Il partner mi parla male, come reagire?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Una minima cosa fuori posto ed ecco che parte la lite! Siamo tutti diversi... è normale che anche all’interno della coppia non si possa sempre essere entrambi sulla stessa lunghezza d’onda! Ma ciò non significa che lo si possa lasciare dire tutto ciò che vuole, soprattutto se si tratta di critiche. Come reagire se il partner ci parla male? Il rispetto è uno dei pilastri fondamentali della coppia, nel momento in cui viene a mancare, è bene reagire immediatamente prima che sia troppo tardi. Parliamone insieme.

Il partner mi parla male, come reagire?

Rispettarsi con le parole

Una cosa che bisogna avere chiara in mente è che il rispetto in una coppia passa anche per le parole. Un partner che si rivolge verbalmente in maniera aggressiva all’altro non fa altro che dimostrarsi tossico, visto che nonostante le incomprensioni, è necessario restare in un’ottica di ascolto ed empatia. Purtroppo mi sono già trovata in una situazione simile, e ora la considero direttamente come una red flag 🚩. Ma ovviamente mi ci è voluto del tempo per capire che fosse una relazione malsana in cui c’era un tasso elevato di violenza psicologica 😥.

👉 Notare la mancanza di rispetto nella comunicazione con il partner:
  • Ti prende in giro,
  • Giudica senza capire,
  • Reagisce male, con insulti e aggressività,
  • La maggior parte delle conversazioni terminano con discussioni o crisi,
  • Usa l’ironia e il sarcasmo pungenti e offensivi,
  • Non perde mai occasione di metterti in ridicolo in pubblico,
  • Comunica senza empatia,
  • Suscita in te senso di colpa,
  • Cerca la dominazione con una denigrazione permanente.
  • 👋 Quali sono i segni che mostrano che il partner non ti rispetta?

Perché c’è una mancanza di rispetto?

Un partner che si rivolge in modo sgarbato nasconde spesso una persona poco empatica e che non si rimette mai in discussione 😔. Molte persone sono vittime di questo tipo di violenza, ma i casi aumentano quando si parla di donne. Effettivamente, certi uomini cercano di affermare la propria dominazione nella coppia a causa di un’educazione maschilista basata su una mascolinità tossica. Inoltre, esiste uno strumento chiamato il “violentometro” per aiutare le donne a rilevare ogni forma di violenza nella coppia. Ovviamente, anche le donne possono essere in torto e maltrattare il partner, soprattutto a causa di un’errata gestione delle emozioni, che spesso non è naturale o semplice.

Come reagire quando il partner mi parla male?

Le prime parole con cui ti manca di rispetto sono solitamente uno shock, dopo ci si abitua alla violenza. Si finisce anche per trovare delle scuse al partner: “è stanco, non voleva dire così”. La prima cosa che si deve fare è uscire da questo stato di negazione e riconoscere che il partner ci parla in maniera scorretta. Questo permette di uscire dalla passività e non accettare le frasi umilianti.

Non usare lo stesso tono

A questo punto che si fa? Come rispondere? Ovviamente rispondere con la stessa moneta è un’idea molto allettante, soprattutto per mostrare che non ci facciamo mettere i piedi in testa. Peccato però che rispondere allo stesso modo farebbe anche di noi una persona tossica. Ammetto che mi è già successo in passato, soprattutto a causa dell’esasperazione di questa continua mancanza di rispetto 😤. Però utilizzare lo stesso tono e la stessa mancanza di rispetto non risolve niente... anzi, peggiora la situazione!

Porre dei limiti

Non bisogna aspettare che la mancanza di rispetto e la violenza diventino un’abitudine, è necessario porre dei limiti quando ci rendiamo conto che il partner non ci parla come dovrebbe. Questo passa ovviamente tramite la verbalizzazione, tenendo conto di ciò che lui o lei sente: 👉 “Hai visto come ti rivolgi a me?? Mi parli sempre male. Capisco che sia arrabbiato/a, ma non puoi parlarmi così”.

Generalmente, questo dà un primo elettroshock, almeno sulle persone che sanno rimettersi in discussione e che non rientrano nella categoria dei narcisisti perversi 😒. In questo caso si può proporre una discussione più calma, nell’ottica di trovare una soluzione insieme, nella calma e nel rispetto. Si tratta principalmente di riportare la comunicazione positiva nella coppia!

Mettere un po’ di distanza

Se la cosa si ripete, è necessario mostrare un’azione forte mettendo un po’ di distanza. Per esempio uscendo dalla stanza, e no... non vuol dire scappare! È una prova di maturità perché non è possibile dialogare con una persona le cui parole sono violente. Quello che arriva dopo questo tipo di violenza psicologica è la violenza fisica e bisogna sapersi proteggere. Ovviamente non voglio dire che degeneri in questo modo in tutte le coppie, ma bisogna fare attenzione ⚠️.

Si può decidere di mettere una distanza nella coppia, per far capire al partner che il suo comportamento non è normale e che deve capire perché si comporta così.

Lavorare sulla fiducia in se stessi

A forza di sentire parole che ci sminuiscono, arriviamo a dubitarne anche noi e quindi a perdere fiducia in noi stesse. È chiaramente un tipo di controllo tossico che l’altro esercita su di noi ed è anche l’inizio di una relazione ancora più malsana. Ma non bisogna mai accettare di essere sminuiti, anche se amiamo alla follia il partner. Meno stima abbiamo in noi stesse, meno saremo capaci di affermarci e di porre dei limiti. Non bisogna dimenticare tutto il valore che abbiamo, nessuno può metterlo in dubbio, neanche la persona che amiamo. L’amore che portiamo all’altro ha un’importanza ed è bene darlo a una persona capace di rispettarlo.

