EMDR: il metodo shock per trattare lo stress post traumatico

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Certi traumi ci perseguitano e anche solo ripensarci ci provoca lo stesso dolore della prima volta. A volte ci disturbano nel sonno, come se il trauma vagabondasse da qualche parte dentro di noi, impriogionato nel nostro cervello, pronto ad attaccare non appena ricarichiamo le pile. L’EMDR – Eye-Movement Desensitization and Reprocessing – permette di curare in maniera efficace le conseguenze post-traumatiche, anche anni dopo. Vuoi saperne di più?

 
 Sommario

L’immagine di questo fantasma che ci perseguita non è frutto dell’immaginazione. Si spiega tramite la difficoltà del nostro cervello a trattare avvenimenti traumatici o shock emozionali.

Cos’è l’EMDR?

EMDR sta per Eye-Movement Desensization and Reprocessing ovvero Desensibilizzazione e ritrattamento (dell’informazione) tramite i movimenti oculari. Questo approccio terapeutico mira a sbloccare gli shock post traumatici e le manifestazioni emotive negative che ne derivano. Questo metodo arriva dritto dagli Stati Uniti, nello specifico da Francine Shapiro, psicologa. Dobbiamo a lei la scoperta nel 1987 della terapia EMDR.

🧠 Inizialmente utilizzata per le vittime di eventi traumatici come incidenti, guerre, attentati e aggressioni, viene ormai usata per tutte le forme di trauma a partire come la paura dell’abbandono, le pene d’amore o ancora l’ansia, stress post-traumatico, DOC, fobie, insonnia...

Come vengono elaborati dal cervello gli shock emotivi?

Ogni notte il cervello passa in rassegna gli eventi della giornata e memorizza i più importanti. Ciascun evento attiva diverse zone del nostro cervello, ognuna delle quali si occupa di qualcosa: la vista, l’udito, l’olfatto e le emozioni provate. Questi parametri sono quindi registrati nella memoria, il nostro hard disk, noto come “ippocampo”. Una volta registrati qui, le zone si disattivano, “liberano lo spazio sul disco” e passano ad altro.

🤯 In caso di shock emotivo, il sistema si blocca. L’amigdala, zona che gestisce le emozioni che sentiamo, arresta gli eventi nel presente. Si rivivono quindi ripetutamente le stesse emozioni negative altrettanto intensamente che il primo giorno. È quello chiamiamo un “ricordo traumatico”.

Mente umana

➡ L’idea è quindi di liberarsi di questi ricordi e farli passare nella corteccia cerebrale. Il paziente non dimentica il ricordo ma l’informazione è trattata in modo diverso dal cervello. Il ricordo è meno presente.

Come agisce sul cervello l’EMDR?

È nella fase di sonno paradossale che i traumi si aggrappano alla memoria. L’idea è quindi quella di riprodurre il movimento che fanno normalmente gli occhi quando dormiamo con una stimolazione bilaterare degli stessi. Il paziente è invitato a seguire con lo sguardo il dito o la bacchetta che sposta il medico da destra a sinistra in maniera ripetitiva. Durante la consultazione, il medico e il paziente identificano un ricordo particolarmente traumatizzante e l’immagine più forte legata a questo trauma. Successivamente comincia la stimolazione bilaterale. Lo psicologo fa alternare serie di movimenti oculari diversi se si parla o si resta in silenzio.

L’idea è quella di stimolare gli emisferi cerebrali coinvolti per avere accesso alle informazioni bloccate legate ai traumi: immagini, suoni, odori, sensazioni ecc. All’inizio della stimolazione il paziente sente le sensazioni negative del trauma evocato, poi lo spirito vagabonda fino a trovare altri ricordi, ricordi più gioiosi stavolta. Il professionista lavora quindi su questi ricordi gioiosi. L’obiettivo è riprogrammare il nostro cervello associando ricordi piacevoli al ricordo traumatico.

➡ Nel corso delle sedute le sensazioni diventano sempre più piacevoli, il ricordo traumatico perde di intensità, si affievolisce. Ricorda inoltre che il professionista può utilizzare altri pannelli sensoriali come il tatto, stimolando il paziente con un tocco alternato ripetuto, o come l’udito, grazie a cuffie che emettono suoni in alternanza tra orecchio destro e sinistro. Il numero di sedute dipenderà dal trauma e dalla capacità del paziente di calmarsi.


Il consiglio della redazione: non aspettare troppo

Non lasciare che i fantasmi del passato infestino il tuo futuro. Se ti sembra di non riuscire a liberarti da solo da quest’ombra perché il dolore è troppo profondo, non esitare a consultare un professionista.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!