"Maschiaccio": non dire mai più una cosa del genere alle ragazze!

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Da piccola giocavo molto con i Lego e con i videogiochi. Per me sono passioni come tutte le altre e a 33 anni gioco ancora ai videogiochi. Tuttavia, ciò che non è normale è che quando ero più giovane venivo descritta come un "maschiaccio". In realtà, ho sempre odiato questo termine e credo sia ora di smettere di usarlo. È sessista e attribuisce un'etichetta alle ragazze che non rientrano nei cliché del loro genere, quindi non pronunciarlo mai più!

"Maschiaccio": non dire mai più una cosa del genere alle ragazze!

Più un insulto che un'espressione

"Come fai a sapere se sei un maschiaccio?".

"Perché si dice maschiaccio?"

"Mia figlia è un maschiaccio, cosa posso fare?".

"Come si chiama una ragazza che si comporta come un ragazzo?".


Non ho inventato io tutti questi commenti, basta aprire Google e digitare "maschiaccio" per vedere le domande poste al motore di ricerca. Si tratta di una grande preoccupazione e sono soprattutto i genitori ad averla sollevata 😥. Infatti, sono loro stessi a chiedersi e a preoccuparsi, perché ritengono che la loro figlia si dedichi ad attività descritte come maschili o si comporti in modi tradizionalmente associati ai ragazzi.

Non riesco a immaginare lo scompiglio che si crea quando i genitori si preoccupano di questo. Per quanto mi riguarda, sono stata "fortunata" perché non è stata la mia stretta cerchia di amici a chiamarmi così e, soprattutto, i miei genitori mi hanno rassicurato enormemente, perché sì, l'espressione è più vicina a un insulto che altro 🙃.

Potrebbe interessarti anche questo articolo: Maschi alfa: come riconoscere un maschilista narcisista? 

Un bambino "mancato"?

In effetti, dicendo questo, si sottintende che non siamo riusciti a creare un "vero" bambino. Questo può sollevare molte domande e distruggere l'autostima della bambina che sente queste parole su di sé. Le viene fatto capire che, se non si comporta in modi assegnati al genere femminile, non è una donna a tutti gli effetti.

📌

Anche ai ragazzi viene attribuita l'espressione "femminuccia", come se fosse un insulto di per sé 😅....

In sostanza, questo tipo di discorso perpetua l'idea che le ragazze siano meno importanti dei ragazzi e, soprattutto, rafforza gli stereotipi di genere.

Il bisogno di adattarsi ai dettami della società

È ovvio che i genitori che si preoccupano di avere un "maschiaccio" non hanno dato ai loro figli un'educazione neutrale dal punto di vista del genere. Questo è il problema principale 😕 ! "Maschiaccio" è un'espressione apparsa nel XX secolo, in una società estremamente binaria e di genere, con gli uomini da una parte e le donne dall'altra. Le donne erano a malapena considerate... Sì, se consideri che proprio in quel periodo (1945) abbiamo finalmente ottenuto il diritto di voto!

Probabilmente verrò definita "wokista", ma questa espressione esprime quanto tu debba adattarti agli schemi, è arcaica e degradante. Alle ragazze che vengono etichettate in questo modo viene fatto capire che si comportano male e, ovviamente, la diversità di genere viene infranta da questa idea d'altri tempi.

La devastazione degli stereotipi di genere

Forse alcune persone non capiscono perché sia un problema rientrare nel genere che ti è stato assegnato alla nascita. Se è così, dobbiamo urgentemente decostruire noi stessi e aprire gli occhi, perché gli stereotipi di genere causano molta sofferenza e sono uno dei principali mali della nostra società. Usando l'espressione "maschiaccio", perpetuiamo idee che contribuiscono a rafforzare le 👇:

  • Disuguaglianze sessiste
  • Pregiudizi e discriminazioni
  • La repressione delle emozioni
  • La limitazione dell'espressione di sé
  • ecc.

Ai bambini viene fatto capire che non possono essere se stessi e che il modo in cui gli altri li vedono è più importante del loro benessere. Ovviamente, questo causa ancora più sofferenza alle persone non binarie o quelle transgender. La disforia di genere può svilupparsi e portare a depressione o tentativi di suicidio...

Questo articolo potrebbe interessarti: Qual è il significato di LGBTQIA+ 🏳️‍🌈? #identità

Una rivalutazione necessaria

Credo che se i genitori sono preoccupati, è proprio perché hanno paura di essere giudicati dagli altri, senza pensare alle conseguenze già dannose descritte in questo articolo. Ecco perché è bene fare un passo indietro e non trasmettere le proprie ansie ai figli, che sono a loro volta il prodotto di un'educazione di genere. Al contrario, è importante creare una barriera protettiva e incoraggiare tua figlia, tuo figlio, insomma tuo figlio ad essere la persona che desidera 💪.

Pertanto, piuttosto che usare il termine "maschiaccio", è meglio... non dire nulla 🤐! In questo modo, rispettiamo e sosteniamo la libertà di tutti, compresi i nostri figli, e mettiamo da parte i nostri pregiudizi e le nostre distorsioni cognitive. La diversità e l'inclusione sono la chiave per un mondo migliore. In altre parole, un mondo che non generi sofferenze che hanno un impatto profondo sugli individui, quindi tanto vale cambiare le cose sulla nostra scala mettendo già in discussione il nostro vocabolario, non credi 😉 ?


Il consiglio della redazione: i traumi dell'infanzia

Anche tu hai sofferto per essere stato definito un "maschiaccio"? Molti disturbi dell'adulto sono il risultato di un trauma infantile, anche se di lieve entità. Tornare alle origini può aiutarti ad andare avanti e a sentirti meglio con te stesso. Quindi non esitare a confidarti con uno psicologo su eventi legati alla tua infanzia che potrebbero ancora oggi perseguitarti.

