Mia sorella è gelosa di me, come fare?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

“Sei tu la figlia preferita”. Questa frase mia sorella me l’ha ripetuta milioni di volte. La sua gelosia ha complicato le nostre vite per tantissimo tempo, anche se io desideravo soltanto che fossimo più unite. Lei mi ha buttato addosso il suo rancore per diverso tempo, al punto che la situazione era diventata ingestibile: non ne potevo più di sentire quel sentimento misto tra rabbia e senso di colpa. Mettere una pietra sopra tanti anni di gelosia non è stato facile, ma ce l’abbiamo fatta! Esistono però delle soluzioni per fare in modo di non arrivare fino a questo punto, evitando che la gelosia ci porti a rovinare tutto. Vediamole insieme!

Mia sorella è gelosa di me, come fare?
 
 Sommario

Sorelle rivali da sempre: una gelosia che risale all’infanzia

La psicoterapeuta Silvia Podani ci spiega che la gelosia nasce durante l’infanzia, con l’arrivo di un nuovo bimbo all’interno della famiglia. Fin da quando eravamo piccole, mia sorella ripeteva ai miei genitori frasi come “quand’è che la riportiamo in ospedale?”. Questa frase non è poi così innocente, perché rappresenta le angosce del bambino che ha paura di perdere le attenzioni e l’amore dei genitori. Sfortunatamente, la sua gelosia non ha fatto che aumentare e peggiorare, intaccando considerevolmente la mia vita quotidiana e causandomi grosse difficoltà nel trovare il mio spazio all’interno della famiglia. Ogni volta che prendevo un voto più alto o mi si comprava qualcosa di nuovo, a casa mia iniziava una tragedia! Credevo che con la crescita la gelosia sarebbe passata ma, pur diventando più gestibile, è rimasta sempre presente.

La redazione ti consiglia - 4 consigli per imparare ad amarsi: di' addio all'insicurezza!

Quali sono le cause di questa gelosia?

Siamo tutti d’accordo sul fatto che i genitori perfetti non esistono, e anche nel dire che hanno una forte influenza nel rapporto tra fratelli. Se uno dei due figli è più incoraggiato o aiutato, le conseguenze saranno devastanti per l’altro. Per quanto mi riguarda, non mi sembra affatto che i nostri genitori ci abbiano trattate in modo diverso. Ma la mancanza di autostima può portare anche verso la gelosia e il tutto si amplifica ancor di più con l’arrivo dell’adolescenza. Ecco perché la gelosia di mia sorella non ha fatto che aumentare con l’andare degli anni. La paura dell’abbandono può ugualmente portare alla gelosia, e anche questo è un timore che nasce negli anni dell’infanzia. Ci sono dunque diverse ragioni che possono far nascere questa gelosia tra fratelli: la vera sfida è capire come allentare le tensioni per ritrovare serenità nella relazione.

Potrebbe interessarti - Segreti di famiglia: svelarli o custodirli per sempre?

Come placare la gelosia tra fratelli o sorelle?

1) Cercare il dialogo

Non è sempre facile confrontarsi con qualcuno quando c’è del rancore. È necessario però fare il primo passo per cercare di costruire un dialogo e poter capire da cosa deriva questa gelosia. Dev'essere un momento lontano dai conflitti: per esempio, si potrebbe proporre una discussione sana a proposito della relazione per cercare di mettere tutto nero su bianco.

2) Trovare le parole per esprimere il dolore

Parlare di come ci sentiamo e delle nostre sofferenze è importante. È fondamentale spiegarle come e perché la gelosia ha un impatto negativo sulla tua vita e che vorresti che la vostra relazione fosse sana e profonda. Anche lei deve però avere la possibilità di esprimersi, perché se c’è della gelosia nella relazione, significa che c’è della sofferenza che va compresa e curata.

3) Stare all’ascolto l’una dell’altra

Difficile stare zitte e buone quando nostra sorella ci grida contro, soprattutto quando ci rinfaccia cose avvenute 10 anni prima o piccoli dettagli che a noi sembrano insignificanti. Tuttavia, bisogna essere all’ascolto l’una dell’altra per poter accogliere più apertamente il suo dolore e fare dei passi in avanti verso il dialogo.

4) Aprirsi al perdono

Personalmente, per molto tempo ho provato molta rabbia nei suoi confronti a causa di alcune cose che mi aveva detto o rinfacciato. Alla fine però ci si rende conto che non serve a niente tutto questo rancore. Dunque, per avanzare da questo punto di vista, è fondamentale riuscire a perdonare: più teniamo dentro il nostro rancore e più sarà difficile trovare l’armonia.

5) Fare delle attività insieme

Al di là del dialogo, bisogna cercare di creare un vero e proprio legame. Con mia sorella, abbiamo deciso di dedicare una giornata al mese solo ed esclusivamente a noi, per ritrovarci, fare un’attività che ci piace o mangiare qualcosa di diverso. Uscire dal contesto prettamente familiare è importante per stabilire una nuova base da cui ripartire e per non subire l’influenza dei discorsi o dei comportamenti degli altri membri della famiglia, come per esempio i genitori.

Vedi anche - Relazioni tossiche in famiglia: come starne alla larga?

Gelosia tra sorelle: trovare la soluzione grazie alla terapia

Sfortunatamente, non tutti hanno la possibilità di avere uno scambio armonioso con la propria sorella. Per mettere da parte i vecchi rancori prima di ricominciare da capo, si può sempre pensare di fare ricorso a un professionista specializzato nelle terapie familiari. Il terapeuta potrà comprendere le origini profonde della gelosia e consigliare come lavorarci su. Le possibilità sono varie e questo processo verso il cambiamento può richiedere del tempo.

Io e mia sorella abbiamo deciso di agire in questo modo, anche se la nostra relazione non era una vera e propria catastrofe. Dopo diversi mesi di terapia, ho iniziato a notare che la gelosia si trasformava in ammirazione e sostegno, e questo per me è stato un vero e proprio sollievo. La nostra relazione è migliorata considerevolmente da quando abbiamo buttato fuori tutto ciò che ci tenevamo dentro da anni. Che gioia avere finalmente il rapporto che ho sempre sognato, dopo tanti anni di litigi e gelosie!


Il consiglio della redazione - Cerca di metterti nei panni di tua sorella, com’è arrivata a questo punto?

Se tua sorella è gelosa e ha sempre pensato che tu fossi la preferita, probabilmente ci sarà una ragione. Se dice che i vostri genitori non vi hanno trattate allo stesso modo, sicuramente è così. O almeno, questa è la sua verità. I vostri genitori forse sono cambiati nel periodo che è trascorso tra la nascita dell’una e dell’altra? In ogni caso, dietro questa gelosia si nascondono dolore e rabbia, quindi cerca di ascoltarla e chiedile di parlarti apertamente del modo in cui si sente.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe


Fonte: milanopsicologo.it

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!