Yoga e meditazione a servizio della depressione

Aggiornato il da Paola Ferraro

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Se gli antidepressivi sono efficaci, dopo un anno di trattamento, il 60% dei pazienti restano depressi. Ecco perché sono necessarie anche soluzioni alternative. Lo yoga e la meditazione ne fanno parte poiché aiutano a lottare ma anche a prevenire la depressione. Concentriamoci su queste tecniche alternative.

👉 Quali sono i sintomi della depressione? Ecco come riconoscerla

Lo yoga, un antidepressivo naturale

Si sa che lo sport fa bene al morale, ma combinare un’attività sportiva con la pratica dello yoga sarebbe ancora più efficace. Secondo uno studio americano (Psychological Medicine, maggio 2017), i sintomi di una sessantina di persone depresse si sarebbero abbassati appena 10 settimane di hatha-yoga (la forma più praticata in Occidente). I corsi di yoga includono posture, esercizi di respirazione, relax e meditazione. Dopo queste settimane di formazione, coloro che hanno praticato lo yoga hanno ritrovato una vita sociale più soddisfacente e si sentivano più in salute.

4 posture di yoga efficaci contro la depressione

Lo yoga è un’attività fisica dolce che favorisce il senso di benessere. Più che una semplice pratica fisica, ha un’influenza sullo stato mentale e spirituale, tramite l’unione che crea tra corpo e mente. Insegna ad armonizzare gli umori, i pensieri e il sistema corporeo per raggiungere un equilibrio. Permette anche di conoscersi meglio e di scoprire il proprio io più profondo.

Ecco alcune posture di yoga che vi permetteranno di regolare i livelli di serotonina e dopamina, aumentare il flusso sanguigno cerebrale e liberare le endorfine. Tutto ciò che contribuisce al miglioramento dell’umore in maniera naturale.

Il gatto

Mettiti a gattoni tenendo la schiena dritta. Contrai la pancia e curva la schiena ispirando lentamente. Poi espira, creando un cerchio con la schiena e abbassa la testa. Ripeti tra 5 e 10 volte.

© yoga net

La mezza pinza

Siediti con le gambe tese in avanti con la schiena ben dritta. Fletti un ginocchio e appoggia il piede sull’interno coscia. Il ginocchio dovrebbe essere dritto al suolo. Allunga la colonna vertebrale ispirando. Quando espiri, piegati verso la gamba sinistra, poi sposta le mani da ogni lato della gamba. Schiena e collo devono restare dritti. Ripeti l’esercizio da ogni lato.

© Notre famille

L’albero

Mettiti in piedi, con i piedi uniti e sposta il piede sinistro all’interno della coscia destra. Mantieni la postura su diversi respiri completi cambiando gamba.

© Terrafemina

La pinza

Mettiti in piedi con le braccia in aria e abbassa la testa quando espiri. Abbassa il busto fino a che le dita tocchino terra. Poi risali lentamente ispirando. Ripeti l’esercizio 5 volte.

© serelaxer.fr

Nota bene: le tecniche di respirazione dello yoga possono essere utilizzate durante la giornata per calmarsi durante i periodi di stress o di attacchi di panico.

Meditazione, un trattamento alternativo

La meditazione può anche essere praticata per prevenire la depressione e le sue ricadute, e in particolar modo la mindfullness. Quest’ultima invita a concentrarsi sulle sensazioni provate nel momento presente. Permette di fare un passo indietro, di relativizzare e di sfuggire a una vita rapida e multitasking.

La rivista medica The Lancet ha pubblicato uno studio in cui 424 adulti depressi sono stati scelti: 212 avevano interrotto il trattamento farmaceutico per cominciare una terapia cognitiva basata sulla meditazione di consapevolezza mindfullness (/it/crescita-personale/art-meditazione-consapevole) e 212 hanno continuato gli antidepressivi. Dopo due anni, i risultati hanno mostrato che il tasso di ricaduta era molto simile nei due gruppi (44% per il gruppo di terapia cognitiva contro 47% per il gruppo che prendeva gli antidepressivi). Anche se questi risultati non dimostrano che la terapia cognitiva basata sulla mindfullness funzioni meglio, si nota che non funziona di certo meno bene dell’altra e che potrebbe quindi rappresentare un’ottima alternativa all’assunzione di farmaci.

👉 3 esercizi di meditazione per addormentarsi velocemente - Non riesco a meditare, come fare?