🤗Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e adesso! 
#BornToBeMe

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

I 7 migliori gadget antistress per lottare contro l’ansia

Che sia per un esame o per capire cosa fare della propria vita, lo stress mi conosce bene! Inoltre… Bisogna dire che sono una persona abbastanza stressata in generale e con il tempo ho trovato dei trucchetti per restare più tranquilla. Grazie a questo, sono riuscita a trovare dei modi che io utilizzo più o meno tutti i giorni per calmarmi. Lo stress ha un impatto molto importate sul corpo e sulla mente, non bisogna lasciargli spazio. Allora ecco 7 strumenti antistress che ci fanno bene!

Non ho ambizioni, è davvero così grave?

Fin dai tempi del liceo, avere degli ottimi voti in pagella non mi interessava un granché. Il proseguimento della mia vita professionale non è stato molto diverso. In un mondo all’insegna dell’iperproduttività, del continuo superamento dei propri limiti, di costanti sfide personali, io mi accontento di vivere la mia vita tranquillamente.

Dichiarazioni d'amore: apri il tuo cuore e tocca il suo

Avevo pensato a tutto: salire sul tetto della mia auto, chiedergli di andare sul balcone e cantare che l'amavo. Un po' esagerato. Mettere un messaggio d'amore in una torta. Troppo tecnico, troppo rischioso. O più "semplicemente" rifare la scena di Love Actually. Visto e rivisto. Alla fine, per dichiarargli il mio amore, ho scritto una lettera che ho fatto scivolare sul suo tavolo mentre me ne andavo. Le dichiarazioni d'amore sono sempre un grattacapo spaventoso. Abbiamo paura, vogliamo fare troppo, temiamo di non fare abbastanza. Sono sicura che tu abbia bisogno di una mano per iniziare.

I genitori dovrebbero essere incoraggiati a rivolgersi a uno psicologo? Ottima domanda...

Un argomento importante, vero? Mi sono posto questa domanda l'altro giorno, dopo aver cercato di parlare con mio padre della sofferenza che ho vissuto da bambino. Mi ha risposto “sì, ma per me è stato peggio con i miei genitori”. Alla faccia del dialogo, eh? Vorrei che si rendesse conto che è importante per lui riparare le proprie ferite, come sto cercando di fare io... Quindi, dovresti incoraggiare i tuoi genitori ad andare da uno psicologo oppure no? Ecco alcune risposte.

Il triangolo di Karpman, un pericoloso gioco psicologico

Oggi ti parlerò del triangolo drammatico di Karpman e dei 3 ruoli principali possibili: carnefice, salvatore e vittima. Io sono sempre stato la vittima in questo triangolo drammatico. Cosa significa? Come fai a sapere se ci sei dentro? Come si fa a uscirne? Ti racconto tutto.

8 cose di cui mi infischio vivendo alla grande!

A volte mi capita di essere pigro/a e invece di mettermi le scarpe da ginnastica per andare a correre, rimango a casa al calduccio. Chi se ne frega se non ho un corpo perfetto? Lasciare la presa, non dare troppa importanza ai giudizi altrui e soprattutto essere se stessi, non c'è modo migliore per essere felici. Devo ammettere che, da quando non do più importanza al giudizio altrui, sto molto meglio. Ecco otto cose di cui ormai mi infischio altamente ma che hanno cambiato in meglio la mia vita. Provare per credere!

"Quando avevo bisogno di te, tu non c'eri...": come superarlo.

Quando avevo bisogno di te, tu non c'eri... Mi ripetevo questa frase quando ero più giovane e che dolore è vedere che stai vivendo qualcosa da solo. La solitudine in un momento difficile della nostra vita, quando abbiamo bisogno di sostegno, può farci sentire tristi o addirittura peggio. Rabbia, incomprensione, risentimento, senso di abbandono... Sono tutti sentimenti che possono nascere da questa assenza. Perché ci sentiamo così? Come possiamo superare lo sconforto di vedere una persona che amiamo non essere presente quando ne abbiamo bisogno? Spiegazioni.

12 regole per ricominciare da zero una nuova vita

Hai finalmente deciso! Vuoi dare una svolta alla tua vita, ricominciare tutto da capo, mettere una pietra sopra il passato e guardare al futuro. Il desiderio di voler cominciare da zero è spesso motivato da una situazione in cui non ci sentiamo a nostro agio. Ecco come farlo in 12 semplici passi.

Mi sento esclusa: qual è il motivo di questa sensazione

“Da quando ero piccola, mi sento esclusa e ho grandi difficoltà a integrarmi. Purtroppo anche da adulta la situazione non è cambiata. Ho l’impressione che c’è qualcosa in me che genera antipatia e allontana gli altri. Eppure mi descriverei come una persona rispettosa, curiosa e ho davvero voglia di fare nuovi incontri e sopratutto di stringere amicizie solide.” Se ti sei riconosciuta in queste parole significa che anche tu ti chiedi perché provi questo sentimento di esclusione. Vediamo insieme da dove arriva per risolvere il problema.

Smart working: i miei amici, i miei colleghi, la bella vita!

Ci sono i legami d’amicizia che stringiamo con i nostri colleghi a lavoro, e poi ci sono i nostri amici. Quelli della vita, fuori dall’ambito lavorativo. Salvo che, con la crisi sanitaria, tutto ciò che è al di fuori della famiglia o del lavoro non esiste più. E se, per far fronte alla solitudine, provassimo lo smart working tra amici? È possibile?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!