Cos'è la psicosi puerperale, questa follia materna?

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Sappiamo che la maternità è un grande sconvolgimento, ma non possiamo immaginare che il parto possa farci perdere la testa. Può capitare di avere uno stato mentale completamente compromesso e si chiama "psicosi puerperale". Ma di cosa si tratta esattamente? Come viene diagnosticato questo tipo di psicosi? Si può curare? È fondamentale parlare della psicosi puerperale in modo che tutti siano più preparati. Ecco alcune spiegazioni.

Cos'è la psicosi puerperale, questa follia materna?

Cos'è la psicosi puerperale?

La psicosi puerperale è un disturbo psichiatrico raro e grave che colpisce una madre ogni 1.000 nascite. Non si tratta di una nevrosi: la persona non è consapevole della sua sofferenza. Si tratta di una psicosi con un crollo emotivo e psicologico accompagnato da delirio e agitazione estrema. Di solito sono il coniuge e i familiari più stretti a rendersi conto di questo stato 😥.

Si può essere colpiti da questa forma di psicosi anche senza una precedente storia psichiatrica. In genere, si scatena tra 1 e 2 settimane dopo la nascita del bambino.

Quali sono le cause di questa psicosi ❓

Secondo lo psichiatra Wissam El Hage, specialista in stress post-traumatico, non esistono cause apparenti né elementi particolari che anticipino la psicosi puerperale. Il parto è un'esperienza traumatica e carica di emozioni che può portare a questo disturbo. Tuttavia, possono esserci dei fattori di rischio come: un parto traumatico, una gravidanza complicata o una maternità in solitaria.

Quali sono i segni della psicosi puerperale?

Quando si soffre di psicosi puerperale, non è possibile individuare da soli i segni del disturbo. Le persone che ti sono vicine devono stare all'erta, soprattutto se sono presenti disturbi timici, cioè disturbi legati all'umore. Potrebbero esserci sintomi di depressione, ma anche episodi di gioia intensa chiamati "ipomania", che sono caratteristici del disturbo bipolare.

👉 Chi ti sta intorno può notare anche altri sintomi, come ad esempio:

  • Sonno disturbato con insonnia
  • Confusioni sul tempo e sul luogo
  • Attacchi di panico e agitazione
  • Sentimenti negativi come incapacità, senso di colpa, vergogna, ecc
  • Paranoia con paura di essere uccisi
  • Allucinazioni uditive e visive
  • Oscillazione tra lucidità e deliri
  • Perdita di memoria significativi
  • Commenti incoerenti sul bambino: la madre può avere paura della sua morte o vedere il bambino come immortale e salvatore

Questi segni possono essere riscontrati nel 70% dei casi di psicosi puerperale. Bisogna tenere presente che non tutte le madri sono colpite allo stesso modo.

 Da distinguere dalla depressione post-partum ⚠️

Sebbene in entrambi i casi siano presenti segni di depressione, la depressione post-partum è uno stato di intensa tristezza con una mancanza di interesse per tutto. La madre è consapevole di questo stato, a differenza della psicosi puerperale. Quest'ultima è caratterizzata da una vera e propria disconnessione dalla realtà.

Diagnosi e trattamento della psicosi puerperale

È molto importante che le persone vicine a una donna che ha appena partorito siano attente ai segnali di cui sopra, senza temere il disturbo. Tuttavia, prima viene identificato, prima la persona può essere presa in carico e trattata.

💬

« Nei miei deliri ho rivissuto la mia nascita, l'espulsione, il collo di bottiglia che è la madre, il dolore e poi il risveglio dei sensi... Ora quando ci penso mi dico che era il simbolo della mia seconda nascita: come madre. Ho lasciato l'ospedale ancora sotto farmaci. Ero ancora molto ansiosa. Mi facevo molte domande su quello che mi era successo, su quello che stavo prendendo, sullo sviluppo di mio figlio... Così ho fatto delle ricerche in biblioteca e su internet. Purtroppo non ho trovato molto sulla psicosi puerperale. È descritta in modo piuttosto scarno rispetto a ciò che si può sperimentare all'interno. Tutto ciò che viene detto è che c'è un alto rischio di suicidio o di infanticidio, e ci sono cose che ti mettono in guardia sulla gravità della cosa, ma non c'è nessuna spiegazione su come o perché...".

Testimonianza anonima dell'associazione Maman Blues


Dovresti contattare un professionista del settore perinatale il prima possibile: psicologo, ostetrica, psichiatra, ecc. Cercare aiuto il prima possibile aiuta a minimizzare il rischio di sviluppare un'altra patologia, come il disturbo bipolare o la distimia, che si protrarrà nel tempo. Verrà offerto un supporto completo alla paziente e potrà essere proposto un ricovero per la madre e il bambino.

Inoltre, il follow-up terapeutico può essere un modo per accettare che non c'è necessariamente una ragione per tutto questo. Spesso cerchiamo ragioni concrete, ma quando non ce ne sono può essere molto difficile andare avanti. In ogni caso, è importante non stigmatizzare la persona che ne soffre o la malattia e aspettare un ritorno alla "normalità".


Il consiglio della redazione: bisogna agire in fretta

La psicosi puerperale può essere molto spaventosa, perché colpisce la nostra lucidità. Tuttavia, si tratta di un disturbo che può essere trattato bene con un supporto terapeutico. È importante che chi ti sta vicino reagisca rapidamente per evitare gravi rischi sia per la madre che per il bambino, quindi se noti questo disturbo in una persona a te cara, non esitare a parlarne. Prima è, meglio è, per aiutare lei e il suo bambino.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Ti potrebbero interessare:


Fonte: Unobravo

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!