambito lavorativo. Salvo che, con la crisi sanitaria, tutto ciò che è al di fuori della famiglia o del lavoro non esiste più. E se, per far fronte alla solitudine, provassimo lo smart working tra amici? È possibile?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!