Frustrazione, accettarla e superarla col tempo

Aggiornato il da Paola Ferraro

La frustrazione è un’emozione? Sì, ed è anche una delle più spiacevoli e potenti. Purtroppo conosciamo tutti la frustrazione sin dalla più tenera età, ma conviverci a lungo non significa necessariamente saperla controllare…tutto il contrario. Il punto è che la frustrazione è necessaria, ma diventa utile solo se impariamo a gestirla. 🙃

Frustrazione, accettarla e superarla col tempo

Che cosa si intende con il termine frustrazione?

Potremmo definire la frustrazione come la distanza tra ciò che vorremmo e quello che abbiamo realmente. Più la differenza è marcata, più la sensazione è spiacevole. La frustrazione è dunque l’emozione negativa che sentiamo quando non otteniamo ciò che vogliamo.

👉 Per essere precisi, la frustrazione è un’emozione secondaria perché è l’unione di rabbia e tristezza. In alcune persone notiamo una predominanza di una di queste due emozioni primarie. A seconda dell’esperienza e soprattutto dell’educazione, alcuni esprimeranno la frustrazione con la tristezza, altri con la rabbia.

Da cosa deriva la frustrazione?

Con un po’ di fortuna, abbiamo tutti un inizio abbastanza felice. Da bebè servito e riverito, la situazione precipita repentinamente qualche mese o anno più tardi, a seconda dei casi, quando ci vengono imposti i primi limiti.

Diventati adulti avremo tendenza a pensare che la nostra frustrazione è sempre generata da eventi o persone esterne, ma in realtà è spesso provocata dal nostro stesso comportamento e in particolare dalla nostra tendenza a paragonarci agli altri. E ovviamente ci paragoniamo a persone più belle, più ricche, più intelligenti. Ecco cosa aumenta il nostro sentimento di frustrazione e scatena la gelosia. Ma non è sempre colpa nostra, la frustrazione può venire anche dagli altri: un sentimento che non è ricambiato, un commento sgradevole, la mancanza di riconoscenza… le opzioni sono tante 🙄. In fin dei conti, si tratta solo di complessi inutili.

Ragazza davanti allo schermo di uno smartphone

Paragonarsi agli altri è il miglior modo di generare frustrazione o addirittura gelosia.

Perché la frustrazione è necessaria?

Ci apporta così tanto malessere che ci viene da chiederci se sia davvero necessaria. La risposta è sì. Ma non accettare la frustrazione non implica l’essere felice. Se si insegna ai bambini che non possono sempre avere quello che vogliono è perché è un dato di fatto: la vita non ci offre tutto quello che vogliamo. Non capirlo da adulti può metterci in situazioni regolarmente inconfortevoli. Il mondo non è progettato per adattarsi ai nostri bisogni. Quindi se si passa il tempo a soffrire della distanza che esiste tra ciò che vogliamo e quello che possiamo ottenere il malessere è permanente. 👉 La frustrazione è permanente. E di conseguenza anche la la rabbia e la tristezza…

📌 

La frustrazione serve per permetterci di andare incontro ai nostri desideri e saperli riconoscere. È anche un modo di imparare ad esprimere quello che vogliamo davvero, manifestarlo, chiederlo e a volte a ottenere delle soddisfazioni. Perché sì, la soddisfazione esiste e non ne sentiremo gli effetti se non conosciamo il desiderio, la mancanza e… la frustrazione!

Come gestire e superare la frustrazione?

La frustrazione è necessaria ma rimuginare sulle emozioni negative non è mai costruttivo. Ecco perché bisogna imparare a gestire la frustrazione per poterla accogliere meglio.

1) Prendere le distanze

Coloro che hanno già visto un bambino rotolarsi per terra piangendo per una caramella sanno di cosa parlo 😉. Con la frustrazione bisogna saper fare un passo indietro. Non viene spontaneo, sono d’accordo, ma quando senti la frustrazione affiorare, cerca di vedere la situazione nel suo insieme. Prendi le distanze dagli eventi e osserva gli aspetti negativi, che causano la frustrazione, e quelli positivi della situazione.

2)Sentire in profondità

È una tecnica che funziona bene con le emozioni forti come la collera, la tristezza o la gioia. Bisogna farsi lasciar prendere dall’emozione, viverla e lasciarsi andare 🙏. L’idea non è quella di esprimerla, quindi evitiamo le urla o altre forme di esplosione, ma cerchiamo più che altro di sentire in profondità.

Funziona un po’ così con tutto in realtà. Se ti dico di non pensare al rosso, penserai inevitabilmente al rosso. Con la frustrazione è uguale. Più cerchi di trattenerla, più la senti. Osservare, sentire e lasciar correre ti permetterà di non agire sotto l’effetto dell’emozioni ma anche di capire da dove viene questa frustrazione e quello che puoi fare per attenuarla. Devo esprimere meglio una domanda? Devo lavorare di più? Devo seguire un’altra strada? E così via…

3) Accettare o cambiare

Di fronte ad una situazione frustrante dobbiamo sempre prenderci il tempo di chiederci se si tratti di una situazione per la quale non possiamo fare niente. In questo caso, bisognerà accettare imparando proprio a lasciar correre. O se si tratta di una situazione che possiamo modificare, allora la frustrazione diventa il nostro allarme interno, quello che ci dice “svegliati, così non va, cambia comportamento (carriera, partner, Paese). Sta a noi poi fare i cambiamenti necessari o accettare la situazione così com’è 🙂.

Annegati nella frustrazione, il rischio è grande. Ecco perché è fondamentale di averla come alleata. La minima contrarietà non deve diventare frustrazione e questa deve servire da bussola verso le nostre più profonde aspirazioni.


