Ipocondriaci: 5 sintomi e caratteristiche per riconoscerli

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Ti preoccupi spesso per la tua salute? Al minimo sintomo ti convinci di avere una malattia grave? Passi le giornate sui forum medici online? 😨 E se l’unica malattia di cui realmente soffri fosse l’ipocondria? Ecco i 5 sintomi tipici che toccano le persone ipocondriache.

Ipocondriaci: 5 sintomi e caratteristiche per riconoscerli
 
 Sommario


Secondo uno studio realizzato nel 2015 sono circa 4 milioni gli ipocondriaci in Italia. La tendenza all’ipocondria è ancora molto diffusa, con un netto incremento dovuto al Covid-19, durante il quale si stima che il 5-10% delle visite mediche siano richieste per motivi infondati. In ogni caso i veri ipocondriaci, coloro che vivono nella continua angoscia delle malattie, sono ben più rari. Tra ansia e andirivieni improvvisi dal medico, l’ipocondria è difficile da gestire sia per il malato che per chi gli sta vicino. Ma di cosa si tratta realmente? Quali sono i sintomi? Scopriamolo insieme.

Ti fiondi ogni due per tre dal dottore per ogni minima cosa che ti sembra sospetta e/o passi ore e ore su internet per trovare la malattia che corrisponde ai tuoi sintomi? Forse sei ipocondriaco come Argante ne “Il malato immaginario”… ti aiutiamo a vederci più chiaro.

Cosa significa essere ipocondriaco?

Una persona ipocondriaca si preoccupa costantemente del suo stato di salute e si convince di soffrire di una malattia grave. L’ipocondria consiste nel credersi malati, a convincersene inventando o esagerando sui sintomi benigni come un semplice mal di gola 🤒. L’ipocondriaco cerca senza sosta nuovi sintomi. Come dice il proverbio? Chi cerca trova! È con questa continua ricerca infatti che scatena la malattia. L’ossessione può concentrarsi su un organo particolare (il cuore, il sistema digestivo, il cervello ecc…) o potrebbe essere legata a malattie al centro dell’attenzione dei media come il Covid in questo particolare periodo storico, o il cancro o l’AIDS.

Ovviamente ascoltare il proprio corpo è fondamentale… ma non deve diventare un’ossessione! Per esempio, se la minima cosa che ti sembra anormale ti angoscia, probabilmente soffri di ipocondria. Tieni conto anche che la mancanza di sonno potrebbe essere la ragione della tua ansia e/o di un sistema immunitario debole. Se possibile, ritagliati un po’ di tempo per un riposino e noterai immediatamente i benefici sul tuo corpo.

La redazione ti consiglia: Non ne posso più dell’ipocondria; come uscire da questo girone infernale?

Mascherina chirurgica

Spesso le persone ipocondriache immaginano di soffrire di tutte le malattie possibili e immaginabili… tranne l’ipocondria! Ma non preoccuparti, l’ipocondria tocca molto più persone di quanto si possa pensare, anche celebrità come Woody Allen!


“Accettare la propria malattia è il primo passo verso la guarigione” – Henri-Frédéric Amiel


6 sintomi tipici dell’ipocondria

Le cause dell’ipocondria possono essere diverse ma i sintomi, al contrario, sono inconfondibili. Ecco i 6 sintomi rivelatori:

👉 1) Pensi in maniera ossessiva di avere una malattia grave.

👉 2) Le tue preoccupazioni persistono anche dopo un consulto medico rassicurante.

👉 3) Ripeti spesso le stesse frasi come “su questo forum dicono che…”, “mi fa male qui, ho sicuramente quella malattia” ecc.

👉 4) Ne dici di tutti i colori al tuo medico e a chi ti sta intorno.

👉 5) Somatizzi a forza di mandare cattive informazioni al cervello e finisci per sentire i sintomi di malattie fantasma

👉 6) Consulti anche diversi specialisti nella stessa settimana: medico generico, fisioterapista, oculista ecc.

Come curare l’ipocondria?

Non è sempre necessario correre dal medico a ogni minimo problema. Se soffri di mal di testa, di insonnia o di ansia, gli oli essenziali e i Fiori di Bach per esempio sono dei rimedi totalmente naturali che possono aiutarti a ritrovare la vitalità. Se soffri di un’ansia più marcata, potresti fare ricorso a diverse soluzioni. L’ipnosi per esempio può rivelarsi un trattamento efficace per diversi disturbi psicologici come l’ansia e l’ipocondria, facendo tornare a galla elementi ormai nascosti nell’inconscio.

Puoi anche cominciare una psicoterapia con uno psicologo di cui ti fidi. Altrimenti, se la reputi una decisione esagerata o che ti spaventa, perché non cominciare con una semplice seduta? Abbiamo testato per te la seduta con uno psicologo al telefono, se sei curioso/a di saperne di più su questa esperienza leggi il feedback. Ora conosci tutti i sintomi dell’ipocondria.


Il consiglio di uno psicologo: una spirale da bloccare a diversi livelli

L’ipocondria è una spirale da bloccare a diversi livelli. Come dice Michèle Declerck, psicologo e sofrologo: “lavorare prima di tutto sulla parte psicocorporea per riconciliare il paziente con il suo corpo e mostrargli che le sue sensazioni sono normali. Successivamente, cercare di fargli prendere un po’ di distanza dalle emozioni. La sofrologia è molto efficace a questo scopo, insieme alla mindfullness , lo yoga e il relax”. Se presenti sintomi di ipocondria, non esitare a rivolgerti a uno psicologo per farti aiutare e trovare delle soluzioni insieme.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe



Fonte: La paura delle malattie di Gordon J. G. Asmundson (Autore), Steven Taylor (Autore), Andrea Pioli (Traduttore) - Erickson

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!