Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Aggiornato il da Giada Paoli

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?
Sommario 


Come affrontare una vita senza amici?

Nel cortile della scuola, ero solita farmi degli amici in quattro e quattr’otto. Una breve presentazione mi era sufficiente, stringevamo quel famoso patto dell’amicizia e, mano nella mano, proseguivamo insieme fino al liceo.

Poi è arrivata l'università, con i suoi test di ingresso, la sua selezione di soli 150 studenti (di cui, ahimè, non ho mai imparato nemmeno un nome) e le sue 30 ore di lezioni frontali condivise prima di ripartire di nuovo ciascuno/a per la propria strada, verso nuovi orizzonti.

Se aggiungiamo che, crescendo, sviluppiamo una certa diffidenza verso gli altri, dalle classiche rivalità tra ragazze fino alla difficoltà di aprirsi con chi conosciamo solo da poco tempo, il gioco è fatto! Ah, com'è difficile farsi dei nuovi amici!

Oggi sono una persona adulta, non ho amici, intendo persone che considero al pari di mia sorella per essere chiara, ma ho molti conoscenti incontrati al lavoro, al bar, o semplicemente praticando i miei hobby e, a dirla tutta, non c'è un sabato sera che io passi da sola!


Ragazze che si abbracciano

In altre parole, la differenza tra un vero amico e un buon amico è il livello di confidenza. I problemi più intimi, come quelli legati alla sfera privata e famigliare, non si rivelano a un amico qualsiasi, per quanto possa essere fico.


Ma di chi è la colpa? È semplicemente una tua scelta?

🙃 Possiamo ritrovarci senza amici anche perché, ammettiamolo, non siamo poi così tanto simpatici. Magari stiamo sempre lì a lamentarci, a giudicare gli altri e a soffermarci sui piccoli (e inutili) dettagli, risultando essere troppo chiusi di mente e rendendo impossibile qualsiasi forma di dialogo... In questo caso, essere in tua compagnia non è raccomandabile né tanto meno desiderabile. La buona notizia è che puoi lavorarci!

😆 Potresti anche non avere amici perché è una tua scelta, soprattutto se sei una persona solitaria, dalle spiccate tendenze egoistiche. Come tutti coloro che hanno scelto di essere single, o di essere single in due, ti piace semplicemente fare le cose a modo tuo e non hai bisogno del parere e del permesso di nessuno. Ad esempio, lo shopping preferisci farlo da sola e al tuo ritmo, oppure al cinema o al ristorante stai meglio senza qualcuno che ti parli tutto il tempo…

👉 Se non ti rivedi in nessuno di questi casi, allora significa che forse fai difficoltà ad andare verso gli altri: una timidezza da superare, o un lavoro sull'autostima da compiere. Ma anche per questo esiste un rimedio.


Citazione

"La violenza pretende di essere la soluzione di un problema, mentre è proprio lei il problema."

Maxwell Maltz


Crescere significa farsi una propria vita

Ed è proprio per questo che non devi addossarti tutte le colpe... Ora che sei cresciuto/a, sei in grado di dire a te stesso/a che è normale allontanarsi dagli altri, soprattutto da coloro che non ti piacciono. Ognuno ha la sua vita, il suo quotidiano e le sue occupazioni!

Il segreto della felicità è contare su sé stessi e seguire i propri desideri.  Trasferirsi in una città che ti piace, e non per forza vicino a Tizio o a Caio conosciuto al liceo, che forse non l’avrebbe nemmeno fatto se fosse stato al posto tuo. Il tuo lavoro e le tue attività vanno scelti in base alla tua persona, ed è questo il modo migliore per evitare delusioni.

Grazie al tuo partner (che, tra l'altro, può inserirti anche nella sua cerchia di conoscenti in caso) o alla tua famiglia vicina, non mi sono mai sentito/a solo/a. Per il momento la tua “seconda famiglia” non si è ancora formata, ma ciò non significa che un giorno non potrai avere nuovi fratelli e sorelle con cui condividere la tua vita. Non puoi né predire con chi parlerai tra 10 anni né sapere cosa diventeranno per te le persone che hai frequentato solo per un drink, per questo goditi la vita e non farne un dramma!


Il consiglio della redazione – "Disponiamo in realtà solo di due amici intimi"

Al giorno d'oggi, sempre più persone ammettono di non avere più dei “veri” amici, a parte i loro contatti sui social network. L'accumulo di “falsi legami” condizionerebbe negativamente le relazioni di amicizia più strette.

Will Reader, dottore in psicologia, sottolinea che “quando le amicizie nascono al di fuori del mondo virtuale, questo può aiutare a mantenere le relazioni, ma i legami reali si fanno rari e preziosi”. Da qui l'importanza di fare un passo verso gli altri e di tornare ad avere dei rapporti semplici e sinceri.

In ogni caso, non sentirti in colpa perché la maggior parte degli adulti ha solo due amici intimi. La vita è fatta di incontri, bisogna approfittare del momento presente, delle persone che si trovano sulla nostra strada, e pensare che se devono restare, lo faranno. In caso contrario, saranno altri a prendere il loro posto e così via.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: vice.com/it

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!