Chi sono le persone INFP: cosa significa? qual è la tua personalità?

Aggiornato il da Paola Ferraro

Il questionario MBTI (myers-briggs type indicator) è un questionario di personalità oltre che uno strumento per lo sviluppo personale. Permettere di conoscere il proprio MBTI (quale personalità hai), di saperne un po’ di più su se stessi e di capire come percepiamo e interagiamo con il mondo. Il tuo test MBTI dice che sei una personalità INFP? Che significa?

Chi sono le persone INFP: cosa significa? qual è la tua personalità?
 
 Sommario

Com’è la personalità INFP: un dolce idealista!

Le personalità INFP sono degli idealisti che seguono i loro sogni costi quel che costi. Abbandonare non fa parte dei loro piani, al contrario. Essendo perfezionisti, farebbero di tutto per arrivare allo scopo che si sono prefissati. Molto creativi, hanno sempre mille progetti e idee da realizzare. Per loro i valori sono molto importanti.🧠 Fanno parte di coloro che vogliono rendere il mondo un posto migliore e hanno fiducia nell’umanità. Hanno voglia di aiutare le persone. Questo in qualche modo rappresenta la loro missione ma anche il mezzo per poter rispondere alla domanda che li tormenta: qual è il senso della vita?

Pregi

  • Passionali e attenti al benessere altrui
  • Ipersensibilità emotiva
  • Leali e in grado di impegnarsi
  • Capaci nel sostenere e incoraggiare
  • Sanno capire e rispettare la libertà e l’individualità altrui
  • Flessibili e si adattano

Difetti

  • Tendono a essere timidi e introversi
  • Prendono male i conflitti
  • Prendono male le critiche
  • Hanno forte bisogno di ricevere apprezzamenti e incoraggiamenti
  • Reazioni troppo emotive in situazioni di stress
  • Troppo perfezionisti e questo li rende insoddisfatti di loro stessi

Come vivono l’amore le personalità INFP?

Dal punto di vista relazionale, sono di natura molto calma e riservata, la loro vita interiore è molto ricca, spesso li conosciamo ben poco o peggio, li ignoriamo. La maggior parte degli INFP sono difficili da capire ecco perché spesso si sentono diversi. Loro condividono i propri sentimenti, i loro segreti e le loro passioni solo con una piccola cerchia di persone. I litigi rappresentano la bestia nera degli INFP e preferiscono passare del tempo a cercare di calmare le acque piuttosto che discutere. 😤 Tuttavia, se uno dei loro valori viene calpestato, possono irritarsi e lasciarsi prendere dalla rabbia. Quando non sono implicati in un litigio, sono degli ottimi mediatori. Sono capaci di capire intuitivamente i sentimenti e le motivazioni altrui.

Nelle relazioni sentimentali, gli INFP sono molto leali, per loro l’amore è una questione d'impegno assoluto anche se hanno anche tendenze a mostrarsi troppo idealisti. Fantasticano una relazione perfetta e mettono il loro partner su di un piedistallo. Non esitano, se necessario  a trovare in lui delle qualità che in realtà non ha. Il loro amore è profondo  sincero e molto romantico e questo potrebbe causare un po’ d'insoddisfazione di fronte alla quotidianità della vita di coppia. Il fidanzamento per loro ha un valore sacro anche se spesso hanno difficoltà a trovare la serenità interiore nella relazione che vivono, farebbero di tutto per mantenere l’armonia.

Che lavoro fare se ho una personalità INFP?

Per far sì che un INFP abbia un ambiente lavorativo appagante, bisogna eliminare i conflitti, la competizione, la logica e tutto ciò che c’è di burocratico e amministrativo. Detto questo, flessibilità e adattamento sono le parole chiave degli INFP! La loro capacità nell’immaginare un lavoro finto facilità loro la realizzazione di questo lavoro. È dunque un risparmio di tempo straordinario che può essere rovinato dal loro stesso perfezionismo. In effetti loro non considerano mai un progetto come finito. Tutti i progetti posso essere migliorati, rivisti e rielaborati. Sono spesso molto duri con se stessi e non si trovano bene nei lavori di gruppo, le lor attese sono spesso più grandi di quelle del gruppo.

Il mondo dell’impresa non è l’ambiente dei sogni per gli INFP. Non hanno molta logica, non si preoccupano dei fatti reali ma piuttosto si soffermano sulle loro percezioni, sulla soggettività. Loro hanno difficoltà anche nel motivarsi e nell’essere soddisfatti infatti non trovano l’equilibrio giusto tra le loro idee e le necessità della vita quotidiana.

Per concludere, sono molto attaccati ai valori e ci tengono a sottolinearlo. Hanno grandi difficoltà a seguire le regole e spesso si divertono a sviarle. All’interno di un gruppo professionale, la loro originalità non è spesso apprezzata e il loro contributo viene sottovalutato, ma poco importa perché loro non hanno bisogno della riconoscenza sociale e professionale.

Personalità INFP: quale lavoro scegliere ?

La personalità INFP non sarà felice se nella sua vita lavorativa non trova una sua vocazione più che un lavoro. Ciò che fanno nella vita deve accordarsi con quello che sono:

  • scrittore;
  • giornalista;
  • traduttore, ecc.

Le personalità INFP sono dei buoni scrittori. Hanno nello scritto una capacità  impressionante nell’esprimere i loro sentimenti nonostante possano essere maldestri nel parlato. Hanno bisogno di lavorare molto per riuscire a parlare in pubblico nonostante abbiano un talento innato per la scrittura.

  • psicologo;
  • assistente sociale;
  • mediatore;
  • filantropo;
  • professore, ecc.

Amano trasmettere ed esprimere i loro valori e lavorare per il bene dell’umanità.

E tu, conosci il tuo tipo di personalità? Fai il test MTBI delle 16 personalità!


Il consiglio della redazione – Una differenza non sempre facile da vivere

Le personalità INFP, costituiscono solo il 4% della popolazione. SI sentono spesso diversi e incompresi e questo può provocare un forte malessere o una sofferenza. Loro hanno bisogno di vivere in linea con quello che sono  e con i loro valori per poter aver successo?

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Fonte: test MTBI

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!