Quali sono le fasi del lutto?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Arriva un momento, a una certa età, in cui la maggior parte di noi ha già vissuto questo dramma, questa perdita assoluta. Durante la nostra vita, la morte è nostra compagna, cammina accanto a noi, ma quando porta via qualcuno che amiamo, come convivere con questa assenza? Come tornare a vivere quando la morte ci colpisce da vicino? Come superare un lutto?

Quali sono le fasi del lutto?

Come affrontare la morte di una persona cara?

È sempre presente, come un'ombra scura che ci osserva e aspetta: la morte può arrivare senza preavviso, di punto in bianco, come uno schiaffo in faccia, o può essere già inserita nella nostra vita quotidiana. Poco importa, perché quando arriva, porta via con sé qualcuno che amiamo e a noi rimane solo il dolore. Non importa quanto la conosciamo, o il fatto di sapere razionalmente che prima o poi arriverà: è impossibile prepararsi a questa mancanza, a questo vuoto che niente potrà mai riempire. Soffrire la perdita di un genitore, affrontare la morte di un marito, di un amico, significa perdere una parte della nostra vita. Non avremo mai più un'altra madre, mai più un altro padre, mai più quella persona al nostro fianco. 

Il dolore non deve essere sottovalutato e superarlo richiede tempo. Un tempo più o meno lungo, che dobbiamo accettare per poter ricominciare a vivere.

Un dolore proporzionato all’affetto

Quando si perde qualcuno, il processo di lutto inizia in modo automatico. Si tratta di un processo essenziale, commisurato all'attaccamento che ti ha legato a quella persona. La morte è una rottura e il lutto è un modo di curare e guarire la ferita. Il lutto è dunque un passaggio obbligato e quanto più grande è il dolore, tanto più lungo e intenso sarà. E questo è normale.

🖤
La perdita di una persona cara provoca una profonda tristezza e un senso di vuoto. Il lutto è un processo individuale e unico e non esiste un modo "giusto" o "sbagliato" di affrontarlo. È importante permettersi di provare le proprie emozioni, per quanto dolorose possano essere. Non devi tagliarti fuori da queste emozioni. Parla con persone di cui ti fidi, esprimi i tuoi sentimenti e uno psicologo può essere prezioso per aiutarti a superare questo periodo. Sappi che anche se il dolore ti sembra insormontabile, con il tempo e il sostegno inizierai a guarire.

Le 5 fasi del lutto: un momento per ogni emozione

Le fasi del lutto servono per descrivere e comprendere il processo. Tuttavia, come spesso accade quando si tratta di sentimenti umani, queste non sono assolute e unanimi. Le fasi del lutto non si verificano sempre in ordine cronologico. Una fase può passare e poi tornare, altre possono sovrapporsi. Alcune dureranno a lungo, mentre altre saranno più brevi. Queste 5 tappe sono dei punti di riferimento, ci permettono di sapere a che punto siamo e di dare un nome alle emozioni che ci attraversano, ma sono specifiche per ogni persona. Il processo di lutto dipende da chi siamo e dal nostro modo di vivere il dolore.

È la psichiatra Elisabeth Kübler-Ross che ha definito le 5 fasi del lutto. Negazione, rabbia, negoziazione, depressione, accettazione. Queste sono le 5 fasi che una persona attraversa nel processo di lutto. Non si tratta affatto di mettere le nostre emozioni in queste categorie. Più semplicemente, queste fasi ci permettono di dare un nome ai nostri sentimenti e ci aiutano ad andare avanti passo dopo passo, al nostro ritmo.

1) La negazione, lo choc

Questa è la fase dell’incredulità, quasi come un'anestesia, che ci attanaglia tutti quando veniamo a sapere della morte di una persona cara: "non può essere!" Anche se, a seconda delle circostanze, potremmo prepararci alla morte di una persona cara, è impossibile immaginare che non la vedremo mai più, che non la sentiremo più, che non potremo più parlarle, prenderle la mano, baciarla...Inimmaginabile! La fase della negazione è quella che ci permette di sopravvivere a questa notizia. A volte, proviamo a cercare informazioni per comprendere questa morte, per trovare una spiegazione. "Cosa avrebbe potuto impedire questo?". La negazione allontana per un momento il dolore negando l'inevitabilità della morte. A poco a poco, però, la realtà riaffiora.

2) La rabbia

Al momento di una morte, è sano abbracciare la propria rabbia. Se blocchiamo questa rabbia, sarà difficile dissiparla. La morte è ingiusta, la rabbia è quindi legittima, dobbiamo lasciarla andare e viverla, anche se è eccessiva, può sembrare fuori luogo o illogica... fa parte del processo. È impossibile ricostruire se stessi se non ci si concede di esprimere la propria rabbia. È spesso un sentimento di rabbia che va in tutte le direzioni: "perché non ha prestato più attenzione?", "perché non mi sono preso più cura di lui/lei?", "perché i medici non hanno fatto di più?"... Questa è una delle fasi più difficili perché è estenuante e ci isola dai nostri cari, che sono le persone di cui abbiamo più bisogno in questi momenti. Tuttavia, questa rabbia è essenziale nel processo del lutto, è la conferma del nostro attaccamento e del nostro amore per la persona che abbiamo perso. Inoltre, è anche un segno che stiamo facendo progressi nel nostro dolore.

