Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

 
 Sommario

Che cos’è la fame emotiva?

Fame psicologica e fame fisiologica

La fame emotiva è prima di tutto una voglia. Arriva di colpo, di solito fuori dai pasti, ed è legata ad un’emozione forte, che ci porta a sentire il bisogno, spesso irresistibile, di mangiare. È diversa dalla fame fisiologica, perché in quel caso il corpo reclama degli alimenti per avere energia. La fame emotiva invece deriva da un fattore psicologico, è il cervello che chiede qualcosa per poter compensare la forza dell'emozione percepita.

Potrebbe interessarti - Non mi piace il mio corpo, come fare pace con me stesso?

Perché mangiamo per sopperire le nostre emozioni?

Mangiamo le nostre emozioni perché si tratta di un bisogno primordiale di sopravvivenza. Pensiamo spesso che non sia “giusto” calmare un’emozione con il cibo. Infatti, questo può portare verso dei disturbi alimentari come l’anoressia o la bulimia. È importante avere consapevolezza di questa possibilità. In ogni caso, per la maggior parte delle persone calmare un’emozione forte con il cibo è un riflesso assolutamente normale, perché fanno affidamento ai bisogni del loro corpo e ascoltano le loro emozioni.

🍝 È importante imparare a non mangiare le proprie emozioni, ma piuttosto a mangiare con emozione.

Vedi anche - Come combattere lo stress in modo naturale? Ecco 3 metodi efficaci

Come riuscire a controllare la fame emotiva?

Mettersi in testa che è normale

Una delle soluzioni che il mio psicologo mi ha aiutata a trovare per non mangiare più le mie emozioni, è stata quella di mettere da parte il controllo. Infatti, è necessario rispondere al proprio bisogno o alla propria voglia di mangiare, anche se quest’ultima deriva da un’emozione. Come detto in precedenza, si tratta di un bisogno del nostro cervello per non perdere il controllo a livello psicologico di fronte ad un’emozione troppo forte o all’ansia generalizzata. È bene dunque rispondere a questo bisogno emotivo, poco importa il modo in cui lo si asseconda. Di solito, si tende a pensare che “perdiamo il controllo”, che siamo “golosi” o ghiotti”. Bisogna innanzitutto eliminare queste parole, perché tendono a far nascere un forte senso di colpa!

➜ In effetti, è proprio il senso di colpa che fa scaturire degli impulsi ancora più forti e che porta quindi a dei disturbi alimentari.

Potrebbe interessarti - Ansia anticipatoria: perché penso sempre al peggio?

Mangiare per il proprio piacere e in piena consapevolezza

La soluzione per non sentire più questo senso di colpa che non fa altro che peggiorare la nostra fame emotiva, è di mangiare secondo il nostro piacere e bisogno. Il piacere e la voglia vanno devono avere un ruolo cruciale, non a caso questo è il principio dell’alimentazione intuitiva. Se impariamo a mangiare in piena consapevolezza, la nostra fame emotiva svanirà velocemente. Esattamente come quando pratichiamo la meditazione, bisogna concentrarsi sul momento presente e mangiare cercando di comprendere che cosa sta succedendo dentro di noi. È un percorso lungo ma ne vale la pena!

🍫Bisogna imparare a cambiare i nostri pensieri riguardo l’alimentazione per riuscire a mangiare in piena consapevolezza e senza senso di colpa. Questa è la chiave per non mangiare (quasi) più le proprie emozioni e trovare il giusto equilibrio.

La redazione ti consiglia - 10 citazioni per imparare ad approfittare del momento presente

Le diete non sono la soluzione

Le diete e il controllo forzatamente imposto non sono la soluzione per controllare la nostra fame emotiva e anzi, la peggiorano, perché ascoltiamo meno il nostro corpo e le nostre emozioni. È questo il lavoro che deve essere fatto per comprendere il perché della nostra voglia di mangiare dopo aver sentito un’emozione particolare. Il cervello è responsabile della fame psicologica, è dunque a lui che dobbiamo rivolgerci per cercare di comprenderne le ragioni.

Ecco perché è importante rivolgersi ad uno psicologo adatto, perché dobbiamo cercare di comprendere le nostre emozioni! Capire meglio se stessi ed essere capaci di ascoltare le proprie emozioni ci permette di comprendere le ragioni alla base della nostra fame emotiva, che a sua volta è legittima e importante tanto quando quella fisiologica.

Per iniziare questo percorso e capire di cosa si tratta nel dettaglio, ecco una lettura che potrebbe tornarti utile: Mangiare in consapevolezza, di Thich Nhat Hanh


Il consiglio della redazione – Ascolta le tue emozioni, perché hanno sicuramente qualcosa da dirti

La fame emotiva è legata ad una cattiva gestione delle emozioni negative. È dunque importante imparare ad accettare le emozioni che ci attraversano e che sono solo di passaggio; è bene mettersi in testa che bisogna ascoltarle, perché hanno sempre qualcosa di importante da dirci. Imparare a gestire e comprendere le proprie emozioni può richiedere un aiuto da parte di uno specialista, quindi non esitare a contattarne uno per raggiungere con più chiarezza questo risultato.


Articolo suggerito da
Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma... Continua a leggere

Gli articoli appena pubblicati

Il cervello rettiliano è responsabile dei nostri comportamenti primari?

“Avrei voglia di qualcosa di dolce, di zucchero… il cervello rettiliano mi sta mandan...

Leggi

Perché ci piace avere paura? È colpa degli ormoni!

Inventare storie di fantasmi, ascoltare orribili leggende, cercare di parlare con gli...

Leggi

Come evitare di trasformare la rabbia in violenza?

Il confine tra rabbia e violenza è sottile e a volte basta davvero poco perché la rab...

Leggi

La logoterapia: dare un senso alla propria vita

La fine di una storia d’amore, un lutto, un licenziamento… A volte la vita ci mette a...

Leggi

Quali sono le 6 emozioni primarie? Paura, gioia e…

Le emozioni, che universo misterioso! Insegniamo ai bambini a riconoscerle, agli adul...

Leggi

Mi annoio in ufficio… Soffro di sindrome da bore-out?

Più passano i giorni, più cerco di ammazzare il tempo al lavoro. Per alcuni potrebbe ...

Leggi

5 buone ragioni di ascoltare le proprie emozioni sul lavoro

Le emozioni non sono un freno al successo. Al contrario, possono essere un incredibil...

Leggi

I benefici della noia, o l’arte del dolce far niente

“L’ozio è il padre di tutti i vizi”, sei d’accordo? In ogni caso, il mondo corre a mi...

Leggi

La mitomania: mentire per valorizzarsi

Se pensi che Pinocchio gli fa un baffo, sei di fronte ad un mitomane! Non hai mai dub...

Leggi

Perché mentiamo? Siamo tutte un po’ bugiarde!

Parliamoci chiaro, siamo tutte un po’ bugiarde! Chi non hai mai mentito scagli la pri...

Leggi

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!