Come portare avanti una relazione virtuale e a distanza?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Hai ceduto alla tentazione e ti sei iscritta ad un sito di incontri. Hai fatto bene, perché adesso il tuo cuore palpita e i tuoi pensieri si focalizzano sull’oggetto del tuo desiderio. Vuoi preservare questa perla rara, ma se portare avanti una relazione a distanza non è facile, quando si parla di relazione virtuale le cose si fanno ancora più complicate. Lontano dagli occhi, lontano dal cuore? Non è così semplice.

Come portare avanti una relazione virtuale e a distanza?

Relazioni virtuali e a distanza, 4 consigli per farle funzionare

1) Poniti le giuste domande

Per adesso è tutto fuoco e fiamme! Passate la vostra giornata a inviarvi messaggini pieni di parole dolci, e l’idea di prendere le cose alla leggera non vi sfiora nemmeno! Ma una volta passata la fase “c’è del nuovo e c’è del bello”, che cosa rimarrà? Sei veramente sicura di voler continuare una relazione con una persona che vive lontana? Vuoi davvero fare dei progetti con lei? Una volta passata l’euforia della conoscenza sul web, vedi davvero un futuro insieme? È importante porsi queste domande, darsi una risposta sincera e parlarne insieme. In questo modo, eviterai le disillusioni e le perdite di tempo.

La redazione ti consiglia - Single ma in due: ecco perché funziona

2) Parlate tutti i giorni

La comunicazione e gli scambi quotidiani sono essenziali per tenere in vita la relazione, e questo vale anche per le relazioni virtuali. Devi essere presente nella vita dell’altra persona. Sii sempre pronta all’ascolto, non evitare gli argomenti scomodi, sii sempre sincera… insomma, comportati come se foste una coppia che vive insieme, con l’eccezione che la  vostra casa è “virtuale”, ma non inesistente! Nonostante ciò, fai attenzione: mantenere una comunicazione di coppia regolare non significa dover parlare continuamente durante tutta la giornata. Anche in questo caso, come in una relazione classica, i momenti per se stessi restano fondamentali. Inotre, la comunicazione positiva rimane uno strumento fondamentale per capirsi.

Potrebbe interessarti: 10 consigli per una relazione di successo

3) Non idealizzare

Su internet, al riparo dalla cruda realtà, è normale volersi mostrare come una persona migliore di quella che si è. La persona con la quale intrattieni questa relazione farà sicuramente lo stesso. Questo non è di certo un motivo per il quale scappare a gambe levate. Accetta che l’altro possa avere dei difetti, delle caratteristiche che, sicuramente, non ti andranno a genio. Non è un segreto: è più difficile accettare l’altro quando quest’ultimo è lontano, ma se non farai altro che concentrarti sui suoi lati positivi, arriverà senza dubbio il momento in cui proverai una forte delusione.

4) Cercate di vedervi il più spesso possibile

Per quanto possiate provare a portare avanti una relazione virtuale, non lasciatevi ingannare: una storia d’amore non può durare se non viene alimentata dagli incontri, dal contatto e dalle coccole. Inoltre, come sopportare la distanza, se non avete idea di quando vi vedrete? Quindi, mi raccomando, non appena hai l’occasione, mettiti al volante, sali sul treno o sull’aereo e corri a passare un weekend insieme alla tua metà.


Il parere della redazione: diffida dal sesso virtuale!

Avrai sicuramente sentito parlare della divulgazione illecita di video hard privati, o di revange porn. Se questa cosa dovesse succedere anche a te, probabilmente non finirebbe sui giornali ma di certo non passeresti un bel quarto d’ora. In una relazione, il sesso è fondamentale. Esistono diversi modi per tenere accesa la fiamma della passione in una relazione virtuale: sexting, sesso telefonico, nudes, o ancora sex cam. Lo schermo ci invita a mettere il pudore da parte, ci invita a lasciarci andare più facilmente… Non c’è niente di male, ma bisogna essere prudenti. Prima di inviare una foto di te o delle tue parti intime a qualcuno, devi essere sicura dell’altra persona. Se queste foto dovessero essere divulgate, ci potrebbero essere delle ripercussioni psicologiche molto gravi.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felice… Qui e ora! 
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Fonte: ohga.it

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!