3) La negoziazione

È una fase che si verifica anche quando apprendiamo che una persona cara sta per morire. Alcuni pensieri ci tormentano: "e se...trovassimo presto una cura", "mio Dio, prometto di dedicare la mia vita agli altri se la lascerai vivere", "se solo potessi svegliarmi e tutto questo fosse un incubo". La negoziazione è un atto, un pensiero disperato. Il nostro senso di impotenza è così grande che neghiamo la realtà e ci distacchiamo completamente da essa. È una fase di illusione durante la quale la nostra mente cerca di cambiare il passato per modificare la realtà.

4) La depressione

La fine della negoziazione arriva quando prendiamo coscienza della realtà implacabile e torniamo al presente: perdita, assenza, vuoto. Qual è l'unica risposta valida a questa realtà? Tristezza e sintomi della depressione. Non ha niente a che vedere con la depressione legata a una malattia mentale, ma si tratta piuttosto della risposta appropriata alla perdita di una persona cara. Questa fase di depressione non è quindi assolutamente anormale ed è necessario essere accompagnati da qualcuno. Questo periodo può sembrare interminabile perché sembra insormontabile: siamo usciti dalla nostra bolla e la realtà è impressionante, le emozioni che ci travolgono sono violente. Questa depressione ci isola, ci stravolge il sonno e l'appetito, ci sfinisce, ecc. L'angoscia ci attanaglia e, tuttavia, dobbiamo accettare questa tristezza come un ospite necessario che ci permetterà di assimilare il lutto, di ricostruire e rafforzare noi stessi. Dobbiamo accettare questa depressione e farle spazio, perché andrà via solo quando avremo la forza di accettare la perdita. Certo, la tristezza potrà tornare di tanto in tanto: è così che funziona il dolore.

5) L’accettazione

L'accettazione non è la fine del dolore e ancor meno l'oblio. L'accettazione è la fase della ricostruzione, quella in cui si accetta la realtà della situazione. La vita (un'altra vita) ricomincia e siamo pronti ad andare avanti con più energia e capacità fisica e mentale. Questo è il momento in cui dobbiamo riorganizzare la nostra vita senza la persona che abbiamo perso. Questa fase consiste nell’accettare che la nostra vita è cambiata per sempre, che dobbiamo riadattarla a questa situazione drammatica. Le cose non possono tornare come erano prima.

Dopo un lutto: cambia tutto

Soffrire significa vivere il processo del lutto, che consiste nell'accettare la morte e la perdita della persona che amiamo. In nessun caso si tratta di dimenticare. Come si può dimenticare? Come si fa a voltare pagina, ad andare avanti? Spesso pensiamo, a torto, che una volta finito il lutto, andiamo avanti e dimentichiamo la persona amata. No, certo che no. Se si pensa in questo modo, come si può accettare la propria perdita? Non dimentichiamo mai che la fine del lutto non consiste nel dimenticare. Il lutto ci porta a  imparare a vivere con questa assenza. Una morte lascia un segno indelebile su di noi, quindi alla fine di un lutto non saremo più la stessa persona di prima. Alla fine di un lutto, saremo una persona capace di provare gioia, piacere, felicità e di vivere con questa cicatrice, anche se, di tanto in tanto, potrà fare ancora male.

Le conseguenze del lutto sulla nostra salute

Nonostante le tappe che lo compongono, il lutto ovviamente non è mai semplice e può avere gravi conseguenze sulla nostra salute psicologica. Per esempio, è un fattore importante nel rischio di suicidio e/o di comportamenti di dipendenza o pericolosi (alcol, farmaci, droghe, guida rischiosa). Il 5% delle persone in lutto può addirittura arrivare a soffrire di lutto patologico. Questo fenomeno si verifica quando un lutto è particolarmente complicato e prolungato, e può portare la persona in questione a sviluppare una malattia mentale o fisica. Questa persona può arrivare a soffrire di profonda depressione, disturbi d'ansia, o persino sviluppare ulcere, problemi cardiaci o, nei casi più gravi, il cancro. Più la morte è improvvisa, maggiore è il senso di colpa che la persona percepisce, e maggiore è il rischio di un lutto patologico.


Abbiamo tutti bisogno di aiuto e consigli

Il lutto è un processo difficile e ogni situazione è unica. Avere un terapeuta che ti accompagni durante questo processo è molto efficace, soprattutto se hai difficoltà a trovare le parole per descrivere le tue emozioni. Se stai provando emozioni come il senso di colpa, la rabbia, o se hai avuto una relazione conflittuale con la persona che è deceduta, non esitare a prendere un appuntamento.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo



Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: studiopsyche

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

I 7 migliori gadget antistress per lottare contro l’ansia

Che sia per un esame o per capire cosa fare della propria vita, lo stress mi conosce bene! Inoltre… Bisogna dire che sono una persona abbastanza stressata in generale e con il tempo ho trovato dei trucchetti per restare più tranquilla. Grazie a questo, sono riuscita a trovare dei modi che io utilizzo più o meno tutti i giorni per calmarmi. Lo stress ha un impatto molto importate sul corpo e sulla mente, non bisogna lasciargli spazio. Allora ecco 7 strumenti antistress che ci fanno bene!