Il consiglio della redazione: pratiche complementari che non bastano da sole

Anche se lo yoga e la meditazione sono pratiche naturali che aiutano a diminuire i sintomi della depressione o a evitare ricadute, è chiaro che non basteranno da sole per curare una profonda depressione. In questo caso, l’aiuto di uno psicologo o terapeuta è fondamentale, solo lui saprà darvi una giusta prescrizione.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felice… Qui e ora 
#BornToBeMe


Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

Dipendenza affettiva

Sicuramente hai già sentito parlare della dipendenza affettiva. Pensi di esserne affetta o che un tuo caro lo sia? Come distinguere l’amore e la dipendenza affettiva? Come uscirne? Scopriamolo insieme!

Come annunciare l’arrivo di un secondo figlio al primogenito?

L’avventura ricomincia! Ci siamo, avete deciso di ingrandire la famiglia, che bello! Non hai neanche il tempo di metabolizzare la notizia che subito insorgono diverse emozioni come la felicità, l’eccitazione, l’apprensione, il senso di colpa. Come reagirà il primogenito? È una domanda da porsi, perché spesso un semplice “arriverà un fratellino o una sorellina” non basta. Non è così facile, ma una cosa è certa: l’amore si moltiplica! Ora devi solo rendere chiaro il messaggio!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Perché ho costantemente bisogno di attenzioni?

Anche tu hai la spiacevole tendenza a fare di tutto un dramma affinché gli altri si prendano cura di te? Non smetti mai di pretendere la loro attenzione, a qualunque costo? Se la risposta è si, fai sicuramente parte di quelle persone che vivono per attirare l’attenzione degli altri. A lavoro, tra amici o sui social, devi sempre essere il centro dell’universo. E nonostante questo comportamento eccessivo spesso e volentieri non ti faccia star bene, è più forte di te! Ma da cosa deriva? Come porvi rimedio prima che sia troppo tardi?

Vorrei che i miei genitori fossero fieri di me, perché ho così tanto bisogno della loro approvazione?

Ho più di 30 anni ma provo sempre la stessa felicità nell’annunciare un mio successo a mio padre. So che mi rende felice farlo, soprattutto da quando la mamma ci ha lasciati. Però, allo stesso tempo, mi chiedo sempre: perché ho bisogno di sapere che mio padre è fiero di me? Perché, in generale, abbiamo bisogno dell’approvazione dei nostri genitori? Renderli felici è una cosa, ma è bene farsi delle domande se la loro approvazione occupa un posto troppo importante nella nostra vita.

Essere proattivi: cosa vuol dire? Come diventarlo?

A volte mi sembra di essere totalmente proattivo, altre volte molto meno. So che è un comportamento che può apportarmi molto, soprattutto in ambito professionale. Ma cosa significa esattamente essere proattivi? Perché è un bene esserlo dal punto di vista professionale? Scopriamolo insieme!

Sono una persona tossica? 10 modi per scoprirlo

In amore, in amicizia, sul lavoro, in famiglia… Credo che tutte prima o poi abbiamo avuto a che fare con una persona tossica. Ma a volte dovremmo porci a nostra volta la domanda: “sono una persona tossica?” o lo sono stata in qualche occasione con qualcuno? A volte capita di non rendersi conto del proprio comportamento! Ecco perché è importante fare un passo indietro in certe situazioni e farsi delle domande in modo tale da auto esaminarsi ed essere sempre la migliore versione di noi stessi. Solo per te un piccolo test per sapere se sei una persona tossica o no!

Positivià tossica: mi impongo di stare bene... e non va bene!

L’ottimismo è una bella cosa. “Andrà tutto bene”, “sii forte”, “tutto tornerà alla normalità”. Te lo sei detto e ridetto e te lo hanno ripetuto anche gli altri, ma se da un lato questa attitudine positiva è una cosa buona, dall’altro alle volte può diventare tossica. Quando ci impediamo ad ogni costo di stare male, la mente rischia di soffrirne profondamente.

Ho dei dubbi sulla mia relazione, è normale? Come reagire?

Succede spesso. La vita di coppia e l'amore non sono mai una passeggiata: succede, naturalmente, che alle volte sorgano dei dubbi. Non essere più sulla stessa lunghezza d'onda, avere l'impressione che l'erba sia più verde altrove, avere progetti diversi...Travolto dal peso dei dubbi, l'amore perde il suo splendore. È una situazione irrimediabile? No, l'importante è sapere come reagire.

La mia relazione non mi rende felice, come fare?

La magia dell’inizio di una relazione e le farfalle nello stomaco sono volate via. Stare insieme significa avere un partner per la vita, qualcuno che ti sta accanto, ma alle volte ci si sente infelici e incomprese. Quando la tua metà ti fa più piangere che ridere, è assolutamente legittimo mettere in dubbio la relazione stessa. Ma prima di lasciar perdere del tutto, sappi che esistono delle soluzioni. Non sono felice nella mia relazione, come fare? Vediamolo insieme.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!