Sindrome del sopravvissuto: quando essere in vita ti fa sentire in colpa

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Quando mia madre è morta in un incidente d’auto ero totalmente devastata. Ho sentito un dolore immenso ma non ho assistito al dramma della sua morte. Certe persone sfortunatamente assistono alla morte di una persona cara... Questo provoca un peso immenso da portare, poiché si sentono colpevoli di essere in vita mentre l’altra persona non ha avuto la stessa fortuna. Questa sensazione nota come “sindrome del sopravvissuto” (o sindrome di Lazzaro) non è strana e può avere numerose conseguenze. Come uscirne? Scopriamolo insieme!

 Sommario

Cos’è la sindrome del sopravvissuto?

La sindrome del sopravvissuto è il senso di colpa di essere in vita dopo una situazione traumatica terminata con la morte di una persona. Si ha l’impressione di aver fatto un torto o di aver commesso qualcosa di sbagliato per il semplice fatto di essere ancora in vita. Due sentimenti nascono da questo evento 😥:

👉 Si ha la sensazione di non meritare di vivere, si pensa che sarebbe stato più giusto morire al posto dell’altra persona.

👉 Si ha tendenza a credere che si sarebbe potuta impedire la morte dell’altra persona...

Una tragedia che segna

Questa sindrome si verifica particolarmente quando la persona ha assistito alla morte di qualcuno sotto i propri occhi. Per esempio, un incidente stradale: c’è uno scontro, la persona di fianco a te muore ma tu sopravvivi. È una tragedia che può capitare nella vita di tutti i giorni ma, come spiega la dottoressa in psicopatologie, Hélène Romano, questo potrebbe riguardare drammi umani anche più vasti come ad esempio gli attentati. Inoltre, i primi studi sull’argomento sono stati condotti sulle vittime della Shoah o sui sopravvissuti del genocidio in Rwanda...

🌪️ Di fronte a un trauma si sentono emozioni negative come il senso di colpa, la vergogna, la tristezza, l’ansia o ancora l’ipervigilanza. Vivere la sindrome del sopravvissuto porta con sé quindi varie conseguenze sulla salute mentale.

Le conseguenze del senso di colpa

Quando si vive uno shock emotivo avviene una metamorfosi psichica. Io stessa l’ho sperimentato quando mia madre è morta ed io sono totalmente cambiata. In ogni caso, non avendo assistito al dramma, non vivo con i flash-back dell’evento. Le persone con la sindrome di Lazzaro rivivono la scena con immagini mentali traumatizzanti. Le emozioni tornano in superficie, come la paura e il turbamento. Si finisce per sentirsi diversi rispetto agli altri.

Isolamento e comportamenti a rischio

È quasi impossibile essere felice di vivere in queste condizioni, soprattutto quando si realizza che la persona che ha perso la vita non ha avuto la nostra stessa fortuna. Il senso di colpa ti divora e crea disturbi con sintomi della depressione.

Nel migliore dei casi, il malato psichico riuscirà a superare il senso di colpa, ma questo succede difficilmente senza aiuti esterni. Il peso delle emozioni è talmente pesante da portare che è impossibile non sviluppare comportamenti a rischio. È un modo per tenersi lontano dalla realtà, come con il consumo di alcool o droghe. Si tende anche a chiudersi e isolarsi totalmente, visto che la paura dello sguardo altrui è incombente.

⚠️

Certe vittime sviluppano anche pensieri suicidi che le spingono a commettere l’irreparabile, un esempio è quello della giovane Sydney Aiello. Parliamo di una sopravvissuta alla sparatoria di Parkland in Florida che si è tolta la vita un anno dopo il massacro...

Come guarire da questa sindrome?

Ognuno vive il lutto in maniera diversa, con emozioni più o meno difficili da vivere 😔. Quando si è vittima di un dramma il nostro modo di gestirlo dipende dalla nostra resilienza e dal nostro bagaglio personale.

La sindrome del sopravvissuto è un mix complesso di diversi fattori propri alla persona che lo vive. L’unico modo di riuscire ad attraversare le fasi del lutto e di sbarazzarsi del senso di colpa è seguire una terapia. Solo un professionista potrà aiutarti ad attraversare il trauma e andare verso l’accettazione. La scelta della giusta terapia è importante in questi casi, sarebbe bene orientarsi verso l’EMDR che è adatta ai traumi e allo stress post-traumatico.

Come aiutare una persona che manifesta questi sintomi?

Vedere una persona cara farsi carico del senso di colpa di un decesso non è mai semplice, ma bisogna armarsi di pazienza, tatto e dolcezza per starle vicino. È bene mostrarsi presente e all’ascolto per empatizzare il suo turbamento. Lo si fa tramite piccoli gesti di sostegno, ad esempio accompagnandola alla prima sessione di psicoterapia. La si deve aiutare ad attraversare il dolore cercando di impedire che quest’ultimo o i comportamenti a rischio prendano il sopravvento 😟. È necessario anche accettare che la persona che ha vissuto questo dramma non sarà più la stessa di prima e ci si deve quindi adattare per accompagnarla al meglio.


Il consiglio della redazione: un trauma importante deve essere seguito

La sindrome del sopravvissuto segue a un trauma importante. È fondamentale avere un aiuto psicologico per superare questo tipo di eventi traumatici. Se ne soffri o vedi qualcuno soffrirne intorno a te non aspettare per prendere appuntamento con uno psicologo.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Bibliografia: L’impero del trauma: Nascita della condizione di vittima di Didier Fassin, Richard Rechtman

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!