Cos’è l’angoscia da separazione e come placarla?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Fino ad un attimo fa mio figlio passava di braccia in braccia senza fare storie e sopportava di buon grado di restare solo in una stanza… ora, improvvisamente, appena mi allontano dalla sua vista scoppia in una valle di lacrime. Si chiama l’angoscia da separazione e indovinate un po’? È assolutamente normale… o almeno finché parliamo di angoscia e di bebè.

 
 Sommario

Angoscia o ansia da separazione: Qual è la differenza?

L’angoscia da separazione rappresenta una fase naturale dello sviluppo del bebè. Si manifesta di solito intorno all’ottavo mese, quando il bambino sviluppa la motricità e comincia a diventare autonomo. Nella prima fase di vita, l’essere umano è infatti l’unico mammifero che non riesce a spostarsi da solo e anche quando ce la fa, ha bisogno della protezione di qualcuno.

Ecco quindi spiegata l’angoscia da separazione. Solitamente si estende per una durata di 18 mesi, talvolta meno, ma difficilmente di più, altrimenti si parla di ansia da separazione. Quest’ansia si sviluppa soprattutto nei bambini tra i 6 e 7 anni, e a volte anche tra gli adolescenti. Questi ultimi sentono un forte senso di ansia quando devono allontanarsi dalle persone che amano (in particolare dai genitori) e dalla propria casa. Si parla quindi di ansia da separazione quando il bambino manifesta tre di questi otto sintomi:

  • profonda tristezza quando si allontana dalle persone alle quali è più legato,
  • paura eccessiva e persistente legata alla scomparsa di una o più figure di riferimento,
  • paura eccessiva e persistente di un evento che separi il bambino dalle sue principali figure di riferimento,
  • costante reticenza o addirittura rifiuto di andare a scuola a causa di questa paura della separazione,
  • reticenza eccessiva nel restare da solo a casa o ad andare da solo altrove,
  • rifiuto di andare a dormire senza avere accanto uno dei propri cari,
  • incubi ricorrenti sul tema della separazione,
  • lamentele continue in caso di separazione dai propri cari.

>>> Questo articolo potrebbe essere d’aiuto: Non voglio separarmi da mio figlio: come fare?

L’angoscia della separazione: l’attaccamento e il corpo

Se l’ansia da separazione è un disturbo che è bene curare (talvolta grazie a una terapia familiare o individuale), l’angoscia da separazione è una tappa obbligata nello sviluppo perché indica che il bambino cresce, scopre il mondo che lo circonda e soprattutto che ha creato un legame con i suoi genitori, perché con loro si sente in sicurezza. E poi c’è da considerare che il bambino passa da una simbiosi totale durante la gravidanza, a una simbiosi parziale con un genitore (solitamente la madre) per poi improvvisamente prendere coscienza del suo corpo e sperimentare per la prima volta la separazione psichica e le preoccupazioni che ne derivano!

Placare l’angoscia: cosa fare e cosa evitare?

Ormai è chiaro, si tratta di una fase importante dello sviluppo del bebè e nonostante sia spesso corta, potrebbe essere difficile da affrontare sia per i genitori che per i bambini. Ecco quindi qualche consiglio per uscirne indenni!

1) Il pupazzo

È giunto il momento di presentargli un bel pupazzetto! Il pupazzo, il ciuccio o qualsiasi altro oggetto diventano un sostituto del genitore. L’oggetto diventa il simbolo del legame anche in assenza dei genitori. È quindi il momento ideale per fare amicizia con Orsetto, Coniglietto e così via.

2) Stargli vicino

Stargli vicino quando lo si porta in un luogo a lui sconosciuto. Ha bisogno di tempo per abituarsi, stare vicino a lui lo rassicura e lo incoraggia.

3) Giocare a nascondino

Giocare a nascondino o a “cucù” per insegnare il concetto di “permanenza dell’oggetto”: anche se i genitori (o un oggetto) non sono più in vista, continuano ad esistere.

4) Non farne un dramma

Bisognerebbe rendere la separazione piacevole… e breve! Insomma, se il bambino piange, consolatelo, dategli un bacio, salutatelo e andate via. Non bisogna drammatizzare troppo la situazione.

Mamma con suo figlio

La redazione ti consiglia: Paura e ansia dell'abbandono: come superarla?

Cosa evitare:

1) Non affidatelo ad altre persone in questo periodo, rischiereste di aggravare o far durare più a lungo l’angoscia della separazione.

2) Non costringetelo a stare con gli altri e non fatelo arrabbiare se cerca di esprimere una preoccupazione.

3) Evitate di cambiare stanza senza avvisarlo. Comunicare con il bambino è fondamentale e anche se non capisce sempre tutto quello che gli dite, sa che gli state parlando. Ecco perché bisogna dirgli “Vado a prendere qualcosa in macchina e torno”, “Vado in bagno e torno” ecc. Inoltre, evitate di allontanarvi senza dire niente mentre gioca o dorme, finirà per cercarvi dappertutto e si sentirà abbandonato non vedendovi più.

A seconda dei bambini, l’angoscia può essere più o meno lunga e svela il carattere del bambino: resiliente o magari un po’ più esplosivo! Ma attenzione, se l’angoscia persiste dopo i 18 mesi, sarebbe meglio parlarne a uno specialista.

E gli adulti?

Anche gli adulti possono soffrire dell’angoscia da separazione. Si parla in questo caso di intolleranza alla solitudine o addirittura di crisi di panico a causa della solitudine e dell’abbandono. Queste persone hanno spesso una vita amorosa complicata perché si fidanzano soprattutto per non stare da sole, più che per amore. Purtroppo per loro, risulta quindi impossibile uscire da una relazione amorosa tossica o allontanarsi da un narcisista perverso.

In questi casi, la paura di stare da soli è più forte di qualsiasi altra cosa ed è spesso chi li circonda a rendersene conto. Bisognerà quindi aiutare la persona che soffre di angoscia da separazione proponendogli una terapia. È l’unico modo di curare una ferita che spesso risale all’infanzia e che impedisce di andare avanti nella vita!


Il consiglio della redazione: non abbiate vergogna di chiedere aiuto

Se pensate che l’angoscia da separazione sia troppo forte per vostro figlio o che qualcosa non va, non esitate a contattare uno psicologo per fare il punto della situazione.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Fonte: msdmanuals.com

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!