Non ho ambizioni, è davvero così grave?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Fin dai tempi del liceo, avere degli ottimi voti in pagella non mi interessava un granché. Il proseguimento della mia vita professionale non è stato molto diverso. In un mondo all’insegna dell’iperproduttività, del continuo superamento dei propri limiti, di costanti sfide personali, io mi accontento di vivere la mia vita tranquillamente.

 
 Sommario

La ricerca della carriera perfetta

La prima volta che mi è stato detto chiaro e tondo che mancavo di ambizione, stavo cercando di laurearmi. A quale scopo? Al semplice scopo di avere una laurea! Tutti erano consapevoli del fatto che una laurea non fosse una garanzia per avere un lavoro in futuro ma io ho voluto continuare, perché questo percorso formativo mi lasciava del tempo per capire e immaginare il proseguimento del mio futuro.

E in quel frangente…

I miei amici, al contrario, prendevano le cose molto seriamente. Facoltà di diritto o economia, senza esitazioni. Per loro, un futuro soddisfacente corrispondeva ad una posizione altolocata, un percorso professionale notevole, senza fallimenti lungo la strada, con un buon stipendio, i genitori fieri e la soddisfazione di poter dire “Io sono notaio, direttrice di banca o agente di commercio”.

Sul serio non ho ambizioni?

Un giorno ho chiesto a Google se fosse davvero così grave non avere ambizione. Sono rimasta sorpresa nel leggere che molte donne si lamentavano su diversi forum del fatto che i loro uomini non fossero ambiziosi. In un mondo così ansiogeno, in cui regna la crisi economica e la disoccupazione giovanile, essere ambiziosi è una qualità preziosa, nonché seducente! Ma se da una parte non mi interessa granché la mia carriera, dall'altra ho delle grandi ambizioni per quanto riguarda la mia vita privata. Dei progetti che mi spingono ad andare avanti e ad alzarmi la mattina ma, nonostante ciò, resto convinta del fatto che tutto questo non sia assolutamente essenziale.

La redazione ti consiglia: E se avessi paura di farcela? Di avere successo?

L’ambizione richiede troppi sforzi

L’ambizione dunque sarebbe piuttosto una sorta di motore? Se è così, come continuare a vivere pur non essendo persone ambiziose? Personalmente, non credo a queste cose. Penso che la felicità non consista semplicemente nell’andare avanti e nell’elevarsi. Credo che si possa essere molto più felici rispettando i propri valori e la propria natura, rimanendo coerenti con la propria coscienza. L’ambizione richiede grandi sforzi che non tutti vogliono o possono affrontare. Se non posso compiere questo sforzo, che sia per mancanza di tempo, di soldi o di energie, rischio di soffrirne perché non ottengo il risultato previsto. E se non volessi farcela semplicemente perché questo sforzo mi mette troppa pressione, troppo stress, troppa fatica per avere in cambio una piccolissima soddisfazione, a quel punto non avrei ragione ad accettare la situazione e a convivere con la mia lentezza e pigrizia?

Potrebbe interessarti - Malessere al lavoro: le 5 cause principali

In ogni caso, ovunque vada passo sempre per quella pigra, soprattutto in ambito professionale quando, mentre tutti sono ancora in ufficio, io sono già a casa a farmi un bagno caldo. E va bene così perché, ribadisco, per me essere ambiziosi non è fondamentale, soprattutto in ambito professionale. La vera domanda consiste piuttosto nel chiedersi perché, di questi tempi, e anche nel bel mezzo di una crisi sanitaria, il fatto di lavorare senza sosta venga valorizzato.

Come fare se non sono una persona ambiziosa?

E se questa mancanza di ambizioni non ci facesse sentire felici? È vero, si può non essere ambiziosi e soffrirne. La realizzazione e il successo professionale sono talmente importanti al giorno d’oggi che non trovare la motivazione per raggiungerle rischia di intaccare la propria autostima. In questo caso, chiediti se un’ambizione professionale ti renderebbe davvero felice o se il semplice fatto di avere una vita professionale stabile ti basta.