Non ho ambizioni, è davvero così grave?

Fin dai tempi del liceo, avere degli ottimi voti in pagella non mi interessava un granché. Il proseguimento della mia vita professionale non è stato molto diverso. In un mondo all’insegna dell’iperproduttività, del continuo superamento dei propri limiti, di costanti sfide personali, io mi accontento di vivere la mia vita tranquillamente.

Dichiarazioni d'amore: apri il tuo cuore e tocca il suo

Avevo pensato a tutto: salire sul tetto della mia auto, chiedergli di andare sul balcone e cantare che l'amavo. Un po' esagerato. Mettere un messaggio d'amore in una torta. Troppo tecnico, troppo rischioso. O più "semplicemente" rifare la scena di Love Actually. Visto e rivisto. Alla fine, per dichiarargli il mio amore, ho scritto una lettera che ho fatto scivolare sul suo tavolo mentre me ne andavo. Le dichiarazioni d'amore sono sempre un grattacapo spaventoso. Abbiamo paura, vogliamo fare troppo, temiamo di non fare abbastanza. Sono sicura che tu abbia bisogno di una mano per iniziare.

I genitori dovrebbero essere incoraggiati a rivolgersi a uno psicologo? Ottima domanda...

Un argomento importante, vero? Mi sono posto questa domanda l'altro giorno, dopo aver cercato di parlare con mio padre della sofferenza che ho vissuto da bambino. Mi ha risposto “sì, ma per me è stato peggio con i miei genitori”. Alla faccia del dialogo, eh? Vorrei che si rendesse conto che è importante per lui riparare le proprie ferite, come sto cercando di fare io... Quindi, dovresti incoraggiare i tuoi genitori ad andare da uno psicologo oppure no? Ecco alcune risposte.

Il triangolo di Karpman, un pericoloso gioco psicologico

Oggi ti parlerò del triangolo drammatico di Karpman e dei 3 ruoli principali possibili: carnefice, salvatore e vittima. Io sono sempre stato la vittima in questo triangolo drammatico. Cosa significa? Come fai a sapere se ci sei dentro? Come si fa a uscirne? Ti racconto tutto.

8 cose di cui mi infischio vivendo alla grande!

A volte mi capita di essere pigro/a e invece di mettermi le scarpe da ginnastica per andare a correre, rimango a casa al calduccio. Chi se ne frega se non ho un corpo perfetto? Lasciare la presa, non dare troppa importanza ai giudizi altrui e soprattutto essere se stessi, non c'è modo migliore per essere felici. Devo ammettere che, da quando non do più importanza al giudizio altrui, sto molto meglio. Ecco otto cose di cui ormai mi infischio altamente ma che hanno cambiato in meglio la mia vita. Provare per credere!

"Quando avevo bisogno di te, tu non c'eri...": come superarlo.

Quando avevo bisogno di te, tu non c'eri... Mi ripetevo questa frase quando ero più giovane e che dolore è vedere che stai vivendo qualcosa da solo. La solitudine in un momento difficile della nostra vita, quando abbiamo bisogno di sostegno, può farci sentire tristi o addirittura peggio. Rabbia, incomprensione, risentimento, senso di abbandono... Sono tutti sentimenti che possono nascere da questa assenza. Perché ci sentiamo così? Come possiamo superare lo sconforto di vedere una persona che amiamo non essere presente quando ne abbiamo bisogno? Spiegazioni.

12 regole per ricominciare da zero una nuova vita

Hai finalmente deciso! Vuoi dare una svolta alla tua vita, ricominciare tutto da capo, mettere una pietra sopra il passato e guardare al futuro. Il desiderio di voler cominciare da zero è spesso motivato da una situazione in cui non ci sentiamo a nostro agio. Ecco come farlo in 12 semplici passi.

Mi sento esclusa: qual è il motivo di questa sensazione

“Da quando ero piccola, mi sento esclusa e ho grandi difficoltà a integrarmi. Purtroppo anche da adulta la situazione non è cambiata. Ho l’impressione che c’è qualcosa in me che genera antipatia e allontana gli altri. Eppure mi descriverei come una persona rispettosa, curiosa e ho davvero voglia di fare nuovi incontri e sopratutto di stringere amicizie solide.” Se ti sei riconosciuta in queste parole significa che anche tu ti chiedi perché provi questo sentimento di esclusione. Vediamo insieme da dove arriva per risolvere il problema.

Smart working: i miei amici, i miei colleghi, la bella vita!

Ci sono i legami d’amicizia che stringiamo con i nostri colleghi a lavoro, e poi ci sono i nostri amici. Quelli della vita, fuori dall’ambito lavorativo. Salvo che, con la crisi sanitaria, tutto ciò che è al di fuori della famiglia o del lavoro non esiste più. E se, per far fronte alla solitudine, provassimo lo smart working tra amici? È possibile?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!