Come reagire di fronte ad una persona bipolare? Aiutare e farsi aiutare

Aggiornato il da Paola Ferraro

Il disturbo bipolare è una malattia psichica cronica che intacca l’umore. Per poter aiutare qualcuno che soffre di questo disturbo, bisogna dunque comprendere questa malattia e determinare le fasi depressive e quelle maniacali per poter adottare il comportamento più adatto. Ma quando un nostro caro soffre di bipolarismo, bisogna trovargli un sostegno, per confrontarsi, condividere le proprie emozioni e non sentirsi solo di fronte a questa malattia permanente.

Come reagire di fronte ad una persona bipolare? Aiutare e farsi aiutare

Conoscere il bipolarismo per saperlo gestire

Se vivi con una persona bipolare, sicuramente sai bene che cos'è una malattia mentale che colpisce l’umore e che non è possibile controllare. Per la persona bipolare è impossibile gestire le proprie emozioni e avere controllo su di esse; bisogna dunque avere pazienza e soprattutto evitare di giudicarle. Aiutare un caro che soffre di questa malattia implica una grande responsabilità, che deve essere presa sul serio. È anche una bellissima dimostrazione d’amore, che necessita dunque un aiuto. Nonostante la bipolarità dell’altro, bisogna prima di tutto prendersi cura di se stessi.

Fase depressiva: fai attenzione

Durante la fase depressiva, la persona bipolare ha tutti i sintomi della depressione: tristezza, stanchezza imponente, perdita d’interesse, voglia di lasciarsi andare, etc. Quando inizi a notare questi sintomi, cerca di comunicare con la persona in questione, ascoltala, cerca di farla sorridere e incoraggiala a consultare uno psichiatra. Se la fase depressiva è già ad uno stadio avanzato, puoi prenderti il carico delle faccende domestiche quotidiane (fare la spesa, cucinare, contabilità, amministrazione, etc.) e fai attenzione ai pensieri suicidi. Sorveglia il tuo caro con discrezione, individua le intenzioni suicide e fai attenzione ai segni del passaggio all'atto imminente. Parlane con un medico o uno psichiatra se sei seriamente preoccupata.

Potrebbe interessarti: Come calmare e gestire gli attacchi di rabbia?

Fase manicale: pazienza e distanza

A differenza della fase depressiva, durante la fase maniacale la persona bipolare ha una grandissima energia, arrivando addirittura a fare a meno del sonno per qualche giorno. Sono soprattutto le persone che le stanno vicino a rendersi conto della fase in atto e che potranno avvertire il soggetto, che a sua volta si sente piuttosto bene e in forma. In questa fase, potrebbe essere difficile farlo ragionare; dunque, esprimi le tue sensazioni ma non reagire ai suoi attacchi. Bisogna essere passivi, premurosi e, se necessario, allontanarsi e prendere le distanze, ma sempre tenendolo d’occhio. Puoi essere tu a farlo, oppure un tuo caro che possa prendere il tuo posto per un po' di tempo. Se in questa fase maniacale la persona bipolare va troppo lontano, mette la sua salute in pericolo, è violenta o aggressiva con te, e minaccia di destabilizzare l’ordine pubblico, allora potrebbe ritenersi necessario un ricovero. In tal caso, contatta uno psichiatra.

Buono a sapersi: tra una fase e l’altra, la vita continua. Comportati normalmente e non attribuire ogni emozione forte alla malattia.

La redazione ti consiglia: Perché alcuni non riescono mai a vedere il lato positivo?


Il consiglio della redazione: non metterti da parte

Se sei vicino a una persona bipolare, è importante avere il sostegno delle persone che ti stanno attorno, ma anche un gruppo di parola, dei professionisti, un terapeuta. Il tuo benessere è ugualmente importante, ancor più dato che la malattia del tuo caro può essere fonte di stress o ansia, e può portare anche alla depressione. Cerca il più possibile di trovare del tempo per rilassarti, fare ciò che ami e, soprattutto, non avere mai vergogna di chiedere aiuto e non esitare a farlo se ne senti il bisogno.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felice… Qui e ora! 
#BornToBeMe



La redazione ti consiglia:

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

Come si vive con una persona ipersensibile? Ecco i nostri consigli!

Piangere davanti a una pubblicità? Fatto ✅. Essere disturbati da qualsiasi rumore? Certo ✅. Non sei in grado di gestire le tue emozioni negative? Certo ✅. Tutte le persone ipersensibili lo sperimentano quotidianamente. Almeno, io lo faccio. Esatto, faccio parte della squadra delle emozioni! Non è abbastanza facile per me, quindi quando sono in una relazione so che il mio partner è perso. Per questo ho scritto una piccola guida per aiutare le persone che vivono quotidianamente con una persona ipersensibile.

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Come punire in modo efficace i propri figli? Ecco alcuni consigli

Sono sempre tanto carini...quando dormono! Non c’è niente da fare, nemmeno le punizioni funzionano e tuo figlio continua a fare una marea di danni! La conseguenza? Non ti senti rispettata, alle volte quasi inutile. Tuttavia, c’è una buona notizia, ovvero che esistono delle soluzioni per ritrovare il tuo potere. Come punire un figlio in modo efficace? Vediamolo!

Perché mi sento sempre in colpa?

Il senso di colpa ti divora anche se non hai fatto niente di male? Perché finisci sempre per darti la colpa di tutto? Quali sono i motivi? C’è un modo per smettere e imparare a stare meglio. Ecco i nostri consigli!

Sindrome di Asperger: definizione, diagnosi e cura

Difficoltà a comunicare, la chiusura in una passione, rumori troppo aggressivi… Ti riconosci o pensi a qualcuno leggendo questa breve descrizione? Si tratta dei tratti caratteristici delle persone affette dalla sindrome di Asperger, una leggera forma di autismo. È importante capire a fondo questa sindrome per farsi accompagnare o accompagnare al meglio coloro che ne soffrono. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Cosa significa avere un carattere forte per una donna?

A quanto pare ho un carattere troppo forte. O almeno è quello che dicono le persone che si sentono aggredite quando do il mio parere o esprimo il mio scontento. Si direbbe quasi che preferiscano che finga pur di dar loro ragione…. Eppure, avere un carattere forte non è necessariamente qualcosa di negativo! Anzi, è positivo per la mia salute e per quella di chi ci circonda. Sì, ho un bel caratterino, e quindi?

Piangere davanti ai propri figli: segno di debolezza o lezione di vita?

Da bambino, tutto è un pretesto per versare una lacrimuccia. Gestire le emozioni è una cosa da adulti, soprattutto da genitori. O perlomeno, ci provano. Eppure, ho visto i miei piangere e non li biasimo affatto. Oltre a queste immagini strazianti, la loro «mancanza di pudore» mi è servita tanto nella vita. Grazie mamma, grazie papà: non sono un robot senza cuore! Per far sì che tutti i genitori smettano di farsi dei complessi e di sforzarsi per evitare di piangere, dirò la mia sulla questione. Non in qualità di esperta, ma come una bambina un po’ cresciuta che ha già visto crollare e scoppiare in lacrime i suoi genitori e che se lo ricorda ancora.

Perché mi innamoro sempre degli uomini che non mi amano?

Ogni volta la stessa storia, sei attratta da uomini che non si interessano a te, che non ti fanno stare bene, che sono totalmente inaccessibili? Ma perché ricadi sempre nello stesso schema drammatico? Nathalie Prussia-Collin, autorevole psicologa francese, ci spiega questo comportamento.

Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!