Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Aggiornato il da Paola Ferraro

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Il potere della comunicazione positiva nella coppia
 
 Sommario

L’importanza della comunicazione positiva nella coppia

Oggi l’educazione positiva è privilegiata e fortemente raccomandata per i neogenitori. L’idea è che l’incoraggiamento, i complimenti, l’ascolto e i comportamenti positivi partecipino al benessere, alla felicità e all’aumento di fiducia in se stessi. Se funziona per i bambini, perché le cose dovrebbero essere diverse per gli adulti? 🤔

Se l’ambiente che ci circonda è positivo, avremo molte più possibilità di stare bene e continuare a vivere serenamente. E sì, la positività attira positività. Se al contrario tutto ciò che sentiamo è negativo, è molto probabile che ci sentiremo sprofondare dentro. Per esempio, a forza di dire a mio marito che non mi dà abbastanza attenzioni e non fa abbastanza sforzi, pensi davvero che finirà per farne? Forse qualcosina… e poi perderà poco a poco fiducia nella sua capacità di rendermi felice e smetterà di provarci. Non si guadagna niente nel sminuire continuamente il proprio partner.

Comunicare positivamente nella vita di tutti i giorni

Per far crescere o salvare la coppia, parlare positivamente al proprio partner è un’idea eccellente. Ma prima che diventi un automatismo, c’è un po’ di lavoro da fare.

1) Non dimenticarti di dire “ti amo”

Non si dovrebbe mai aspettare che sia troppo tardi per dire “ti amo” o “ti voglio bene” ai nostri cari, e ancora di più al partner. Pensi che lo sappia già e che gli basti? Non ne sarei così sicura, sentire un “ti amo” di tanto in tanto fa piacere, fa battere il cuore e rafforza i sentimenti. Se hai difficoltà a esprimere i tuoi sentimenti, fai uno sforzo ed esci dalla comfort zone, l’effetto sarà ancora più potente. A tutti fa piacere sapere quanto gli altri tengono a noi.

2) Goditi ogni momento

Dopo una separazione di diversi giorni o diverse ore, stringi, coccola e bacia il partner. Questi piccoli gesti rafforzano il sentimento di unione, a volte cancellano i problemi della giornata e grazie a loro, il partner si sentirà più amato e desiderato.

>>> La redazione ti consiglia: La comunicazione non violenta con il metodo OSDB

3) Ascolta con attenzione

Senza parlare di tutte quelle volte in cui si ascolta con un orecchio solo (lo facciamo tutti, no?) o peggio quando si fa di tutto per apparire attenti e coinvolti, dando consigli su consigli. Solo che a volte, quando il partner ci confida le sue preoccupazioni è solo per avere un orecchio attento e non una tonnellata di consigli più o meno buoni.

🙃 È vero, se ci penso, la maggior parte delle volte sappiamo già cosa dobbiamo fare, ma abbiamo semplicemente bisogno di lamentarci, di confidarci e ricevere sostegno e incoraggiamento. Insomma, ascolta sempre e dai consigli solo se ti viene esplicitamente chiesto. L’ascolto attivo è uno strumento importante della comunicazione nella coppia.

4) Incoraggia e sostieni

È buonissima questa pasta in bianco amore”. Ecco, non ci vuole tanto, ma è importante. Incoraggiare il partner è molto positivo e può avere un effetto liberatorio e potente, perché aumenta la fiducia in se stessi. Ovviamente è inutile mentire, ma fare complimenti tutti i giorni, mostrare ammirazione, non costa nulla e fa benissimo alla coppia.


Il consiglio della redazione - L’importanza di passare del tempo in due

In una coppia, la comunicazione è fondamentale, ma dovremmo aggiungere che la comunicazione faccia a faccia è ancora più importante. Oggi diversi litigi di coppia si risolvono tramite SMS, ma perché vivere insieme per parlare tramite messaggi? Discutere faccia a faccia cementa la coppia, così come trascorrere il più possibile del tempo insieme. Le aspettative dell’altro non devono restare ignote e dovete condividerle, sentirvi vicino l’uno all’altra. Solo a questa condizione la comunicazione positiva funzionerà! Se hai difficoltà nella coppia, se le liti ritmano la vostra vita quotidiana o se si ripetono sempre gli stessi schemi, non esitare a prendere appuntamento con uno psicologo. Capirai meglio anche ciò che succede dentro di te e riuscirai a creare nuove abitudini per una coppia felice.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Fonti: comunicazionepositiva.it/

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!