Quando la paura del conflitto mi impedisce di dire la mia

Aggiornato il da Giada Paoli

Non appena percepisco tensione, scappo a gambe levate. Non amo i conflitti, anche se non sono d’accordo con il mio interlocutore. Di conseguenza mi tengo tutto dentro e questo mi non mi fa di certo bene. Senza farci consumare dall’interno, dovremmo imparare a superare la paura dei conflitti e far sentire la nostra voce. Perché si temono i conflitti? Come superare questa paura? Scopriamolo insieme.

Quando la paura del conflitto mi impedisce di dire la mia
 
 Sommario

Perché ho paura dei conflitti?

Quando si teme un conflitto, preferiamo optare per il silenzio ed evitare qualsiasi confronto. Ho creduto a lungo che fosse un modo per vivere in pace, senza emozioni forti. Comunque, anche comportarsi così genera dei sentimenti negativi 😣! A forza di non dire niente, il disagio, la frustrazione e la perdita di dignità si accumulano…

La paura di non essere più amati

La paura del conflitto proviene da credenze ben radicate dentro di noi, molto più profonde di quanto si possa pensare. Siamo paralizzati dai nostri pensieri: “non lo dico per non farlo arrabbiare”, “ho paura di ferire la mia amica e perderla”, “non mi apprezzeranno più se lo dico” ecc. C’è un’insicurezza permanente che cela la paura dell’abbandono.

➜ La paura di perdere le persone che amiamo esprimendo la nostra opinione può prendere piede durante l’infanzia o in seguito ad uno shock emotivo. Comunque, c’è anche un’altra ragione a generare quest’ansia…

La bassa autostima

Se si ha paura dei conflitti e di perdere chi ci sta vicino è anche a causa di una bassa autostima. Non ci sente abbastanza legittimi e validi per esprimere la nostra opinione. L’autostima è importante poiché permette di avere una struttura solida di sé in un litigio. Non bisogna discutere tanto per, né cercare di avere ragione se si ha torto.

🙌 Tuttavia, è importante esprimersi e dire ciò che si pensa. Altrimenti sale la rabbia e la frustrazione e questo provoca una cattiva gestione delle emozioni.

3 dritte per non avere più paura dei conflitti

Quando si pensa alla parola “conflitto” ci si immagina subito litigi violenti come un campo di battaglia. Si ha dunque l’impressione che sia una situazione insormontabile e che sia meglio non farsi coinvolgere per le ragioni precedentemente indicate. Tra l’altro, si sa che evitare i conflitti non è sempre la soluzione visto che può far aumentare la frustrazione 🤬.

1) Ammettere che il conflitto esiste

È la prima cosa da fare per sentirsi più legittimi nel momento di dire ciò che pensiamo. Non tutti abbiamo lo stesso modo di fare, di pensare, di essere e questo fa sì che ci siano necessariamente disaccordi. Quindi bisogna capire cosa ci contrappone agli altri cercando di decifrare cosa ci aspettiamo e di cosa abbiamo bisogno.

👏 È un modo di essere onesta con se stessi prima di esserlo con gli altri.

2) Aiutarsi con la comunicazione

Il miglior modo di tenere sana una relazione è comunicare. Si tratta di uno strumento prezioso quando ci sono conflitti. Comunque non bisogna esprimersi a caso. La chiave è la comunicazione non violenta, che permette di esprimere le proprie emozioni, ascoltare quelle della persona che abbiamo davanti e trovare una soluzione in due 👭. Ricordiamoci che l’ascolto attivo dell’altro è primordiale se vogliamo riuscire a liberarci del conflitto.

3) Lavorare su se stessi

Visto che siamo noi ad avere paura del conflitto, è necessario fare un lavoro di autoaffermazione 💪. Effettivamente, finché saremo così duri con noi stessi, sarà impossibile confrontarci con gli altri.  Sarà un lungo percorso complicato da fare da soli. Un aiuto psicologico è un ottimo modo di far evolvere il nostro modo di percepire per migliorare la nostra conoscenza di noi stessi e delle nostre emozioni ❤️.


