Sono nostalgico, come smettere di vivere nel passato?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Quando non riesco a dormire, quando mi annoio o i miei pensieri divagano, mi capita spesso di ritrovarmi a pensare alle vacanze in famiglia risalenti alla mia infanzia, a un weekend di ozio passato sul divano, al giorno del mio matrimonio. Una lacrima scende sul mio viso, mentre ripenso ai bei vecchi tempi… insomma, sono nostalgica, e devo darci un taglio!

Sono nostalgico, come smettere di vivere nel passato?

Cosa provoca la nostalgia?

🤔 Un giorno durante una seduta dallo psicologo quest’ultimo mi ha detto che non vivevo il momento presente. O mi abbandonavo alle paure del futuro che immaginavo, o rimpiangevo un passato che avevo idealizzato. Il fatto che mi parlasse di “passato idealizzato” mi ha fatto capire che mi nutrivo costantemente di ricordi, spesso ingigantiti, e questo significava che ero nostalgica e che questa nostalgia mi impediva di vivere a pieno la realtà, di vivere nel momento presente. 

È molto difficile essere felici e godere di ciò che si ha ora quando si trascorre il tempo nel passato. Tuttavia, la nostalgia ha una ragione di esistere e non si aggira nella nostra mente solo per sadismo. È una sorta di segnale d'allarme che ci dice qualcosa sul nostro attuale stato d'animo ⚠️.

  • Possiamo provare nostalgia per qualcuno, un ex, un amico o una persona cara che è morta. Questa nostalgia nasce da un'assenza e da un bisogno di comunicazione con gli altri, di relazioni o di affetto.
  • Lo stesso vale spesso per la nostalgia di un luogo o di un paese particolare. In portoghese si chiama saudade.
  • La nostalgia per un determinato momento - una carriera passata, le vacanze, i tuoi vent'anni - è anche spesso un segno che la tua situazione attuale ti sta pesando.

Perché la nostalgia rende tristi?

La nostalgia non è semplicemente un ricordo accompagnato dalle sensazioni ad esso associate; è il rimpianto di un passato vissuto e spesso sublimato. Se è sublimata, è perché è in contraddizione con il presente che stiamo vivendo, che non ci soddisfa o addirittura minaccia il nostro equilibrio. Di fronte a un presente che mi fa disperare, preferisco immergermi in un passato che mi rassicura 💭.

Presente difficile ➡️ Passato sublimato ➡️ Nostalgia ➡️ Malinconia, tristezza, depressione, ecc.

Un buon esempio di nostalgia è la giovane madre che, di fronte alle nuove responsabilità, guarda con nostalgia alla sua vita precedente. Oppure la madre di un adolescente che sente la mancanza di un bambino meno conflittuale. Oppure la madre di un adolescente che sente la mancanza del suo bambino meno conflittuale. O ancora la persona infelice in amore che ripensa con nostalgia e malinconia al suo ultimo amore. Ogni volta, il ricordo viene amplificato per contrastare una delicata situazione attuale 🤩 .

La nostalgia ha qualche beneficio?

E se la nostalgia assumesse un sapore agrodolce? Te l'ho detto, la nostalgia è utile perché ci permette di mettere in discussione una situazione che stiamo vivendo e che chiaramente non soddisfa tutte le nostre esigenze. Quindi la nostalgia non è solo un processo ruminativo, un volo nel passato, ma può essere utilizzata per capire cosa ci opprime nel presente. Ci aiuta a fare un passo indietro rispetto a una situazione.

Tuttavia, gli studiosi di psicologia vanno oltre e considerano la nostalgia un sentimento con virtù positive. Fanno una distinzione tra la malinconia, che ci intrappola nel passato, e la nostalgia, che unisce i ricordi felici (il dolce 🍓) al rimpianto di non poterli più vivere (l'amaro 🍋 ). A differenza della malinconia, la nostalgia è furtiva e ha una serie di benefici:

  • Aumenta il senso di una vita significativa che porta alla conoscenza di sé ➡️ "Ho fatto tutto", "Mi sono scritto nel tempo", "Ho tracciato la mia rotta", ecc. ➡️ "Ora so chi sono e quali sono i miei valori".
  • Aumenta l'autostima ➡️ "Mi sono evoluto", "Sono cambiato", ecc.
  • Favorisce i legami sociali ➡️ in particolare nel contesto della nostalgia condivisa o guardando indietro a eventi comuni.

Quindi, a patto di non farsi prendere dalla malinconia e di scivolare con parsimonia nella nostalgia, questa può essere del tutto benefica. È un ponte tra il passato e il presente 🌉 che può anche permetterci di guardare al futuro con maggiore ottimismo.

Come smettere di vivere nel passato?

