Sono attratta da una ragazza, sono bisessuale?

Aggiornato il da Paola Ferraro

Ero tranquillamente in pausa caffè con i miei colleghi, quando l’ultima arrivata ha fatto la sua entrata in scena. Ne sono rimasta stregata! Questa ragazza è magnifica, emana senza dubbio un qualcosa che attrae… solo che sono già in coppia… con un uomo!

Sono attratta da una ragazza, sono bisessuale?

Mi sono presa una cotta per una ragazza, sono bisessuale?

Mi sono presa una pausa caffè con i colleghi e improvvisamente è comparsa la nuova arrivata. Mi sono letteralmente sciolta! È una ragazza magnifica, ha un “non so che” che affascina chiunque. Il problema è che sono fidanzata… con un ragazzo! 😲 Hai mai sentito parlare della sapiosessualità? Una persona sapiosessuale non si ferma all’aspetto fisico va oltre, l'attrazione mentale ha la priotità su tutto. 

Natura o avventura?

Quando sono vicino a lei sento qualcosa… c’è qualcosa che mi turba e allo stesso tempo mi eccita. Se mi fa un complimento divento un peperone. Quando faccio l’amore con il mio ragazzo penso a lei, è sempre presente tra i miei sogni erotici e la mattina, lo ammetto, mi faccio bella per lei. Cosa mi succede? Sono omosessuale? Forse bisessuale? O è solo il gusto dell’avventura a darmi un brivido?

👉 Essere attratta da qualcuno dello stesso sesso può rivelare desideri profondi. Forse mi piacciono le donne ma il contatto con loro mi permette di evitare complessi su ciò che sono realmente. L’eterosessualità è una normalità assodata, un percorso tracciato che seguiamo spesso senza farci domande. Essere attirati da qualcuno dello stesso sesso ci rende consapevoli che siamo aperti ad altre possibilità rispetto a quelle che già conosciamo.

🤔 Che si tratti di omosessualità o bisessualità, questa attrazione può rivelare una natura profonda. Se invece ti senti eterosessuale da sempre e ancora oggi, magari vuol dire che questa ragazza ci dimostra che siamo pronti a testare nuove avventure, aprirci ad altro e scoprire un altro modo di amare e fare l’amore.

👉 In ogni caso, se questa attrazione è profonda e crea un reale desiderio, accompagnato da dubbi su di sé, sarebbe bene parlarne a una persona di fiducia: amici, fidanzati o psicologi.

La redazione ti consiglia: Poliamore, è possibile amare più persone contemporaneamente?

Cos'è l'orientamento sessuale?

L'orientamento sessuale è soprattutto ciò che descrive l'attrazione fisica, sessuale, emotiva e romantica di una persona. È parte integrante della nostra identità, ma è diverso dall'identità di genere. Acquisito o innato? Alla domanda se l'orientamento sessuale sia nato o se possa variare in base all'esperienza, si è tentati di rispondere entrambi. In effetti, la ricerca tende a dimostrare che l'orientamento sessuale di una persona è predeterminato prima della nascita. Tuttavia, le influenze e le esperienze possono modificare il nostro orientamento sessuale nel tempo e con lo sviluppo della nostra autoconsapevolezza. Solo tu puoi determinare il tuo orientamento sessuale.

⚠️ La bisesssualità non è una fase!

Le persone che si identificano chiaramente come bisessuali non sono persone indecise che finiranno inevitabilmente per realizzare il loro vero orientamento. No, la bisessualità è un orientamento sessuale a sé stante. Sebbene l'orientamento sessuale possa evolversi nel corso della vita, essere bisessuali è una definizione della propria identità e non una fantasia (in questo caso possiamo parlare di bicuriosità ➡️). Si può desiderare una persona dello stesso sesso, desiderarla, avere una relazione con lei, ma non essere bisessuali. La bisessualità è ciò che sentiamo di essere, ciò che ci definisce.

Quindi sono bisessuale?

Fantasticare su questa ragazza non mi rende necessariamente bisessuale, ma il dubbio rimane. Determinare il mio orientamento sessuale può richiedere del tempo. Devi farti delle domande e fare un esame di coscienza per capire chi sei. Prendere sul serio l'idea di essere bisessuale può già essere un segno, ma non solo. Altri segnali possono indicare che sono bisessuale:

  • Attrazione per le persone a prescindere dal loro sesso o genere.
  • Cercare l'amore e immaginarsi in una relazione sia con un uomo che con una donna
    essere a mio agio con l'idea di definirmi bisessuale
  • Essere a proprio agio con l'idea di definirsi bisessuale
🧐 Cos'è la bisessualità?
Sono bisessuale se provo un'attrazione fisica, sessuale, romantica o emotiva per qualcuno di qualsiasi sesso o genere. 
Questa attrazione non è necessariamente equivalente verso entrambi i sessi, ma è per lo più non esclusiva di un particolare genere.

Una persona e non un sesso

E se non dessimo dell’importanza al sesso dell’altra persona o al nostro orientamento sessuale? 🙂 

L’attrazione è prima di tutto legata alla persona che abbiamo di fronte, la sua personalità, il suo carattere, la complicità che si crea, le discussioni che si hanno ecc. lo charme ha un ruolo cruciale e poco importa che si tratti di un uomo o di una donna. Il contesto nel quale vi siete incontrati può essere la scintilla che vi fatto sbarazzare una volta per tutte dei vostri pregiudizi.  

Il consiglio della redazione: l’importanza di mettersi in discussione

Siamo in tanti a crescere con un modello eterosessuale in mente che finiamo per riprodurre o per scelta o per obbligo. Come in ogni cosa, con il proprio orientamento sessuale, è importante essere in armonia con sé stessi e di rimettersi in causa. Posso sapere che non mi piacciono le donne a priori se non ho ancora provato? Poniamoci degli interrogativi, seguiamo i nostri istinti, sentiamoci libere e prendiamo le nostre decisioni.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta un coach

Ti potrebbe interessare: 

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!