Possiamo piangere al lavoro? Come gestire le proprie emozioni?

Aggiornato il da Giada Paoli

“Avresti potuto fare di meglio”, osserva la tua collega ad alta voce. Osservazione questa che diventa la goccia che fa traboccare il vaso: le lacrime agli occhi, un nodo in gola e ti appresti ad avere una crisi di pianto. Ma è possibile piangere al lavoro? Come gestire questo flusso di emozioni? La prossima volta, potrai seguire i nostri semplici consigli.

Possiamo piangere al lavoro? Come gestire le proprie emozioni?
Sommario 

Sei al settimo cielo quando il tuo superiore ti fa un complimento ma allo stesso tempo sprofondi all’inferno per una piccola osservazione o una delusione professionale? È quello che normalmente accade al lavoro, dove le tue competenze sono sempre sotto esame ma dove passi anche la maggior parte del tuo tempo. Proprio per questo, gestire il flusso di emozioni che ti assale non è poi così tanto facile. Non ti mai successo di correre in bagno per piangere, al riparo da occhi indiscreti? Con un nodo in gola e lo stomaco chiuso? Conosci questo schema a memoria? Non vergognarti dei tuoi sentimenti e scopri invece come gestire le emozioni negative al lavoro con i nostri semplici consigli.

In ufficio, imparare a gestire le proprie emozioni sta diventando una vera necessità. Evitare di entrare in un circolo vizioso e di avere una reazione eccessivamente emotiva, anche quando la situazione è sotto controllo, sono quindi gli obiettivi principali a cui tendere. Non si tratta di reprimere le proprie emozioni, ma saperle dosare e domare al lavoro in base alle situazioni.

Si può piangere al lavoro?

Piangere è una reazione naturale e psicofisica a dei fattori esterni come lo stress e proprio per questo non è un segno di debolezza. Infatti, permette di dare sfogo ad alcune emozioni. Sappi inoltre che non sei l'unico/a ad avere delle crisi di pianto al lavoro e che, seppure ti lasciassi andare, la tua reputazione non ne risentirà. Piangere fa bene perché ti permetterebbe di esprimere i tuoi sentimenti sul posto di lavoro, piuttosto che tenerli repressi.

  1. Prenditi il tempo di identificare le tue emozioni: concediti il piacere di sentirle e di conoscere te stesso/a. Questo ti permetterà di tenerle a distanza e di minimizzarle.
  2. Impara a ben formulare il tuo bisogno: devi prenderti il tempo di capire appieno le tue emozioni per chiarire la situazione e per avere uno scambio costruttivo con i propri colleghi e, in particolare, con il proprio superiore.
  3. Trova sempre un terreno d’intesa: di fronte a un collega “tossico”, prova sempre a moderare la discussione, a fermare la raffica di emozioni che ti assale e a evitare di ritrovarti in situazioni che ti spingono a reagire.
  4. Rilassati: se senti le lacrime agli occhi, non aspettare e alzati subito per fare un giro e cambiare aria. Concedersi delle pause è molto importante perché permette di schiarirsi le idee e di lasciare i problemi in ufficio, almeno per qualche minuto.
  5. Preparati in anticipo: se ti conosci e sai, ad esempio, che le crisi di pianto ti assalgono sempre durante il colloquio settimanale con il tuo superiore, preparati al meglio a questo colloquio e impara a gestire le tue emozioni in anticipo, prima di entrare nella sala riunioni.
  6. Dai sfogo alle tue emozioni: per rimetterti in sesto e riacquisire il sorriso rapidamente, impara e pratica degli esercizi volti alla concentrazione. Lo sport, lo yoga della risata la sofrologia o la meditazione di consapevolezza sono delle attività ideali per respirare meglio ed eliminare le tensioni. Le emozioni si gestiscono!
  7. Tira le somme: chiediti sempre cosa ti manca per saper gestire le tue emozioni. Rifletti e fatti alcune domande come ad esempio “Qual è stata la causa della crisi di pianto?” oppure “Che cosa ho provato in quell’istante?”.

Se non sei riuscito/a a trattenere le lacrime, è meglio ammettere che sono esistite. Lì per lì, puoi anche scusarti. Se non l'hai fatto subito, al momento x, puoi anche farlo più tardi. È molto importante parlarne perché tranquillizza il tuo superiore. Parlare con te di un argomento così delicato non lo farà preoccupare in futuro.

Se sei un collega di lavoro o il superiore di una persona soggetta a piangere spesso, prova a metterti al suo posto e falla tranquillizzare quando è di fronte a della situazioni potenzialmente a rischio. Devi far prova di comprensione e di empatia.

Piangere al lavoro è un tabù?

Secondo un sondaggio pubblicato su It’s Always Personal: Navigating Emotion in the New Workplace da Anne Kreamer, il 41% delle donne ha già pianto al lavoro contro il 9% degli uomini. Le donne, d'altro canto, hanno più paura che le loro lacrime le screditino in ufficio.

I cambiamenti emotivi sono più o meno facili da gestire nel mondo del lavoro. Fortunatamente, dopo la pubblicazione del libro di una ex dipendente della Casa Bianca, Jennifer Palmieri, nel 2018, Dear Madam President: An Open Letter to the Woman Who Will Run the World, la parola si è liberata. 

stress sul lavoro

In effetti, molte testimonianze sono venute fuori sui social network portando lo slogan #Ivecriedatwork ed hanno permesso di abbattere il muro di questo tabù.

E le persone ipersensibili?