Il consiglio della redazione: attenzione all’intolleranza alla frustrazione

La frustrazione è un classico, ma attenzione a gestirla al meglio perché l’intolleranza alla frustrazione porta con sé diverse conseguenze: stress, rabbia, depressione ecc. La frustrazione porta sempre con sé un messaggio. Bisogna interrogarsi per capire cosa succede dentro di noi. Perché mi sento frustrato/a? Da dove deriva questa frustrazione? Una tendenza al perfezionismo che vi spinge a voler avere tutto sotto controllo? Un’educazione senza limiti chiari che vi rende difficile confrontarvi con i limiti della vita? Esistono diverse ragioni possibili, ecco perché è importante realizzare questo lavoro su di sé in compagnia di uno psicologo.

🤗Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e adesso! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Fonte: psicologionline

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

E se prendere le distanze fosse il modo migliore per proteggersi?

Lo dico forte e chiaro: fare un passo indietro per proteggersi è un grande SI! Lo dico perché l'ho già fatto con persone che amavo, ma con le quali le cose non funzionavano. Non sto parlando necessariamente di relazioni tossiche, perché ci sono diverse situazioni in cui è una buona idea prendere le distanze. Quindi, perché può essere utile? Quando dovresti farlo? A volte le relazioni sono difficili da mettere in discussione. Ma per il nostro bene è fondamentale farlo. Lascia che ti spieghi.

Possiamo piangere al lavoro?

“Avresti potuto fare di meglio”, osserva la tua collega ad alta voce. Osservazione questa che diventa la goccia che fa traboccare il vaso: le lacrime agli occhi, un nodo in gola e ti appresti ad avere una crisi di pianto. Ma è possibile piangere al lavoro? Come gestire questo flusso di emozioni? La prossima volta, potrai seguire i nostri semplici consigli.

Naturismo: come imparare a sentirsi liberi senza imbarazzo

Non hai ancora prenotato le vacanze? Per riacquistare fiducia in te stessa non c’è soluzione migliore che il naturismo. Secondo diversi studi, la nudità è la migliore amica della fiducia in se stessi. Quindi è deciso: questa estate sarà senza veli!

Discorso di matrimonio: 7 idee per un discorso perfetto

Una delle tue più care amiche si sposa e tu sei la testimone? Bene, sarai al settimo cielo! Tranne per un piccolo dettaglio...ti tocca scrivere il discorso per testimoniare l’amore dei novelli sposi! Non farti prendere dal panico, è meno complicato di quello che sembra. Per darti un piccolo spunto, ecco 7 idee dalle quali puoi attingere per trovare il discorso perfetto!

Il cervello rettiliano è responsabile dei nostri comportamenti primari?

“Avrei voglia di qualcosa di dolce, di zucchero… il cervello rettiliano mi sta mandando un messaggio”. Chi non sarebbe rimasto a bocca aperta sentendo questa frase? Avevo già sentito parlare del cervello rettiliano, ma non ho mai approfondito. Il suo ruolo sarebbe quello di dettare comportamenti vitali: nutrirsi, bere, riprodursi… ma lo abbiamo davvero questo cervello rettiliano? Recenti ricerche in neuroscienza rimettono tutto in discussione.

La mia famiglia mi volta le spalle: come reagire? Cosa fare?

Se c’è un legame che pensiamo durerà per sempre, è sicuramente quello di sangue. Alcuni dicono che la famiglia è sacra. Sì, ma potrebbe essere anche teatro di litigi o violenza fino ad arrivare a volte alla rottura della famiglia…. I motivi possono essere tanti e causare danni di diverso tipo, quindi come fare quando si arriva al punto che la famiglia ci volta le spalle? Come reagire? Esiste un modo di riconciliarsi? Alla fine potrebbe essere una cosa positiva? Tante domande legittime da porsi.

Trasparenza nelle retribuzioni: perché gli stipendi sono così tabù?

Se c'è un mondo in cui i tabù abbondano, è quello del lavoro. Evita di sfogarti, evita le emozioni, evita di avvicinarti, evita il personale, ma soprattutto, soprattutto, l'opaco mistero che circonda gli stipendi! Il divieto è lì, mai dichiarato, mai stabilito, ma il suo profumo aleggia ovunque intorno all'argomento retribuzione. Ma perché parlare del proprio stipendio è così tabù?

5 buone ragioni per ascoltare le proprie emozioni sul lavoro

Le emozioni non sono un freno al successo. Al contrario, possono essere un incredibile punto di forza quando siamo capaci di riconoscerle, capirle e, più complicato, controllare le reazioni che ne derivano. L’intelligenza emotiva ha sempre più successo nelle aziende: coltivare le emozioni positive è un ottimo modo per migliorare la motivazione, l’impegno e quindi le performance.

Sono una persona troppo autoritaria: test, perché è importante cambiare

“Fai così, non andare lì, stasera mangiamo pizza…” Chi può dire di non essere stato un po’ autoritario, soprattutto nella vita di coppia? A volte mi rendo conto da sola che forse do un po’ troppi ordini, ma mai fino al punto di dirmi che sono troppo autoritaria. Il mio ragazzo e i miei amici non si lamentano di questa cosa (ho tanti altri difetti molto più marcati)! Non si può dire lo stesso per tutti però… ci sono tantissime persone molto autoritarie. Se l’argomento ti interessa, è arrivato il momento di interrogarsi sul tuo comportamento e sul “perché”.

Perché sono sempre insoddisfatto?

Al lavoro o nella vita privata, quello che faccio non va mai bene. Forse il mio più grande difetto è questo eccessivo perfezionismo... Eternamente insoddisfatto, ho sempre qualcosa da ridire, tanto per me quanto per gli altri. Esagero? Dovrei iniziare a preoccuparmi? Perché non sono mai soddisfatto?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!