Un partner che ci parla male non può essere tollerato. O la persona fa un passo indietro e cambia il proprio comportamento, oppure bisogna separarsene per proteggerci. Non si può restare in una relazione in cui regna la mancanza di rispetto, altrimenti lasciamo una porta aperta alla violenza, di qualsiasi natura essa sia 💔.

Il consiglio della redazione: una violenza psicologica da non sottovalutare

Quando si ama qualcuno, lo si rispetta e quindi gli si parla con rispetto e amore. Il fatto di parlare male la partner, sminuirlo, denigrarlo o prenderlo in giro è una forma di violenza psicologica che, ripetuta sul lungo termine, è distruttrice. È quindi fondamentale reagire e mettere dei limiti. Se vivi una relazione complicata, fonte di sofferenza, con gli stessi schemi che si ripetono continuamente è bene parlarne con uno psicologo per gestire al meglio la situazione.
💔 
Capirsi, accettarsi, essere felice... Qui e ora!  
#BornToBeMe



Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Dipendenza affettiva

Sicuramente hai già sentito parlare della dipendenza affettiva. Pensi di esserne affetta o che un tuo caro lo sia? Come distinguere l’amore e la dipendenza affettiva? Come uscirne? Scopriamolo insieme!

Come annunciare l’arrivo di un secondo figlio al primogenito?

L’avventura ricomincia! Ci siamo, avete deciso di ingrandire la famiglia, che bello! Non hai neanche il tempo di metabolizzare la notizia che subito insorgono diverse emozioni come la felicità, l’eccitazione, l’apprensione, il senso di colpa. Come reagirà il primogenito? È una domanda da porsi, perché spesso un semplice “arriverà un fratellino o una sorellina” non basta. Non è così facile, ma una cosa è certa: l’amore si moltiplica! Ora devi solo rendere chiaro il messaggio!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Perché ho costantemente bisogno di attenzioni?

Anche tu hai la spiacevole tendenza a fare di tutto un dramma affinché gli altri si prendano cura di te? Non smetti mai di pretendere la loro attenzione, a qualunque costo? Se la risposta è si, fai sicuramente parte di quelle persone che vivono per attirare l’attenzione degli altri. A lavoro, tra amici o sui social, devi sempre essere il centro dell’universo. E nonostante questo comportamento eccessivo spesso e volentieri non ti faccia star bene, è più forte di te! Ma da cosa deriva? Come porvi rimedio prima che sia troppo tardi?

Vorrei che i miei genitori fossero fieri di me, perché ho così tanto bisogno della loro approvazione?

Ho più di 30 anni ma provo sempre la stessa felicità nell’annunciare un mio successo a mio padre. So che mi rende felice farlo, soprattutto da quando la mamma ci ha lasciati. Però, allo stesso tempo, mi chiedo sempre: perché ho bisogno di sapere che mio padre è fiero di me? Perché, in generale, abbiamo bisogno dell’approvazione dei nostri genitori? Renderli felici è una cosa, ma è bene farsi delle domande se la loro approvazione occupa un posto troppo importante nella nostra vita.

Essere proattivi: cosa vuol dire? Come diventarlo?

A volte mi sembra di essere totalmente proattivo, altre volte molto meno. So che è un comportamento che può apportarmi molto, soprattutto in ambito professionale. Ma cosa significa esattamente essere proattivi? Perché è un bene esserlo dal punto di vista professionale? Scopriamolo insieme!

Sono una persona tossica? 10 modi per scoprirlo

In amore, in amicizia, sul lavoro, in famiglia… Credo che tutte prima o poi abbiamo avuto a che fare con una persona tossica. Ma a volte dovremmo porci a nostra volta la domanda: “sono una persona tossica?” o lo sono stata in qualche occasione con qualcuno? A volte capita di non rendersi conto del proprio comportamento! Ecco perché è importante fare un passo indietro in certe situazioni e farsi delle domande in modo tale da auto esaminarsi ed essere sempre la migliore versione di noi stessi. Solo per te un piccolo test per sapere se sei una persona tossica o no!

Positivià tossica: mi impongo di stare bene... e non va bene!

L’ottimismo è una bella cosa. “Andrà tutto bene”, “sii forte”, “tutto tornerà alla normalità”. Te lo sei detto e ridetto e te lo hanno ripetuto anche gli altri, ma se da un lato questa attitudine positiva è una cosa buona, dall’altro alle volte può diventare tossica. Quando ci impediamo ad ogni costo di stare male, la mente rischia di soffrirne profondamente.

Ho dei dubbi sulla mia relazione, è normale? Come reagire?

Succede spesso. La vita di coppia e l'amore non sono mai una passeggiata: succede, naturalmente, che alle volte sorgano dei dubbi. Non essere più sulla stessa lunghezza d'onda, avere l'impressione che l'erba sia più verde altrove, avere progetti diversi...Travolto dal peso dei dubbi, l'amore perde il suo splendore. È una situazione irrimediabile? No, l'importante è sapere come reagire.

La mia relazione non mi rende felice, come fare?

La magia dell’inizio di una relazione e le farfalle nello stomaco sono volate via. Stare insieme significa avere un partner per la vita, qualcuno che ti sta accanto, ma alle volte ci si sente infelici e incomprese. Quando la tua metà ti fa più piangere che ridere, è assolutamente legittimo mettere in dubbio la relazione stessa. Ma prima di lasciar perdere del tutto, sappi che esistono delle soluzioni. Non sono felice nella mia relazione, come fare? Vediamolo insieme.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!