Il mio manager è tossico? 9 segni per scoprirlo!

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Essere un bravo manager non è roba da tutti. Alcuni tirano un po' troppo la corda e vittimizzano i sottoposti senza scrupoli. Controllano le mail, sono incapaci di riconoscere il talento dei colleghi, e possono addirittura arrivare alle minacce, raggiungendo dei comportamenti malsani. Se hai dubbi sul tuo manager, ecco 9 indizi per capire se è tossico!

Vai a lavoro sempre di cattivo umore? L’idea di ritrovarti sola con il tuo manager ti fa venire i brividi? Allora è probabile che quest'ultimo sia una persona tossica. Relazioni tese e clima invivibile sono fattori che hanno delle ripercussioni pesanti sulla vita quotidiana. Evita il burn-out e impara a riconoscere il problema per poterlo gestire al meglio.

9 segni che hai a che fare con un manager tossico

1) Il manager tossico si attribuisce tutti i meriti

Un manager porta sulle sue spalle le responsabilità del gruppo che gestisce. È proprio di fronte a dei bei risultati che emerge il suo lato tossico e arrogante. “Se non avessi insistito, non avremmo ottenuto questo risultato”, “Per fortuna che c’ero qua io”, sono solo alcune delle frasi che escono frequentemente dalla sua bocca, perché adora mettersi in mostra e prendersi i meriti.

2) Il manager tossico ha la minaccia facile

A detta sua, il tuo ruolo al lavoro è facilmente sostituibile. Al primo passo falso rischi di perdere il posto e, se lo deludi, ti farà vivere un inferno. Come se il tuo futuro professionale e il tuo benessere fossero nelle sue mani.

3) Il manager ha diverse facce

E scopri qual è la sua vera faccia solo quando ti ritrovi da sola con lui. Il manager tossico è un manipolatore che sa essere amichevole in presenza di altri colleghi o dei suoi superiori. In questo modo, le tue accuse risulteranno difficili da credere. Tuttavia, in tua presenza cambia drasticamente, ti provoca e ti umilia.

4) Il manager tossico fa dei favoritismi

Divide i suoi collaboratori per poterli manipolare meglio. Mette in primo piano, pubblicamente e no, il talento di un dipendente con lo scopo di sottolineare i punti deboli degli altri. Allo stesso modo, non ha problemi ha mostrarsi più premuroso con i suoi capi. Col tempo, un tale comportamento può avere delle gravi conseguenze sull’autostima delle sue vittime.

5) Il manager tossico dimentica di trasmettere agli altri le informazioni

Con tutti i mezzi di comunicazione di cui disponiamo attualmente, il tempo per inviare una mail o un messaggio è di circa 30 secondi. Poco importa, perché volendo dimostrare di essere in grado di fare tutto da solo, il manager tossico dimentica regolarmente di trasmettere informazioni importanti. Difficile riuscire ad organizzarsi ed essere produttivi se non si è al corrente delle novità, come per esempio una riunione posticipata o annullata.

6) Il manager tossico ha sempre ragione

La parola "democrazia" non fa parte del suo vocabolario. Per gentilezza, ti chiede la tua opinione, sembra anche essere disposto ad ascoltarla, ma non ne tiene mai conto. È lui ad avere il potere decisionale e se vengono prese delle scelte sbagliate, indovina un po' chi sarà il responsabile…

7) Il manager tossico non ha problemi ad importunarti

Quando il manager tossico si rende conto che la fine del mese si avvicina e che i risultati prestabiliti non sono quelli che si auspicava, ecco che diventa avventato. Ti conviene fare spazio alla tua posta elettronica e tenere il telefono sempre a portata di mano, perché cercherà in tutti i modi di metterti della pressione, a qualunque ora e in qualunque momento!

8) Il manager tossico chiede l’impossibile

Ritmo insostenibile, scadenze impensabili, pur con tutta la buona volontà di questo mondo alle volte è impossibile soddisfare le sue esigenze. Esperto nelle missioni impossibili, non si rende conto del tempo e dell’impegno che richiede ai suoi collaboratori. E, ovviamente, di fronte a risultati insoddisfacenti, inizia subito a dare loro la colpa per farli sentire incapaci.

