Cos’è la distimia? Cause, diagnosi e cura

Aggiornato il da Amelia Lombardi

“Il tempo cura tutte le ferite”. Tanti di noi sicuramente condividono questo pensiero, in particolare coloro che hanno la sensazione di vivere in uno stato depressivo costante. Il nome esatto è “distimia”, e indica un disturbo cronico dell’umore. Non si tratta di una depressione severa, ma non è comunque piacevole da attraversare, visto che è capace di alterare la stima di noi stessi e il nostro comportamento generale. Scopriamo insieme questa malattia persistente.

Cos’è la distimia? Cause, diagnosi e cura
 
 Sommario

Distimia: una depressione leggera ma cronica e persistente

La distimia è stata a lungo presentata come una nevrosi, poiché intacca l’umore e si manifesta come uno stato depressivo cronico. Dagli studi emerge che tocca in media il 6% della popolazione e che noi donne siamo più colpite degli uomini. Se la depressione clinica è caratterizzata da una violenta caduta negli abissi, la distimia è caratterizzata da una sorta di depressione più leggera, ma che resta nel tempo. Si parla direttamente in termini di anni, solitamente minimo due, e si può arrivare a parlare perfino di decenni 😞... Nota anche come “depressione leggera”, la distimia si differenzia dalla depressione clinica perché non è caratterizzata da improvvisi e brutali cambiamenti d’umore.

👉 Quando la noia e la tristezza durano a lungo, abbiamo un altro metro di paragone per escludere la depressione.

Quali sono i sintomi della distimia?

La distimia si traduce con sintomi depressivi costanti, di conseguenza ci si sente depressi tutto il giorno, tutti i giorni. Se ci sono periodi di miglioramento dell’umore non si può parlare di distimia. A questo si aggiungono delle emozioni negative come il senso di colpa (ci si sente responsabili della malattia) e la sensazione di restare bloccati nel passato 😢. Anche la concentrazione cala notevolmente, cosa che influenza il livello di attività professionali o personali. Vivere tutto ciò non fa altro che abbassare l’autostima e generare il senso di disperazione.

👉 La conseguenza di questo umore è l’isolamento sociale. La distimia influenza il nostro comportamento con gli altri e non ci fa sopportare più niente. L’irritabilità e la collera possono condurre poco a poco a chiudersi in se stessi...

Inoltre, anche il corpo può soffrire di sintomi direttamente legati alla distimia. Mal di testa regolari possono diventare la routine di una persona che soffre di questo disturbo. Infatti, questa depressione cronica influenza particolarmente il sonno e questo genera una fatica costante 😴.

Quali sono le cause della distimia?

È difficile individuare la causa principale della distimia poiché ognuno di noi ha un percorso di vita differente. Un lavoro stancante, che conduce al burn-out, può essere una delle cause di questa depressione cronica. La stanchezza mentale ci impedisce di tirarci su e affrontare i problemi 😔.

Per altri, la distimia può essere legata a un disturbo della personalità già esistente come il disturbo borderline. Questo si verifica ancora di più se c’è una vulnerabilità genetica e se qualcuno vicino a noi soffre di una malattia psichica.

Chi diagnostica la distimia?

Anche se possiamo identificare le cause e i sintomi da soli, serve la diagnosi di uno psichiatra. Come per una malattia cronica, potrebbe volerci del tempo poiché il medico deve effettuare un’osservazione accurata di questa depressione duratura 🔍. L’osservazione deve essere portata avanti per almeno due anni per un adulto e un anno per un minore.

Come guarire dalla distimia?

Visto che la diagnosi è fatta da uno psichiatra, quest’ultimo può proporre l’assunzione di antidepressivi per regolare l’umore. Inoltre, è anche possibile prendere ansiolitici per agire sull’ansia relativa allo stato depressivo. In ogni caso, i farmaci non devono essere l’unica risposta alla distimia 💊. Un monitoraggio psicologico è fondamentale per superare definitivamente la distimia.

Cambiare punto di vista grazie alla TCC

Ovviamente è fondamentale fare un lavoro di psicoterapia per agire sui sintomi della depressione, nonché sull’abbassamento dell’autostima. La terapia cognitivo-comportamentale è la più adatta alla distimia poiché si tratta di un monitoraggio attivo e strutturato in cui lo psicologo guida il paziente. L’obbiettivo è cercare di cambiare il modo di pensare del paziente perché adotti un pensiero razionale e positivo che porti a dei comportamenti costruttivi 💪!

Anche se si ha l’impressione che non è possibile uscire da questo stato depressivo a causa del suo carattere persistente, ci sono soluzioni concrete per avanzare e potersi rialzare. Se pensi di soffrire di distimia, consulta un medico per uscirne al più presto.


