5 buone ragioni di ascoltare le proprie emozioni sul lavoro

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Le emozioni non sono un freno al successo. Al contrario, possono essere un incredibile punto di forza quando siamo capaci di riconoscerle, capirle e, più complicato, controllare le reazioni che ne derivano. L’intelligenza emotiva ha sempre più successo nelle aziende: coltivare le emozioni positive è un ottimo modo per migliorare la motivazione, l’impegno e quindi le performance.

 
 Sommario


5 consigli per capire le proprie emozioni

La gioia, la paura, la rabbia, la tristezza: che siano positive o negative, tentare di nascondere le proprie emozioni sul lavoro sarebbe un grave errore. Ecco i cinque motivi:

1) Sono più forti di noi

Arrivano senza preavviso ed è impossibile scacciarle definitivamente se non troviamo una soluzione al bisogno di cui si fanno portavoce. E ancora peggio, se non reagiamo, rimangono immobili, bloccate in gola o sulla pancia. Ignorarle le rende ancora più invasive, una vera e propria bomba a orologeria pronta a scoppiare da un momento all’altro. Piuttosto che rischiare un incidente diplomatico con un collega, resta in ascolto e impara a domare le tue emozioni.

2) Le emozioni sono nostre amiche

Le emozioni positive ci fanno bene. Per esempio, quando sei contenta sul lavoro, le emozioni ti suggeriscono che sei sulla buona strada, che quello che stai facendo renderà felice. Le emozioni sgradevoli ci proteggono.

Si sa, l’esperienza lavorativa non è sempre una passeggiata, e capita di essere arrabbiati perché ci consideriamo vittima di un’ingiustizia o di una mancanza di rispetto. Senti quindi che hai bisogno di difenderti. Attenzione alle reazioni a caldo, cerca di analizzare la situazione con uno sguardo obbiettivo e capirai che a volte basta semplicemente porre dei limiti nell’ambiente lavorativo per evitare ogni inconveniente. Serenità al lavoro = meno stress

3) Ci rendono una persona completa e degna di fiducia

Fare buon viso a cattivo gioco in ufficio è controproducente. Se sai esprimere nel modo giusto le tue emozioni, sai farti capire. Riesci a valorizzare la tua personalità, gli altri sanno di poter avere con te un rapporto costruttivo che è una delle chiavi per il successo soprattutto nel lavoro di squadra.

4) Le emozioni dei tuoi interlocutori non devono sfuggirti

Essere attenti alle emozioni di chi ti circonda ti porterà lontano. Se sei capace di decifrare le paure e le gioie dei tuoi colleghi, sarai capace di trarre il meglio delle competenze di ciascuno. Anche conoscere i loro freni ti aiuta a sostenerli nei vari step della realizzazione di un progetto, ti permette di dare consigli mirati e aiutarli a superare i loro limiti. Conoscere le loro gioie invece vuol dire sapere quali competenze sollecitare per ottenere da loro un ottimo lavoro e soprattutto tutta la motivazione necessaria.

Se si tratta di un cliente, è altrettanto importante essere attenti alle sue emozioni sia a livello verbale che non verbale. Potrai anche trovare l’argomentazione giusta per riuscire nel tuo obiettivo. Non ci si rivolge allo stesso modo a un cliente che cerca un prodotto all’ultimo grido o a uno che privilegia la sicurezza prima di tutto.

5) Le emozioni ci distinguono dalle macchine

È fondamentale fare la differenza in una società come quella attuale in cui tantissimi servizi sono gestiti da robot. Certo, la tecnologia ha fatto passi da gigante ed è capace oggi di programmare delle risposte cariche di empatia ma l’uomo avrà sempre una maggiore sensibilità e riuscirà a comprendere prima la complessità di una situazione. Saprà essere attento agli sguardi, al tono della voce… Una questione di feeling ancora impossibile per la tecnologia.

Le tue emozioni lavorano quindi per e con te. Vogliono solo il tuo bene. Ascoltandole, potrai migliorare il tuo ambiente lavorativo, le relazioni con i colleghi, il rapporto con i tuoi superiori. Avrai un asso nella manica per trovare la felicità sul lavoro e migliorare nettamente i tuoi risultati.


Il consiglio della redazione: ascolta le tue sensazioni!

Concediti il tempo necessario per ascoltare le tue emozioni, impara a conoscerti meglio, ad accettarti, a capire cosa ti fa bene e cosa no, e quindi ad essere felice nella vita privata e sul lavoro.

Non nasconderle ma al contrario gridale al mondo! Sarà anche un modo per migliorare le tue relazioni sociali ed affermarti. Attenzione comunque a non esagerare. Quando un’emozione negativa ti pervade non c’è bisogno di rendere partecipe tutto l’open space o tutta la famiglia. Ovviamente è bene reagire, ma non in maniera troppo impulsiva. Prendi tempo per analizzarla e cerca di evitare di parlare senza pensare. Fare un passo indietro spesso aiuta a trovare la risposta più adeguata al tuo reale bisogno.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe



Non hai ancora visto tutto, scopri i nostri ultimi articoli: 

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!