9) Il manager tossico verifica tutti i tuoi gesti

Il manager tossico è quel tipo di persona che potrebbe fare carriera nella polizia. Deve sempre dire l’ultima parola riguardo le decisioni prese da altri, o mettere mano sull’organizzazione settimanale. Basare la relazione sulla fiducia? Impossibile! Il risultato è che ci si sente sminuiti, come se non si credesse nemmeno più nelle proprie capacità.

► Adesso sarai in grado di capire se il tuo manager è una persona tossica. Per il tuo benessere, è tempo di agire, informando i tuoi superiori o cambiando lavoro.

La redazione ti consiglia:

Malessere al lavoro: le 5 cause principali

Possiamo piangere al lavoro? La chiave per gestire le proprie emozioni




Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Paralisi del sonno: sintomi, cause e rimedi

Mi sveglio ma non riesco a muovermi… mi sono ritrovata in questa situazione angosciante già diverse volte! Ho la sensazione di essere paralizzata e di avere una presenza orribile che si avvicina e mi terrorizza. In realtà si tratta della paralisi del sonno! Ora che ho identificato le cause di questo problema riesco ad evitarle. Ma come capire cosa si cela dietro queste paralisi? Cosa provoca una paralisi del sonno?

Chi siamo?

Sei curioso di sapere chi c'è dietro Wengood? C’è semplicemente un gruppo di persone appassionate alla ricerca del benessere. Condividiamo con te le nostre storie, le nostre difficoltà e i nostri consigli per aiutarti ad andare avanti sulla strada della serenità.

Psicologo, psichiatra, coach… a chi rivolgersi?

Se riscontri difficoltà, noi di Wengood consigliamo spesso di rivolgersi a uno psicologo o ad un life coach, ma qual è la differenza? Perché consultare uno piuttosto che l’altro? Ognuno di loro risponde a esigenze diverse, per le quali è bene contattarli. Con questo articolo intendiamo spiegarti le differenze per aiutarti a capire a chi rivolgersi. Scopriamolo!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Alimentazione intuitiva, di' addio alla dieta!

Più di 15 anni di dieta, con il peso che fa su e giù, i disturbi alimentari… Non se ne può più! Ho bisogno di fare pace con il mio corpo, ma ho l’impressione che se mi lascio andare non farò altro che ingrassare ancora di più. Malgrado ciò, mi sono resa conto che la dieta mi faceva più male di qualsiasi altra cosa. Esiste una soluzione? Ebbene si: l’alimentazione intuitiva. Dovrebbe essere al centro delle nostre vite, eppure sono davvero poche le persone che ne hanno sentito parlare.

Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?

Sembra davvero incredibile che alcune persone possano provare simpatia nei confronti del loro aggressore. In realtà, si tratta di un meccanismo psicologico per superare il trauma. Il termine "Sindrome di Stoccolma" è apparso per la prima volta nel corso degli anni 70 e indica una particolare reazione del cervello ad un evento traumatico subito. Le vittime assumono il punto di vista del loro carnefice, arrivando talvolta addirittura a difenderlo!

Qual è il segreto di una vacanza di coppia perfetta?

Chi di noi non vede l’ora di partire in vacanza? Eppure quando si tratta di un viaggio di coppia, magari il primo, le ansie e le preoccupazioni sono tante. Le aspettative sono alte e la paura che un litigio possa rovinare tutto lo è altrettanto. Quali sono i segreti per una vacanza di coppia felice?

Quali sono i benefici della coerenza cardiaca?

Chi non si ritaglierebbe 15 minuti al giorno per rimanere giovane, sano ed eliminare lo stress? La coerenza cardiaca è un metodo semplice che puoi adottare dove e quando vuoi. Il ritmo del tuo cuore riflette il tuo stato emotivo e psicologico. Quindi, sia fisicamente che emotivamente, è importante prendersi cura del proprio corpo. Ecco quali sono i motivi.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!