Ho paura del buio: sintomi e soluzioni per la nictofobia

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Quando scende la notte, se devo andare in bagno in piena notte torno a essere una bambina con la paura dei mostri nascosti nell’armadio. Concretamente, a parte le crisi d’ansia, non mi è mai successo nulla la notte ma è più forte di me… Per ridurre la fattura dell’elettricità e per il bene della persona che mi dorme accanto, sto cercando di capire da cosa deriva questa paura del buio per poterla combattere!

Ho paura del buio: sintomi e soluzioni per la nictofobia
 
 Sommario

“Nessuno ha davvero paura del buio. Abbiamo paura di quello che nasconde.” Andréanne Durand-Marsh

Come superare la paura del buio, la nictofobia?

Andare a dormire tornerà ad essere un piacere…

Non ho più l’età per credere ai mostri

Si sa, i bambini spesso hanno paura del buio. Un eccesso di immaginazione li convince che una creatura abominevole si nasconde sotto il letto. O magari hanno sentito dire che se non fanno da bravi, un mostro uscirà dall’armadio. 25 anni dopo, so benissimo che devo essere razionale. Ma la paura notturna è dura a morire… Sarò per sempre una bambina? Un adulto che non ha ricevuto le armi necessarie la paura, non imparerà mai superarla?

😱 La sensazione di vuoto mi angoscia, il senso di isolamento mi fa pensare che nessuno mi aiuterà se dovessi averne bisogno. Provo una profonda tristezza, come se il mio istinto di sopravvivenza mi spingesse ad avere paura del buio per tutta la vita.

La redazione ti consiglia: Ho paura del buio: sintomi e soluzioni per la nictofobia

Il nero, da sempre un colore che incute paura

Nessuno guarda un film horror alle 3 del pomeriggio con tutte le luci accese. Tutto il contrario. Ci immergiamo volontariamente nell’oscurità per creare un’atmosfera lugubre. Un’atmosfera nella quale non percepiamo eventuali pericoli che potrebbero sorprenderci, cosa che ci rende estremamente vulnerabili. Il buio, rappresentato dalla notte, è associato alla paura. Questa paura è profondamente ancorata in tutte le culture. Nella mia testa, come probabilmente nella vostra, i criminali agiscono spesso con il buio. Il buio è vuoto e questo richiama la paura della morte, uno stato sconosciuto che spaventa la specie umana…

L’oscurità può anche riportarci a vecchi traumi. Visto che sono sola e vulnerabile, ho l’impressione di rivivere un’aggressione, un furto o qualsiasi altro ricordo doloroso…

> Scopri l’EMDR, un metodo per superare lo stress post traumatico.


Lo sapevi? Non sei solo!

paura di notte

Secondo uno studio recente su un campione di 2000 persone, il 40% ha affermato di avere paura di camminare da soli a casa la notte. Il 10% non penserebbe neanche lontanamente di alzarsi per andare in bagno.


Domare l’oscurità grazie agli altri sensi

Un’altra cosa altrettanto spaventosa del buio è l’assenza di punti di riferimento. Privata della vista, non so cosa succede intorno a me. E se invece di correre verso l’interruttore più vicino respirassi normalmente? Se utilizzassi gli altri sensi per aiutarmi e rassicurarmi. È normale che il mio appartamento o la mia casa emetta rumori strani, ma non parliamo di certo i passi di un ladro. Se mi concentro sull’udito posso riesco a riconoscere da vicino e da lontano i rumori del parquet, il ronzio del frigo o le tapparelle che sbattono.

Un rumore sospetto ha sempre una spiegazione razionale. Posso quindi utilizzare queste spiegazioni per non avere paura del buio ed è grazie a questo genere di esercizi che riuscirò poco a poco a riacquistare fiducia!


Attenzione: non alimentare la paura

nuit paisible

Ascoltare la paura significa darle ragione. Lasciare la luce accesa ha un effetto calmante ma conferma che la notte è pericolosa.



Il consiglio della redazione: la paura del buio non è insormontabile

Che sia profonda o meno, questa paura può essere superata. Diversi psicologi hanno approfondito l’argomento (a riprova che si tratta di un fenomeno estremamente ricorrente e soprattutto non c’è niente di cui vergognarsi 😉) ed ecco alcune soluzioni:

Luis Véra, psicoterapeuta, consiglia di confrontarsi con il buio progressivamente

Cerca di stare qualche minuto in penombra. Respira, nota che non sta succedendo niente di strano. Ripeti l’esercizio aumentandone la durata e l’intensità del buio.”

Paul Denis, psicanalista, ci invita a pensare a cose belle

Leggi un libro prima di addormentarti. Ti occuperà la mente e avrà un effetto rilassante. Oppure pensa ai piani per le vacanze: pensare a cose belle evita che il panico prenda il sopravvento.”

Béatrice Copper-Royer, psicologa, predilige l’introspezione

Fatti delle domande, da sola o con un terapeuta. Mi è mai capitata una notte spaventosa? Cosa succedeva quando andavo a letto da bambina? Tornare indietro alle nostre vecchie paure ci permette di superarle. Comprendere la fonte permette di avanzare, da soli o accompagnati”.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!

#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: ipsico.it 

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!