Il mio lavoro non mi piace più, cosa faccio adesso?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Sulla carta, era un lavoro da sogno. Poche settimane dopo, esco ogni mattina con un nodo allo stomaco, non riesco ancora a trovare il mio posto e torno a casa ogni sera con l'amaro in bocca dell'insoddisfazione. La conclusione è semplice: il mio lavoro non mi piace più. Va bene rendersene conto, ma ora cosa faccio?

Il mio lavoro non mi piace più, cosa faccio adesso?

Non mi riconosco più al lavoro

Amare il proprio lavoro è una cosa, ma riconoscersi nel proprio lavoro è molto più importante. Ci sono molte ragioni per cui il nostro lavoro può perdere di significato. Può essere del tutto inadeguato alle nostre qualifiche e quindi non in linea con le nostre ambizioni e la nostra identità professionale. Le nostre competenze non vengono utilizzate o vengono utilizzate male. Può anche, ad esempio, essere svolto in condizioni degradate, con sofferenze fisiche o mentali, con un manager tossico, con colleghi difficili o in conflitto con i nostri valori. In breve, un lavoro in cui non ci riconosciamo più è fonte di infelicità perché le nostre aspettative e i nostri bisogni non vengono soddisfatti 😢.

Questo lavoro non fa per me, perché lo faccio?

Per cominciare, vorrei dirti che un lavoro non può più soddisfarci, sia che lo facciamo da 2 mesi, 2 anni o 2 decenni. Il tempo non cambia nulla. Forse abbiamo dovuto accettare questo lavoro di default, con lo stress e la paura di non trovare altro. Forse hai fantasticato su questo lavoro, dopo un nuovo diploma o una riqualificazione professionale. O forse l'atmosfera è diventata malsana, i compiti sono cambiati, sono diventati più numerosi o, al contrario, meno impegnativi - e allora c'è il pericolo della noia! A meno che non corrispondano più alla descrizione del tuo lavoro o che tu non ti veda progredire. O forse la tua situazione personale è cambiata e l'equilibrio tra vita professionale e personale si è rotto.

Qualcuna di queste situazioni ti suona familiare? Forse anche diverse. Quindi, è certo che il tuo lavoro non ti soddisfa più, e questo è positivo perché ora ne sei consapevole e sei riuscito (almeno in parte) a individuare la fonte della tua insoddisfazione. Ora è il momento di agire!
Une de ces situations vous parle ? 

😲 Non siamo soli!
Nel novembre 2020, il barometro di Empreinte Humaine e OpinionWay ha pubblicato queste cifre: il 49% dei dipendenti intervistati rimane nel proprio posto di lavoro, in mancanza di qualcosa di meglio. Questa percentuale sale addirittura al 60% tra i dipendenti che lavorano a distanza.


Cosa posso fare se il mio lavoro non mi piace?

1. Il primo passo è parlarne

E quando dico parlare, non mi riferisco ai brontolii tra colleghi di lavoro, ma all'avvio di una discussione con qualcuno che possa fare qualcosa. Il tuo manager, il responsabile delle risorse umane, la persona che ti ha assunto e così via. Confida i tuoi dubbi e la tua infelicità a qualcuno di cui ti fidi, o almeno a qualcuno di cui pensi di poterti fidare. Questo è un passo fondamentale. Non te lo dirò, ma se rimani in silenzio non succederà nulla. Sii trasparente, ma non aggressivo, e parla di tutto ciò che ti preoccupa. Parliamo insieme di come le cose potrebbero evolvere positivamente e, se non è possibile, almeno saremo consapevoli del tuo stato d'animo e del tuo desiderio di lasciare l'azienda.

2. Concediti del tempo

Sono sicuro che leggere questo consiglio ti farà arrabbiare 😡. So cosa significa essere bloccati in un lavoro che non ti piace, quindi so quanto non vuoi aspettare e avere pazienza. È più probabile che si vada su tutte le furie! Eppure la realtà è brutta, ma è una realtà: sei bloccato in un lavoro che non ti piace e ti senti impotente perché il lavoro fa parte della tua sopravvivenza. In poche parole, sbattere la porta ti renderà un'eroina solo per un momento. Quindi, se la nostra salute mentale non è ancora troppo compromessa (altrimenti non esitiamo a chiedere aiuto), restiamo fermi (almeno per il momento) e approfittiamo di questo periodo per mettere in atto azioni che ci saranno utili. Azioni come imparare a dire di no al lavoro, scoprire o riscoprire alcuni colleghi, sviluppare le proprie competenze e la propria rete di contatti, consultare annunci di lavoro o pensare seriamente alla propria riqualificazione professionale, cercare una formazione da sviluppare internamente o altrove, ecc.

