Single ma in due: ecco perché funziona

Aggiornato il da Giada Paoli

Il 15% delle coppie non ha mai lontanamente pensato di vivere insieme. Non significa che non si amino attenzione, ma ognuno, nel proprio spazio vitale, mantiene viva la propria fiamma e la propria identità, senza mai sentirsi obbligato. Sono liberi. Liberi grazie all'altro. Se questi concetti ti dicono qualcosa, vuol dire che anche tu, come me, fai parte di questi nuovi single…ma in due. Il che non impedisce a nessuno di vivere una bella storia d’amore.

Single ma in due: ecco perché funziona
Sommario 

Citazione

"Nella mia coppia va tutto a gonfie vele. Il mio segreto? Sono single."


Perché essere single in due funziona

Per coloro che amano la libertà

“Quanto siete carini... Da quanto tempo state insieme? Vedrete, è sempre così all'inizio!”. In realtà sono ben due anni che siamo single in due. E funziona tutto piuttosto bene, aggiungerei. Avremmo forse trovato il segreto per mantenere viva la fiamma della nostra relazione, chi può dirlo!?

Allo stesso tempo, non sono mai stata il tipo di ragazza appiccicosa che ha bisogno di 10k messaggi al giorno. O quella che smette di vivere quando l'altro non c'è. Semmai il contrario. Mi piace e rispetto il mio spazio vitale, le mie piccole abitudini, i miei hobby così come la mia routine e la gestione dei miei spazi: mangio quello che voglio quando voglio, se mi piace appendo un orribile poster in camera mia, ecc. il tutto senza dover chiedere l'opinione e soprattutto il permesso a nessuno.

Ti assicuro che il mio cuore funziona molto bene, ma non batte mai più forte di quando si sente libero. Libero di partire e di tornare secondo le sue esigenze.

“Quando un fiore ci piace, lo raccogliamo per metterlo in un vaso. Quando lo amiamo invece, lo lasciamo libero di crescere e lo annaffiamo per renderlo ancora più bello.”


Un modello di coppia in evoluzione

Mentre ai tempi i matrimoni combinati erano la norma, oggi ognuno di noi è libero di vivere la sua relazione come vuole. I miei nonni, infatti, prima si sono conosciuti, poi si sono fidanzati e infine si sono sposati. Solo una vola uniti in matrimonio, sono andati ad abitare sotto lo stesso tetto ed hanno avuto due bellissimi figli. Prima era così e non si poteva fare altrimenti. Ma erano più felici? Non per forza, erano semplicemente altri tempi e si faceva così.

I tempi cambiano e la società attuale ci permette di creare e sperimentare nuove forme di relazioni, direi delle relazioni su misura. Oggi, si può scegliere di essere single, di avere un sex friend, o di vivere una relazione libera. Oggi, si può benissimo essere divisi da 200 km di distanza o avere 10 anni di differenza e amarsi di più di una coppia sposata canonica che condivide lo stesso spazio. Allora perché questo modello di single in due non dovrebbe funzionare?

I vantaggi della coppia e dell’essere single allo stesso tempo

Si tende a pensare che per avere una relazione bisogna fare dei sacrifici e giungere a un compromesso con l’altra persona. A pensare all'altro prima di pensare a sé stesso/a. Vorresti andare in vacanza con i tuoi amici ma pensi che significherebbe abbandonare il proprio partner? L'egoismo condannerebbe la tua relazione al fallimento... Chi la pensa così non è mai stato single in due.

Continuare a vivere liberi e indipendenti e farlo in due in completa armonia, è il modo migliore per far durare la relazione. Alla fin fine, godiamo solo dei vantaggi della coppia. Invece di aspettare dei segnali di vita dall’altro/a e litigare su chi deve svuotare la lavastoviglie ad esempio, approfittiamo soltanto dei momenti belli: ci incontriamo quando entrambi abbiamo finito il nostro trantran quotidiano, ci raccontiamo tutto e ridiamo insieme.

Come gestire il quotidiano?  Come mantenere accesa la fiamma della passione? Queste domande non si pongono perché scegliamo di incontrarci invece di vivere meccanicamente come due automi. Addio monotonia! Ci dimentichiamo anche della pressione, perché siamo molto più spontanei.  Spaventata dalla routine ma allo stesso tempo desiderosa di avere qualcuno su cui poter contare, credo che questo sia il mix perfetto. Insieme, liberi, senza che nessuno opprimi l’altro.


Il consiglio della redazione: essere due persone distinte è un bene per la coppia

Il sessuologo Sylvain Mimoun, autore del libro francese L'égoïsme partagé : le secret des couples heureux (l’egoismo condiviso: il segreto delle coppie felici) afferma che “per sentirsi realizzato in una relazione e rendere felice il proprio partner, bisogna prima di tutto piacere à se stessi”. Nonostante le credenze, questo bisogno di indipendenza può essere soddisfatto senza pertanto mettere in pericolo la coppia. La condizione? La stessa visione delle cose.  Sylvain Mimoun ci avverte: “L'egoismo vale solo se condiviso”. Non si tratta quindi di un abbandono, ma di pensare a sé stessi sapendo che la propria felicità sarà contagiosa.

Si impongono così delle discussioni per trovare una risposta comune a quesiti come: “Di quale libertà ho realmente bisogno? A che punto l’altro/a può concedermela?” Dal momento in cui i termini del contratto sono chiari e accettati da entrambe le parti, si procede. Patti chiari e amicizia lunga, come si suol dire. In questo modo, non saremmo obbligati a vivere sotto lo stesso tetto o a sacrificare la propria personalità, la propria carriera o la propria vita sociale per vivere una bella storia d’amore!

 

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta un coach


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Cos'è la sindrome di Puffetta al lavoro?

Ah, i Puffi! Tutti conoscono i fumetti di Peyo con i simpatici personaggi blu. Ma se ci pensi, c'è qualcosa di strano: il fatto che ci sia una sola Puffetta per un intero villaggio. Un autore l'ha notato più di 30 anni fa e l'ha usato per parlare della scarsa rappresentazione delle donne. Purtroppo il principio della puffetta può essere riscontrata in molti ambiti, compreso quello lavorativo. Ecco come funziona.

6 consigli per superare la propria timidezza

L'idea di parlare in pubblico, o di parlare con gli sconosciuti, mi mette fuori di me. Divento paonazzo, inizio a tremare, mi si forma un nodo nello stomaco. Odio essere timido, non riuscire a mostrarmi disinvolto, parlare lo stretto necessario e non trovare mai il momento giusto per intervenire. Ecco perché, lavorando su me stesso, ho trovato 6 semplici trucchi per superare e a volte nascondere la mia timidezza.

10 pensieri positivi da tenere a mente per una carica quotidiana

Vedere il bicchiere mezzo pieno, anziché mezzo vuoto, è un pensiero positivo perfetto! I pensieri positivi ci aiutano nella vita di tutti i giorni, dandoci una spinta e motivandoci a realizzare progetti che ci stanno a cuore da tempo. Quindi, per aiutarti nel tuo percorso di realizzazione, ecco 10 pensieri da tenere a mente per accompagnarti sempre e ovunque!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!