L'intensificazione dell'impegno o come andare dritti contro il muro!

Aggiornato il da Giada Paoli

Potresti dire a te stesso: "Tanto vale andare fino in fondo", ma non ti stai forse prendendo in giro? Molto spesso ci convinciamo di dover portare a termine ciò che abbiamo iniziato, perché ci fa sudare aver sprecato tempo e denaro. Ma questa è una pessima idea e un fenomeno che può essere spiegato con l'intensificazione dell'impegno. Che cos'è? Perché continuiamo ad andare nella direzione sbagliata? Diamo un'occhiata alle conseguenze di questo impegno e scopriamo come uscirne. Spiegazioni.

L'intensificazione dell'impegno o come andare dritti contro il muro!

Che cos'è l'intensificazione dell'impegno?

L'intensificazione dell'impegno è stata descritta per la prima volta dal ricercatore americano Barry M. Staw nel suo articolo del 1976 "Knee deep in the big muddy: a study of escalating commitment to a chosen course in action". Si tratta di un comportamento in cui ci ostiniamo a prendere decisioni in relazione a una strategia iniziale, ma che ci porta dritti a un fiasco 😅.

Viene spesso utilizzato come concetto per spiegare i fallimenti di aziende come Kodak, che non ha creduto nel digitale e ha continuato con la fotografia a pellicola nei primi anni 2000 📸. Tuttavia, è anche un comportamento che ritroviamo nella nostra vita, ecco un esempio che mi è capitato (e che può capitare a molte persone):

📌

Ora ti racconterò di una delle mie precedenti relazioni sentimentali. Avevo una relazione con una persona che non amavo alla follia e con la quale avevo delle divergenze. Continuavo a ripetermi che ero stufa e che avrei dovuto lasciarlo. Ma d'altro canto, mi dicevo anche che era un peccato aver sprecato tutto quel tempo, quindi tanto valeva restare. Più passava il tempo, più sprofondavo nell'escalation dell'impegno. Ho continuato, anche se sapevo che la relazione non sarebbe durata. Bingo, un giorno è stato lui a scaricarmi e ad andarsene 🙃. Ho insistito, anche se era chiaramente la scelta sbagliata...

Perché insistiamo?

L'escalation dell'impegno è un fenomeno ancora oggi oggetto di studio; non abbiamo tutte le cause, ma ci sono già degli elementi che spiegano perché amiamo andare dritti al muro. Il nostro cervello ama i pregiudizi di conferma e si consola pensando "tanto alla fine andrà tutto bene!". 🤨. È più rassicurante convincersi di aver preso la decisione giusta e che funzionerà, piuttosto che affrontare la realtà. Nascondiamo completamente gli indicatori negativi, è un po' come se il nostro cervello ci facesse indossare i paraocchi...

Peggio ancora, ci concentriamo su parametri come il tempo trascorso, gli effetti o il denaro investito. Ci rifiutiamo di vedere l'errore, anche se è lì davanti a noi, perché pensiamo di aver perso troppo. In realtà, è una distorsione cognitiva che ci porta ad adottare questo modo di ragionare: il pregiudizio del colpo irrecuperabile. In sostanza, si tratta di una somma pagata nel passato o in un tempo passato, che non è più rilevante per le decisioni sul futuro. Tuttavia, attribuiamo maggiore importanza a una perdita che a un guadagno, quindi ci atteniamo a questo principio.

Personnes qui s'ennuient au cinéma

Sei al cinema, il film fa schifo, ma piuttosto che andartene, rimani, perché in fondo "tanto abbiamo pagato! Questa è l'escalation dell'impegno 😬.

Come si esce dall'intensificazione dell'impegno?

Può sembrare banale, soprattutto con l'ultimo esempio, ma l'escalation dell'impegno ci spinge a prendere decisioni dannose, che contribuiscono a renderci infelici o, peggio ancora, a metterci in pericolo. Esistono infatti individui o organizzazioni, aziende o culti, che conoscono questo meccanismo e ne abusano 😥. È così che puoi finire per essere derubato al Casinò o per cadere sotto il controllo di un narcisista perverso. È quindi importante essere consapevoli di questo fenomeno, fare le scelte giuste ma soprattutto evitare di essere sfruttati.

Ci sono tre modi per evitare di sprofondare nell'intensificazione dell'impegno:

👉 1. Fatti dei criteri oggettivi per uscire dal progetto: in altre parole, datti una scadenza per fermarti e impara a dire di no. Ad esempio: se tra quindici giorni non avrò finito questo libro, lo abbandonerò. Se tra 6 mesi ci saranno ancora tanti litigi nella mia relazione, mi lascerò. Se ho speso i miei 100€ al casinò, non scommetterò più. Insomma, è un modo per non impegnarsi, costi quel che costi.

👉 2. Circondati di persone obiettive: in altre parole, persone che non hanno interessi personali nel tuo progetto. In questo modo, possiamo chiedere la loro opinione e basarci su queste discussioni per renderci conto di quanto abbiamo già perso e di quanto stiamo per perdere. Ovviamente evitiamo di chiedere a qualcuno che ha dei progetti sul nostro partner se è il caso di rimanere nella relazione! Non esitiamo a moltiplicare le nostre opinioni per fare un passo indietro.

