Come imparare a parlare in pubblico?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Quando si tratta di parlare in pubblico, non riesci proprio a mantenere il sangue freddo, non riesci a mantenere la calma e di conseguenza diventa un incubo… Niente panico, perché grazie ai nostri 10 consigli riuscirai a parlare in pubblico senza difficoltà!

Come imparare a parlare in pubblico?

10 consigli per imparare a parlare in pubblico

I nostri consigli ti aiuteranno a prendere parola in pubblico. Non è semplice parlare davanti a tante persone, infatti sono molti quelli che soffrono di glossofobia, ovvero la paura di parlare in pubblico! Fai un respiro profondo e vedrai che andrà tutto bene grazie ai nostri 10 consigli:

1) Prepara il discorso

Prendere parola in pubblico è un esercizio che richiede un minimo di preparazione. Così come uno sportivo deve riscaldarsi prima della competizione, anche prima di un discorso in pubblico bisogna prepararsi, ripeterlo più volte e conoscerlo bene. Preparare il discorso è un modo per sentirsi più sicuri e tranquilli quando il momento sarà arrivato.

⚠️ Non si tratta di imparare tutto a memoria e di ripeterlo a macchinetta. Tuttavia, bisogna conoscerlo a grandi linee e sapere con precisione i punti fondamentali. Cerca di dire quello che pensi e parla nel modo più naturale possibile.

La redazione ti consiglia - Non riesco a dire ciò che penso: e se ci provassimo?

2) Cura attentamente l’inizio del discorso

È importante fare attenzione alla prima impressione che dai al pubblico. Scegli un avvenimento importante, dei dati quantificati o dei fatti d’attualità per dare inizio al tuo discorso e catturare l’attenzione. Questo sarà efficace soprattutto se richiama l’attenzione del pubblico e gli fa venire voglia di seguire il tuo discorso. Ci si aspetta che tu sia coinvolgente sin dall’inizio (e possibilmente fino alla fine).

3) Fai attenzione alle brutte abitudini

La forma è importante tanto quanto il contenuto, cerca di essere convincente riguardo gli argomenti trattati. Per esempio, cerca di non perderti ne i tuoi tic linguistici e di domarli, così come tutte le cattive abitudini che tutti abbiamo e che potrebbero ostacolare la trasmissione del messaggio durante un discorso in pubblico.

Anche lo sguardo gioca un ruolo fondamentale: cerca di guardare tutto il pubblico, in modo che tutti si sentano coinvolti da ciò che dici. L’obbiettivo è quello di instaurare una certa complicità tra te e il pubblico.

4) Mantieni la concentrazione

Non lasciarti destabilizzare da eventuali distrazioni esterne, cerca di avere il controllo della situazione. Devi essere imperturbabile, questo è il segreto! Concentrati solo ed esclusivamente su ciò che devi dire, non lasciarti distrarre o disturbare dai colpi di tosse o dai bisbigli in sala. Concentrarti unicamente sul tuo discorso ti permetterà di trasmettere al meglio il tuo messaggio al pubblico.

5) Parla in modo chiaro e udibile

Perché parlare a tutta velocità? Non ci insegue nessuno!

Prenditi il tempo necessario per esprimerti nel modo più chiaro possibile, il pubblico non deve riscontrare nessuna difficoltà nel seguire il tuo discorso. D’altro canto, fai attenzione, perché non avrai sempre a che fare con lo stesso tipo di persone, quindi è importante che il tuo discorso sia accessibile a tutti. Per questo, cerca di parlare a una velocità moderata, in modo che l’audience possa comprendere senza fare alcuno sforzo.

Il ritmo del discorso è fondamentale, così come il volume della voce: devi cercare di essere udibile in qualunque circostanza, in modo che nessun rumore proveniente dall’esterno possa coprire ciò che dici.

6) Punta al pragmatismo

Cerca di non fare un discorso puramente teorico. Ciò che fa la differenza è l’essere capaci di mettere in pratica le teorie esposte. Costruisci un discorso argomentato che abbia sia della teoria che della pratica. Il fatto di illustrare i tuoi propositi ti permetterà di interpellare in modo efficace il pubblico, che potrà in questo modo identificarsi più facilmente nei tuoi esempi.

😊 L’avrai capito ormai, non esitare ad inserire degli aneddoti! Non c’è niente di più noioso di un lungo discorso fatto solo di teoria e senza un minimo di concretezza, no?

