Possiamo piangere al lavoro? Come gestire le proprie emozioni?

Aggiornato il da Giada Paoli

“Avresti potuto fare di meglio”, osserva la tua collega ad alta voce. Osservazione questa che diventa la goccia che fa traboccare il vaso: le lacrime agli occhi, un nodo in gola e ti appresti ad avere una crisi di pianto. Ma è possibile piangere al lavoro? Come gestire questo flusso di emozioni? La prossima volta, potrai seguire i nostri semplici consigli.

Possiamo piangere al lavoro? Come gestire le proprie emozioni?

Sei al settimo cielo quando il tuo superiore ti fa un complimento ma allo stesso tempo sprofondi all’inferno per una piccola osservazione o una delusione professionale? È quello che normalmente accade al lavoro, dove le tue competenze sono sempre sotto esame ma dove passi anche la maggior parte del tuo tempo. Proprio per questo, gestire il flusso di emozioni che ti assale non è poi così tanto facile. Non ti mai successo di correre in bagno per piangere, al riparo da occhi indiscreti? Con un nodo in gola e lo stomaco chiuso? Conosci questo schema a memoria? Non vergognarti dei tuoi sentimenti e scopri invece come gestire le emozioni negative al lavoro con i nostri semplici consigli.

In ufficio, imparare a gestire le proprie emozioni sta diventando una vera necessità. Evitare di entrare in un circolo vizioso e di avere una reazione eccessivamente emotiva, anche quando la situazione è sotto controllo, sono quindi gli obiettivi principali a cui tendere. Non si tratta di reprimere le proprie emozioni, ma saperle dosare e domare al lavoro in base alle situazioni.

Si può piangere al lavoro?

Piangere è una reazione naturale e psicofisica a dei fattori esterni come lo stress e proprio per questo non è un segno di debolezza. Infatti, permette di dare sfogo ad alcune emozioni. Sappi inoltre che non sei l'unico/a ad avere delle crisi di pianto al lavoro e che, seppure ti lasciassi andare, la tua reputazione non ne risentirà. Piangere fa bene perché ti permetterebbe di esprimere i tuoi sentimenti sul posto di lavoro, piuttosto che tenerli repressi.

  • Prenditi il tempo di identificare le tue emozioni: concediti il piacere di sentirle e di conoscere te stesso/a. Questo ti permette di tenerle a distanza e di minimizzarle Impara a ben formulare il tuo bisogno: devi prenderti il tempo di capire appieno le tue emozioni per chiarire la situazione e per avere uno scambio costruttivo con i propri colleghi e, in particolare, con il proprio superiore. 
  • Trova sempre un terreno d'intesa: di fronte a un collega tossico,prova sempre a moderare la discussione, a fermare la raffica di emozioni che ti assale e a evitare di ritrovarti in situazioni che ti spingono a reagire. 
  • Rilassati: se senti le lacrime agli occhi, non aspettare e alzati subito per fare un giro e cambiare aria. Concedersi delle pause è molto importante perché permette di schiarirsi le idee e di lasciare i problemi in ufficio, almeno per qualche minuto. 
  • Preparati in anticipo: se ti conosci e sai, ad esempio, che le crisi di pianto ti assalgono sempre durante il colloquio settimanale con il tuo superiore, preparati al meglio a questo colloquio e impara a gestire le tue emozioni in anticipo, prima di entrare nella sala riunioni. 
  • Dai sfogo alle tue emozioni: per rimetterti in sesto e riacquisire il sorriso rapidamente, impara e pratica degli esercizi volti alla concentrazione. Lo sport, lo yoga della risata la sofrologia o la meditazione di consapevolezza sono delle attività ideali per respirare meglio ed eliminare le tensioni. Le emozioni si gestiscono! 
  • Tira le somme: chiediti sempre cosa ti manca per saper gestire le tue emozioni. Rifletti e fatti alcune domande come ad esempio “Qual è stata la causa della crisi di pianto?” oppure “Che cosa ho provato in quell’istante?”. 

Se non sei riuscito/a a trattenere le lacrime, è meglio ammettere che sono esistite. Lì per lì, puoi anche scusarti. Se non l'hai fatto subito, al momento x, puoi anche farlo più tardi. È molto importante parlarne perché tranquillizza il tuo superiore. Parlare con te di un argomento così delicato non lo farà preoccupare in futuro. 

Se sei un collega di lavoro o il superiore di una persona soggetta a piangere spesso, prova a metterti al suo posto e falla tranquillizzare quando è di fronte a della situazioni potenzialmente a rischio. Devi far prova di comprensione e di empatia.

Piangere al lavoro è un tabù?

Secondo un sondaggio pubblicato su It’s Always Personal: Navigating Emotion in the New Workplace da Anne Kreamer, il 41% delle donne ha già pianto al lavoro contro il 9% degli uomini. Le donne, d'altro canto, hanno più paura che le loro lacrime le screditino in ufficio.

I cambiamenti emotivi sono più o meno facili da gestire nel mondo del lavoro. Fortunatamente, dopo la pubblicazione del libro di una ex dipendente della Casa Bianca, Jennifer Palmieri, nel 2018, Dear Madam President: An Open Letter to the Woman Who Will Run the World, la parola si è liberata. 

stress sul lavoro

In effetti, molte testimonianze sono venute fuori sui social network portando lo slogan #Ivecriedatwork ed hanno permesso di abbattere il muro di questo tabù.

E le persone ipersensibili?

Una persona ipersensibile può essere più toccata da queste lacrime, che potrebbe anche causare un burn-out o una depressione. È importante diffidare di alcuni colleghi “tossici” che non aspettano altro che sfruttare le tue debolezze per costruirsi il proprio trampolino di lancio. In ogni caso, se avverti un certo malessere al lavoro, non aspettare e contatta subito uno psicologo diplomato.


