Paura di invecchiare: come imparare a gestirla?

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Si avvicina il mio compleanno ma, se prima lo aspettavo sempre con impazienza, ormai diventa solo un’ennesima fonte di ansia. Ogni anno scopro qualche capello bianco in più, qualche ruga, qualche dimenticanza e altri acciacchi simili che avevo già notato sulle persone più grandi di me. A quanto pare non sono l’unica ad avere paura di invecchiare quindi l’argomento di oggi è: come affrontare l’invecchiamento con serenità e non avere più paura?

Paura di invecchiare: come imparare a gestirla?

Gerascofobia: paura di invecchiare o paura di morire?

La paura di invecchiare è nota come gerascofobia, termine derivante dal greco antico gerôn, vecchio (che ritroviamo anche in “geriatria”, ad esempio) e fobia, paura (come in agorafobia, tripofobia ecc).

Credo che una certa immaturità spirito giovanile mi aveva risparmiato finora dalla paura di invecchiare. O forse anche perché prima dei 30 non mi sono davvero mai posta il problema! Poi d’un tratto arrivano i trenta, ho i primi capelli bianchi, mi ubriaco dopo appena 3 bicchieri di vino e mia suocera di 70 anni mi annuncia fiera che invecchiare fa schifo perché il corpo comincia a dare segni di cedimento 🦿. Effettivamente negli ultimi tempi mia suocera è caduta spesso, prende storte o si rompe qualcosa. Improvvisamente invecchiare è diventato sinonimo di assistere al disfacimento del proprio corpo aspettando la fatidica data ☠️. Uno scenario abbastanza avvilente e che ti fa capire perché sono così ansiosa 😰.

Nella maggior parte dei casi è infatti l’ansia la vera responsabile della nostra paura di invecchiare. Certo, c’è la paura della morte,  della fine, ma anche e soprattutto la paura di perdere il controllo, di perdere i propri cari, di perdere ciò che ci definisce. I gerascofobi sono per natura persone molto ansiose che fanno già fatica a vivere nel presente e si proiettano sempre nel futuro, immaginando spesso il peggio… ovviamente!

>>> Ecco un articolo che potrebbe aiutarti: Ansia anticipatoria, perché penso sempre al peggio? 

Rughe, declino, cliché ecc.

Sicuramente anche tu conosci la leggenda dell’elisir di giovinezza ⛲, che racconta che chiunque riesca a bere la sua acqua miracolosa sia guarito, ringiovanito e giovane per l’eternità. La leggenda ha origini molto antiche e se ne trovano tracce nella mitologia romana o addirittura nella Bibbia, a riprova che gli uomini hanno sempre cercato di raggiungere una sorta di immortalità, o almeno di sfuggire alla vecchiaia. Perché? Sicuramente perché, come diceva mia suocera, quando si invecchia tutto diventa più difficile. Il corpo che ci ha accompagnato per anni, tutto d’un tratto diventa un fardello. Aumenta il peso, il corpo si allarga, si indebolisce. Quando invecchiamo, invecchia anche il corpo e questo è un dato di fatto che potrebbe preoccupare e paralizzare. Ma bisogna ammettere anche che la vecchiaia è piena di cliché che ci ripetiamo fino alla nausea.

In realtà no, invecchiare non vuol dire sempre invecchiare in cattiva salute e facendo fatica a spostarsi. Così come non significa sempre invecchiare da soli e con una vita sociale e sessuale inesistente. Non vuol dire essere inattivo, infelice e intollerante. Nella nostra società, si tende a valorizzare la giovinezza e ad avere un’immagine molto negativa della vecchiaia, per non parlare degli scandali delle case di riposo ecc 😨. L’ageismo esiste, è molto presente e rinforza la paura di invecchiare.

I sintomi legati alla paura di invecchiare

Se la gerascofobia è molto sviluppata, può portare alla depressione   e/o pensieri suicidi.

Dai, la smetto di avere paura di invecchiare

Mia nonna è morta a 82 anni, aveva l’aria ancora giovane, era in buona salute e molto dinamica. Un giorno è caduta facendo una passeggiata. Ha semplicemente mancato uno scalino e ha passato 4 giorni in ospedale prima di morire. Questi esempi negativi rafforzano la gerascofobia, e lo stesso vale per coloro che hanno vissuto da vicino le difficoltà di una persona cara (perdite della memoria, dolori cronici persistenti, Alzheimer, Parkinson ecc.)

2 buone ragioni per non avere paura di invecchiare

Il problema delle fobie è che sono frutto di paure non giustificate. È normale avere un po’ di paura di invecchiare o di morire, ma visto che è inevitabile, anziché restare impotente, meglio agire e approfittare di ciò che c’è di positivo nell’invecchiamento.

1. L’invecchiamento è saggezza

Eh sì, è logico, più invecchiamo, più impariamo cose perché accumuliamo esperienza. C’è quindi quello che sappiamo, l’esperienza che acquisiamo sul mondo che ci circonda, e c’è quello che abbiamo capito: la famosa saggezza 🙌! Più si cresce e più ci sentiamo a nostro agio con l’ambiente circostante. Facciamo meno caso allo sguardo altrui, siamo più in pace con noi stessi, con i vostri valori e meno complessati. Invecchiare significa anche avere più fiducia in se stessi e quindi sentirsi capaci di fare più cose.