7) Fai delle pause

Il tuo discorso deve essere piacevole dall’inizio alla fine. Facilitati il lavoro permettendoti dei momenti di pausa, prendendo un po’ più di tempo per poterti esprimere chiaramente. È importante durante un discorso fare qualche pausa di silenzio in modo da permettere al pubblico d'integrare ciò che è appena stato detto, così che anche tu possa prendere un attimo fiato e gestire meglio lo stress dato dalla situazione. Rallenta il ritmo del discorso, stabilisci alcuni momenti di silenzio durante la presentazione: questo sarà per te, così come per il pubblico, un momento in cui riprendere fiato. Procedendo in questo modo, diminuiscono i rischi di balbettare, di inciampare nelle parole, o di dimenticare pezzi del discorso.

8) Interagisci con il pubblico

Durante il discorso, cerca dei complici nel pubblico. Alcune persone ti seguiranno con attenzione, cerca di individuarle  e quindi di farle partecipare, per esempio ponendo loro delle domande o magari personificando gli esempi su di loro. Un discorso piacevole è un discorso nel quale il pubblico si sente considerato, in cui diventa partecipante attivo e non semplice spettatore.

9) La comunicazione non-verbale è fondamentale

Un messaggio si trasmette attraverso la parola, certamente, ma anche la comunicazione non verbale riveste un ruolo fondamentale. Questa corrisponde alla tua attitudine, l’insieme della gestualità così come la postura. Un discorso ha sempre più successo quando risulta essere dinamico, grazie anche all’animosità di chi lo presenta. Devi dare al pubblico la voglia di ascoltarti e di continuare a farlo per tutto il tempo del tuo discorso.

🤗 Sii gioviale ed entusiasta. Non chiuderti nella staticità, ma se ne hai la possibilità cerca piuttosto di muoverti per la sala, utilizza il corpo per comunicare in modo efficace il tuo messaggio. Cerca di avere un tono energico e di modulare la voce in modo da non essere monocorde.

10) Cura attentamente la conclusione

Così come l’inizio, anche la conclusione deve essere curata con attenzione, perché ha un'importanza essenziale. In effetti, è il momento in cui tutta l’argomentazione che hai presentato precedentemente si concentra in un messaggio semplice e conciso. È l’ultima immagine che il pubblico riceverà, cerca quindi di evocare gli elementi essenziali che desideri che rimangano impressi.

Vedi anche - Ansia anticipatoria: perché penso sempre al peggio?


Il consiglio della redazione – Abbi fiducia in te!

Parlare in pubblico non è semplice e, per alcune persone, è un vero e proprio incubo! Stress, angoscia, insonnia, e anche altri sintomi vengono causati dalla sola idea di dove fare questo fatidico discorso. In genere, una persona che soffre di ansia generalizzata, in un’occasione come questa, rischia di soffrire di una forte mancanza di autostima. Dunque, prima di lavorare sul proprio discorso, è bene lavorare su se stessi per poter riuscire a credere nelle proprie capacità. È un lavoro complesso, quindi se pensi di sentirne il bisogno o la necessità, non esitare a contattare uno psicologo.

 
🤗Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e adesso! 
#BornToBeMe


Fonte: ninjamarketing

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Cos'è la sindrome di Puffetta al lavoro?

Ah, i Puffi! Tutti conoscono i fumetti di Peyo con i simpatici personaggi blu. Ma se ci pensi, c'è qualcosa di strano: il fatto che ci sia una sola Puffetta per un intero villaggio. Un autore l'ha notato più di 30 anni fa e l'ha usato per parlare della scarsa rappresentazione delle donne. Purtroppo il principio della puffetta può essere riscontrata in molti ambiti, compreso quello lavorativo. Ecco come funziona.

6 consigli per superare la propria timidezza

L'idea di parlare in pubblico, o di parlare con gli sconosciuti, mi mette fuori di me. Divento paonazzo, inizio a tremare, mi si forma un nodo nello stomaco. Odio essere timido, non riuscire a mostrarmi disinvolto, parlare lo stretto necessario e non trovare mai il momento giusto per intervenire. Ecco perché, lavorando su me stesso, ho trovato 6 semplici trucchi per superare e a volte nascondere la mia timidezza.

10 pensieri positivi da tenere a mente per una carica quotidiana

Vedere il bicchiere mezzo pieno, anziché mezzo vuoto, è un pensiero positivo perfetto! I pensieri positivi ci aiutano nella vita di tutti i giorni, dandoci una spinta e motivandoci a realizzare progetti che ci stanno a cuore da tempo. Quindi, per aiutarti nel tuo percorso di realizzazione, ecco 10 pensieri da tenere a mente per accompagnarti sempre e ovunque!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!