Perché consultare uno psicologo?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Un italiano su tre ha già consultato uno psicologo o un analista. Perché consultare uno psicologo, quali sono i vantiaggi? Quali sono i motivi? Lo psicologo ti aiuterà a trovare una tua dimensione, a superare le tue paure e le tue ansie.


 Sommario

Sono tante le ragioni che spingono una persona a contattare uno psicologo o un analista. Ognuno di noi ha delle difficoltà, delle ansie, delle paure, esserne consapevoli è importante, ma spesso è solo con l’aiuto di un professionista che riusciamo a superarle.

Quali sono i motivi che ci spingono a vedere un analista?

Se stai attraversando un momento difficile, o hai semplicemente bisogno di confrontarti e parlare con qualcuno di imparziale, scegliere uno psicologo o un analista potrebbe essere la soluzione migliore. Oltre ad avere uno sguardo distaccato del problema, ha le competenze giuste per indicarti il modo migliore per ritrovare la serenità. Ecco quali potrebbero essere i motivi:

1) Hai una forte dipendenza

Le dipendenze sono numerose ed è importante parlarne per liberarsene. Possono condizionare il nostro stile di vita, creando conflitti con le persone che ci vogliono bene.

2) Ti senti solo

Ultimamente ti senti solo e incompreso. Se non riesci a parlarne con amici o famigliari, consultare uno psicologo potrebbe essere l’unico modo per capire quali sono le ragioni di questa solitudine.

3) Hai tante domande ma poche risposte

Hai tante, forse troppe, domande che ti frullano per la testa: amore, lavoro, famiglia, metti continuamente tutto in discussione. È normale, non ti preoccupare, tuttavia non sempre siamo in grado di trovare una risposta da soli. Scegliere di parlare con un analista è, in questi casi, la scelta migliore.

4) Hai vissuto un evento traumatico

Lutti, incidenti, violenze, torti, la lista di eventi traumatici che un individuo nel corso della sua vita può vivere, è lunga. Spesso, ci trasciniamo le ferite per anni, anche inconsapevolmente. Questo forti traumi del passato condizionano inevitabilmente il nostro presente. L’importante è trasformare il dolore in energia positiva e vitalità, farlo da solo è difficile, a volte impossibile.

5) Stress e stanchezza fisica

Stai attraversando un periodo di debolezza fisica, stress, tensione, questo malessere si trasforma spesso in frequenti mal di pancia, emicranie o addirittura attacchi di panico. In questi casi, rivolgersi ad uno specialista è spesso l’unica soluzione che abbiamo.

6) Hai frequenti sbalzi d’umore

Crisi di pianto si alternano a momenti di inspiegabile serenità e felicità isterica, ti senti stanco, demotivato e hai paura di cadere in depressione. In questi casi è importante evitare di isolarsi, stare da soli, chiudersi in se stessi, ma parlare. Se non te la senti di parlarne con un amico o in famiglia, meglio rivolgersi ad una persona competente.

7) Hai voglia di conoscerti meglio

Hai voglia di imparare a conoscere meglio te stesso, capire cosa vuoi davvero dalla vita, se ciò che stai vivendo ora è davvero ciò che desideri. Ricorda che scegliere di contattare uno psicologo non deve essere considerato motivo di vergogna, al contrario, indica una grande consapevolezza di sé e una dimostrazione di coraggio.


Andare per la prima volta da uno psicologo: imparare a conoscersi

L’idea di consultare uno psicologo ti spaventa? Come funziona una seduta con uno psicologo?

In generale, durante un primo consulto lo psicologo cerca di capire il motivo che ti ha spinto a consultarlo, spesso questo motivo è inspiegabile anche per noi. Consultare uno psicologo richiede coraggio e forza di volontà, aprire il proprio cuore e i propri pensieri più intimi non è semplice e immediato.

Durante la seduta, non esitare a chiedere ulteriori informazioni sul processo o sulla sua durata, onde evitare malintesi e inutili ansie.

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

"Maschiaccio": non dire mai più una cosa del genere alle ragazze!

Da piccola giocavo molto con i Lego e con i videogiochi. Per me sono passioni come tutte le altre e a 33 anni gioco ancora ai videogiochi. Tuttavia, ciò che non è normale è che quando ero più giovane venivo descritta come un "maschiaccio". In realtà, ho sempre odiato questo termine e credo sia ora di smettere di usarlo. È sessista e attribuisce un'etichetta alle ragazze che non rientrano nei cliché del loro genere, quindi non pronunciarlo mai più!

Detesto i complimenti, perché mi mettono così a disagio?

“Hai un talento naturale per la fotografia, sei bravissima!”. Improvvisamente divento rossa come un peperone e non so più come comportarmi. I complimenti mi mettono terribilmente a disagio, ma so che dovrei viverli in tutt’altra maniera. La maggior parte delle persone infatti amano i complimenti! Io non riesco ad accettarli. Perché? Cosa mi mette così a disagio?

Sono una di quelle persone che non mettono il lavoro al centro della propria vita. D'altra parte, ho un'amica che lo fa, al punto che il suo corpo cede regolarmente. È chiaro che il suo lavoro è la sua ragion d'essere e dà il massimo. Forse un po' troppo. Ecco perché ho voluto scrivere questo articolo, per ricordarle di fare attenzione! Forse sarà utile anche a te, soprattutto se senti che la tua carriera sta occupando tutto lo spazio della tua vita.

Basta con la pressione per avere una vita sessuale folle, anche il missionario va bene!

"Haaa cosa non hai mai provato la posizione della carriola moldava?". No Ginetta, non ho mai provato questa posizione sessuale, ma il tuo sguardo stupito mi mette sotto pressione... Onestamente, a chi non è mai capitato durante una discussione tra amiche? A me è successo e anche se la carriola moldava non esiste, avevo il diritto di essere giudicata per altre pratiche sessuali che non pratico. Sembra che tu debba fare di tutto a letto per dimostrare di avere una vita sessuale pazzesca... Basta!

La mia famiglia è tossica: come riconoscerla? come fare?

Non riesco a credere di essere nata sotto una cattiva stella solo a causa della mia famiglia che, ammettiamolo, è lungi dall’essere perfetta. Quando mia madre non mi fa sentire in colpa, ci pensa mio padre a sminuirmi ed a paragonarmi alla sorella che non ho mai avuto. Per essere felice e sfuggire a questa relazione "tossica", ho dovuto prendere delle misure, poi le distanze. Ti racconto come ho imparato a stare alla larga dai miei genitori nocivi.

Il mio manager è tossico? 9 segni per scoprirlo!

Essere un bravo manager non è roba da tutti. Alcuni tirano un po' troppo la corda e vittimizzano i sottoposti senza scrupoli. Controllano le mail, sono incapaci di riconoscere il talento dei colleghi, e possono addirittura arrivare alle minacce, raggiungendo dei comportamenti malsani. Se hai dubbi sul tuo manager, ecco 9 indizi per capire se è tossico!

Mi sento sola: 8 modi per colmare quel grande vuoto in me

Viviamo gli uni accanto agli altri, senza vederci veramente. In coppia, in società, in senso generale, spesso ci si sente soli. E ancora di più in periodo Covid. Trasparenti, incompresi…questa solitudine è pesante e ci fa isolare ogni giorno un po' di più. Prima di finirla da sole con 10 gatti (anche se questi ultimi sanno essere di grande conforto!), ecco 8 trucchetti per colmare definitivamente questa sensazione di vuoto e non sentirci mai più messe da parte.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!