La nostalgia ci spinge verso l’immobilità e ci impedisce di andare avanti. Alle volte può portarci addirittura verso la depressione, se si inizia a rivivere tutti gli avvenimenti dolorosi, tristi o imbarazzanti del nostro passato.


Citazione

“La nostalgia è il desiderio di non si sa cosa”

Antoine de Saint-Exupéry


1) Essere sinceri con se stessi

Se ci si sta ponendo il problema, vuol dire che si è già fatto il primo grande passo,💪che consiste nell’essere oggettivi, nell’essere onesti con se stessi e nel comprendere che c’è un problema, che si sta vivendo nel passato. Se passi le tue serate a parlare dei tempi del liceo o dell’università, a guardare dei film degli anni della tua adolescenza o delle foto della tua infanzia, sei senza dubbio una persona nostalgica.😅

È divertente per un po', ma non chiuderti nel passato. Usa la tua esperienza e il tuo gusto per il passato come una risorsa per il presente, ma non negarlo, perché c'è e merita di essere vissuto!

2) Vivere il presente

👉 L’idea non è quella di dimenticare completamente il proprio passato, ma piuttosto di non lasciare che prenda il sopravvento. Il passato deve essere un’arma che ci rende più forti, non uno scudo che ci protegge dal presente. Accetta la persona che sei diventata e la vita che hai costruito. È anche in questo modo che riuscirai a costruire dei progetti per il futuro. Smettila di ammirare l’immagine di te che hai creato nella tua mente, risalente alla persona che eri in passato. Impara a conoscerti per la persona che sei oggi.

3) Fai qualcosa che ti renda fiero di te stesso

La nostalgia spesso e volentieri va di pari passo con la mancanza di autostimaPer far fronte a ciò, bisogna cercare di ritrovare la fiducia in se stessi dando risalto alle proprie capacità. Non cercare l’approvazione degli altri, ma semplicemente, fai qualcosa che sai di saper fare, qualcosa in cui sei capace e per la quale hai talento. Non importa se si tratta di una cosa che a parer tuo è poco importante. Se sai lavare i vetri delle finestre meglio di chiunque altro o se vinci sempre a pinella, fallo! Anche queste piccole cose sapranno darti un po’ di quella forza di cui hai bisogno.

Ti darà forza. Infine, la nostalgia può anche essere un modo per sfuggire a una società che sembra sempre più orientata al rendimento. Se non hai ambizioni, se non hai decine di progetti in corso o semplicemente un sogno da inseguire, non significa che devi rinchiuderti nel passato. Vivi il presente, come meglio credi, e prenditi il tempo per inventare un domani.


Il consiglio della redazione: non so più chi sono

Una volta che si inizia a scacciare quell’immagine idilliaca del nostro passato, si rischia di ritrovarsi inermi, svuotati, e di non riuscire più a definirsi e ritrovarsi. Esistono dei piccoli esercizi che possono aiutare, come per esempio chiedere ai propri cari di elencare 10 nostre qualità. In questo modo, potrai vedere l’immagine che i tuoi cari hanno di te e delineare la tua personalità libera dagli spettri del passato.


 

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e adesso!
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo


Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: transiti

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Come annunciare una brutta notizia al proprio capo?

Ci stai pensando da giorni, da settimane, ma non riesci a venirne a capo, non riesci a trovare un modo carino per dire che il progetto su cui stai lavorando avrà bisogno di più di due mesi di ritardo per essere completato. Ora non resta altro da fare che comunicarlo al tuo capo...

8 cose di cui mi infischio vivendo alla grande!

A volte mi capita di essere pigro/a e invece di mettermi le scarpe da ginnastica per andare a correre, rimango a casa al calduccio. Chi se ne frega se non ho un corpo perfetto? Lasciare la presa, non dare troppa importanza ai giudizi altrui e soprattutto essere se stessi, non c'è modo migliore per essere felici. Devo ammettere che, da quando non do più importanza al giudizio altrui, sto molto meglio. Ecco otto cose di cui ormai mi infischio altamente ma che hanno cambiato in meglio la mia vita. Provare per credere!

Perché l’horror ci affascina così tanto?

Serial killer, crimini sanguinosi e trame complicate di cui davvero non riusciamo a stancarci. L’horror e più in generale il terrore e la paura sembrano eccitare il nostro cervello tanto da darci la pelle d’oca. Anche se può metterci a disagio o farci stare male, molti di noi ne sono letteralmente ossessionati. Questo oscuro universo piace a tutti, anche ai più dolci e i più innocenti. Ma perché ha così tanta presa su di noi? Perché ciò che ci fa paura allo stesso tempo ci affascina? Scopriamolo insieme.

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!