Quando la paura del conflitto mi impedisce di dire la mia

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Non appena percepisco tensione, scappo a gambe levate. Non amo i conflitti, anche se non sono d’accordo con il mio interlocutore. Di conseguenza mi tengo tutto dentro e questo mi non mi fa di certo bene. Senza farci consumare dall’interno, dovremmo imparare a superare la paura dei conflitti e far sentire la nostra voce. Perché si temono i conflitti? Come superare questa paura? Scopriamolo insieme.

 
 Sommario

Perché ho paura dei conflitti?

Quando si teme un conflitto, preferiamo optare per il silenzio ed evitare qualsiasi confronto. Ho creduto a lungo che fosse un modo per vivere in pace, senza emozioni forti. Comunque, anche comportarsi così genera dei sentimenti negativi 😣! A forza di non dire niente, il disagio, la frustrazione e la perdita di dignità si accumulano…

La paura di non essere più amati

La paura del conflitto proviene da credenze ben radicate dentro di noi, molto più profonde di quanto si possa pensare. Siamo paralizzati dai nostri pensieri: “non lo dico per non farlo arrabbiare”, “ho paura di ferire la mia amica e perderla”, “non mi apprezzeranno più se lo dico” ecc. C’è un’insicurezza permanente che cela la paura dell’abbandono.

➜ La paura di perdere le persone che amiamo esprimendo la nostra opinione può prendere piede durante l’infanzia o in seguito ad uno shock emotivo. Comunque, c’è anche un’altra ragione a generare quest’ansia…

La bassa autostima

Se si ha paura dei conflitti e di perdere chi ci sta vicino è anche a causa di una bassa autostima. Non ci sente abbastanza legittimi e validi per esprimere la nostra opinione. L’autostima è importante poiché permette di avere una struttura solida di sé in un litigio. Non bisogna discutere tanto per, né cercare di avere ragione se si ha torto.

🙌 Tuttavia, è importante esprimersi e dire ciò che si pensa. Altrimenti sale la rabbia e la frustrazione e questo provoca una cattiva gestione delle emozioni.

3 dritte per non avere più paura dei conflitti

Quando si pensa alla parola “conflitto” ci si immagina subito litigi violenti come un campo di battaglia. Si ha dunque l’impressione che sia una situazione insormontabile e che sia meglio non farsi coinvolgere per le ragioni precedentemente indicate. Tra l’altro, si sa che evitare i conflitti non è sempre la soluzione visto che può far aumentare la frustrazione 🤬.

1) Ammettere che il conflitto esiste

È la prima cosa da fare per sentirsi più legittimi nel momento di dire ciò che pensiamo. Non tutti abbiamo lo stesso modo di fare, di pensare, di essere e questo fa sì che ci siano necessariamente disaccordi. Quindi bisogna capire cosa ci contrappone agli altri cercando di decifrare cosa ci aspettiamo e di cosa abbiamo bisogno.

👏 È un modo di essere onesta con se stessi prima di esserlo con gli altri.

2) Aiutarsi con la comunicazione

Il miglior modo di tenere sana una relazione è comunicare. Si tratta di uno strumento prezioso quando ci sono conflitti. Comunque non bisogna esprimersi a caso. La chiave è la comunicazione non violenta, che permette di esprimere le proprie emozioni, ascoltare quelle della persona che abbiamo davanti e trovare una soluzione in due 👭. Ricordiamoci che l’ascolto attivo dell’altro è primordiale se vogliamo riuscire a liberarci del conflitto.

3) Lavorare su se stessi

Visto che siamo noi ad avere paura del conflitto, è necessario fare un lavoro di autoaffermazione 💪. Effettivamente, finché saremo così duri con noi stessi, sarà impossibile confrontarci con gli altri.  Sarà un lungo percorso complicato da fare da soli. Un aiuto psicologico è un ottimo modo di far evolvere il nostro modo di percepire per migliorare la nostra conoscenza di noi stessi e delle nostre emozioni ❤️.


Il consiglio della redazione: primo step, identificare la causa

Buone notizie: si può imparare a gestire un conflitto, una discussione, dei punti di disaccordo! Sia che si tratti della sfera professionale o personale. È importante identificare la causa di questa paura dei conflitti per poter agire, identificarne l’origine e attuare nuovi comportamenti. Questo lavoro su di sé non è facile da gestire da soli, ecco perché consigliamo di prendere appuntamento con uno psicologo.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!