Mi sento sola: 8 modi per colmare quel grande vuoto in me

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Viviamo gli uni accanto agli altri, senza vederci veramente. In coppia, in società, in senso generale, spesso ci si sente soli. E ancora di più in periodo Covid. Trasparenti, incompresi…questa solitudine è pesante e ci fa isolare ogni giorno un po' di più. Prima di finirla da sole con 10 gatti (anche se questi ultimi sanno essere di grande conforto!), ecco 8 trucchetti per colmare definitivamente questa sensazione di vuoto e non sentirci mai più messe da parte.

Mi sento sola: 8 modi per colmare quel grande vuoto in me
 
 Sommario


🎵 “La solitudine non è mica una follia, è indispensabile per star bene in compagnia”

Giorgio Gaber – La solitudine

Il Covid limita i nostri momenti di convivialità; per questo, sono sempre di più le persone che si sentono sole. Ma attenzione, sentirsi soli non significa per forza esserlo veramente. È possibile che tu ti senta intrappolata in una spirale di negatività che ti porta a pensare che gli altri non ne vogliano sapere di te, che non si interessino o che, più semplicemente, non ti apprezzino.

Dunque, per prima cosa è importante distinguere le differenti situazioni:

  • Ti senti sola; si tratta principalmente di una sensazione, un’emozione, una percezione
  • Non hai legami sociali, sei isolata a livello relazionale per diverse ragioni
  • Abiti da sola, rinchiusa nelle tue quattro mura

In primo luogo, è importante identificare la fonte della tua solitudine. Riconoscerla e definirla ti aiuterà ad affrontarla.

Mi sento sola: 8 modi per riempire questo vuoto

🎵 " “E quel parlare inutilmente delle nostre incomprensioni, per certi passeggeri malumori. Amata solitudine, Isola benedetta."
 Franco Battiato - Amata solitudine

1) Ricontrarsi

Riflettendoci su, ci si rende conto che questo vuoto lo si sente soprattutto internamente. Cercare di riempirlo uscendo a farsi un giro per negozi o partecipando a qualche evento che sembra poterci ridare una vita sociale equivale a mettere un cerotto su un’emorragia. È meglio ricucire la ferita: dunque, dimentichiamo tutte queste strategie superficiali e riconnettiamoci con la nostra identità più profonda. Alle volte, la paura della solitudine è legata alla paura di ritrovarsi soli con se stessi, con questa interiorità che spesso non si conosce poi così bene. Da questo deriva l’importanza di ritrovarsi faccia a faccia con il proprio “io” e tirare le somme.

2) Imparare ad amarsi

E se l’amore arrivasse in soccorso per colmare questo vuoto? Un amore forte e sincero…come quello che dovremmo avere per noi stesse prima di pensare a quello degli altri. Bisognerebbe imparare a conoscersi, prendere consapevolezza delle proprie qualità e dei propri gusti: questo è il modo migliore per ritrovare fiducia in se stesse, soddisfare le proprie voglie, e godere della solitudine se questa persiste.

3) E ad apprezzare la solitudine

Spesso la percepiamo come una prigione, quando invece è proprio grazie a lei che possiamo raggiungere la vera libertà. Molte persone si lamentano di non avere il tempo per fare ciò che vogliono, o di essere bloccate dalle persone che le circondano. Stando sole, possiamo dedicarci esclusivamente a noi stesse e ai nostri piaceri, in modo da trasformare la solitudine in un’alleata.

4) Risveglia la tua creatività

Leggere, cucinare, fare qualcosa di creativo… e chi più ne ha più ne metta! In questo mondo esiste ben più di un’attività che ci può andare a genio! Prendere del tempo per noi stesse e dedicarci alle nostre passioni ci terrà occupate. Trasformare questa sensazione negativa in produttività ci renderà molto fiere.

amici al bar

In effetti, è proprio grazie ad alcune attività che si possono incontrare persone nuove. Se questo non succede, sarà comunque un grande piacere tenersi occupate. Se le due cose coincidono, tanto meglio!

5) Provare gratitudine

Perché questa emozione ci permette di ringraziare la vita e di capire che quest’ultima può essere anche molto gratificante. Avere un diario della gratitudine e scrivere tutto ciò che ci va bene, ci aiuterà a comprendere che la felicità è già presente ed è semplicemente nascosta nei piccoli dettagli. Magari ti senti trasparente, e poi ti ricordi di quel momento in cui qualcuno ha notato il tuo nuovo taglio di capelli; è così, piano piano, il vuoto si colmerà.

Potrebbe interessarti - Pensare positivo: quando il positivo attira il positivo!

6) Non sentirsi in colpa e ascoltare i propri bisogni

Malgrado le apparenze, nessuno ha una vita perfetta. In alcun caso dobbiamo sentirci colpevoli di sentire questo vuoto. È normale e succede anche ai migliori! Un’emozione è sempre vera, bisogna accettarla e accoglierla. In realtà, inviando a noi stesse tali segnali, il nostro “io” cerca di mandarci un messaggio: c’è qualcosa nella nostra vita che non va bene. È dunque arrivato il momento di dedicarsi ad una profonda introspezione per definire la strategia futura verso il raggiungimento della felicità.

ragazza che medita

Delle voglie sepolte da lungo tempo dentro di noi vogliono risvegliarsi… Non è chiudendo gli occhi o facendo finta di niente che le placheremo.

7) Fare il punto delle proprie relazioni

Alla fine dei conti, perché ci sentiamo sole? Perché non conosciamo molte persone? Oppure questa sensazione è legata ad alcune amicizie perdute? O, più semplicemente, siamo circondate da persone e relazioni tossiche che ci fanno sentire incomprese? Dopo aver identificato la causa scatenante, potremmo riavvicinare alcune persone e allontanare delle altre.

La redazione ti consigli: Come destabilizzare un manipolatore narcisista?

8) Adottare un animale da compagnia

Perché queste piccole creaturine hanno tanto amore da dare. Accogliendo nella nostra vita un compagno fedele, il sentimento di solitudine se ne andrà, perché c’è qualcuno a casa che ti aspetta, anche se peloso e con una codina!


Il consiglio dello psicologo – Bisogna riallacciare con se stessi e con gli altri

La psicologa Laurie Hawkes ci spiega: “Poco importa che l’isolamento sia reale oppure no; è il modo in cui lo viviamo che genera o no la sofferenza.” La colpa dunque è della nostra cultura e dei nostri ideali di socialità. La nostra epoca pullula di mezzi che ci permettono di essere sempre in contatto con gli altri: il telefono, Internet, e anche gli spostamenti rapidi. Ma questi nuovi strumenti rinforzano anche la consapevolezza della solitudine: i momenti che passiamo da soli vengono svalorizzati e percepiti come una sofferenza.

Inizialmente, la soluzione consisterà dunque nel riallacciare con se stessi. Può darsi che non abbiamo veramente paura della solitudine, quanto di un’interiorità che non conosciamo. È da questo che deriva l’importanza di imparare a conoscersi meglio, interrogandosi sulle proprie paure, ideali, desideri e bisogni. In seguito, bisognerà darsi da fare nelle nostre relazioni. Sono molte le persone che si lamentano dei legami superficiali. Ci sentiremo molto meno sole cercando di coinvolgere gli altri e di essere partecipi. Dedicare tempo e mostrare interesse, creare dei ricordi… Si tratta di dare senso e valore ai rapporti umani.

Se necessario, possiamo apprendere ad apprezzare la solitudine anche grazie all’aiuto di un terapeuta.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe


Vedi anche: E se ci chiedessimo per davvero "come va?"

*Fonte: strategiedellamente.it

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!