Piangere davanti ai propri figli: segno di debolezza o lezione di vita?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Da bambino, tutto è un pretesto per versare una lacrimuccia. Gestire le emozioni è una cosa da adulti, soprattutto da genitori. O perlomeno, ci provano. Eppure, ho visto i miei piangere e non li biasimo affatto. Oltre a queste immagini strazianti, la loro «mancanza di pudore» mi è servita tanto nella vita. Grazie mamma, grazie papà: non sono un robot senza cuore! Per far sì che tutti i genitori smettano di farsi dei complessi e di sforzarsi per evitare di piangere, dirò la mia sulla questione. Non in qualità di esperta, ma come una bambina un po’ cresciuta che ha già visto crollare e scoppiare in lacrime i suoi genitori e che se lo ricorda ancora.

Sommario 

La vita non è sempre rosea, e ogni normale essere umano crolla ad un certo punto. Anche i genitori. Nonostante i loro sforzi per rimanere discreti, io li ho visti! Posso anche comunicarvi il numero esatto di volte in cui questo “inconveniente” è accaduto. A mio padre è successo 3 volte, superato di poco da mia madre, ma per le donne, si sa, questo non si dice, shhhh! Il momento era certamente lungi dall'essere piacevole (per non dire terribile), ma ad anni di distanza mi sento di ringraziarli per aver avuto la forza di mostrarmi le loro debolezze.

La tristezza percepita come una fragilità

È inutile dire che la società attuale non ci aiuti per niente. Un papà è virile, quindi non piange mai. Una mamma incarna la dolcezza e ti riempie di sorrisi per tutto il giorno. È così e non può essere altrimenti. Sembra che le emozioni siano da sempre state roba da sfigati. È basato su questo modello, uscito da non so dove, che i miei genitori rifiutavano di esprimere le loro emozioni e di parlare della loro tristezza. Per quanto mi riguarda, non riuscivo a capire se fossero semplicemente strani o dotati di un superpotere.


“Papà ha avuto un incidente d'auto? - No, va tutto bene, tesoro.”

“Lo stato di salute della nonna è peggiorato? No, non sto piangendo, sto sudando dagli occhi.”


Questo negare ostinato, o questo pudore, chiamatelo un po’ come volete, partiva da una buona intenzione. Cercavano di rimanere irremovibili per non farmi preoccupare e per non comunicarmi il loro stress. È il loro lato iperprotettivo che fuoriesce in questi casi, evviva i genitori elicottero! Eppure, tutti gli psicologi sono concordi nel dire che la sensibilità dei bambini è molto fine e sviluppata. Solo perché sei alto 1 metro e 10 non vuol dire che non capisci nulla.

Quando un bambino vede i suoi genitori, i suoi eroi, crollare, ne esce come se fosse contagiato. Infatti, non sono passati nemmeno due secondi tra il momento in cui ho visto le loro lacrime e quello in cui sono uscite le mie. È inutile mentirsi, queste scene ci indeboliscono, e ci danno quasi l'impressione che i ruoli si invertano.

Quando ho chiesto in giro, ho capito che non ero l'unica a ricordare le rare volte in cui ho assistito, inerme, ad una scena del genere. Come me, e probabilmente come tutti i bambini del mondo, anche le mie amiche sono state capaci di raccontarmi con precisione i fatti.

La redazione ti consiglia: Piango molto spesso, è normale?

Vedere i genitori piangere e prendere coscienza delle proprie emozioni

Solo pochi anni dopo ho capito che i miei genitori avevano fatto bene a piangere davanti a me. All'epoca, non avevo il tempo di pensarci su ma imparavo inconsciamente a gestire le mie emozioni. Combattuta tra la voglia di scoppiare a piangere e confortarli, sviluppavo il mio senso dell’empatia.

Sviluppare tali comportamenti nei confronti dell'altro è molto importante. I miei amici, che sono sempre stati riconoscenti del mio senso dell'ascolto, ve lo confermeranno oggi. Le emozioni portano legami e calore. Dei genitori freddi, che non lasciano intravedere le proprie emozioni, mi avrebbero resa un essere insensibile.
Uomo che piange

È quindi assodato che piangere non ha niente a che vedere con la vergogna, è invece la prova che sentiamo qualcosa, che siamo semplicemente umani. Per di più, è un atto di sollievo, di pianto, di sfogo. È bene lasciarsi andare, perché represse, le emozioni possono fuoriuscire in qualsiasi momento, ovunque e con estrema violenza. Alla fine, se non avessero pianto davanti a me, forse non avrei mai preso coscienza che a volte la vita è dura. È bello crescere nel mondo dei Teletubbies, ma rendersi conto in maniera graduale che la vita non è sempre rosa e fiori evita di avere uno shock brutale qualche anno più tardi.


Lo sapevi?

Le lacrime sono contenute in un piccolo serbatoio di 0.425 millilitri in corrispondenza di ognuno dei due occhi. Per riempirle, il nostro corpo produce 0.1 millilitri ogni ora, ciò che equivale a poco più di una goccia d'acqua.


