Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Aggiornato il da Giada Paoli

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Come affrontare una vita senza amici?

Nel cortile della scuola, ero solita farmi degli amici in quattro e quattr’otto. Una breve presentazione mi era sufficiente, stringevamo quel famoso patto dell’amicizia e, mano nella mano, proseguivamo insieme fino al liceo.

Poi è arrivata l'università, con i suoi test di ingresso, la sua selezione di soli 150 studenti (di cui, ahimè, non ho mai imparato nemmeno un nome) e le sue 30 ore di lezioni frontali condivise prima di ripartire di nuovo ciascuno/a per la propria strada, verso nuovi orizzonti.

Se aggiungiamo che, crescendo, sviluppiamo una certa diffidenza verso gli altri, dalle classiche rivalità tra ragazze fino alla difficoltà di aprirsi con chi conosciamo solo da poco tempo, il gioco è fatto! Ah, com'è difficile farsi dei nuovi amici!

Oggi sono una persona adulta, non ho amici, intendo persone che considero al pari di mia sorella per essere chiara, ma ho molti conoscenti incontrati al lavoro, al bar, o semplicemente praticando i miei hobby e, a dirla tutta, non c'è un sabato sera che io passi da sola!

Ragazze che si abbracciano

In altre parole, la differenza tra un vero amico e un buon amico è il livello di confidenza. I problemi più intimi, come quelli legati alla sfera privata e famigliare, non si rivelano a un amico qualsiasi, per quanto possa essere fico.

Ma di chi è la colpa? È semplicemente una tua scelta?

🙃 Possiamo ritrovarci senza amici anche perché, ammettiamolo, non siamo poi così tanto simpatici. Magari stiamo sempre lì a lamentarci, a giudicare gli altri e a soffermarci sui piccoli (e inutili) dettagli, risultando essere troppo chiusi di mente e rendendo impossibile qualsiasi forma di dialogo... In questo caso, essere in tua compagnia non è raccomandabile né tanto meno desiderabile. La buona notizia è che puoi lavorarci!

😆 Potresti anche non avere amici perché è una tua scelta, soprattutto se sei una persona solitaria, dalle spiccate tendenze egoistiche. Come tutti coloro che hanno scelto di essere single, o di essere single in due, ti piace semplicemente fare le cose a modo tuo e non hai bisogno del parere e del permesso di nessuno. Ad esempio, lo shopping preferisci farlo da sola e al tuo ritmo, oppure al cinema o al ristorante stai meglio senza qualcuno che ti parli tutto il tempo…

👉 Se non ti rivedi in nessuno di questi casi, allora significa che forse fai difficoltà ad andare verso gli altri: una timidezza da superare, o un lavoro sull'autostima da compiere. Ma anche per questo esiste un rimedio.


Citazione

"La violenza pretende di essere la soluzione di un problema, mentre è proprio lei il problema."

Maxwell Maltz


Crescere significa farsi una propria vita

Ed è proprio per questo che non devi addossarti tutte le colpe... Ora che sei cresciuto/a, sei in grado di dire a te stesso/a che è normale allontanarsi dagli altri, soprattutto da coloro che non ti piacciono. Ognuno ha la sua vita, il suo quotidiano e le sue occupazioni!

Il segreto della felicità è contare su sé stessi e seguire i propri desideri.  Trasferirsi in una città che ti piace, e non per forza vicino a Tizio o a Caio conosciuto al liceo, che forse non l’avrebbe nemmeno fatto se fosse stato al posto tuo. Il tuo lavoro e le tue attività vanno scelti in base alla tua persona, ed è questo il modo migliore per evitare delusioni.

Grazie al tuo partner (che, tra l'altro, può inserirti anche nella sua cerchia di conoscenti in caso) o alla tua famiglia vicina, non mi sono mai sentito/a solo/a. Per il momento la tua “seconda famiglia” non si è ancora formata, ma ciò non significa che un giorno non potrai avere nuovi fratelli e sorelle con cui condividere la tua vita. Non puoi né predire con chi parlerai tra 10 anni né sapere cosa diventeranno per te le persone che hai frequentato solo per un drink, per questo goditi la vita e non farne un dramma!


Il consiglio della redazione: "Disponiamo in realtà solo di due amici intimi"

Al giorno d'oggi, sempre più persone ammettono di non avere più dei “veri” amici, a parte i loro contatti sui social network. L'accumulo di “falsi legami” condizionerebbe negativamente le relazioni di amicizia più strette.

Will Reader, dottore in psicologia, sottolinea che “quando le amicizie nascono al di fuori del mondo virtuale, questo può aiutare a mantenere le relazioni, ma i legami reali si fanno rari e preziosi”. Da qui l'importanza di fare un passo verso gli altri e di tornare ad avere dei rapporti semplici e sinceri.

In ogni caso, non sentirti in colpa perché la maggior parte degli adulti ha solo due amici intimi. La vita è fatta di incontri, bisogna approfittare del momento presente, delle persone che si trovano sulla nostra strada, e pensare che se devono restare, lo faranno. In caso contrario, saranno altri a prendere il loro posto e così via.

 
🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Cos'è la sindrome di Puffetta al lavoro?

Ah, i Puffi! Tutti conoscono i fumetti di Peyo con i simpatici personaggi blu. Ma se ci pensi, c'è qualcosa di strano: il fatto che ci sia una sola Puffetta per un intero villaggio. Un autore l'ha notato più di 30 anni fa e l'ha usato per parlare della scarsa rappresentazione delle donne. Purtroppo il principio della puffetta può essere riscontrata in molti ambiti, compreso quello lavorativo. Ecco come funziona.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!