Il consiglio della redazione: primo step, identificare la causa

Buone notizie: si può imparare a gestire un conflitto, una discussione, dei punti di disaccordo! Sia che si tratti della sfera professionale o personale. È importante identificare la causa di questa paura dei conflitti per poter agire, identificarne l’origine e attuare nuovi comportamenti. Questo lavoro su di sé non è facile da gestire da soli, ecco perché consigliamo di prendere appuntamento con uno psicologo.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Ti potrebbe interessare:

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Come si vive con una persona ipersensibile? Ecco i nostri consigli!

Piangere davanti a una pubblicità? Fatto ✅. Essere disturbati da qualsiasi rumore? Certo ✅. Non sei in grado di gestire le tue emozioni negative? Certo ✅. Tutte le persone ipersensibili lo sperimentano quotidianamente. Almeno, io lo faccio. Esatto, faccio parte della squadra delle emozioni! Non è abbastanza facile per me, quindi quando sono in una relazione so che il mio partner è perso. Per questo ho scritto una piccola guida per aiutare le persone che vivono quotidianamente con una persona ipersensibile.

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Come punire in modo efficace i propri figli? Ecco alcuni consigli

Sono sempre tanto carini...quando dormono! Non c’è niente da fare, nemmeno le punizioni funzionano e tuo figlio continua a fare una marea di danni! La conseguenza? Non ti senti rispettata, alle volte quasi inutile. Tuttavia, c’è una buona notizia, ovvero che esistono delle soluzioni per ritrovare il tuo potere. Come punire un figlio in modo efficace? Vediamolo!

Perché mi sento sempre in colpa?

Il senso di colpa ti divora anche se non hai fatto niente di male? Perché finisci sempre per darti la colpa di tutto? Quali sono i motivi? C’è un modo per smettere e imparare a stare meglio. Ecco i nostri consigli!

Sindrome di Asperger: definizione, diagnosi e cura

Difficoltà a comunicare, la chiusura in una passione, rumori troppo aggressivi… Ti riconosci o pensi a qualcuno leggendo questa breve descrizione? Si tratta dei tratti caratteristici delle persone affette dalla sindrome di Asperger, una leggera forma di autismo. È importante capire a fondo questa sindrome per farsi accompagnare o accompagnare al meglio coloro che ne soffrono. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Cosa significa avere un carattere forte per una donna?

A quanto pare ho un carattere troppo forte. O almeno è quello che dicono le persone che si sentono aggredite quando do il mio parere o esprimo il mio scontento. Si direbbe quasi che preferiscano che finga pur di dar loro ragione…. Eppure, avere un carattere forte non è necessariamente qualcosa di negativo! Anzi, è positivo per la mia salute e per quella di chi ci circonda. Sì, ho un bel caratterino, e quindi?

Piangere davanti ai propri figli: segno di debolezza o lezione di vita?

Da bambino, tutto è un pretesto per versare una lacrimuccia. Gestire le emozioni è una cosa da adulti, soprattutto da genitori. O perlomeno, ci provano. Eppure, ho visto i miei piangere e non li biasimo affatto. Oltre a queste immagini strazianti, la loro «mancanza di pudore» mi è servita tanto nella vita. Grazie mamma, grazie papà: non sono un robot senza cuore! Per far sì che tutti i genitori smettano di farsi dei complessi e di sforzarsi per evitare di piangere, dirò la mia sulla questione. Non in qualità di esperta, ma come una bambina un po’ cresciuta che ha già visto crollare e scoppiare in lacrime i suoi genitori e che se lo ricorda ancora.

Perché mi innamoro sempre degli uomini che non mi amano?

Ogni volta la stessa storia, sei attratta da uomini che non si interessano a te, che non ti fanno stare bene, che sono totalmente inaccessibili? Ma perché ricadi sempre nello stesso schema drammatico? Nathalie Prussia-Collin, autorevole psicologa francese, ci spiega questo comportamento.

Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!