Perché mi scuso sempre? La sindrome del "mi dispiace"

Aggiornato il da Giada Paoli

"Oh scusa, scusa, davvero, mi scuso...". 3 scuse in poche parole sono quasi un record! Eppure è una frase che ho già detto in passato e che a volte ripeto ancora. Anche se sto lavorando su me stesso, ho la fastidiosa tendenza a scusarmi in continuazione. Scommetto che non sono l'unica persona che lo fa, ma perché ci comportiamo così? Cosa c'è dietro? Parliamone e impariamo a scusarci in modo corretto.

Perché mi scuso sempre? La sindrome del "mi dispiace"

La traduzione della mancanza di fiducia in se stessi

Questa è la ragione più ovvia, la mancanza di fiducia in se stessi 😅. Se sei una persona che si scusa sempre, di solito è perché soffri della sindrome dell'impostore. Abbiamo bisogno di scusarci per compensare la differenza che sentiamo rispetto agli altri. La nostra bassa autostima ci dà la sensazione di non meritare quanto chi ci circonda. Personalmente, è proprio così che mi sento. Mi sento meno degna, meno legittima, sia nella mia vita personale che in quella professionale 🤕.
Une femme gênée

In un certo senso mi scuso di esistere e, anche se ne ho preso coscienza, è ancora difficile combattere questo vecchio meccanismo, perché l'ansia si aggiunge ad esso...

Quando l'ansia si fa sentire...

Naturalmente la mancanza di fiducia in se stessi è il motivo principale per cui ci si scusa continuamente, ma anche l'ansia può essere d'intralcio. Ciò significa che hai paura dello sguardo dagli altri e che hai l'impressione che ti giudichino. La fobia sociale riflette la paura di essere percepiti negativamente, quindi finiamo per scusarci. Riteniamo che questo gesto annulli un potenziale conflitto.

Ancora una volta, sono affetta da questo tipo di ansia 😣. So che è legata alla mia scarsa immagine di sé, ma ho sempre la sensazione di non piacere agli altri. In effetti, preferiamo scusarci per un errore che non abbiamo commesso o che non esiste, piuttosto che qualcuno provi disapprovazione nei nostri confronti. Allo stesso tempo, spesso ci viene insegnato a farlo perché è una convenzione sociale.

La scusa, radicata fin dall'infanzia

In realtà, l'ultimo parametro che influisce sul nostro modo di comportarci e ci spinge a scusarci indiscriminatamente è la nostra educazione. Fin da piccoli ci viene insegnato a chiedere scusa. È un modo per imparare le convenzioni sociali e mostrare umiltà. È importante che un bambino impari questo, ma se i genitori non gli inculcano anche il diritto di dire di no e di verbalizzare le proprie esigenze, si troverà sempre a scusarsi 🤔. Metterà sempre il suo benessere dopo quello degli altri, per rispettare i protocolli sociali.

È quello che è successo a me. I miei genitori non mi hanno insegnato a esprimere i miei bisogni e le mie emozioni, ma so che nemmeno loro sono stati educati in questo modo. A parte il fatto che abbiamo il diritto di dire cosa ci piace o non ci piace e di imporre i nostri limiti, è importante definire questi valori ai tuoi figli.

📌

Secondo uno studio del 2010 pubblicato su Psychological Science, le donne si scusano più spesso degli uomini. Certo, lo fanno quando hanno commesso un errore, ma si identificano meno spesso quando ne hanno commesso uno, anche perché hanno una soglia di tolleranza più bassa per i comportamenti offensivi. Tutto questo è anche una questione di educazione: se l'educazione alla parità di genere venisse maggiormente valorizzata, le differenze scomparirebbero.

Come possiamo smettere di scusarci in continuazione?

So quanto sia facile scusarsi, soprattutto quando si ha questa abitudine da sempre 😩 . Per molto tempo sono stato coinvolto nel circolo vizioso delle scuse, ma questo non fa altro che spingerci verso ciò che temiamo. Gli altri percepiscono quando qualcuno non ha fiducia in se stesso e le scuse ripetute non fanno altro che metterci in cattiva luce. Finisce persino per infastidire, ma c'è un altro pericolo. Il fatto è che se ci svalutiamo attraverso le nostre scuse, possiamo finire per imbatterci in persone tossiche che non esiteranno a manipolarci 😥.

