Perché mi sento sempre in colpa?

Aggiornato il da Giada Paoli

Il senso di colpa ti divora anche se non hai fatto niente di male? Perché finisci sempre per darti la colpa di tutto? Quali sono i motivi? C’è un modo per smettere e imparare a stare meglio. Ecco i nostri consigli!

Perché mi sento sempre in colpa?

Sommario

In circostanze normali, la colpa è legata a un comportamento sbagliato, come un furto, un inganno una bugia (quante volte ci è capitato di mentire e di sentirci in colpa?). È quando si commette un reato o si trasgredisce a un divieto che si è consapevolmente responsabili e quindi colpevoli. Ma da un punto di vista psicologico, il senso di colpa non funziona in maniera logica o lineare. Spesso i ruoli di vittima e di carnefice sono invertiti ed è l'innocente a farsi carico di tutta la colpa.

Da dove viene questo senso di colpa?

Spesso dobbiamo tornare indietro nel tempo per capire perché, di fronte a una difficoltà, il nostro primo riflesso è quello di dare la colpa a noi stessi. Il modo in cui ci percepiamo ha le sue origini nella nostra infanzia. Da piccoli, non conosciamo la differenza tra noi stessi e gli altri ed è attraverso i loro occhi che costruiamo il nostro universo. Quando non ci sentiamo amati o desiderati, quando dobbiamo farei conti con traumi e problemi, finiamo per pensare di non meritare quell'amore, facendocene una colpa.

Se si è inclini al senso di colpa in età adulta i problemi ci appaiono insormontabili e, prendendoci tutta la colpa, finiamo per diventarne vittima. 


Bambina biondaQuesta sensazione è aggravata se, da bambini, assistiamo a un evento doloroso o traumatizzante come la perdita di una persona cara o il divorzio dei nostri genitori. Queste situazioni segnano la nostra infanzia, ne portiamo i segni e le ferite anche in età adulta.


Un malinteso che può diventare distruttivo

Se un rapporto sentimentale finisce, siamo solitamente i primi a farci delle domande e a sentirci in colpa: “È colpa mia? Cosa ho fatto di sbagliato?”. L'incomprensione di fronte a certe situazioni può essere distruttiva. Le emozioni ci impediscono di avere un’idea distaccata e oggettiva. Così, lasciati soli, frustrati e senza spiegazioni, puntiamo il dito contro noi stessi e ci sentiamo gli unici colpevoli.

Paura di sbagliare, di deludere

Cresciuto con un'educazione fatta di umiliazione, vergogna, ricatti emotivo e rimproveri, non c'è spazio per l'errore. Non superare un esame, non raggiungere obiettivi personali o sportivi, è fonte di preoccupazione e ansie! Non ci sentiamo all'altezza delle aspettative altrui, ci lasciamo abbattere, abbiamo poca fiducia nelle nostre capacità..


La prossima volta che ti senti male perché qualcuno cerca di incolparti e di peggiorare le cose, dì a te stesso che non ne vale la pena. Se la persona con cui stai parlando si rifiuta di andare avanti e non fa uno sforzo per mettersi in discussione, sono affari suoi. Concentrati su te stesso e inizia ad amarti!


Come smettere di sentirsi in colpa senza motivo?

Se ti sei sentito in colpa per tutta la vita, non puoi smettere dall'oggi al domani. Sarà un lavoro lento ma intenso, i risultati ti sproneranno ad andare avanti e iniziare una nuova vita. Ecco i nostri 11 migliori consigli:

  • Identifica i momenti in cui ti succede: questo è il primo passo! Diventare consapevoli che hai un problema, che tendi ad addossarti colpe che non ti dovrebbero riguardare. Con il passare del tempo, riuscirai a vivere questa situazione in maniera può serena, e soprattutto riuscirai a reagire nel momento in cui rischi di cadere nello stesso errore. A poco a poco, rassicuri quel bambino traumatizzato che ancora vive in te, e inizi a diventare finalmente adulto.
  • Trasformare il fallimento di oggi in una lezione per domani: il senso di colpa a volte può essere trasformato in qualcosa di positivo. Ad esempio un litigio che ti ha portato a usare parole che non avresti voluto, ferendo l’altro, è da lezione per il futuro, perché capisca il tuo errore e non lo commetta nuovamente. Conoscere le proprie debolezze è il primo modo per gestirle.
  • Identificare il vero colpevole: non è sempre colpa tua. Anche dopo aver fatto un passo indietro, non riesci a vedere cosa c'è di sbagliato nel nostro comportamento. In questi casi, ci sono buone probabilità che sta agli altri mettersi in discussione.
  • Prova ad avere una visione oggettiva: il tuo punto di vista può essere fuorviante perché è influenzato da situazioni passate. Un parente o un analista potrebbero aiutarvi a riflettere. A volte il semplice fatto di raccontare quello che è successo ti fa capire che la colpa non era veramente giustificata.
  • Accetta che non possiamo controllare tutto: siamo esseri umani, non supereroi! Non possiamo farci carico di tutti i mali del mondo. Inoltre, non siamo soli sulla Terra e non possiamo avere un controllo su tutto ciò che ci circonda. Ci sono eventi che purtroppo non dipendono dalla nostra volontà ed è inutile farsene una colpa.  
  • Pensa a te stesso e concediti qualche errore: tranquillo, un errore non vanificherà o metterà a rischio tutti i tuoi sforzi. Lasciati andare ogni tanto, cerca di essere meno esigente con te stesso, non c'è nulla di male a essere troppo gentili con gli altri.
  • Chiedi scusa a chi potresti aver ferito: anche se sembra complicato, scusandoti ti alleggerisci la coscienza! Alcuni pesi sono troppo pesanti da trasportare.
  • Perdonare: è uno strumento importante per migliorare la propria autostima, smettere di incolparsi e smettere di vivere nel passato. Nessuno può cambiare il passato, ma non è mai troppo tardi per migliorare il futuro!
  • Agisci alla radice del problema: capire perché reagisci in questo modo, come migliorare il controllo sulle tue emozioni. Scrivere le tue esperienze in un diario potrebbe aiutarti a migliorare.
  • Complimentarsi ogni giorno: ripetere spesso che tutti sbagliano. Questi piccoli consigli ci aiutano a prendere coscienza delle nostre qualità, ad armarci di fiducia per affrontare meglio il senso di colpa!
  • Saper dire di no: non aver paura di rifiutarti di fare qualcosa.


Il consiglio dello psicologo: il senso di colpa è sempre fonte di sofferenza

I sensi di colpa causano sofferenza e possono portare nei casi più gravi al suicidio. Questo senso di colpa estremo diventa poi patologico ed è indispensabile consultare uno specialista per invertire la tendenza.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Fonte: francescominellipsicologo.it

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!