Perché alcune persone visualizzano e non rispondono ai tuoi messaggi?

Aggiornato il da Paola Ferraro

Venerdì sera. Dopo una lunga settimana hai voglia di bere un drink con un amico, ma ecco che per 3 ore nessuna risposta. Disperato e umiliato hai anche visto la spunta diventare blu, segno di avvenuta lettura e poi niente più… Probabilmente tu e il tuo “Ti va di bere di un drink stasera?” non meritate risposta. Ma perché alcune persone non rispondo ai messaggi?

Perché alcune persone visualizzano e non rispondono ai tuoi messaggi?
 
 Sommario

Forza, confessa che anche tu hai detto qualche volta “rispondo più tardi”, visualizzando il messaggio, non rispondendo e lasciando che cadesse nel dimenticatoio.📱 Mentre online gli scambi sembrano essere istantanei e quasi diretti come in una conversazione faccia a faccia, a quanto pare passiamo molto tempo a parlare con un muro. Perché? Perché nessuno più risponde subito ai messaggi che riceve. Che angoscia! 🤯

Cosa vuol dire quando una persona non risponde ai messaggi?

In un articolo del giornale americano The Atlantic, numerosi specialisti spiegano quali potrebbero essere le buone ragioni” per non rispondere ad un messaggio.

  • Questione di priorità,
  • Mancanza di voglia,
  • Mancanza di tempo,
  • Troppi messaggi,
  • Tutti i motivi sembrano essere buoni per ignorare qualcuno…

👉 A meno che, come ricorda il giornale “non rispondere a un messaggio potrebbe anche essere un modo per manifestare il proprio disinteresse o la dominanza in una relazione, sostenendo di essere troppo occupati per rispondere”. 

Nessuna risposta e infine, dopo due giorni ricevere un misero “scusa, sono impegnata, sono troppo occupato”.  Un brutto modo per far capire che se uno ha il tempo di inviare un messaggio per andare a bere qualcosa, allora ha una vita insignificante. Se non fosse che secondo uno studio dell’agenzia pubblicitaria Havas, il 51% dei lavoratori esagerano quando affermano di essere impegnati. E sì, oggi piace dire che si è super impegnati, anche quando così non è.

👉 Questo permette di avere una scusa per non rispondere ai messaggi e sentirsi superiori al proprio interlocutore (se si può ancora parlare di interlocutore). Il fatto di essere occupati evita quel sentimento di vuoto e permette di sentirsi più sicuri della propria esistenza. Non essere geloso se ti viene detto "sono occupato” per messaggio. La tua vita non è vuota o banale, sai solo quali sono le tue priorità… A differenza degli altri!

Non rispondere ai messaggi: la scelta più semplice è il ghosting

Se non conosci il ghosting, sappi che è la simpatica pratica che consiste nell’allontanare qualcuno senza dirglielo ma semplicemente smettendo di rispondere alle sue chiamate, ai suoi messaggi, alle sue email, ecc.  In breve, scomparendo del tutto. Questo metodo palesemente codardo,  è la dimostrazione di un problema molto attuale: la difficoltà di parlarsi faccia a faccia. Piuttosto che dire “no”, “non posso” o “addio”, ci dimentichiamo di rispondere e lasciamo che il tempo passi.

Quando non si risponde a una ragazza che ci propone di uscire, ci si discolpa dicendo che siamo impegnati e che questo è diverso dal non rispondere. Tuttavia anche questa è una maniera di evitare di dire “no”. È un buon metodo per rinviare una decisione. Spesso la decisione da prendere non cambierà la vostra vita ma quando non sappiamo cosa rispondere, evitiamo di farlo e voilà, problema risolto!

Lo smartphone: il migliore amico delle nuove generazioni

Per non parlare poi dei più giovani che fanno del telefono il loro migliore amico quand ricevono un messaggio sdolcinato.

📌

Lo psichiatra francese Stéphane Clerger spiega che “il telefono funge per i giovani da amico virtuale, d’animale di compagnia, come una scatola dei tesori, spiega lo psichiatra. Questi apparecchi portano incoscientemente a una svalutazione della socializzazione e del flusso continuo d'informazioni senza interesse. I giovani non riescono più a classificare ciò che è importante e ciò che non lo è


Recentemente, un documentario su Netflix, “The social Dilemma” ha descritto, tra le tante cose, il modo che i giganti della Silicon Valley usano per renderci fanatici e farci passare più tempo possibile sugli schermi tra notifiche e siti internet. Perduti nel bel mezzo di tutto questo, diventa difficile captare l’attenzione di qualcuno con messaggio. Soprattutto se il messaggio ci riporta a una realtà vicina alla quale non abbiamo voglia di confrontarci, preferendo quella dei social.

Perché ci innervosiamo se visualizza e non risponde?

Che succede quando capiamo che il destinatario ha letto il nostro messaggio ma non ci risponde? Nervosismo, stress, inquietudine o angoscia. Ma perché la mancata risposta a un messaggio agisce così sul nostro umore? Semplicemente perché ci sentiamo rifiutati. Se facciamo una domanda a una persona da vicino e quest’ultima ci gira la faccia, scatenerà in noi gli stessi sentimenti. L’interconnessione produce stress. Io so che il mio amico è connesso ma non risponde. Questo è un cattivo segno, non mi pensa come lo penso io.

👉 Soprattutto se fai parte di quelle persone che rispondono subito, hai la tendenza a rivedere negli altri il vostro modo di fare. Ed è vero, come non farsi delle domande di fronte a questa cruda realtà: lui/lei ha deciso di ignorarmi


Cosa fare se visualizza e non risponde?

Sono proprio dei pensieri negativi quelli che ci assalgono mentre attendiamo che arrivi una risposta. Con una grande immaginazione e un po’ di pessimismo è ancora peggio. Al posto di aspettare deprimendosi, bisogna essere pazienti e relativizzare. Se una persona è sempre troppo occupata per rispondervi o per vedervi, probabilmente bisogna lasciar perdere. Se è davvero cosi impegnata per rispondere o farsi vedere allora non merita la vostra amicizia. Se invece questo accade occasionalmente, ci saranno senza dubbio una buona spiegazione a questo ritardo e sicuramente qualcosa da salvare in questa relazione.

👉 Se questa mancata risposta ti genera angoscia, sarebbe interessante avere un incontro con uno psicologo per capire cosa scatta in voi e per mettere in atto dei nuovi comportamenti.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: theatlantic.com 

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!