Cos’è l’angoscia da separazione e come placarla?

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Fino ad un attimo fa mio figlio passava di braccia in braccia senza fare storie e sopportava di buon grado di restare solo in una stanza… ora, improvvisamente, appena mi allontano dalla sua vista scoppia in una valle di lacrime. Si chiama l’angoscia da separazione e indovinate un po’? È assolutamente normale… o almeno finché parliamo di angoscia e di bebè.

Cos’è l’angoscia da separazione e come placarla?

 

Angoscia o ansia da separazione: Qual è la differenza?

L’angoscia da separazione rappresenta una fase naturale dello sviluppo del bebè. Si manifesta di solito intorno all’ottavo mese, quando il bambino sviluppa la motricità e comincia a diventare autonomo. Nella prima fase di vita, l’essere umano è infatti l’unico mammifero che non riesce a spostarsi da solo e anche quando ce la fa, ha bisogno della protezione di qualcuno.

Ecco quindi spiegata l’angoscia da separazione. Solitamente si estende per una durata di 18 mesi, talvolta meno, ma difficilmente di più, altrimenti si parla di ansia da separazione. Quest’ansia si sviluppa soprattutto nei bambini tra i 6 e 7 anni, e a volte anche tra gli adolescenti. Questi ultimi sentono un forte senso di ansia quando devono allontanarsi dalle persone che amano (in particolare dai genitori) e dalla propria casa. Si parla quindi di ansia da separazione quando il bambino manifesta tre di questi otto sintomi:

  • profonda tristezza quando si allontana dalle persone alle quali è più legato,
  • paura eccessiva e persistente legata alla scomparsa di una o più figure di riferimento,
  • paura eccessiva e persistente di un evento che separi il bambino dalle sue principali figure di riferimento,
  • costante reticenza o addirittura rifiuto di andare a scuola a causa di questa paura della separazione,
  • reticenza eccessiva nel restare da solo a casa o ad andare da solo altrove,
  • rifiuto di andare a dormire senza avere accanto uno dei propri cari,
  • incubi ricorrenti  sul tema della separazione,
  • lamentele continue in caso di separazione dai propri cari.

>>> Questo articolo potrebbe essere d’aiuto: Non voglio separarmi da mio figlio: come fare?

L’angoscia della separazione: l’attaccamento e il corpo

Se l’ansia da separazione è un disturbo che è bene curare (talvolta grazie a una terapia familiare o individuale), l’angoscia da separazione è una tappa obbligata nello sviluppo perché indica che il bambino cresce, scopre il mondo che lo circonda e soprattutto che ha creato un legame con i suoi genitori, perché con loro si sente in sicurezza. E poi c’è da considerare che il bambino passa da una simbiosi totale durante la gravidanza, a una simbiosi parziale con un genitore (solitamente la madre) per poi improvvisamente prendere coscienza del suo corpo e sperimentare per la prima volta la separazione psichica e le preoccupazioni che ne derivano!

Placare l’angoscia: cosa fare e cosa evitare?

Ormai è chiaro, si tratta di una fase importante dello sviluppo del bebè e nonostante sia spesso corta, potrebbe essere difficile da affrontare sia per i genitori che per i bambini. Ecco quindi qualche consiglio per uscirne indenni!

1) Il pupazzo

È giunto il momento di presentargli un bel pupazzetto! Il pupazzo, il ciuccio o qualsiasi altro oggetto diventano un sostituto del genitore. L’oggetto diventa il simbolo del legame anche in assenza dei genitori. È quindi il momento ideale per fare amicizia con Orsetto, Coniglietto e così via.

2) Stargli vicino

Stargli vicino quando lo si porta in un luogo a lui sconosciuto. Ha bisogno di tempo per abituarsi, stare vicino a lui lo rassicura e lo incoraggia.

3) Giocare a nascondino

Giocare a nascondino o a “cucù” per insegnare il concetto di “permanenza dell’oggetto”: anche se i genitori (o un oggetto) non sono più in vista, continuano ad esistere.

