Ho paura di avere paura, come uscire da questo circolo vizioso?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Da che mi ricordi, ho sempre avuto paura di avere paura. Da qualche anno lavoro su me stessa per allontanare l’ansia che mi impediva di fare tante cose. Per tanto tempo tantissimi “e se...?” hanno monopolizzato i miei pensieri e mi hanno impedito di fare qualsiasi cosa. Ormai, da quando non ho più paura di avere paura, ho la sensazione di essere tornata a vivere. Sicuramente non è stato facile... come smettere di avere paura?

Ho paura di avere paura, come uscire da questo circolo vizioso?
 
 Sommario

Cos’è la fobofobia?

Quando si è fobofobi, ovvero quando si ha paura di avere paura, non si parla di una paura in particolare come la talassofobia (la paura dei fondali marini). Vengono percepite le stesse sensazioni e sintomi che proviamo quando abbiamo una fobia specifica. Non c’è uno stimolo esterno che rappresenti una vera ragione per far scoppiare la paura. Si innesca una cosiddetta anticipazione ansiosa della paura e di essere confrontati a una situazione stressante.

Una paura simboleggiata dall’ansia

😨 In realtà, la paura di avere paura è un disturbo d’ansia generalizzato. La conseguenza? Si percepiscono tutte le sensazioni legate alla paura: palpitazioni, vertigini, tremolii, sudore freddo, senso di malessere, ecc. Questo può creare crisi d’angoscia se il panico non è ben gestito.

Come si scopre di essere fobofobi?

Visto che si ha paura di avere paura, si evitano tutte le situazioni stressanti. Avremo sempre poca fiducia nelle nostre capacità d’azione di fronte a situazioni delicate. Si preferisce di solito restare in disparte e questo dà l’impressione che si manchi di volontà... ma in realtà è solo la paura che ci paralizza:

😱 Fino al 12,5% della popolazione può essere considerata come fobofoba. Se si soffre di una qualsiasi paura definita (ad esempio come l’agorafobia), si avrà una maggiore predisposizione a sentire una paura generalizzata.

➜ Siamo considerati come fobofobi quando:

  • La fobia persiste più di 6 mesi;
  • La paura è disproporzionata rispetta alla situazione reale;
  • La paura nuoce alla nostra vita professionale e sociale.

Qual è l'origine di questa paura? Da dove ci arriva?

La paura di avere paura non si manifesta all’improvviso.  Ha origini concrete che provocano questa fobia generalizzata.

L’educazione ricevuta 👨‍👩‍👧

L’origine si manifesta solitamente nell’infanzia, in particolare a causa dell’educazione impartita dai genitori. Effettivamente, se i nostri genitori sono stati molto protettivi durante la nostra infanzia avremo tendenza ad avere paura di ogni cosa. Continue allerte sui pericoli che ci circondano provocano uno stato di ansia e di paura globale.

Un trauma 💥

La fobofobia può essere anche la conseguenza di una brutta esperienza, di uno shock emotivo o di uno stress relativo a un’altra paura. Effettivamente, se siamo stati confrontati a una delle nostre fobie senza essere preparati, il corpo può essere condizionato e installare un segnale di allarme permanente.

Le soluzioni per allontanare la paura

La terapia

Come tutte le altre fobie bisogna comprendere l’origine della paura. È importante occuparsene non appena fa la sua comparsa e cominciare un percorso psicologico monitorato. Esistono diverse terapie possibili:

  • La psicoterapia (parlare per comprendere l’origine della paura);
  • Le terapie cognitive e comportamentali (note anche come TCC);
  • L’ipnosi;
  • La cyberterapia (che permette di esporci progressivamente alla causa della fobofobia tramite la realtà virtuale);
  • La tecnica della gestione emotiva (altrimenti nota come EFT per liberarci delle emozioni);
  • L’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) o desensibilizzazione tramite movimento oculari.

🧘‍♀️ Le tecniche per rilassarsi

Visto che la paura di avere paura è un’ansia generalizzata, bisogna imparare delle tecniche per rilassarsi e riuscire a distaccarsi da questa paura. Ecco alcuni metodi per ottimizzare l’accompagnamento psicologico tramite una terapia.

  • La meditazione consapevole(per liberarsi dai pensieri);
  • Lo yoga (per rilassare il corpo e la mente);
  • Fare esercizi di respirazione (per alleviare lo stress);
  • La coerenza cardiaca (perché il cuore rilassi il cervello).

Come prevenire la fobofobia?

La paura di avere paura è un vero e proprio circolo vizioso: dei sintomi fanno scattare la paura, quest’ultima provoca nuovi sintomi che vengono amplificati. In realtà, la fobofobia gioca il ruolo di amplificatore dei sintomi fobici nel tempo.

⚠️ Quindi per rilassarsi il più possibile e non chiudersi in se stessi, è importante evitare certi comportamenti:

  • Evitare elementi stressanti;
  • Non affrontare una fobia riconosciuta;
  • Praticare esercizi di relax;
  • Mantenere un contatto sociale per non isolarsi;
  • Imparare a separare la paura dal pericolo immaginario.

Il consiglio della redazione: uscire dal circolo vizioso

Esistono diverse terapie molto efficaci per uscire da questo circolo vizioso e non avere più paura di avere paura. Questo disturbo ansioso è generalmente invalidante nella vita di tutti i giorni, impedisce di esprimere il nostro potenziale e ci priva di varie esperienze. Non aspettare per prendere appuntamento con uno dei nostri psicologi.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe



Fonte: https://www.cozily.it/ - https://www.psychologicalcenter.it/

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!