Una persona ipersensibile può essere più toccata da queste lacrime, che potrebbe anche causare un burn-out o una depressione. È importante diffidare di alcuni colleghi “tossici” che non aspettano altro che sfruttare le tue debolezze per costruirsi il proprio trampolino di lancio. In ogni caso, se avverti un certo malessere al lavoro, non aspettare e contatta subito uno psicologo diplomato.


Il consiglio della redazione – Circondati di persone comprensive

È importante non vergognarsi delle proprie emozioni e delle proprie lacrime. Ecco perché non dovete esitare a chiedere aiuto quando vi sentite sopraffatti. La gestione delle emozioni è una cosa da fare con uno psicologo. Quest'ultimo può anche aiutarti se ti senti infelice sul lavoro. È importante agire prima che si manifestino i sintomi depressivi. Non aspettare a prendere un appuntamento!

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: it.linkedin.com

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

10 citazioni per imparare ad approfittare del presente

Che vengano pubblicate sui social o stampate e appese in un angolo della casa, le citazioni e gli aforismi ci spingono a riflettere e hanno sempre un effetto positivo sul nostro umore. Queste frasi, brevi ma efficaci, ci aiutano a guardare la nostra vita da un punto di vista diverso e ridimensionare i nostri problemi. Approfitta del presente perché è la cosa migliore che potresti mai decidere di fare.

Come presentare il nuovo compagno ai propri figli?

Il fatto che ti sei separato/a non preclude minimamente la possibilità di rifarti una vita, ma i tuoi figli, come prenderanno la notizia? La paura che il tuo nuovo compagno non venga accettato è grande, ma noi siamo dalla tua parte!

Sneating, la nuova tendenza per avere una cena offerta

Non hai mai sentito parlare di sneating? Sei curioso di sapere in cosa consiste? È una tecnica per certi versi crudele, ma che ti permette di avere delle cene o dei pranzi in ristoranti gratis. Lo sneating consiste nell’accettare una cena o un pranzo, chattando con uno sconosciuto, con la scusa di volerlo conoscere.

Segreti di famiglia: svelarli o custodirli per sempre?

La verità fa male... ma il silenzio fa ancora più male. Nessuna famiglia è perfetta, e ogni famiglia ha i suoi segreti. Più si cercano di nasconderli, più sembrano grandi. È difficile proiettarsi nel futuro quando i fantasmi del passato ci perseguitano. Quindi, è giusto liberarsi di questo peso e rivelare i nostri segreti di famiglia?

Flirtare significa tradire?

Nella lunga lista delle preoccupazioni di una coppia, un posto importante è occupato dal tema della fedeltà e del tradimento. Flirtare significa tradire? Guardare con insistenza Paolo, all’uscita di scuola dei bambini è infedeltà? La risposta è: dipende!

Come superare le convinzioni limitanti e vivere sereni

“Non ci riuscirò mai”, “Non ho alcun talento”… BASTA! Cosa fanno questi pensieri nella mia testa? Chi ce li ha messi? Se si sono fatti spazio quando ero bambino, è tempo di liberarmene per stare bene e ritrovare un po’ di fiducia in me stessa. Queste frasi assassine non distruggeranno il mio potenziale o la mia felicità, ho intenzione di fare del mio meglio per sterminarle! Ecco 6 consigli per identificarle.

Disturbo narcisistico: cosa vuol dire e quali sono i sintomi?

Carismatici e sicuri di sé, i narcisisti sembrano capaci di fare tutto e invulnerabili, persone alle quali non può succedere nulla di male. Ma dietro questa apparenza si nasconde spesso una grande debolezza e la paura del fallimento: i primi sintomi del disturbo narcisistico. Come riconoscere una persona narcisista? E da cosa deriva questo disturbo? Ecco tutto ciò che c’è da sapere per gestire un disturbo narcisista.

Sono troppo pudica: perché è un problema?

In realtà sono una che parla di tutto: sentimenti, cose personali e nudità! Per me il pudore è una barriera inutile. Una mia amica però la pensa diversamente, dopo ben 10 anni di amicizia non riesce a spogliarsi davanti a me nemmeno in palestra. Mette sempre dei limiti. È una questione di rispetto? Forse. Pudore estremo? Sicuramente. Per lei esiste un solo credo: per vivere bene è meglio stare nascosti. Ma siamo davvero sicuri che si viva meglio?

10 idee per un tatuaggio piccolo che ti farà stare bene

Il mio primo tatuaggio è stato molto discreto: si tratta di due piccole linee sopra il gomito sinistro. Attenzione: piccolo non significa insignificante, anzi! Un tatuaggio può essere una vera e propria terapia, un modo per connettersi con se stessi grazie al significato che assume per noi per ciò che ci rappresenta. È per queste due ragioni che mi sono fatta un tatuaggio, avevo bisogno di “fissare” una mia realtà e questo mi ha fatto sentire meglio. Per altri, è anche un modo per amare di più il proprio corpo! Nonostante tutti questi aspetti positivi, quando si tratta della prima volta è bene iniziare con un tatuaggio piccolo, per abituarsi . Dunque, ecco alcune idee di tatuaggi piccoli ma che possono portare molto benessere sia a livello fisico che mentale!

Malessere al lavoro: le 5 cause principali

Il lavoro è una priorità per la maggior parte di noi, tanto che a volte siamo pronti ad accettare qualsiasi cosa. Ci aggrappiamo a un lavoro per paura di perderlo, siamo disposti a subire mille torti piuttosto che restare disoccupati. Sia nelle piccole che nelle grandi aziende, la vita in ufficio può essere difficile per alcuni dipendenti e può addirittura essere all'origine di una vera e propria depressione. Ma quali sono i campanelli d’allarme per prevenire questo malessere?

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!