Comunicare per sdrammatizzare

Se pensi che stia facendo un inno al pianto, allora devo darti ragione. Ma lasciatemi fare una precisazione importante: c'è differenza tra le famose lacrime di coccodrillo (rettile subdolo) e le vere lacrime, quelle che provengono dal cuore.

Ho sempre avuto molta immaginazione. In un millesimo di secondo, sono quindi in grado di immaginare i peggiori scenari nel caso in cui non ho una spiegazione a portata di mano. Fortunatamente per me, i miei genitori non fanno che piangere, ma mi spiegano tutto. Come se dovessero giustificarsi, ogni volta si prendevano la briga di raccontarmi cosa li aveva messi in quello stato, senza mentirmi. C'è di che essere lusingata in questo dettaglio, mi consideravano già come un piccolo essere intelligente.

Di certo non mi davano dei dettagli inutili o inadatti per un bambino della mia età, ma un semplice “mamma è triste perché ha problemi al lavoro, ti spiegherà più tardi” mi rassicurava. E soprattutto, evitava di farmi sentire in colpa. Perché è vero, da bambini, ci sentiamo come se fossimo al centro dell’universo e tendiamo a pensare che sia tutta colpa nostra. Ebbene sì, la comunicazione può evitare tutta una serie di altri problemi!


Il consiglio della redazione: piangete se volete, ma parlatene!

A tutti i genitori che mi stanno leggendo, fino a quando giustificherete e spiegherete il motivo per cui state piangendo, le vostre lacrime saranno sempre le benvenute. È grazie a loro che vostro figlio imparerà a gestire le emozioni, e solo Dio sa quanto ne avrà bisogno!

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Commenti

a me capita di piangere spesso soprattutto perchè soni ipocrondriaca. e forse sbaglio

Gli articoli appena pubblicati

Paralisi del sonno: sintomi, cause e rimedi

Mi sveglio ma non riesco a muovermi… mi sono ritrovata in questa situazione angosciante già diverse volte! Ho la sensazione di essere paralizzata e di avere una presenza orribile che si avvicina e mi terrorizza. In realtà si tratta della paralisi del sonno! Ora che ho identificato le cause di questo problema riesco ad evitarle. Ma come capire cosa si cela dietro queste paralisi? Cosa provoca una paralisi del sonno?

Chi siamo?

Sei curioso di sapere chi c'è dietro Wengood? C’è semplicemente un gruppo di persone appassionate alla ricerca del benessere. Condividiamo con te le nostre storie, le nostre difficoltà e i nostri consigli per aiutarti ad andare avanti sulla strada della serenità.

Psicologo, psichiatra, coach… a chi rivolgersi?

Se riscontri difficoltà, noi di Wengood consigliamo spesso di rivolgersi a uno psicologo o ad un life coach, ma qual è la differenza? Perché consultare uno piuttosto che l’altro? Ognuno di loro risponde a esigenze diverse, per le quali è bene contattarli. Con questo articolo intendiamo spiegarti le differenze per aiutarti a capire a chi rivolgersi. Scopriamolo!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Alimentazione intuitiva, di' addio alla dieta!

Più di 15 anni di dieta, con il peso che fa su e giù, i disturbi alimentari… Non se ne può più! Ho bisogno di fare pace con il mio corpo, ma ho l’impressione che se mi lascio andare non farò altro che ingrassare ancora di più. Malgrado ciò, mi sono resa conto che la dieta mi faceva più male di qualsiasi altra cosa. Esiste una soluzione? Ebbene si: l’alimentazione intuitiva. Dovrebbe essere al centro delle nostre vite, eppure sono davvero poche le persone che ne hanno sentito parlare.

Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?

Sembra davvero incredibile che alcune persone possano provare simpatia nei confronti del loro aggressore. In realtà, si tratta di un meccanismo psicologico per superare il trauma. Il termine "Sindrome di Stoccolma" è apparso per la prima volta nel corso degli anni 70 e indica una particolare reazione del cervello ad un evento traumatico subito. Le vittime assumono il punto di vista del loro carnefice, arrivando talvolta addirittura a difenderlo!

Qual è il segreto di una vacanza di coppia perfetta?

Chi di noi non vede l’ora di partire in vacanza? Eppure quando si tratta di un viaggio di coppia, magari il primo, le ansie e le preoccupazioni sono tante. Le aspettative sono alte e la paura che un litigio possa rovinare tutto lo è altrettanto. Quali sono i segreti per una vacanza di coppia felice?

Quali sono i benefici della coerenza cardiaca?

Chi non si ritaglierebbe 15 minuti al giorno per rimanere giovane, sano ed eliminare lo stress? La coerenza cardiaca è un metodo semplice che puoi adottare dove e quando vuoi. Il ritmo del tuo cuore riflette il tuo stato emotivo e psicologico. Quindi, sia fisicamente che emotivamente, è importante prendersi cura del proprio corpo. Ecco quali sono i motivi.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!