Perché alcune persone visualizzano e non rispondono ai tuoi messaggi?

Aggiornato il da Paola Ferraro

Venerdì sera. Dopo una lunga settimana hai voglia di bere un drink con un amico, ma ecco che per 3 ore nessuna risposta. Disperato e umiliato hai anche visto la spunta diventare blu, segno di avvenuta lettura e poi niente più… Probabilmente tu e il tuo “Ti va di bere di un drink stasera?” non meritate risposta. Ma perché alcune persone non rispondo ai messaggi?

Perché alcune persone visualizzano e non rispondono ai tuoi messaggi?

Forza, confessa che anche tu hai detto qualche volta “rispondo più tardi”, visualizzando il messaggio, non rispondendo e lasciando che cadesse nel dimenticatoio.📱 Mentre online gli scambi sembrano essere istantanei e quasi diretti come in una conversazione faccia a faccia, a quanto pare passiamo molto tempo a parlare con un muro. Perché? Perché nessuno più risponde subito ai messaggi che riceve. Che angoscia! 🤯

Cosa vuol dire quando una persona non risponde ai messaggi?

In un articolo del giornale Cosmopolitan, numerosi specialisti spiegano quali potrebbero essere le buone ragioni” per non rispondere ad un messaggio.

  • Questione di priorità,
  • Mancanza di voglia,
  • Mancanza di tempo,
  • Troppi messaggi,
  • Tutti i motivi sembrano essere buoni per ignorare qualcuno…

👉 A meno che, come ricorda il giornale non rispondere a un messaggio potrebbe anche essere un modo per manifestare il proprio disinteresse o la dominanza in una relazione, sostenendo di essere troppo occupati per rispondere”. 

Nessuna risposta e infine, dopo due giorni ricevere un misero “scusa, sono impegnata, sono troppo occupato”.  Un brutto modo per far capire che se uno ha il tempo di inviare un messaggio per andare a bere qualcosa, allora ha una vita insignificante. Se non fosse che secondo uno studio dell’agenzia pubblicitaria Havas, il 51% dei lavoratori esagerano quando affermano di essere impegnati. E sì, oggi piace dire che si è super impegnati, anche quando così non è.

👉 Questo permette di avere una scusa per non rispondere ai messaggi e sentirsi superiori al proprio interlocutore (se si può ancora parlare di interlocutore). Il fatto di essere occupati evita quel sentimento di vuoto e permette di sentirsi più sicuri della propria esistenza. Non essere geloso se ti viene detto "sono occupato” per messaggio. La tua vita non è vuota o banale, sai solo quali sono le tue priorità… A differenza degli altri!

Non rispondere ai messaggi: la scelta più semplice è il ghosting

Se non conosci la pratica del ghosting, sappi che è la simpatica pratica che consiste nell’allontanare qualcuno senza dirglielo ma semplicemente smettendo di rispondere alle sue chiamate, ai suoi messaggi, alle sue email, ecc.  In breve, scomparendo del tutto. Questo metodo palesemente codardo,  è la dimostrazione di un problema molto attuale: la difficoltà di parlarsi faccia a faccia. Piuttosto che dire “no”, “non posso” o “addio”, ci dimentichiamo di rispondere e lasciamo che il tempo passi.

Quando non si risponde a una ragazza che ci propone di uscire, ci si discolpa dicendo che siamo impegnati e che questo è diverso dal non rispondere. Tuttavia anche questa è una maniera di evitare di dire “no”. È un buon metodo per rinviare una decisione. Spesso la decisione da prendere non cambierà la vostra vita ma quando non sappiamo cosa rispondere, evitiamo di farlo e voilà, problema risolto!

Lo smartphone: il migliore amico delle nuove generazioni

Per non parlare poi dei più giovani che fanno del telefono il loro migliore amico quand ricevono un messaggio sdolcinato.

