Perché è così difficile parlare di sesso?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Siamo circondati dal sesso: pubblicità, riviste, film, letteratura erotica di successo... Tuttavia, parlarne equivarrebbe a spalancare la porta della camera da letto e sbandierare ai quattro venti la propria intimità, alimentando così le ardenti fiamme delle critiche. Come mai questo argomento, seppur ben presente nel nostro immaginario collettivo e ben visibile nella nostra società, si rivela così riprovevole o diventa addirittura un tabù quando dobbiamo parlarne con i nostri cari? Di seguito le spiegazioni.

Sommario : 

Cerchiamo insieme di identificare le origini dei nostri geni e di capire l'interesse di affrontare il sesso come si commenta una ricetta di cucina. Stuzzicante e piccante, il sesso è soprattutto un aspetto fondamentale della nostra vita, proprio come l’arte di sapersi nutrire, che è importante conoscere meglio per poter prosperare.

Ecco le tre paure che ci impediscono di parlare liberamente di sesso

La paura di essere diversi

Immaginiamo una pressione sociale che non esiste e ci lasciamo influenzare da essa. Diciamolo apertamente, non esiste un solo modo di fare sesso come non esiste un modo “corretto” e “convenzionale” di vivere la propria sessualità. Ci sono tanti modi di immaginare il sesso quante sono le persone che lo fanno. E se ci fosse solo una maniera, non esisterebbero nemmeno le fantasie. Che noia!

Non a caso, De gustibus è il concetto cardine e intrinseco presente nella natura di ognuno di noi. Quindi bisogna prendere coscienza di ciò che ci piace, e non giudicarci. Passata questa fase è più facile accettarsi e liberare la parola. Non c'è niente di male a farsi del bene! E chissà, potresti anche ispirare qualche tuo/a amico/a e viceversa.

La redazione ti consiglia: Poliamore: è possibile amare più persone contemporaneamente?

La paura di essere rifiutati

Parlare di sesso significa letteralmente e metaforicamente mettersi a nudo. A secondo del proprio senso di pudore, possiamo sentirci vulnerabili. A volte possiamo anche avere paura di fare del male all'altro. E questa paura di essere rifiutati ci impedisce di esprimere a pieno i nostri desideri... Infatti, è molto difficile avere una vita sessuale appagante... È quindi indispensabile aprirsi all'altro, ed esprimergli i tuoi desideri.

Non bruciare le tappe: inizia pian piano, confidando all’altro le tue aspettative meno osé. Ti renderai subito conto di quanto una reazione positiva da parte del tuo partner riuscirà a favorire il tuo rapporto di coppia, aumentando la fiducia reciproca e la complicità. Questo sarà anche il modo migliore per rimediare ad un’ipotetica situazione di stallo e di noia nella coppia ed aumentare così anche la propria libido.

Paura di passare per incompetenti...

… E quindi pensare che forse è meglio non affrontare l'argomento con il proprio compagno di avventure (in camera da letto) o al prossimo aperitivo tra amici/amiche. Come abbiamo detto prima però, non c'è un solo modo di fare sesso e quindi ci sono buone probabilità che tu non conosca le preferenze del tuo partner e che stia perdendo del tempo prezioso a fare il pesce in un barile per tanto, troppo tempo...

Il tuo partner apprezzerà di essere interrogato sui suoi desideri. Capirà che ti importa qualcosa del suo piacere, e magari sarai anche il/la primo/a ad averglielo chiesto. Insomma, come avrai capito, tocca a te cucinarlo/a un po'!

Nessuna ispirazione? Forse i tuoi amici/amiche ti aiuteranno ad essere più creativi/e! Passato il terzo bicchiere, decliniamo ogni responsabilità.

Come avrai visto, l'argomento in realtà non è poi così complesso, le regole del gioco si costruiscono in due, e possono arricchirsi nel corso del tempo. Per questo è essenziale comunicare apertamente, mettendo alla porta paure e tabù. Se pensi di non conoscere alcuni segreti e trucchetti del mestiere o di non possedere il linguaggio adeguato o le giuste conoscenze in materia in quanto desideri mettere in pratica questo nostro ultimo consiglio, contatta subito un/a sessuologo/a! Quest’ultimo/a potrà fornirti tutti i consigli e le informazioni necessarie del caso, che potranno tra l’altro essere molto utili anche ai tuoi amici/amiche.


Il consiglio della redazione : l'arte e le sue modalità d'uso

Sii franco/a, ma non sentirti in colpa. Scegli il momento giusto e le parole adeguate: parla semplicemente dei tuoi desideri piuttosto che criticarli e giudicarli a priori, ad esempio. Pensa anche alla comunicazione non verbale, alla sfida. Guidare il tuo partner può essere molto divertente. Parlare di sesso ti risulta molto difficile? Cercare la causa di questo blocco con l’aiuto di un/a terapista o di un/a sessuologo/a può essere la scelta migliore per migliorare la tua vita di coppia.



Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!