Mi sento vuoto: come superare questo vuoto interiore?

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Perdere il gusto per la vita, non avere più voglia di niente, sentirsi vuoti… Io l’ho conosciuto ed è molto difficile ritrovare quei sentimenti che ti riempiono di gioia. Sentirsi vuoti è un po’ come perdere la connessione con la nostra anima, si perde il senso della vita. Perché siamo qui? Qual’è il nostro scopo? Il nostro ruolo? Vediamo insieme le caratteristiche di questo vuoto interiore per capire e individuare meglio questo sentimento di depressione. Esistono delle soluzioni per sentirsi meglio e riprendere il gusto della vita!

Mi sento vuoto: come superare questo vuoto interiore?
 
 Sommario

Che significa sentirsi vuoti?

La sensazione di vuoto è difficile da descrivere, è complesso da dire a parole. Non la viviamo tutti allo steso modo quindi, il sentirsi vuoti dipende dal’esperienza di ognuno. Tuttavia, ci sono delle emozioni comuni che si riscontrano nelle persone che hanno questo vuoto interiore: fatica, tristezza, impotenza, grande solitudine, insicurezza, in breve, ci si sente perduti.

➜  Queste sensazioni possono esprimersi in diverse maniere psicologiche come gli attacchi d’ansia generalizzati, l’angoscia, la depressione, la gelosia, la dipendenza affettiva; dipendenze di ogni tipo (droghe, alcool, ecc.), i disturbi alimentari come la bulimia, la difficoltà di affermarsi e di sentirsi a proprio agio.

😧 Sentirsi vuoti è l’espressione di uno stress profondo che si basa su delle esperienze che ci hanno segnato come uno shock emotivo. Ci si può sentire vuoti anche per altri motivi:  una mancanza d’affetto in uno specifico periodo della nostra vita (generalmente durante l’infanzia) che ci rende vulnerabili e fragili. Da questo si ha poi la sensazione di non essere amati, il vuoto interiore e i sentimenti ad esso collegati si posso instillare dentro di noi.

Sentirsi vuoti, significa essere depressi?

Sentirsi vuoti significa sentire una desolazione ovvero una mancanza totale di gioia d’animo, di speranza, di soddisfazione. Si possono avere questi sentimenti anche senza soffrire di depressione. La depressione non è altro che un sintomo del vuoto!

Sentirsi vuoti significa non essere interessati più a niente. È l’espressione di un dolore profondo come una sensazione di soffocamento a causa di un vuoto che sembra durare un eternità. Per questo le persone che ne soffrono cercano in tutti i modi di uscirne. Se siamo reduci di vizi, potremmo ricaderci: alcool, sigarette, dipendenza sessuale, disturbi alimentari ecc. Lo scopo è quello di scappare dal vuoto attraverso delle dipendenze.

Come distinguere la depressione e il sentirsi vuoti?

Come abbiamo già detto, bisogna distinguere la depressione dalla sensazione di vuoto.  I due sono legati intrinsecamente ma non sono esattamente la stessa cosa. Per capire meglio, ecco a voi sette segnali che fanno la differenza per quanto riguarda la depressione:

  • Ci si sente soli
  • La vita non ha nessun senso
  • Non proviamo nessun sentimento né piacere.
  • Si sviluppano comportamenti di dipendenza
  • Si prova una stanchezza emotiva
  • Ci si immerge nel lavoro
  • Ci si annoia troppo spesso

5 consigli per superare il senso di vuoto

Prima di tentare il tutto e per tutto, bisogna sapersi ascoltare e trovare i motivi per cui ci sentiamo così. Non è semplice da fare da soli ed è per questo che è importante farsi accompagnare da un professionista. Quest’ultimo potrà aiutarvi a migliorare la vostra salute mentale. Nel frattempo ecco a voi alcune piste da seguire per lottare contro questo senso di vuoto.

1) Allenare la mente

Bisogna creare una routine da seguire tutti i giorni per analizzarsi e trovare le soluzioni che ci faranno sentire meglio. Ad esempio delle piccole cose come non costringerci a portare dei pantaloni o decisioni più importanti come lasciare il lavoro. Interrogarsi è un ottimo allenamento mentale che ci aiuta a comprenderci meglio.

2) Cercare di compiacersi

La prima cosa da fare è quella di fregarsene dello sguardo degli altri e ignorare i loro consigli. “Devi fare questo”, “Credo che questo sia meglio per te”, ecc. Mettete tutto da parte! Viviamo per noi stessi e non per respingere le passioni e i desideri che ci fanno bene. Queste sono le tappe da seguire per sentirci compiaciuti! Noi sappiamo cosa è meglio per noi stessi. È per questo che bisognerebbe ascoltarsi di più.

3) Accettare le proprie emozioni

Diventando adulti, abbiamo imparato a nascondere emozioni come la rabbia e la tristezza. Tuttavia è importante lasciarle uscire per far sì che esse non prendano il sopravvento. Dunque  importante fare di tutto per esprimerle in vari modi: con lo sport, urlando da soli in un foresta; ballando fino allo sfinimento… Bisogna esprimere le proprie emozioni in maniera sana per far sì che non influenzino negativamente la nostra vita.

4) Riavere fiducia in se stessi

E sì, questo ha un forte legame con il vuoto che sentiamo dentro! Una poca stima di noi stessi può essere una delle cause del senso di vuoto. Infatti, è come avere un peso enorme che ci impedisce di proseguire e di realizzarci. Ed è per questo che è necessario costruirsi in maniera solida e di avere stima in se stessi per sentirsi meglio.

5) Circondarsi di belle persone

Bisogna avere un ambiente empatico e comprensivo attorno a noi. A volte, la famiglia non è di grande aiuto  e quindi è necessario trovare aiuto altrove. Se si hanno pochi amici o nessuno, si può chiedere aiuto a qualche community su internet  tramite forum e social network. Non esitate a parlarne, non bisogna isolarsi.


Il consiglio della redazione: non rimanete da soli

Il senso di vuoto interiore può essere passeggero o durare per più tempo a seconda della vostra situazione e delle vostre esperienze del passato. Se hai già da molto tempo questo sentimento, non esitare a rivolgerti ad un professionista per capire insieme le cause di questo sentimento e trovare una soluzione.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: ipsico.it

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!