📌

Lo psichiatra francese Stéphane Clerger spiega che “il telefono funge per i giovani da amico virtuale, d’animale di compagnia, come una scatola dei tesori, spiega lo psichiatra. Questi apparecchi portano incoscientemente a una svalutazione della socializzazione e del flusso continuo d'informazioni senza interesse. I giovani non riescono più a classificare ciò che è importante e ciò che non lo è

Recentemente, un documentario su Netflix, “The social Dilemma” ha descritto, tra le tante cose, il modo che i giganti della Silicon Valley usano per renderci fanatici e farci passare più tempo possibile sugli schermi tra notifiche e siti internet. Perduti nel bel mezzo di tutto questo, diventa difficile captare l’attenzione di qualcuno con messaggio. Soprattutto se il messaggio ci riporta a una realtà vicina alla quale non abbiamo voglia di confrontarci, preferendo quella dei social.

Perché ci innervosiamo se visualizza e non risponde?

Che succede quando capiamo che il destinatario ha letto il nostro messaggio ma non ci risponde? Nervosismo, stress, inquietudine o angoscia. Ma perché la mancata risposta a un messaggio agisce così sul nostro umore? Semplicemente perché ci sentiamo rifiutati. Se facciamo una domanda a una persona da vicino e quest’ultima ci gira la faccia, scatenerà in noi gli stessi sentimenti. L’interconnessione produce stress. Io so che il mio amico è connesso ma non risponde. Questo è un cattivo segno, non mi pensa come lo penso io.

👉 Soprattutto se fai parte di quelle persone che rispondono subito, hai la tendenza a rivedere negli altri il vostro modo di fare. Ed è vero, come non farsi delle domande di fronte a questa cruda realtà: lui/lei ha deciso di ignorarmi?

Cosa fare se visualizza e non risponde?

Sono proprio dei pensieri negativi quelli che ci assalgono mentre attendiamo che arrivi una risposta. Con una grande immaginazione e un po’ di pessimismo è ancora peggio. Al posto di aspettare deprimendosi, bisogna essere pazienti e relativizzare. Se una persona è sempre troppo occupata per rispondervi o per vedervi, probabilmente bisogna lasciar perdere. Se è davvero cosi impegnata per rispondere o farsi vedere allora non merita la vostra amicizia. Se invece questo accade occasionalmente, ci saranno senza dubbio una buona spiegazione a questo ritardo e sicuramente qualcosa da salvare in questa relazione.

👉 Se questa mancata risposta ti genera angoscia, sarebbe interessante avere un incontro con uno psicologo per capire cosa scatta in voi e per mettere in atto dei nuovi comportamenti.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Fonte: psicologobs 

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Cos'è la sindrome di Puffetta al lavoro?

Ah, i Puffi! Tutti conoscono i fumetti di Peyo con i simpatici personaggi blu. Ma se ci pensi, c'è qualcosa di strano: il fatto che ci sia una sola Puffetta per un intero villaggio. Un autore l'ha notato più di 30 anni fa e l'ha usato per parlare della scarsa rappresentazione delle donne. Purtroppo il principio della puffetta può essere riscontrata in molti ambiti, compreso quello lavorativo. Ecco come funziona.

6 consigli per superare la propria timidezza

L'idea di parlare in pubblico, o di parlare con gli sconosciuti, mi mette fuori di me. Divento paonazzo, inizio a tremare, mi si forma un nodo nello stomaco. Odio essere timido, non riuscire a mostrarmi disinvolto, parlare lo stretto necessario e non trovare mai il momento giusto per intervenire. Ecco perché, lavorando su me stesso, ho trovato 6 semplici trucchi per superare e a volte nascondere la mia timidezza.

10 pensieri positivi da tenere a mente per una carica quotidiana

Vedere il bicchiere mezzo pieno, anziché mezzo vuoto, è un pensiero positivo perfetto! I pensieri positivi ci aiutano nella vita di tutti i giorni, dandoci una spinta e motivandoci a realizzare progetti che ci stanno a cuore da tempo. Quindi, per aiutarti nel tuo percorso di realizzazione, ecco 10 pensieri da tenere a mente per accompagnarti sempre e ovunque!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!