👉 3. Non ci dedichiamo solo a una cosa: in genere si tratta di grandi progetti come la coppia, il lavoro, l'acquisto di una casa, ecc. Questo ci dà qualcosa a cui aggrapparci in caso di fallimento e ci impedisce di essere sopraffatti dall'ansia di perdere il nostro progetto più grande. In questo modo, siamo in grado di risolvere meglio le cose e di uscire da un progetto che si concluderà con un fallimento.


Il consiglio della redazione: identifica questa tendenza e reagisci

In un momento o nell'altro, tutti ci siamo lasciati risucchiare da una spirale di impegni senza necessariamente rendercene conto. Grazie a Camille, ora sai come individuarla, identificarla e uscirne, e questo è il primo e più importante passo. Se ti rendi conto che la spirale dell'impegno è molto presente nella tua vita, allora vale la pena parlarne con uno psicologo. Alcune sedute ti aiuteranno a capire da dove nasce questo meccanismo, perché è così radicato e quali cambiamenti mettere in atto per uscirne.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo


Potrebbe interessarti :

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Come trovare la tua zona della genialità per essere efficace?

Oggi tutti aspiriamo a un lavoro che abbia senso, in cui ci sentiamo naturalmente bene e in cui lavoriamo senza difficoltà. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo attingere alle nostre capacità naturali per trovare la nostra "zona di genio". Questo ci permetterebbe di lavorare senza sforzo e di essere in armonia con noi stessi. Sembra un sogno, vero? Ero curiosa di saperne di più su questo concetto lanciato dalla psicologa Gay Hendricks, quindi te ne parlerò! Vediamo se riesci davvero a trovare la tua zona di genio!

Ho degli scatti d’ira, come controllarli?

Chi non è mai stato sopraffatto dalla rabbia chiuda quest’articolo! A tutte capita, prima o poi, di provare quest’emozione forte e incontrollabile. Non è né buona, né cattiva ma è giusto che esista. È sano provare rabbia quando ci sentiamo tradite o vittime di un’ingiustizia. Al contrario, quando gli scatti d’ira sono ricorrenti, è bene imparare a controllarli. Soprattutto quando la rabbia ferisce noi o chi ci sta intorno diventa problematica.

Come reagire alle critiche sul lavoro? Ecco come affrontarle

A nessuno piace essere criticati, soprattuttto al lavoro dove siamo soliti gestire le nostre emozioni e restare fermi ed impassibili. Tuttavia, anche al lavoro riceviamo critiche, che sono un ottimo modo di mettersi in discussione e migliorarsi. Un consiglio per i più suscettibili: mantenete il sangue freddo e accettate le critiche a testa alta!

E se prendere le distanze fosse il modo migliore per proteggersi?

Lo dico forte e chiaro: fare un passo indietro per proteggersi è un grande SI! Lo dico perché l'ho già fatto con persone che amavo, ma con le quali le cose non funzionavano. Non sto parlando necessariamente di relazioni tossiche, perché ci sono diverse situazioni in cui è una buona idea prendere le distanze. Quindi, perché può essere utile? Quando dovresti farlo? A volte le relazioni sono difficili da mettere in discussione. Ma per il nostro bene è fondamentale farlo. Lascia che ti spieghi.

Possiamo piangere al lavoro?

“Avresti potuto fare di meglio”, osserva la tua collega ad alta voce. Osservazione questa che diventa la goccia che fa traboccare il vaso: le lacrime agli occhi, un nodo in gola e ti appresti ad avere una crisi di pianto. Ma è possibile piangere al lavoro? Come gestire questo flusso di emozioni? La prossima volta, potrai seguire i nostri semplici consigli.

Naturismo: come imparare a sentirsi liberi senza imbarazzo

Non hai ancora prenotato le vacanze? Per riacquistare fiducia in te stessa non c’è soluzione migliore che il naturismo. Secondo diversi studi, la nudità è la migliore amica della fiducia in se stessi. Quindi è deciso: questa estate sarà senza veli!

Discorso di matrimonio: 7 idee per un discorso perfetto

Una delle tue più care amiche si sposa e tu sei la testimone? Bene, sarai al settimo cielo! Tranne per un piccolo dettaglio...ti tocca scrivere il discorso per testimoniare l’amore dei novelli sposi! Non farti prendere dal panico, è meno complicato di quello che sembra. Per darti un piccolo spunto, ecco 7 idee dalle quali puoi attingere per trovare il discorso perfetto!

Il cervello rettiliano è responsabile dei nostri comportamenti primari?

“Avrei voglia di qualcosa di dolce, di zucchero… il cervello rettiliano mi sta mandando un messaggio”. Chi non sarebbe rimasto a bocca aperta sentendo questa frase? Avevo già sentito parlare del cervello rettiliano, ma non ho mai approfondito. Il suo ruolo sarebbe quello di dettare comportamenti vitali: nutrirsi, bere, riprodursi… ma lo abbiamo davvero questo cervello rettiliano? Recenti ricerche in neuroscienza rimettono tutto in discussione.

La mia famiglia mi volta le spalle: come reagire? Cosa fare?

Se c’è un legame che pensiamo durerà per sempre, è sicuramente quello di sangue. Alcuni dicono che la famiglia è sacra. Sì, ma potrebbe essere anche teatro di litigi o violenza fino ad arrivare a volte alla rottura della famiglia…. I motivi possono essere tanti e causare danni di diverso tipo, quindi come fare quando si arriva al punto che la famiglia ci volta le spalle? Come reagire? Esiste un modo di riconciliarsi? Alla fine potrebbe essere una cosa positiva? Tante domande legittime da porsi.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!