Single ma in due: ecco perché funziona

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Il 15% delle coppie non ha mai lontanamente pensato di vivere insieme. Non significa che non si amino attenzione, ma ognuno, nel proprio spazio vitale, mantiene viva la propria fiamma e la propria identità, senza mai sentirsi obbligato. Sono liberi. Liberi grazie all'altro. Se questi concetti ti dicono qualcosa, vuol dire che anche tu, come me, fai parte di questi nuovi single…ma in due. Il che non impedisce a nessuno di vivere una bella storia d’amore.

Single ma in due: ecco perché funziona
Sommario 

Citazione

"Nella mia coppia va tutto a gonfie vele. Il mio segreto? Sono single."


Perché essere single in due funziona

Per coloro che amano la libertà

“Quanto siete carini... Da quanto tempo state insieme? Vedrete, è sempre così all'inizio!”. In realtà sono ben due anni che siamo single in due. E funziona tutto piuttosto bene, aggiungerei. Avremmo forse trovato il segreto per mantenere viva la fiamma della nostra relazione, chi può dirlo!?

Allo stesso tempo, non sono mai stata il tipo di ragazza appiccicosa che ha bisogno di 10k messaggi al giorno. O quella che smette di vivere quando l'altro non c'è. Semmai il contrario. Mi piace e rispetto il mio spazio vitale, le mie piccole abitudini, i miei hobby così come la mia routine e la gestione dei miei spazi: mangio quello che voglio quando voglio, se mi piace appendo un orribile poster in camera mia, ecc. il tutto senza dover chiedere l'opinione e soprattutto il permesso a nessuno.

Ti assicuro che il mio cuore funziona molto bene, ma non batte mai più forte di quando si sente libero. Libero di partire e di tornare secondo le sue esigenze.

“Quando un fiore ci piace, lo raccogliamo per metterlo in un vaso. Quando lo amiamo invece, lo lasciamo libero di crescere e lo annaffiamo per renderlo ancora più bello.”


Un modello di coppia in evoluzione

Mentre ai tempi i matrimoni combinati erano la norma, oggi ognuno di noi è libero di vivere la sua relazione come vuole. I miei nonni, infatti, prima si sono conosciuti, poi si sono fidanzati e infine si sono sposati. Solo una vola uniti in matrimonio, sono andati ad abitare sotto lo stesso tetto ed hanno avuto due bellissimi figli. Prima era così e non si poteva fare altrimenti. Ma erano più felici? Non per forza, erano semplicemente altri tempi e si faceva così.

I tempi cambiano e la società attuale ci permette di creare e sperimentare nuove forme di relazioni, direi delle relazioni su misura. Oggi, si può scegliere di essere single, di avere un sex friend, o di vivere una relazione a distanza. Oggi, si può benissimo essere divisi da 200 km di distanza o avere 10 anni di differenza e amarsi di più di una coppia sposata canonica che condivide lo stesso spazio. Allora perché questo modello di single in due non dovrebbe funzionare?

I vantaggi della coppia e dell’essere single allo stesso tempo

Si tende a pensare che per avere una relazione bisogna fare dei sacrifici e giungere a un compromesso con l’altra persona. A pensare all'altro prima di pensare a sé stesso/a. Vorresti andare in vacanza con i tuoi amici ma pensi che significherebbe abbandonare il proprio partner? L'egoismo condannerebbe la tua relazione al fallimento... Chi la pensa così non è mai stato single in due.

Continuare a vivere liberi e indipendenti e farlo in due in completa armonia, è il modo migliore per far durare la relazione. Alla fin fine, godiamo solo dei vantaggi della coppia. Invece di aspettare dei segnali di vita dall’altro/a e litigare su chi deve svuotare la lavastoviglie ad esempio, approfittiamo soltanto dei momenti belli: ci incontriamo quando entrambi abbiamo finito il nostro trantran quotidiano, ci raccontiamo tutto e ridiamo insieme.

Come gestire il quotidiano?  Come mantenere accesa la fiamma della passione? Queste domande non si pongono perché scegliamo di incontrarci invece di vivere meccanicamente come due automi. Addio monotonia! Ci dimentichiamo anche della pressione, perché siamo molto più spontanei.  Spaventata dalla routine ma allo stesso tempo desiderosa di avere qualcuno su cui poter contare, credo che questo sia il mix perfetto. Insieme, liberi, senza che nessuno opprimi l’altro.


Il consiglio della redazione - Essere due persone distinte è un bene per la coppia

Il sessuologo Sylvain Mimoun, autore del libro francese L'égoïsme partagé : le secret des couples heureux (l’egoismo condiviso: il segreto delle coppie felici) afferma che “per sentirsi realizzato in una relazione e rendere felice il proprio partner, bisogna prima di tutto piacere à se stessi”. Nonostante le credenze, questo bisogno di indipendenza può essere soddisfatto senza pertanto mettere in pericolo la coppia. La condizione? La stessa visione delle cose.  Sylvain Mimoun ci avverte: “L'egoismo vale solo se condiviso”. Non si tratta quindi di un abbandono, ma di pensare a sé stessi sapendo che la propria felicità sarà contagiosa.

Si impongono così delle discussioni per trovare una risposta comune a quesiti come: “Di quale libertà ho realmente bisogno? A che punto l’altro/a può concedermela?” Dal momento in cui i termini del contratto sono chiari e accettati da entrambe le parti, si procede. Patti chiari e amicizia lunga, come si suol dire. In questo modo, non saremmo obbligati a vivere sotto lo stesso tetto o a sacrificare la propria personalità, la propria carriera o la propria vita sociale per vivere una bella storia d’amore!

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!