Perché è così difficile parlare di sesso?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Siamo circondati dal sesso: pubblicità, riviste, film, letteratura erotica di successo... Tuttavia, parlarne equivarrebbe a spalancare la porta della camera da letto e sbandierare ai quattro venti la propria intimità, alimentando così le ardenti fiamme delle critiche. Come mai questo argomento, seppur ben presente nel nostro immaginario collettivo e ben visibile nella nostra società, si rivela così riprovevole o diventa addirittura un tabù quando dobbiamo parlarne con i nostri cari? Di seguito le spiegazioni.

Sommario : 

Cerchiamo insieme di identificare le origini dei nostri geni e di capire l'interesse di affrontare il sesso come si commenta una ricetta di cucina. Stuzzicante e piccante, il sesso è soprattutto un aspetto fondamentale della nostra vita, proprio come l’arte di sapersi nutrire, che è importante conoscere meglio per poter prosperare.

Ecco le tre paure che ci impediscono di parlare liberamente di sesso

La paura di essere diversi

Immaginiamo una pressione sociale che non esiste e ci lasciamo influenzare da essa. Diciamolo apertamente, non esiste un solo modo di fare sesso come non esiste un modo “corretto” e “convenzionale” di vivere la propria sessualità. Ci sono tanti modi di immaginare il sesso quante sono le persone che lo fanno. E se ci fosse solo una maniera, non esisterebbero nemmeno le fantasie. Che noia!

Non a caso, De gustibus è il concetto cardine e intrinseco presente nella natura di ognuno di noi. Quindi bisogna prendere coscienza di ciò che ci piace, e non giudicarci. Passata questa fase è più facile accettarsi e liberare la parola. Non c'è niente di male a farsi del bene! E chissà, potresti anche ispirare qualche tuo/a amico/a e viceversa.

La redazione ti consiglia: Poliamore: è possibile amare più persone contemporaneamente?

La paura di essere rifiutati

Parlare di sesso significa letteralmente e metaforicamente mettersi a nudo. A secondo del proprio senso di pudore, possiamo sentirci vulnerabili. A volte possiamo anche avere paura di fare del male all'altro. E questa paura di essere rifiutati ci impedisce di esprimere a pieno i nostri desideri... Infatti, è molto difficile avere una vita sessuale appagante... È quindi indispensabile aprirsi all'altro, ed esprimergli i tuoi desideri.

Non bruciare le tappe: inizia pian piano, confidando all’altro le tue aspettative meno osé. Ti renderai subito conto di quanto una reazione positiva da parte del tuo partner riuscirà a favorire il tuo rapporto di coppia, aumentando la fiducia reciproca e la complicità. Questo sarà anche il modo migliore per rimediare ad un’ipotetica situazione di stallo e di noia nella coppia ed aumentare così anche la propria libido.

Paura di passare per incompetenti...

… E quindi pensare che forse è meglio non affrontare l'argomento con il proprio compagno di avventure (in camera da letto) o al prossimo aperitivo tra amici/amiche. Come abbiamo detto prima però, non c'è un solo modo di fare sesso e quindi ci sono buone probabilità che tu non conosca le preferenze del tuo partner e che stia perdendo del tempo prezioso a fare il pesce in un barile per tanto, troppo tempo...

Il tuo partner apprezzerà di essere interrogato sui suoi desideri. Capirà che ti importa qualcosa del suo piacere, e magari sarai anche il/la primo/a ad averglielo chiesto. Insomma, come avrai capito, tocca a te cucinarlo/a un po'!

Nessuna ispirazione? Forse i tuoi amici/amiche ti aiuteranno ad essere più creativi/e! Passato il terzo bicchiere, decliniamo ogni responsabilità.

Come avrai visto, l'argomento in realtà non è poi così complesso, le regole del gioco si costruiscono in due, e possono arricchirsi nel corso del tempo. Per questo è essenziale comunicare apertamente, mettendo alla porta paure e tabù. Se pensi di non conoscere alcuni segreti e trucchetti del mestiere o di non possedere il linguaggio adeguato o le giuste conoscenze in materia in quanto desideri mettere in pratica questo nostro ultimo consiglio, contatta subito un/a sessuologo/a! Quest’ultimo/a potrà fornirti tutti i consigli e le informazioni necessarie del caso, che potranno tra l’altro essere molto utili anche ai tuoi amici/amiche.