Evita di paragonarti agli altri e di cercare la loro approvazione. La ricerca della felicità è qualcosa di molto intimo e personale per ciascuno di noi. Chiediti qual è lo scopo della tua vita. Cos’è che ti spinge ad alzarti la mattina? Hai un sogno? Rispolvera le motivazioni nascoste dentro di te. Quelle che hai abbandonato, lasciato da una parte e che hai cercato di reprimere. Puoi anche rivolgerti ad un life coach che ti aiuterà a riscoprire i tuoi desideri. E se il tuo sogno è stare in tranquillità senza avere troppe ambizioni, accettalo: ne otterrai un aumento della tua autostima e noterai che l’opinione altrui non ti interesserà più.

Vedi anche: "Cosa fai nella vita?", "Faccio del mio meglio!"


Il consiglio della redazione - Legittimiamo la pigrizia

E se il fatto di non avere ambizioni equivalesse con il desiderio di vivere perfettamente in armonia con noi stessi e con i nostri valori? E se questa storia dell’ambizione e della realizzazione professionale fosse solo una sorta di pressione da parte della società? Dato il periodo attuale, inutile aggiungere un carico mentale supplementare, quindi cerca di trovare ciò che ti rende felice e segui la tua via, che sia ambiziosa oppure no!

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Paralisi del sonno: sintomi, cause e rimedi

Mi sveglio ma non riesco a muovermi… mi sono ritrovata in questa situazione angosciante già diverse volte! Ho la sensazione di essere paralizzata e di avere una presenza orribile che si avvicina e mi terrorizza. In realtà si tratta della paralisi del sonno! Ora che ho identificato le cause di questo problema riesco ad evitarle. Ma come capire cosa si cela dietro queste paralisi? Cosa provoca una paralisi del sonno?

Chi siamo?

Sei curioso di sapere chi c'è dietro Wengood? C’è semplicemente un gruppo di persone appassionate alla ricerca del benessere. Condividiamo con te le nostre storie, le nostre difficoltà e i nostri consigli per aiutarti ad andare avanti sulla strada della serenità.

Psicologo, psichiatra, coach… a chi rivolgersi?

Se riscontri difficoltà, noi di Wengood consigliamo spesso di rivolgersi a uno psicologo o ad un life coach, ma qual è la differenza? Perché consultare uno piuttosto che l’altro? Ognuno di loro risponde a esigenze diverse, per le quali è bene contattarli. Con questo articolo intendiamo spiegarti le differenze per aiutarti a capire a chi rivolgersi. Scopriamolo!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Alimentazione intuitiva, di' addio alla dieta!

Più di 15 anni di dieta, con il peso che fa su e giù, i disturbi alimentari… Non se ne può più! Ho bisogno di fare pace con il mio corpo, ma ho l’impressione che se mi lascio andare non farò altro che ingrassare ancora di più. Malgrado ciò, mi sono resa conto che la dieta mi faceva più male di qualsiasi altra cosa. Esiste una soluzione? Ebbene si: l’alimentazione intuitiva. Dovrebbe essere al centro delle nostre vite, eppure sono davvero poche le persone che ne hanno sentito parlare.

Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?

Sembra davvero incredibile che alcune persone possano provare simpatia nei confronti del loro aggressore. In realtà, si tratta di un meccanismo psicologico per superare il trauma. Il termine "Sindrome di Stoccolma" è apparso per la prima volta nel corso degli anni 70 e indica una particolare reazione del cervello ad un evento traumatico subito. Le vittime assumono il punto di vista del loro carnefice, arrivando talvolta addirittura a difenderlo!

Qual è il segreto di una vacanza di coppia perfetta?

Chi di noi non vede l’ora di partire in vacanza? Eppure quando si tratta di un viaggio di coppia, magari il primo, le ansie e le preoccupazioni sono tante. Le aspettative sono alte e la paura che un litigio possa rovinare tutto lo è altrettanto. Quali sono i segreti per una vacanza di coppia felice?

Quali sono i benefici della coerenza cardiaca?

Chi non si ritaglierebbe 15 minuti al giorno per rimanere giovane, sano ed eliminare lo stress? La coerenza cardiaca è un metodo semplice che puoi adottare dove e quando vuoi. Il ritmo del tuo cuore riflette il tuo stato emotivo e psicologico. Quindi, sia fisicamente che emotivamente, è importante prendersi cura del proprio corpo. Ecco quali sono i motivi.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!