Il consiglio della redazione – Circondati di persone comprensive

È importante non vergognarsi delle proprie emozioni e delle proprie lacrime. Ecco perché non dovete esitare a chiedere aiuto quando vi sentite sopraffatti. La gestione delle emozioni è una cosa da fare con uno psicologo. Quest'ultimo può anche aiutarti se ti senti infelice sul lavoro. È importante agire prima che si manifestino i sintomi depressivi. Non aspettare a prendere un appuntamento!

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Perché non riesco a prendere una decisione?

C'è una situazione che mi capita spesso: sono in un ristorante, ho il menu tra le mani e mi ci vuole molto tempo per decidere cosa ordinare. Ho paura di scegliere il piatto sbagliato e di pentirmene. Si tratta solo di una cena, ma nella vita reale mi capita in molte situazioni. Perché non riesco a prendere una decisione? Ho approfondito l'argomento perché so che molte persone si chiedono la stessa cosa!

Discorso di matrimonio: 7 idee per un discorso perfetto

Una delle tue più care amiche si sposa e tu sei la testimone? Bene, sarai al settimo cielo! Tranne per un piccolo dettaglio...ti tocca scrivere il discorso per testimoniare l’amore dei novelli sposi! Non farti prendere dal panico, è meno complicato di quello che sembra. Per darti un piccolo spunto, ecco 7 idee dalle quali puoi attingere per trovare il discorso perfetto!

Trasparenza nelle retribuzioni: perché gli stipendi sono così tabù?

Se c'è un mondo in cui i tabù abbondano, è quello del lavoro. Evita di sfogarti, evita le emozioni, evita di avvicinarti, evita il personale, ma soprattutto, soprattutto, l'opaco mistero che circonda gli stipendi! Il divieto è lì, mai dichiarato, mai stabilito, ma il suo profumo aleggia ovunque intorno all'argomento retribuzione. Ma perché parlare del proprio stipendio è così tabù?

5 buone ragioni per ascoltare le proprie emozioni sul lavoro

Le emozioni non sono un freno al successo. Al contrario, possono essere un incredibile punto di forza quando siamo capaci di riconoscerle, capirle e, più complicato, controllare le reazioni che ne derivano. L’intelligenza emotiva ha sempre più successo nelle aziende: coltivare le emozioni positive è un ottimo modo per migliorare la motivazione, l’impegno e quindi le performance.

Sono una persona troppo autoritaria: test, perché è importante cambiare

“Fai così, non andare lì, stasera mangiamo pizza…” Chi può dire di non essere stato un po’ autoritario, soprattutto nella vita di coppia? A volte mi rendo conto da sola che forse do un po’ troppi ordini, ma mai fino al punto di dirmi che sono troppo autoritaria. Il mio ragazzo e i miei amici non si lamentano di questa cosa (ho tanti altri difetti molto più marcati)! Non si può dire lo stesso per tutti però… ci sono tantissime persone molto autoritarie. Se l’argomento ti interessa, è arrivato il momento di interrogarsi sul tuo comportamento e sul “perché”.

Perché sono sempre insoddisfatto?

Al lavoro o nella vita privata, quello che faccio non va mai bene. Forse il mio più grande difetto è questo eccessivo perfezionismo... Eternamente insoddisfatto, ho sempre qualcosa da ridire, tanto per me quanto per gli altri. Esagero? Dovrei iniziare a preoccuparmi? Perché non sono mai soddisfatto?

I 7 migliori gadget antistress per lottare contro l’ansia

Che sia per un esame o per capire cosa fare della propria vita, lo stress mi conosce bene! Inoltre… Bisogna dire che sono una persona abbastanza stressata in generale e con il tempo ho trovato dei trucchetti per restare più tranquilla. Grazie a questo, sono riuscita a trovare dei modi che io utilizzo più o meno tutti i giorni per calmarmi. Lo stress ha un impatto molto importate sul corpo e sulla mente, non bisogna lasciargli spazio. Allora ecco 7 strumenti antistress che ci fanno bene!

Non ho ambizioni, è davvero così grave?

Fin dai tempi del liceo, avere degli ottimi voti in pagella non mi interessava un granché. Il proseguimento della mia vita professionale non è stato molto diverso. In un mondo all’insegna dell’iperproduttività, del continuo superamento dei propri limiti, di costanti sfide personali, io mi accontento di vivere la mia vita tranquillamente.

Dichiarazioni d'amore: apri il tuo cuore e tocca il suo

Avevo pensato a tutto: salire sul tetto della mia auto, chiedergli di andare sul balcone e cantare che l'amavo. Un po' esagerato. Mettere un messaggio d'amore in una torta. Troppo tecnico, troppo rischioso. O più "semplicemente" rifare la scena di Love Actually. Visto e rivisto. Alla fine, per dichiarargli il mio amore, ho scritto una lettera che ho fatto scivolare sul suo tavolo mentre me ne andavo. Le dichiarazioni d'amore sono sempre un grattacapo spaventoso. Abbiamo paura, vogliamo fare troppo, temiamo di non fare abbastanza. Sono sicura che tu abbia bisogno di una mano per iniziare.

Il triangolo di Karpman, un pericoloso gioco psicologico

Oggi ti parlerò del triangolo drammatico di Karpman e dei 3 ruoli principali possibili: carnefice, salvatore e vittima. Io sono sempre stato la vittima in questo triangolo drammatico. Cosa significa? Come fai a sapere se ci sei dentro? Come si fa a uscirne? Ti racconto tutto.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!