3. Mettere a tacere i sensi di colpa, i sentimenti di fallimento e l'ansia

"Sono fortunato ad avere un lavoro, uno stipendio e per di più in telelavoro... con l'assicurazione sanitaria... e i buoni pasto...". Te lo dico subito, smettila ✋! Quella canzoncina che continui a ripetere a te stesso è il senso di colpa e viene a spazzare via i nostri bisogni e ci spinge a convincerci che possiamo abituarci a questo lavoro schifoso. Soffriamo in un lavoro che non ci motiva più, che non ci soddisfa e per difenderci da questa sofferenza ci sentiamo in colpa. Super sano 😒! Lo stesso vale per l'ansia di un futuro senza orizzonte e la sensazione di fallimento nel trovarsi nella posizione di perdente quando sognavamo di essere una lavoratrice. Quando ti trovi in questa situazione, ti senti bloccato e la tua autostima vacilla. Devi liberarti di tutto questo. Impara a fare un passo indietro e ad aprire la tua mente. Se non ci riesci, cerca un aiuto professionale: psicologo (del lavoro), coach professionista, medico del lavoro, ecc. Il dialogo ti aprirà a nuove prospettive e ti darà anche nuovi obiettivi che ti daranno nuova energia.

4. Lasciare il lavoro

È arrivato il momento di lasciare questo lavoro. Bene, allora prepara la tua uscita. Prima di dare le dimissioni o di chiedere una buonuscita convenzionale, aggiorna il tuo CV, attiva la tua rete professionale e cerca di ottenere qualche colloquio di lavoro, in modo da recuperare la fiducia in te stesso e non metterti sotto pressione. Non lascerai questo lavoro per ricadere nelle solite abitudini!

Come puoi sopportare un lavoro che non ti piace?

Quelle que soit votre situation, pas le choix, il va falloir l'affronter. On ne peut pas se contenter de dire que l'on n'aime pas son job. Les émotions vont nous empêcher d'agir avec calme, recul et pragmatisme. Supporter de se rendre 8h par jour, à un travail que l'on n'aime pas, c'est une situation très difficile et c'est la raison pour laquelle vous devez prendre le temps d'établir votre stratégie afin d'en sortir la tête haute et avec la force d'aller de l'avant. Enfin, ouvrez votre esprit et acceptez d'être surprise, que ce soit en regardant les annonces d'emploi ou même au sein de son entreprise actuelle. En changeant de regard, en voyant les choses différemment, on peut parfois trouver l'une des clés pour passer de "mon travail ne me plaît pas" à "mon travail a un

Qualunque sia la tua situazione, non hai altra scelta che affrontarla. Non puoi semplicemente dire che il tuo lavoro non ti piace. Le emozioni ti impediranno di agire con calma, obiettività e pragmatismo. Sopportare 8 ore al giorno un lavoro che non ti piace è una situazione molto difficile, per questo motivo devi prenderti il tempo necessario per stabilire la tua strategia in modo da poterne uscire a testa alta e con la forza di andare avanti. Infine, apri la mente e accetta il fatto che potresti rimanere sorpreso, sia guardando gli annunci di lavoro che all'interno della tua attuale azienda. Cambiando prospettiva, vedendo le cose in modo diverso, a volte puoi trovare una delle chiavi per passare da "il mio lavoro non mi piace" a "il mio lavoro ha uno scopo".

L'opinione della redazione: è importante porsi le domande giuste

Se hai ammesso che il tuo lavoro non ti piace o non ti piace più, congratulazioni, è già un bel passo avanti. È importante scavare un po' più a fondo: cosa ti infastidisce? Cosa ti soddisferebbe di più? Cosa desideri? Di cosa hai bisogno? Lo vuoi ora? Tra 5 anni? Non esitare a chiedere l'aiuto di uno psicologo per fare il punto della situazione e prendere le giuste decisioni per il futuro.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Piramide di Maslow: bisogna realizzare tutti i nostri bisogni per realizzarci?

“Ho bisogno di questo”. Effettivamente, tutti noi abbiamo dei bisogni. Alcuni vitali, come mangiare o dormire, altri no. Vogliamo un tetto sopra la testa, desideriamo essere circondati dalle persone che amiamo, avere fiducia in noi stessi, realizzare i nostri progetti… Tutti questi bisogni sono raggruppati nella piramide di Abraham Maslow. Molto usata i vari contesti, questa piramide può insegnarci tante cose. Ma dobbiamo davvero soddisfare tutti i nostri bisogni per sentirci realizzati?

