Viaggiare da soli, un sogno che diventa realtà!

Aggiornato il da Ginevra Bodano

L'anno scorso ho deciso di fare un viaggetto da sola per un mese. Il mio itinerario? Un mini roadtrip nel nord Italia. All'inizio avevo molta paura di passare tanto tempo da sola e temevo di non farcela. Alla fine, ho amato quest’avventura e la prossima volta spero di potermi spingere oltre, provando ad andare all'estero! Ecco a voi il mio feedback e il mio consiglio per viaggiare da soli e godersi al meglio questa esperienza!

Viaggiare da soli, un sogno che diventa realtà!
 
 Sommario

Decidere di viaggiare da soli

Non avevo mai pensato di viaggiare da sola, fino all'estate scorsa. Tra il fatto di essere single e la difficoltà nel trovare dei giorni disponibili in concomitanza con le mie amiche, ho deciso di fare un piccolo viaggio da sola in Italia. Lo ammetto, non ho corso grandi rischi, ma penso che per un primo viaggio da sola non sia stato affatto male!

🌍 Questo è il mio primo consiglio: andare a piccoli passi, soprattutto se, come me, hai un bel po' di paure dentro di te, come quella di non riuscire a gestire le difficoltà legate al viaggio o addirittura quella di sentirsi soli. Come primo viaggio potresti ad esempio pensare di partire con un viaggio organizzato: https://www.weroad.it/ dà la possibilità di partire con persone sconosciute in viaggi organizzati dalla A alla Z.

Essere una donna che viaggia da sola

Mi piacerebbe dire che non avevo paura per il mio viaggio, ma purtroppo non posso, ancor più dal momento che soffro di ansia anticipatoria. Molte paure mi passavano per la mente: e se non riuscissi a cavarmela da sola, e se mi perdo da qualche parte, e se mi faccio male, ecc. Il problema è che, come donna, mi è sempre stato detto di chiedere aiuto. Di conseguenza, vivo con questa costante idea di non essere in grado di fare le cose da sola.

💪 Da femminista, ho deciso di non dar retta a tutte quelle persone che mi dicevano che non ce l'avrei fatta. Tutto sommato, l'inizio è il momento più complicato, ma una volta che sei sulla strada, ecco che senti una magnifica sensazione di libertà! Non pensavo che sarei stata in grado di gestire tutti i piccoli dettagli dell'organizzazione, ma ci sono riuscita e ho scoperto che, alla fine dei conti, si trova sempre un modo per gestire anche i problemi che all’inizio sembrano insormontabili!

La paura della solitudine

Sono uno di quelle persone a cui piace stare sola, ma non sempre… Infatti, non mi dispiace stare da sola quando sono a casa, quando devo lavorare, ecc. Ma appena devo condividere un'esperienza, mi piace essere in compagnia, per esempio quando vado al ristorante, a vedere un film, a visitare un museo e, naturalmente, lo stesso discorso vale per i viaggi!

🌿 Ma l'anno scorso non ho avuto una nuova occasione e mi sono buttata: sentivo un estremo bisogno di cambiare aria, soprattutto per evitare la depressione dopo i mesi passati chiusa in casa a causa della pandemia.

Potrebbe interessarti - Mi sento sola: 8 modi per colmare quel grande vuoto in me

Ritrovarsi faccia a faccia con se stessi

Quindi, alla fine dei conti, mi è piaciuto viaggiare da sola? All'inizio, lo ammetto, è stato complicato. Mi ci sono voluti alcuni giorni per abituarmi. Poi ho realizzato che ero in vacanza e che dovevo divertirmi e rilassarmi! Una volta superato questo primo gradino, mi è piaciuto molto viaggiare da sola. Ho organizzato piccole visite, mi sono divertita a mangiare in bei ristoranti, ecc. Questo viaggio in solitaria mi ha insegnato molto su me stessa, mi sono presa del tempo per meditare e riflettere, per pensare a quello che volevo dalla vita… Insomma, mi ha fatto molto bene 🧘♀️.

Fare degli incontri speciali

Ecco una cosa che non mi aspettavo affatto: creare dei legami! Come ho detto, una volta trovato il mio ritmo, non mi sentivo triste all’idea di essere sola. Dunque, immaginate la mia sorpresa quando ho iniziato a socializzare con altre persone, pur essendo sola! Infatti, quando si è soli, trovo che si faccia più attenzione a chi ci sta intorno, è più facile interagire con le persone intorno a te. Vale la pena viaggiare da soli anche solo per fare incontri di questo tipo!

3 consigli per viaggiare da soli

Forte della mia esperienza, anche se non sono andata all’altro capo del mondo, mi sento in grado di dare qualche consiglio a quelli che prendono in considerazione l’idea di viaggiare da soli.

1) Pianifica al meglio il viaggio

Questo è una componente che mi ha fatto sentire molto rassicurata. Mi ha permesso di liberarmi dell'ansia preparando più cose possibili: itinerario del percorso, prenotazione degli hotel, acquisti necessari, ecc. Più sono preparata, più sono tranquilla e rassicurata! C’è da dire che alcune persone riescono ad andarsene in giro solo con uno zaino in spalla, ma io so che non sono (ancora?) capace di farlo. Sta a ciascuno di noi vedere cosa ci sentiamo pronti a fare.

2) Scegliere la destinazione

Quando si viaggia da soli, è importante scegliere attentamente la destinazione. Per quanto mi riguarda, sono rimasta in Italia, quindi non mi sono sentita in grande difficoltà. Tuttavia, purtroppo, ci sono paesi nel mondo in cui è abbastanza pericoloso per una donna viaggiare da sola. Ecco dunque le 3 migliori destinazioni dove viaggiare da sole:

  • Paesi nordici: Danimarca, Islanda, Norvegia, Svezia, Finlandia.
  • Paesi asiatici: Giappone, Thailandia, Hong Kong.
  • Nord America: Stati Uniti e soprattutto Canada.

3) Organizza un tour di cose da fare

Mi piaceva programmare i tour dei luoghi da visitare o individuare le cose che mi sarebbe piaciuto vedere. Questo ci impedisce di sentirci soli, visto che si è impegnati tutto il giorno. Non hai il tempo materiale per sentirti solo! Anche nei momenti più tranquilli, come la sera, avevo sempre con me un buon libro o il telefonino, per guardare qualche serie o ascoltare della musica. Amo questa sensazione, cioè quella di divertirmi davvero, solamente in compagnia di me stessa!

La redazione ti consiglia - Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Viaggiare da sola, ma non del tutto!

Sono molte le persone che viaggiano da sole e che ci potrebbe capitare di incontrare durante la nostra avventura. Inoltre, se hai amici sparsi per l’Italia o per il mondo, potresti pensare di andare a fare loro visita e approfittarne, sia per vedere loro che per vedere dei posti nuovi!


Il consiglio della redazione – Fai ciò che ti senti

🙅♀️ In ogni caso, è importante non forzarsi a viaggiare da soli se non ci si sente pronti. Alcune persone non sono fatte per questo tipo di avventure, e può capitare addirittura che qualcuno odi i viaggi! Altri non sono a loro agio con l'idea di stare senza compagnia…insomma, è una questione molto personale. Sta a ciascuno di noi ascoltarsi e vedere se è il caso di intraprendere o no questo tipo di avventura in solitaria.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 

#BornToBeMe

Fonte: viaggiosoloandata.it

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!