Il mio manager è tossico? 9 segni per scoprirlo!

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Essere un bravo manager non è roba da tutti. Alcuni tirano un po' troppo la corda e vittimizzano i sottoposti senza scrupoli. Controllano le mail, sono incapaci di riconoscere il talento dei colleghi, e possono addirittura arrivare alle minacce, raggiungendo dei comportamenti malsani. Se hai dubbi sul tuo manager, ecco 9 indizi per capire se è tossico!

Il mio manager è tossico? 9 segni per scoprirlo!

9 segni che hai a che fare con un manager tossico💀

Vai a lavoro sempre di cattivo umore? L’idea di ritrovarti sola con il tuo manager ti fa venire i brividi? Allora è probabile che quest'ultimo sia una persona tossica. Relazioni tese e clima invivibile sono fattori che hanno delle ripercussioni pesanti sulla vita quotidiana. Evita il il burn-out e impara a riconoscere il problema per poterlo gestire al meglio.

È fuori discussione andare al lavoro con un nodo allo stomaco e mettersi in uno stato emotivo orribile, ecco perché vale la pena conoscere i 9 segnali per identificare un cattivo manager.

1) Il manager tossico si attribuisce tutti i meriti

Un manager porta sulle sue spalle le responsabilità del gruppo che gestisce. È proprio di fronte a dei bei risultati che emerge il suo lato tossico e arrogante. “Se non avessi insistito, non avremmo ottenuto questo risultato”, “Per fortuna che c’ero qua io”, sono solo alcune delle frasi che escono frequentemente dalla sua bocca, perché adora mettersi in mostra e prendersi i meriti.

2) Il manager tossico ha la minaccia facile

A detta sua, il tuo ruolo al lavoro è facilmente sostituibile. Al primo passo falso rischi di perdere il posto e, se lo deludi, ti farà vivere un inferno. Come se il tuo futuro professionale e il tuo benessere fossero nelle sue mani.

3) Il manager ha diverse facce 🎭

Un manager tossico assume diverse facce, a seconda delle persone con cui ha a che fare. In genere, te ne accorgerai quando sarai da solo con lui... Sì, non ci saranno più testimoni o superiori e lui si toglierà la maschera per rivelare la sua vera natura 🎭.

Quando c'è molta gente, il tuo manager ha parole gentili, sorride, ti dà pacche sulle spalle per incoraggiarti, ma non appena sei a tu per tu, cambia atteggiamento. Diventa freddo, distante, peggio ancora! È provocatorio e arriva a umiliarti per schiacciarti. Con una persona del genere che ti sovrasta, è sufficiente per farti scoppiare a piangere in ufficio...

4) Il manager tossico fa dei favoritismi

Divide i suoi collaboratori per poterli manipolare meglio. Mette in primo piano, pubblicamente e no, il talento di un dipendente con lo scopo di sottolineare i punti deboli degli altri. Allo stesso modo, non ha problemi ha mostrarsi più premuroso con i suoi capi. Col tempo, un tale comportamento può avere delle gravi conseguenze sull’autostima delle sue vittime.

📌

Per esempio: se un tuo collega è veloce, ti farà sapere se impieghi più tempo di lui per completare un compito. Ma non ti dirà che il tuo lavoro è di qualità superiore... D'altra parte, dirà al tuo collega che il suo lavoro non è affatto qualitativo, ma che il tuo lo è! Ovviamente non lo dirà mai davanti a te.

5) Il manager tossico dimentica di trasmettere agli altri le informazioni

Con tutti i mezzi di comunicazione di cui disponiamo attualmente, il tempo per inviare una mail o un messaggio è di circa 30 secondi. Poco importa, perché volendo dimostrare di essere in grado di fare tutto da solo, il manager tossico dimentica regolarmente di trasmettere informazioni importanti. Difficile riuscire ad organizzarsi ed essere produttivi se non si è al corrente delle novità, come per esempio una riunione posticipata o annullata.

6) Il manager tossico ha sempre ragione

La parola "democrazia" non fa parte del suo vocabolario. Per gentilezza, ti chiede la tua opinione, sembra anche essere disposto ad ascoltarla, ma non ne tiene mai conto. È lui ad avere il potere decisionale e se vengono prese delle scelte sbagliate, indovina un po' chi sarà il responsabile…

► Lo sapevate?  Per preservare la salute mentale, bisognerebbe lavorare per 8 ore alla  settimana!

7) Il manager tossico non ha problemi a importunarti 👺

Quando il manager tossico si rende conto che la fine del mese si avvicina e che i risultati prestabiliti non sono quelli che si auspicava, ecco che diventa avventato. Ti conviene fare spazio alla tua posta elettronica e tenere il telefono sempre a portata di mano, perché cercherà in tutti i modi di metterti della pressione, a qualunque ora e in qualunque momento!

8) Il manager tossico chiede l’impossibile

Ritmo insostenibile, scadenze impensabili, pur con tutta la buona volontà di questo mondo alle volte è impossibile soddisfare le sue esigenze. Esperto nelle missioni impossibili, non si rende conto del tempo e dell’impegno che richiede ai suoi collaboratori. E, ovviamente, di fronte a risultati insoddisfacenti, inizia subito a dare loro la colpa per farli sentire incapaci.

9) Il manager tossico verifica tutti i tuoi gesti 🛂

Il manager tossico è quel tipo di persona che potrebbe fare carriera nella polizia. Deve sempre dire l’ultima parola riguardo le decisioni prese da altri, o mettere mano sull’organizzazione settimanale. Basare la relazione sulla fiducia? Impossibile! Il risultato è che ci si sente sminuiti, come se non si credesse nemmeno più nelle proprie capacità.

► Adesso sarai in grado di capire se il tuo manager è una persona tossica. Per il tuo benessere, è tempo di agire, informando i tuoi superiori o cambiando lavoro.

Il consiglio della redazione: non apettare per parlarne

Il perverso narcisista, la persona tossica, sono dei concetti molto popolari. Non appena una relazione va male, pensiamo di avere a che fare con una persona tossica, ma non sempre è così! Se avete riconosciuto il vostro superiore nei punti sopra citati, è molto probabile che abbiate a che fare con una personalità tossica. O perlomeno, la relazione non è adatta a voi e vi danneggerà a lungo termine. È allora urgente chiedersi: è possibile riequilibrare il rapporto? Avete provato una tecnica di comunicazione non violenta? Avete espresso i vostri sentimenti? Le tue emozioni? Se soffrite e alzarvi al mattino è ogni giorno più difficile, non aspettate troppo prima di prendere un appuntamento con uno psicologo. Non rimanete soli di fronte a questa sofferenza, potete prima confidarvi con un amico, un collega o anche con il dipartimento di risorse umane della tua azienda.

🤗 Conoscersi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe

Contattare uno psicologo

La redazione ti consiglia:

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!