4) Non farne un dramma

Bisognerebbe rendere la separazione piacevole… e breve! Insomma, se il bambino piange, consolatelo, dategli un bacio, salutatelo e andate via. Non bisogna drammatizzare troppo la situazione.

Mamma con suo figlio

La redazione ti consiglia: Paura e ansia dell'abbandono: come superarla?

Cosa evitare:

1) Non affidatelo ad altre persone in questo periodo, rischiereste di aggravare o far durare più a lungo l’angoscia della separazione.

2) Non costringetelo a stare con gli altri e non fatelo arrabbiare se cerca di esprimere una preoccupazione.

3) Evitate di cambiare stanza senza avvisarlo. Comunicare con il bambino è fondamentale e anche se non capisce sempre tutto quello che gli dite, sa che gli state parlando. Ecco perché bisogna dirgli “Vado a prendere qualcosa in macchina e torno”, “Vado in bagno e torno” ecc. Inoltre, evitate di allontanarvi senza dire niente mentre gioca o dorme, finirà per cercarvi dappertutto e si sentirà abbandonato non vedendovi più.

A seconda dei bambini, l’angoscia può essere più o meno lunga e svela il carattere del bambino: resiliente o magari un po’ più esplosivo! Ma attenzione, se l’angoscia persiste dopo i 18 mesi, sarebbe meglio parlarne a uno specialista.

E gli adulti?

Anche gli adulti possono soffrire dell’angoscia da separazione. Si parla in questo caso di intolleranza alla solitudine o addirittura di crisi di panico a causa della solitudine e dell’abbandono. Queste persone hanno spesso una vita amorosa complicata perché si fidanzano soprattutto per non stare da sole, più che per amore. Purtroppo per loro, risulta quindi impossibile uscire da una relazione amorosa tossica o allontanarsi da un narcisista perverso.

In questi casi, la paura di stare da soli è più forte di qualsiasi altra cosa ed è spesso chi li circonda a rendersene conto. Bisognerà quindi aiutare la persona che soffre di angoscia da separazione proponendogli una terapia. È l’unico modo di curare una ferita che spesso risale all’infanzia e che impedisce di andare avanti nella vita!


Il consiglio della redazione: non abbiate vergogna di chiedere aiuto

Se pensate che l’angoscia da separazione sia troppo forte per vostro figlio o che qualcosa non va, non esitate a contattare uno psicologo per fare il punto della situazione.

 
🤗Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e adesso! 
#BornToBeMe


Fonte: msdmanuals

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Cos'è la sindrome di Puffetta al lavoro?

Ah, i Puffi! Tutti conoscono i fumetti di Peyo con i simpatici personaggi blu. Ma se ci pensi, c'è qualcosa di strano: il fatto che ci sia una sola Puffetta per un intero villaggio. Un autore l'ha notato più di 30 anni fa e l'ha usato per parlare della scarsa rappresentazione delle donne. Purtroppo il principio della puffetta può essere riscontrata in molti ambiti, compreso quello lavorativo. Ecco come funziona.

6 consigli per superare la propria timidezza

L'idea di parlare in pubblico, o di parlare con gli sconosciuti, mi mette fuori di me. Divento paonazzo, inizio a tremare, mi si forma un nodo nello stomaco. Odio essere timido, non riuscire a mostrarmi disinvolto, parlare lo stretto necessario e non trovare mai il momento giusto per intervenire. Ecco perché, lavorando su me stesso, ho trovato 6 semplici trucchi per superare e a volte nascondere la mia timidezza.

10 pensieri positivi da tenere a mente per una carica quotidiana

Vedere il bicchiere mezzo pieno, anziché mezzo vuoto, è un pensiero positivo perfetto! I pensieri positivi ci aiutano nella vita di tutti i giorni, dandoci una spinta e motivandoci a realizzare progetti che ci stanno a cuore da tempo. Quindi, per aiutarti nel tuo percorso di realizzazione, ecco 10 pensieri da tenere a mente per accompagnarti sempre e ovunque!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!