ESFP: Qual è la tua personalità estroversa e avventurosa?

Una delle cose che mi piace fare nella mia vita sono i test della personalità. Ovviamente ho fatto il test MBTI per conoscermi un po' meglio. Scommetto che anche tu hai fatto il test e il risultato è stato: sei una personalità ESFP. Quindi vuoi sapere come funzioni e cosa c'è dietro quell'acronimo. Dopo aver esaminato in dettaglio i diversi profili, ti dirò tutto quello che c'è da sapere sulla personalità ESFP!

Le 10 frasi più belle per augurare la buonanotte!

Quanto è bello concludere la giornata sapendo che qualcuno pensa a te al punto da augurarti la buonanotte? Che si tratti di un’amica, di un partner o di un parente, avere qualcuno che ci fa sentire amati e coccolati alla fine della giornata è una gioia indescrivibile. Dunque, a nostra volta è importante ricordarci delle persone che amiamo, che saranno felici di ricevere un po’ d’amore quando cala la notte. Ecco le 10 frasi più belle per augurare la buonanotte!

10 citazioni sulla solitudine: faccia a faccia con noi stessi

La solitudine può essere causa di grande sofferenza. Sentirsi soli, faccia a faccia con se stessi, ci fa percepire una sensazione di abbandono, di mancanza. Per affrontare quel senso di vuoto che alle volte ci invade, ecco alcune citazioni dette da quelli che hanno saputo trovare le parole giuste che ci fanno, anche se per poco, un po’ di compagnia!

Sindrome del sopravvissuto: quando essere in vita ti fa sentire in colpa

Quando mia madre è morta in un incidente d’auto ero totalmente devastata. Ho sentito un dolore immenso ma non ho assistito al dramma della sua morte. Certe persone sfortunatamente assistono alla morte di una persona cara... Questo provoca un peso immenso da portare, poiché si sentono colpevoli di essere in vita mentre l’altra persona non ha avuto la stessa fortuna. Questa sensazione nota come “sindrome del sopravvissuto” (o sindrome di Lazzaro) non è strana e può avere numerose conseguenze. Come uscirne? Scopriamolo insieme!

3 esercizi di meditazione per addormentarsi velocemente

Ispirare, espirare e rilassarsi. Le meditazione ha solo ed esclusivamente dei vantaggi, aiuta a concentrarsi sul momento presente e a gestire meglio lo stress. Imparando a meditare, si impara ad osservare il proprio flusso di pensieri, riuscendo ad avare un maggiore controllo sulle proprie emozioni. Tutto questo ha un grande impatto sul nostro sonno. A tutti piacerebbe riuscire ad addormentarsi nel giro di un paio di minuti! Grazie ad alcuni esercizi di meditazione, è possibile riuscirci in modo naturale, riuscendo quindi a evitare l’insonnia. Personalmente, ormai lo faccio in modo automatico quando mi sdraio sul letto, preparando il mio corpo e la mia mente al riposo. Vediamo insieme come addormentarsi in un lampo grazie all’aiuto della meditazione!

Come imparare a stabilire le priorità sul lavoro?

La mia scrivania è una distesa di post-it, sono spesso oberata e a volte un po’ troppo di corsa con le deadline! So che la chiave del problema sarebbe riuscire a stabilire delle priorità, ma come fare quando si ha l’impressione che tutto sia di fondamentale importanza? Ci sono vari modi per riuscirci, prima di tutto cerca di tenere a mente che si può sempre imparare a stabilire le priorità! Vediamo insieme come!

10 frasi sull’amicizia da dedicare ai nostri amici più cari!

È risaputo quanto l’amicizia sia uno dei beni più preziosi che la vita ha da offrirci. Una forma d’amore unica ed indescrivibile, che ci fa sentire completi, sostenuti, circondati da persone che ci vogliono bene e che farebbero qualunque cosa per noi: gli amici, appunto. Persone delle quali potersi fidare e alle quali poter confidare ogni dubbio. L’amicizia è fondamentale, ci rende felici e appagati.

10 citazioni di donne forti per sentirsi realizzate

Tutte noi attraversiamo dei periodi difficili e abbiamo l’impressione di non riuscire a gestirli o superarli. Per darvi la carica, abbiamo selezionato alcune citazioni di donne considerate icone, da cui prendere ispirazione. In ciascuna di noi c’è una guerriera che lotta per i suoi diritti, per la parità e la libertà!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!