Sindrome del sopravvissuto: quando essere in vita ti fa sentire in colpa

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Quando mia madre è morta in un incidente d’auto ero totalmente devastata. Ho sentito un dolore immenso ma non ho assistito al dramma della sua morte. Certe persone sfortunatamente assistono alla morte di una persona cara... Questo provoca un peso immenso da portare, poiché si sentono colpevoli di essere in vita mentre l’altra persona non ha avuto la stessa fortuna. Questa sensazione nota come “sindrome del sopravvissuto” (o sindrome di Lazzaro) non è strana e può avere numerose conseguenze. Come uscirne? Scopriamolo insieme!

Sindrome del sopravvissuto: quando essere in vita ti fa sentire in colpa

Cos’è la sindrome del sopravvissuto?

La sindrome del sopravvissuto è il senso di colpa di essere in vita dopo una situazione traumatica terminata con la morte di una persona. Si ha l’impressione di aver fatto un torto o di aver commesso qualcosa di sbagliato per il semplice fatto di essere ancora in vita. Due sentimenti nascono da questo evento 😥:

  • 👉 Si ha la sensazione di non meritare di vivere, si pensa che sarebbe stato più giusto morire al posto dell’altra persona.
  • 👉 Si ha tendenza a credere che si sarebbe potuta impedire la morte dell’altra persona...

Una tragedia che segna

Questa sindrome si verifica particolarmente quando la persona ha assistito alla morte di qualcuno sotto i propri occhi. Per esempio, un incidente stradale: c’è uno scontro, la persona di fianco a te muore ma tu sopravvivi. È una tragedia che può capitare nella vita di tutti i giorni ma, come spiega la dottoressa in psicopatologie, Hélène Romano, questo potrebbe riguardare drammi umani anche più vasti come ad esempio gli attentati. Inoltre, i primi studi sull’argomento sono stati condotti sulle vittime della Shoah o sui sopravvissuti del genocidio in Rwanda...

🌪️ Di fronte a un trauma si sentono emozioni negative come il senso di colpa, la vergogna, la tristezza, l’ansia o ancora l’ipervigilanza. Vivere la sindrome del sopravvissuto porta con sé quindi varie conseguenze sulla salute mentale.

Le conseguenze del senso di colpa

Quando si vive uno shock emotivo avviene una metamorfosi psichica. Io stessa l’ho sperimentato quando mia madre è morta ed io sono totalmente cambiata. In ogni caso, non avendo assistito al dramma, non vivo con i flash-back dell’evento. Le persone con la sindrome di Lazzaro rivivono la scena con immagini mentali traumatizzanti. Le emozioni tornano in superficie, come la paura e il turbamento. Si finisce per sentirsi diversi rispetto agli altri.

Isolamento e comportamenti a rischio

È quasi impossibile essere felice di vivere in queste condizioni, soprattutto quando si realizza che la persona che ha perso la vita non ha avuto la nostra stessa fortuna. Il senso di colpa ti divora e crea disturbi con sintomi della depressione.

Nel migliore dei casi, il malato psichico riuscirà a superare il senso di colpa, ma questo succede difficilmente senza aiuti esterni. Il peso delle emozioni è talmente pesante da portare che è impossibile non sviluppare comportamenti a rischio. È un modo per tenersi lontano dalla realtà, come con il consumo di alcool o droghe. Si tende anche a chiudersi e isolarsi totalmente, visto che la paura dello sguardo altrui è incombente.

⚠️

Certe vittime sviluppano anche pensieri suicidi che le spingono a commettere l’irreparabile, un esempio è quello della giovane Sydney Aiello. Parliamo di una sopravvissuta alla sparatoria di Parkland in Florida che si è tolta la vita un anno dopo il massacro...

Come guarire da questa sindrome?

Ognuno vive il lutto in maniera diversa, con emozioni più o meno difficili da vivere 😔. Quando si è vittima di un dramma il nostro modo di gestirlo dipende dalla nostra resilienza e dal nostro bagaglio personale.

La sindrome del sopravvissuto è un mix complesso di diversi fattori propri alla persona che lo vive. L’unico modo di riuscire ad attraversare le fasi del lutto e di sbarazzarsi del senso di colpa è seguire una terapia. Solo un professionista potrà aiutarti ad attraversare il trauma e andare verso l’accettazione. La scelta della giusta terapia è importante in questi casi, sarebbe bene orientarsi vero l'EMDR che è adatta ai traumi e allo stress post-traumatico.

Come aiutare una persona che manifesta questi sintomi?

Vedere una persona cara farsi carico del senso di colpa di un decesso non è mai semplice, ma bisogna armarsi di pazienza, tatto e dolcezza per starle vicino. È bene mostrarsi presente e all’ascolto per empatizzare il suo turbamento. Lo si fa tramite piccoli gesti di sostegno, ad esempio accompagnandola alla prima sessione di psicoterapia. La si deve aiutare ad attraversare il dolore cercando di impedire che quest’ultimo o i comportamenti a rischio prendano il sopravvento 😟. È necessario anche accettare che la persona che ha vissuto questo dramma non sarà più la stessa di prima e ci si deve quindi adattare per accompagnarla al meglio.


Il consiglio della redazione: un trauma importante deve essere seguito

La sindrome del sopravvissuto segue a un trauma importante. È fondamentale avere un aiuto psicologico per superare questo tipo di eventi traumatici. Se ne soffri o vedi qualcuno soffrirne intorno a te non aspettare per prendere appuntamento con uno psicologo.

 
🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Bibliografia: L’impero del trauma: Nascita della condizione di vittima di Didier Fassin, Richard Rechtman

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Cos'è la sindrome di Puffetta al lavoro?

Ah, i Puffi! Tutti conoscono i fumetti di Peyo con i simpatici personaggi blu. Ma se ci pensi, c'è qualcosa di strano: il fatto che ci sia una sola Puffetta per un intero villaggio. Un autore l'ha notato più di 30 anni fa e l'ha usato per parlare della scarsa rappresentazione delle donne. Purtroppo il principio della puffetta può essere riscontrata in molti ambiti, compreso quello lavorativo. Ecco come funziona.

6 consigli per superare la propria timidezza

L'idea di parlare in pubblico, o di parlare con gli sconosciuti, mi mette fuori di me. Divento paonazzo, inizio a tremare, mi si forma un nodo nello stomaco. Odio essere timido, non riuscire a mostrarmi disinvolto, parlare lo stretto necessario e non trovare mai il momento giusto per intervenire. Ecco perché, lavorando su me stesso, ho trovato 6 semplici trucchi per superare e a volte nascondere la mia timidezza.

10 pensieri positivi da tenere a mente per una carica quotidiana

Vedere il bicchiere mezzo pieno, anziché mezzo vuoto, è un pensiero positivo perfetto! I pensieri positivi ci aiutano nella vita di tutti i giorni, dandoci una spinta e motivandoci a realizzare progetti che ci stanno a cuore da tempo. Quindi, per aiutarti nel tuo percorso di realizzazione, ecco 10 pensieri da tenere a mente per accompagnarti sempre e ovunque!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!