In breve, è importante non scusarsi sempre. Farlo quando commettiamo un errore o feriamo qualcuno è normale, ma bisogna trovare un equilibrio. Dobbiamo mettere da parte le nostre abitudini e lavorare per affermare noi stessi, ringraziando piuttosto che scusandoci, ad esempio! Tuttavia, imparare a volersi bene può essere un processo lungo, soprattutto se lo fai da solo. Ecco perché non dovresti esitare a chiedere un supporto che ti aiuti a riconoscere le tue qualità e a credere nelle tue capacità.


Il consiglio della redazione:  non devi scusarti per essere te stesso

Non devi scusarti per respirare, hai il diritto di esprimere ciò che senti, le tue opinioni, i tuoi bisogni e non devi scusarti per questo, stanne certo. Le scuse continue sminuiscono il loro valore, quindi è importante imparare a gestirle in modo appropriato. Speriamo che i consigli di Camille ti aiutino nel tuo percorso. Se trovi l'esercizio troppo difficile, non esitare a contattare uno psicologo che ti aiuterà ad esplorare le ragioni di questo comportamento e a mettere in atto una strategia per interrompere la spirale. Ricorda che hai il diritto di occupare spazio e di esprimerti. Non devi scusarti per essere te stesso.
 
🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Come si vive con una persona ipersensibile? Ecco i nostri consigli!

Piangere davanti a una pubblicità? Fatto ✅. Essere disturbati da qualsiasi rumore? Certo ✅. Non sei in grado di gestire le tue emozioni negative? Certo ✅. Tutte le persone ipersensibili lo sperimentano quotidianamente. Almeno, io lo faccio. Esatto, faccio parte della squadra delle emozioni! Non è abbastanza facile per me, quindi quando sono in una relazione so che il mio partner è perso. Per questo ho scritto una piccola guida per aiutare le persone che vivono quotidianamente con una persona ipersensibile.

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Come punire in modo efficace i propri figli? Ecco alcuni consigli

Sono sempre tanto carini...quando dormono! Non c’è niente da fare, nemmeno le punizioni funzionano e tuo figlio continua a fare una marea di danni! La conseguenza? Non ti senti rispettata, alle volte quasi inutile. Tuttavia, c’è una buona notizia, ovvero che esistono delle soluzioni per ritrovare il tuo potere. Come punire un figlio in modo efficace? Vediamolo!

Perché mi sento sempre in colpa?

Il senso di colpa ti divora anche se non hai fatto niente di male? Perché finisci sempre per darti la colpa di tutto? Quali sono i motivi? C’è un modo per smettere e imparare a stare meglio. Ecco i nostri consigli!

Sindrome di Asperger: definizione, diagnosi e cura

Difficoltà a comunicare, la chiusura in una passione, rumori troppo aggressivi… Ti riconosci o pensi a qualcuno leggendo questa breve descrizione? Si tratta dei tratti caratteristici delle persone affette dalla sindrome di Asperger, una leggera forma di autismo. È importante capire a fondo questa sindrome per farsi accompagnare o accompagnare al meglio coloro che ne soffrono. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Cosa significa avere un carattere forte per una donna?

A quanto pare ho un carattere troppo forte. O almeno è quello che dicono le persone che si sentono aggredite quando do il mio parere o esprimo il mio scontento. Si direbbe quasi che preferiscano che finga pur di dar loro ragione…. Eppure, avere un carattere forte non è necessariamente qualcosa di negativo! Anzi, è positivo per la mia salute e per quella di chi ci circonda. Sì, ho un bel caratterino, e quindi?

Piangere davanti ai propri figli: segno di debolezza o lezione di vita?

Da bambino, tutto è un pretesto per versare una lacrimuccia. Gestire le emozioni è una cosa da adulti, soprattutto da genitori. O perlomeno, ci provano. Eppure, ho visto i miei piangere e non li biasimo affatto. Oltre a queste immagini strazianti, la loro «mancanza di pudore» mi è servita tanto nella vita. Grazie mamma, grazie papà: non sono un robot senza cuore! Per far sì che tutti i genitori smettano di farsi dei complessi e di sforzarsi per evitare di piangere, dirò la mia sulla questione. Non in qualità di esperta, ma come una bambina un po’ cresciuta che ha già visto crollare e scoppiare in lacrime i suoi genitori e che se lo ricorda ancora.

Perché mi innamoro sempre degli uomini che non mi amano?

Ogni volta la stessa storia, sei attratta da uomini che non si interessano a te, che non ti fanno stare bene, che sono totalmente inaccessibili? Ma perché ricadi sempre nello stesso schema drammatico? Nathalie Prussia-Collin, autorevole psicologa francese, ci spiega questo comportamento.

Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!