Il consiglio della redazione: una cura adatta

L’avrai ormai capito, la distimia è una depressione che necessita un monitoraggio e una cura adatti. Se pensi di esserne vittima, non esitare a prendere appuntamento con uno psicologo. Insieme potrete mettere in atto una cura adatta al tuo caso. Fai attenzione, la depressione non sparisce da sola, hai bisogno di un sostegno.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: apc.it

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Come spartirsi al meglio il carico mentale domestico?

Prendere un appuntamento dal pediatra, fare la lista della spesa, comprare un regalo per il compleanno della suocera, ecc. Detto tra noi, sappiamo benissimo chi pensa a questo genere di cose. Su chi grava questo peso tanto invisibile quanto ingente? Su noi donne ovviamente, siamo noi che ci occupiamo e siamo ossessionate da tutto ciò che c’è da fare ogni santo giorno per la casa e la famiglia. Ma tutto ha un limite, è tempo di condividere!

La tecnica che ha cambiato la mia vita contro l’ansia? La regola del 333!

Voglio essere completamente onesta con te. L’ansia ha totalmente dominato la mia vita negli ultimi 5 anni ed è stata alla base di ormai innumerevoli attacchi di panico e picchi di stress elevatissimi. Come puoi immaginare, l’impatto sulla mia salute mentale è stato devastante e ha quasi cambiato la mia vita in peggio. Ovviamente non ne parlo solo per essere compatita, vorrei piuttosto dimenticare gli aspetti negativi di questa situazione e condividere le migliori dritte per superare questi momenti. Quindi… bando alle ciance, scopriamo insieme la regola del 3-3-3.

Perché parlare agli sconosciuti fa bene?

Se posso evito di parlare con gli altri, soprattutto al telefono. Prenoto su internet, compro online e temporeggio o delego tutto quello che necessita uno scambio di persona con qualcuno. Poi l’altro giorno, al parco, una signora è venuta a parlarmi ed è stato un momento piacevole che mi ha lasciato con il sorriso. Quando si ricomincia?

Quali sono i benefici di un animale domestico in ufficio?

Qualche tempo fa il mio ufficio era un open space. Ogni mattina uscivo di casa con la sensazione di abbandonare il mio gatto. Mi sarebbe piaciuto vederlo passeggiare tra le scrivanie durante la giornata, farsi coccolare e sfregarsi contro le mie gambe. Sarebbe un toccasana per l’umore di tutti…

10 consigli per imparare a prendersi cura di sé

Quando si tratta di prendersi cura di se stessi, si pensa subito al cliché del bagno caldo e dei cetrioli sugli occhi. In realtà, ci possono aiutare anche tanti altri piccoli gesti: farsi una tazza di tè, guardare la propria serie TV preferita, passare del tempo con chi ci fa stare bene... Diciamo però che alcune opzioni non sbagliano mai e ci fanno stare meglio a tutti i livelli, anche quello mentale! Ecco 10 consigli per coccolarsi!

6 cose da non fare assolutamente dopo lo sport

Chi non ha mai avuto dolori dopo un buon allenamento? Beh, quelli che l'hanno scampata sono fortunati, ma non è il mio caso. Il segreto sta nel conoscere le 6 cose da non fare assolutamente dopo un allenamento! Vediamole insieme.

Chi sono i genitori elicottero?

Hai perennemente paura per tuo figlio? Fai di tutto per lui, arrivando quasi a mettere da parte te stesso? Una partita di calcio a centinaia di kilometri di distanza? Cosa vuoi che sia ! Gli proibisci di correre per paura che cada e si faccia male? Se è così, non ci sono dubbi: sei un genitore elicottero. Ecco le caratteristiche del genitore iperprotettivo.

Alimentazione e felicità: gli alimenti antidepressivi

Un po’ di tristezza, un momento di stress e via di corsa verso il frigo! Ti capisco, quando tutto va a rotoli non c’è niente di meglio al mondo che mangiare. Ma al di là degli spuntini di conforto, il piacere di mangiare ha un enorme impatto sul nostro benessere. La ricetta della felicità può cambiare, ma il contenuto del piatto contribuisce davvero a ridarci il sorriso. Quindi, su cosa puntare per il ritrovare il buonumore?

10 consigli per riuscire a parlare in pubblico

Quando si tratta di parlare in pubblico, non riesci proprio a mantenere il sangue freddo, non riesci a mantenere la calma e di conseguenza diventa un incubo… Niente panico, perché grazie ai nostri 10 consigli riuscirai a parlare in pubblico senza difficoltà!

Sono nostalgico, come smettere di vivere nel passato?

Quando non riesco a dormire, quando mi annoio o i miei pensieri divagano, mi capita spesso di ritrovarmi a pensare alle vacanze in famiglia risalenti alla mia infanzia, a un weekend di ozio passato sul divano, al giorno del mio matrimonio. Una lacrima scende sul mio viso, mentre ripenso ai bei vecchi tempi… insomma, sono nostalgica, e devo darci un taglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!