Paralisi del sonno: sintomi, cause e rimedi

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Mi sveglio ma non riesco a muovermi… mi sono ritrovata in questa situazione angosciante già diverse volte! Ho la sensazione di essere paralizzata e di avere una presenza orribile che si avvicina e mi terrorizza. In realtà si tratta della paralisi del sonno! Ora che ho identificato le cause di questo problema riesco ad evitarle. Ma come capire cosa si cela dietro queste paralisi? Cosa provoca una paralisi del sonno?

Paralisi del sonno: sintomi, cause e rimedi

Cos’è la paralisi del sonno?

Parasonnie comuni

La paralisi del sonno fa parte delle parasonnie, così come gli incubi notturni. Le parasonnie raggruppano i disturbi del sonno che si producono mentre dormiamo o a metà strada tra il sonno e la veglia mentre la paralisi del sonno si produce molto regolarmente durante il sonno paradossale. Questa fase, nota anche come sonno a movimenti oculari rapidi (REM), corrisponde a un sonno profondo accompagnato da un’attività cerebrale intensa. 🌙 È un disturbo del sonno frequente. Circa il 30% delle persone lo vivono almeno una o due volte nella vita.

Cosa succede durante una paralisi del sonno?

La paralisi del sonno è sicuramente orribile da vivere poiché si ha l’impressione di essere paralizzati. Riesci a vedere la camera, il letto ma non riesci a muoverti. Cerchia allora di gridare poiché sei perfettamente cosciente di quello che succede intorno a te. Inoltre, alcune persone hanno anche delle allucinazioni con una presenza minacciosa. Molti dicono di vedere un “demone” durante la paralisi del sonno. Altri, hanno l’impressione di soffocare ma si tratta “solo” di un’allucinazione.

➜ Si ha l’impressione che un singolo istante duri ore anche se in realtà la paralisi termina dopo una manciata di minuti.

Quali sono le cause della paralisi del sonno?

Il cervello, primo responsabile

Esiste una spiegazione scientifica a questo fenomeno così spaventoso. Come dicevo prima, la paralisi arriva al momento del sonno paradossale. Questa fase è molto intensa ed è solitamente il momento in cui facciamo sogni completamente folli. Per evitare che il nostro corpo abbia delle reazioni violente e di farci del male da soli, il cervello paralizza i muscoli. È solo una protezione naturale del nostro organismo!

➜ Ecco perché abbiamo l’impressione di non riuscire a muoverci durante la paralisi del sonno, i nostri sensi sono confusi. Il cervello è sveglio, il nostro corpo no!

I fattori che favoriscono la paralisi

Anche se parliamo di un disturbo del sonno benigno, si tratta sicuramente di un’esperienza ansiogena. Di seguito alcuni dei fattori che possono favorirne la comparsa:

  • L’età: gli adolescenti e i giovani adulti sono la fascia di età più a rischio,
  • Lo stress o un’ansia generalizzata,
  • Un cambiamento di vita (lutto, separazione, trasferimento, ecc).
  • Un sonno irregolare o un sonno non ristoratore,
  • La narcolessia con cataplessia, un altro disturbo del sonno caratterizzato da attacchi di sonno durante la giornata.

Come curare la paralisi del sonno?

Come reagire durante una paralisi?

È molto difficile non farsi prendere dal panico durante una paralisi del sonno. Non bisogna cercare di svegliarsi a tutti i costi, ma piuttosto cercare di riaddormentarsi. Se è qualcosa di ricorrente, sarà più facile riconoscere questi episodi. Meglio quindi concentrarsi su cose positive e tentare di rilassarsi.

Questa esperienza può essere traumatizzante ed essere fonte di ulteriore stress. Si crea un circolo vizioso, motivo per il quale sarebbe meglio evitarla in tutti i modi. Per questo motivo, è interessante cercare di fare degli esercizi di meditazione per addormentarsi rapidamente.

Che trattamento scegliere per non soffrire più di paralisi del sonno?

Sfortunatamente, non ci sono cure per evitare che si manifestino. Il miglior modo è identificare le cause dell’episodio di paralisi (stress, shock emotivo, ecc). Per i disturbi minori, bisogna imparare a combattere lo stress naturalmente per favorire un sonno ristoratore.