Il consiglio della redazione : l'arte e le sue modalità d'uso

Sii franco/a, ma non sentirti in colpa. Scegli il momento giusto e le parole adeguate: parla semplicemente dei tuoi desideri piuttosto che criticarli e giudicarli a priori, ad esempio. Pensa anche alla comunicazione non verbale, alla sfida. Guidare il tuo partner può essere molto divertente. Parlare di sesso ti risulta molto difficile? Cercare la causa di questo blocco con l’aiuto di un/a terapista o di un/a sessuologo/a può essere la scelta migliore per migliorare la tua vita di coppia.



Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

"Maschiaccio": non dire mai più una cosa del genere alle ragazze!

Da piccola giocavo molto con i Lego e con i videogiochi. Per me sono passioni come tutte le altre e a 33 anni gioco ancora ai videogiochi. Tuttavia, ciò che non è normale è che quando ero più giovane venivo descritta come un "maschiaccio". In realtà, ho sempre odiato questo termine e credo sia ora di smettere di usarlo. È sessista e attribuisce un'etichetta alle ragazze che non rientrano nei cliché del loro genere, quindi non pronunciarlo mai più!

Detesto i complimenti, perché mi mettono così a disagio?

“Hai un talento naturale per la fotografia, sei bravissima!”. Improvvisamente divento rossa come un peperone e non so più come comportarmi. I complimenti mi mettono terribilmente a disagio, ma so che dovrei viverli in tutt’altra maniera. La maggior parte delle persone infatti amano i complimenti! Io non riesco ad accettarli. Perché? Cosa mi mette così a disagio?

Sono una di quelle persone che non mettono il lavoro al centro della propria vita. D'altra parte, ho un'amica che lo fa, al punto che il suo corpo cede regolarmente. È chiaro che il suo lavoro è la sua ragion d'essere e dà il massimo. Forse un po' troppo. Ecco perché ho voluto scrivere questo articolo, per ricordarle di fare attenzione! Forse sarà utile anche a te, soprattutto se senti che la tua carriera sta occupando tutto lo spazio della tua vita.

Basta con la pressione per avere una vita sessuale folle, anche il missionario va bene!

"Haaa cosa non hai mai provato la posizione della carriola moldava?". No Ginetta, non ho mai provato questa posizione sessuale, ma il tuo sguardo stupito mi mette sotto pressione... Onestamente, a chi non è mai capitato durante una discussione tra amiche? A me è successo e anche se la carriola moldava non esiste, avevo il diritto di essere giudicata per altre pratiche sessuali che non pratico. Sembra che tu debba fare di tutto a letto per dimostrare di avere una vita sessuale pazzesca... Basta!

La mia famiglia è tossica: come riconoscerla? come fare?

Non riesco a credere di essere nata sotto una cattiva stella solo a causa della mia famiglia che, ammettiamolo, è lungi dall’essere perfetta. Quando mia madre non mi fa sentire in colpa, ci pensa mio padre a sminuirmi ed a paragonarmi alla sorella che non ho mai avuto. Per essere felice e sfuggire a questa relazione "tossica", ho dovuto prendere delle misure, poi le distanze. Ti racconto come ho imparato a stare alla larga dai miei genitori nocivi.

Il mio manager è tossico? 9 segni per scoprirlo!

Essere un bravo manager non è roba da tutti. Alcuni tirano un po' troppo la corda e vittimizzano i sottoposti senza scrupoli. Controllano le mail, sono incapaci di riconoscere il talento dei colleghi, e possono addirittura arrivare alle minacce, raggiungendo dei comportamenti malsani. Se hai dubbi sul tuo manager, ecco 9 indizi per capire se è tossico!

Mi sento sola: 8 modi per colmare quel grande vuoto in me

Viviamo gli uni accanto agli altri, senza vederci veramente. In coppia, in società, in senso generale, spesso ci si sente soli. E ancora di più in periodo Covid. Trasparenti, incompresi…questa solitudine è pesante e ci fa isolare ogni giorno un po' di più. Prima di finirla da sole con 10 gatti (anche se questi ultimi sanno essere di grande conforto!), ecco 8 trucchetti per colmare definitivamente questa sensazione di vuoto e non sentirci mai più messe da parte.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!