Sapiosessualità, quando ti attirano l’intelletto e il carisma

Aggiornato il da La Redazione Wengood

“Sapiosessualità” deriva dal latino sapio, “intelligente, saggio, sapiente” e non sapo, in italiano “rospo”. Un sapiosessuale è quindi una persona che prova attrazione per l’intelletto dell’altro prima ancora che per l’aspetto fisico.

 
 Sommario

La seduzione per un sapiosessuale? Una questione di neuroni!

Se Puffetta fosse stata sapiosessuale, sarebbe saltata addosso a Quattrocchi o magari al Puffo Poeta o ancora al Puffo Pittore (o forse anche tutti e tre!) ma sicuramente non a Forzuto, così attraente e curato.

Una persona sapiosessuale non si ferma all’aspetto fisico, ai sorrisi fugati, gli sguardi ammiccanti e allle altre comuni armi di seduzioni artificiali. Se desideri sedurre una persona sapiosessuale bisognerà mettere in mostra il tuo grande... sapere! Pensandonci bene, anche Grande Puffo potrebbe quindi sedurre la Puffetta sapiosessuale. Per la differenza d’età, ne parleremo un’altra volta!

Più nello specifico, un sapiosesssuale prova attrazione fisica e/o romantica per una persona che mostra di essere culturalmente o intellettualmente attiva. La famosa intesa che permette alla relazione di basarsi su conservazioni interessanti per imparare a conoscersi e alimentare quindi l’universo intellettuale di ciascuno.

🥰  Diciamo che è un po’ quello che chiamiamo: vivere d’amore e d’acqua fresca.

Un fenomeno vecchio come il mondo: la sopravvivenza della specie

Un sistema di funzionamento attribuito solitamente alle donne e che esiste dalla notte dei tempi, frutto del nostro istinto primario. Se alcuni di noi sono sensibili alla ricerca del maschio alfa per proteggerci e dare una lezione ai cattivi, altri pensano che una persona intelligente sarà più adatta per proteggere, costruire e procreare. Una questione di punti di vista.

Intelligenza emotiva e connessione culturale

Buone notizie! Non serve avere un dottorato per piacere a un sapiosessuale, basta avere qualcosa da insegnargli. È quindi estremamente relativo e proprio a ognuno. Un interessante mix di sapere, carisma, curiosità intellettuale.

Non si parla di quoziente intellettivo o di livello di studi ma di intelligenza emotiva e anche del nostro universo interiore. L’arte e la scienza sono per esempio due ambiti che permettono di svelare il nostro universo interno agli altri. Un sapiosessuale sensibile all’arte discuterà volentieri di un’opera poiché lo aiuta a comprendere meglio se stesso e l’altro. Sappi che anche l’umorismo gioca un ruolo fondamentale per i sapiosessuali. Punta sulle sottigliezze, anche se anche in questo caso, l’umorismo come l’amore, risponde a criteri soggettivi.

Un neologismo al servizio dei siti di incontri?

La “Sapiosessualità” è quindi vecchia come il mondo, ma se non ne avevi mai sentito parlare, è perché ultimamente se ne parla poco. Anche su internet è come cercare un ago in un pagliaio. Con la valanga di informazioni da cui siamo circondati, internet deve continuamente “sistemare” ogni cosa al proprio posto per permettere agli utenti di accedere immediatamente alle informazioni ricercate.

Ecco perché i siti di incontri propongono sempre nuovi criteri di selezione. Grazie ai filtri puoi davvero trovare l’anima gemella, fatta su misura per te, e mettere fine a questa ricerca disperata.

Per di più, ora che sai di essere sapiosessuale, sarà ancora più facile filtrare la possibile anima gemella! Esistono anche pagine Facebook dedicate ai sapiosessuali. Attenzione, se decidi di lanciarti in questi siti di incontri, tieni il dizionario vicino: se la foto del profilo resta il metro di giudizio principale, il livello di vocabolario potrebbe tradire facilmente 😊 !



Il mio consiglio sull’argomento: l’amore deve disfarsi delle etichette

Se grazie a tante battaglie tutti gli orientamenti sessuali possono esporsi oggi con maggiore libertà, attribuire un’etichetta non è fare un passo indietro? Tra l’altro, se una sola etichetta non basta, è un’ottima notizia! Cerca semplicemente di essere te stessa!

Se hai dubbi sulla tua sessualità non esitare a contattare un professionista che saprà aiutarti a trovare le risposte che cerchi.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe



Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!