2. L’invecchiamento è accettazione

Accettare i segni dell’età… non è facile, né obbligatorio ma è importante capire che le persone che ci amano, ci ameranno anche con i segni dell’età. Ma significa anche accettare chi siamo davvero. Ricorda che la vecchiaia non è necessariamente sinonimo di noia e tristezza. A 15 anni portavo scarpe da tennis rosa e oro, oggi porto stivaletti con paillettes argentate. Amo tutto ciò che brilla, così come le caramelle, i libri per bambini o i parchi d'avventura.

Invecchiare: il mio nuovo obiettivo di vita!

Capita a tutti, in un momento di nostalgia, sentendo una vecchia canzone o incrociando una persona che non vedevamo da tempo di renderci conto all’improvviso di essere invecchiati, ma puoi anche guardare il lato positivo e ricordare con gioia i bei momenti, tirare fuori gli album fotografici e accettare con serenità chi siamo diventati. Penso sia necessario tenere a mente che invecchiare significa fare pace con se stessi e accettare di avere (sempre) la mente aperta.

Il consiglio della redazione: invecchiare è un privilegio

E se vedessi la possibilità di invecchiare come un privilegio piuttosto che come un brutto traguardo? Molti avrebbero voluto invecchiare ma non hanno avuto la stessa fortuna, quindi approfitta del privilegio di vedere lo scorrere del tempo.

🤗 Capirsi, accettarsi essere felice...Qui ed ora!
#BornToBeMe



Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Come si vive con una persona ipersensibile? Ecco i nostri consigli!

Piangere davanti a una pubblicità? Fatto ✅. Essere disturbati da qualsiasi rumore? Certo ✅. Non sei in grado di gestire le tue emozioni negative? Certo ✅. Tutte le persone ipersensibili lo sperimentano quotidianamente. Almeno, io lo faccio. Esatto, faccio parte della squadra delle emozioni! Non è abbastanza facile per me, quindi quando sono in una relazione so che il mio partner è perso. Per questo ho scritto una piccola guida per aiutare le persone che vivono quotidianamente con una persona ipersensibile.

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Come punire in modo efficace i propri figli? Ecco alcuni consigli

Sono sempre tanto carini...quando dormono! Non c’è niente da fare, nemmeno le punizioni funzionano e tuo figlio continua a fare una marea di danni! La conseguenza? Non ti senti rispettata, alle volte quasi inutile. Tuttavia, c’è una buona notizia, ovvero che esistono delle soluzioni per ritrovare il tuo potere. Come punire un figlio in modo efficace? Vediamolo!

Perché mi sento sempre in colpa?

Il senso di colpa ti divora anche se non hai fatto niente di male? Perché finisci sempre per darti la colpa di tutto? Quali sono i motivi? C’è un modo per smettere e imparare a stare meglio. Ecco i nostri consigli!

Sindrome di Asperger: definizione, diagnosi e cura

Difficoltà a comunicare, la chiusura in una passione, rumori troppo aggressivi… Ti riconosci o pensi a qualcuno leggendo questa breve descrizione? Si tratta dei tratti caratteristici delle persone affette dalla sindrome di Asperger, una leggera forma di autismo. È importante capire a fondo questa sindrome per farsi accompagnare o accompagnare al meglio coloro che ne soffrono. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Cosa significa avere un carattere forte per una donna?

A quanto pare ho un carattere troppo forte. O almeno è quello che dicono le persone che si sentono aggredite quando do il mio parere o esprimo il mio scontento. Si direbbe quasi che preferiscano che finga pur di dar loro ragione…. Eppure, avere un carattere forte non è necessariamente qualcosa di negativo! Anzi, è positivo per la mia salute e per quella di chi ci circonda. Sì, ho un bel caratterino, e quindi?

Piangere davanti ai propri figli: segno di debolezza o lezione di vita?

Da bambino, tutto è un pretesto per versare una lacrimuccia. Gestire le emozioni è una cosa da adulti, soprattutto da genitori. O perlomeno, ci provano. Eppure, ho visto i miei piangere e non li biasimo affatto. Oltre a queste immagini strazianti, la loro «mancanza di pudore» mi è servita tanto nella vita. Grazie mamma, grazie papà: non sono un robot senza cuore! Per far sì che tutti i genitori smettano di farsi dei complessi e di sforzarsi per evitare di piangere, dirò la mia sulla questione. Non in qualità di esperta, ma come una bambina un po’ cresciuta che ha già visto crollare e scoppiare in lacrime i suoi genitori e che se lo ricorda ancora.

Perché mi innamoro sempre degli uomini che non mi amano?

Ogni volta la stessa storia, sei attratta da uomini che non si interessano a te, che non ti fanno stare bene, che sono totalmente inaccessibili? Ma perché ricadi sempre nello stesso schema drammatico? Nathalie Prussia-Collin, autorevole psicologa francese, ci spiega questo comportamento.

Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!