Se questa insonnia diventa invalidante e provoca una fatica sempre più forte è importante consultare un professionista della salute. Per le forme gravi può essere prescritto un trattamento antidepressivo. La cosa fondamentale per guarire è capire le ragioni che provocano la paralisi!


Il consiglio della redazione: dicci la tua! 

Un episodio di paralisi del sonno può essere molto angosciante, rendendo il momento di andare a letto un'esperienza temuta, rendendo difficile addormentarsi e rendendo più facile l'ansia. Se hai problemi di sonno o se un episodio di paralisi del sonno ha avuto un effetto profondo su di te, contatta uno psicologo per discutere del problema e aiutarti a dormire meglio.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Contatta uno psicologo


Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: valorinormali - auxologico

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

"Maschiaccio": non dire mai più una cosa del genere alle ragazze!

Da piccola giocavo molto con i Lego e con i videogiochi. Per me sono passioni come tutte le altre e a 33 anni gioco ancora ai videogiochi. Tuttavia, ciò che non è normale è che quando ero più giovane venivo descritta come un "maschiaccio". In realtà, ho sempre odiato questo termine e credo sia ora di smettere di usarlo. È sessista e attribuisce un'etichetta alle ragazze che non rientrano nei cliché del loro genere, quindi non pronunciarlo mai più!

Detesto i complimenti, perché mi mettono così a disagio?

“Hai un talento naturale per la fotografia, sei bravissima!”. Improvvisamente divento rossa come un peperone e non so più come comportarmi. I complimenti mi mettono terribilmente a disagio, ma so che dovrei viverli in tutt’altra maniera. La maggior parte delle persone infatti amano i complimenti! Io non riesco ad accettarli. Perché? Cosa mi mette così a disagio?

Sono una di quelle persone che non mettono il lavoro al centro della propria vita. D'altra parte, ho un'amica che lo fa, al punto che il suo corpo cede regolarmente. È chiaro che il suo lavoro è la sua ragion d'essere e dà il massimo. Forse un po' troppo. Ecco perché ho voluto scrivere questo articolo, per ricordarle di fare attenzione! Forse sarà utile anche a te, soprattutto se senti che la tua carriera sta occupando tutto lo spazio della tua vita.

Basta con la pressione per avere una vita sessuale folle, anche il missionario va bene!

"Haaa cosa non hai mai provato la posizione della carriola moldava?". No Ginetta, non ho mai provato questa posizione sessuale, ma il tuo sguardo stupito mi mette sotto pressione... Onestamente, a chi non è mai capitato durante una discussione tra amiche? A me è successo e anche se la carriola moldava non esiste, avevo il diritto di essere giudicata per altre pratiche sessuali che non pratico. Sembra che tu debba fare di tutto a letto per dimostrare di avere una vita sessuale pazzesca... Basta!

La mia famiglia è tossica: come riconoscerla? come fare?

Non riesco a credere di essere nata sotto una cattiva stella solo a causa della mia famiglia che, ammettiamolo, è lungi dall’essere perfetta. Quando mia madre non mi fa sentire in colpa, ci pensa mio padre a sminuirmi ed a paragonarmi alla sorella che non ho mai avuto. Per essere felice e sfuggire a questa relazione "tossica", ho dovuto prendere delle misure, poi le distanze. Ti racconto come ho imparato a stare alla larga dai miei genitori nocivi.

Il mio manager è tossico? 9 segni per scoprirlo!

Essere un bravo manager non è roba da tutti. Alcuni tirano un po' troppo la corda e vittimizzano i sottoposti senza scrupoli. Controllano le mail, sono incapaci di riconoscere il talento dei colleghi, e possono addirittura arrivare alle minacce, raggiungendo dei comportamenti malsani. Se hai dubbi sul tuo manager, ecco 9 indizi per capire se è tossico!

Mi sento sola: 8 modi per colmare quel grande vuoto in me

Viviamo gli uni accanto agli altri, senza vederci veramente. In coppia, in società, in senso generale, spesso ci si sente soli. E ancora di più in periodo Covid. Trasparenti, incompresi…questa solitudine è pesante e ci fa isolare ogni giorno un po' di più. Prima di finirla da sole con 10 gatti (anche se questi ultimi sanno essere di grande conforto!), ecco 8 trucchetti per colmare definitivamente questa sensazione di vuoto e non sentirci mai più messe da parte.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!