TCC: Zoom sulla terapia cognitiva e comportamentale

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Tutti possiamo soffrire di una fobia che ci rovina la vita: disturbi ossessivo compulsivi che ci impediscono di vivere serenamente, disturbi dell’ansia… Indipendentemente dal male che ci devasta, non possiamo continuare a soffrire e vivere in questo modo. La terapia cognitivo-comportamentale, altrimenti nota come TCC, può aiutarci. Grazie a lei potremo capire meglio gli schemi di pensieri negativi all’origine dei nostri comportamenti e angosce. Scopriamo i dettagli.

TCC: Zoom sulla terapia cognitiva e comportamentale
 Sommario

Cos’è un TCC?

Le prime ricerche sul comportamento fanno la loro comparsa nel 1913, ma bisognerà aspettare gli anni 60 per parlare di terapia. Due psicologi in particolare si sono dedicati all’argomento:

👉 Albert Ellis si è interessato agli apprezzamenti disfattisti e ai comportamenti che ne derivano.

👉 Aaron Beck si è invece concentrato sui nostri pensieri e credenze.

La sintesi tra comportamentale e cognitivo si fa da sola. La terapia cognitiva mette quindi in evidenza il legame stretto che esiste tra emozioni e comportamenti 💭.

L’obbiettivo della terapia comportamentale

L’idea è che, se i comportamenti sono negativi e inadatti (fobia, angoscia, DOC ecc.) dovranno essere sostituiti da pensieri e reazioni più adatte alla realtà. Si deve quindi riuscire a fare domani ciò che ci sentiamo incapaci di fare oggi.

🧠 Se approfondiamo sul passato del paziente, il terapeuta cercherà d'identificare i meccanismi all’origine dei nostri problemi attuali attraverso l’analisi funzionale. Ci aiuterà a superarli mettendo in atto nuovi comportamenti più utili e adatti.

L’obiettivo quindi è costruire un nuovo modo di pensare e di comportarsi. Per questo motivo, dovremo stabilire degli obbiettivi con compiti precisi. Più si riesce a raggiungere gli obbiettivi, minore sarà la paura.

La terapia comportamentale: per chi? Quando?

È necessario scegliere bene la terapia in funzione delle difficoltà incontrate. Per esempio, se si è vissuto uno shock emotivo dopo un evento traumatico, la terapia comportamentale non è molto adatta. Bisognerebbe piuttosto orientarsi verso l’EMDR! Al contrario, se si soffre di talassofobia o di ansia generalizzata, la TCC è perfetta!

Anche altri disturbi possono essere trattati con questa terapia:

  • Se si hanno problemi a gestire gli attacchi di rabbia;
  • Se si ha una dipendenza;
  • Se si soffre di disturbi alimentari, in particolare bulimia o iperfagia;
  • Se si ha una qualsiasi fobia;
  • Se si soffre di disturbi del sonno;
  • Se si hanno dei DOC (disturbi ossessivo compulsivi).

👉 Tutti coloro che desiderano trovare uno stile di vita più autonomo e sereno, che siano adulti, adolescenti o bambini, possono seguire una TCC. L’importante è essere pronti a consultare uno psicologo e ad impegnarsi, durante e tra le sessioni, per stabilire dei nuovi comportamenti.

Quando cominciare una TCC?

Se la tua fobia ti impedisce di vivere la tua vita come vorresti è il momento di cominciare una terapia. In ogni caso, non sei obbligato/a ad aspettare la goccia che fa traboccare il vaso. Se ci si rende conto di avere una paura irrazionale o un DOC che non riusciamo a controllare (anche se non è molto invasivo) è un primo segnale di allerta.

⚠️ La TCC mira un disturbo preciso, non è invece adatta per un malessere indefinito, che richiede un lavoro di strutturazione dell’identità o un bisogno di parlare ed essere ascoltati.

Come si svolge la terapia comportamentale e cognitiva?

La TCC è considerata come una terapia detta “breve”, poiché implica solitamente da 10 a 20 sessioni. Sul funzionamento il terapeuta ci aiuterà a disfarci del nostro disturbo definendolo e poi identificando i pensieri e le emozioni che gli sono associati (in particolari se negativi).

Tramite il monitoraggio si viene confrontati progressivamente all’oggetto della nostra paura. Lo psicologo ci insegna allora a gestire le emozioni (sai come gestire l'ipersensibilità?) e i pensieri legati alla fobia. In questo modo ci sentiremo sempre più a nostro agio quando verremo confrontati alla nostra paura 👏.

La seduta in dettaglio

Durante la prima seduta il terapeuta si limita ad ascoltare: sta a noi spiegare il problema. Durante la seconda seduta daremo maggiori dettagli su pensieri e comportamenti associati a questa fobia nel quotidiano. Per esempio: ci pensiamo sin dal risveglio? Quando siamo con gli altri? Mentre lavoriamo?

Le successive sedute permettono di elaborare gli step da raggiungere per modificare progressivamente il nostro comportamento. In seguito, ci si concentrerà sulle difficoltà incontrate per migliorare la situazione fino a far sparire totalmente il problema 😊.


Il consiglio della redazione: una terapia molto efficace

L’efficacia di una TCC è stata provata da diversi studi. Per i problemi di ansia, di DOC o fobie, è estremamente efficace. Si tratta di una terapia breve che necessita di un grande impegno, visto che si devono realizzare degli esercizi nella vita quotidiana. È da tenere a mente perché la terapia sia efficace. Non esitare a parlarne, perché non consultare uno dei nostri psicologi?

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe



Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Tanatofobia, la paura della morte: come affrontarla e superarla?

“Ho paura di morire”, “ho paura che muoiano le persone che amo”, “cosa c’è dopo?”: tutte frasi che ti ossessionano ma... fortunatamente non succede niente! La paura della morte ti perseguita, ancor di più dopo quello che abbiamo vissuto durante la pandemia in cui contavamo ogni giorno il numero di morti. Cosa fare per superarla? La morte fa parte della vita, lo sappiamo, ma come gestirla? Come evitare di averne paura? 😱

Amo la mia comfort zone e ho 9 buone ragioni per non abbandonarla

Iscrivermi a una semi maratona se non sono sportiva? Leggere a voce alta un discorso per gli sposi quando detesto parlare in pubblico? Anche no! Vado controcorrente e sono fiera di dire che “Amo la mia zona di comfort e non voglio uscirne”. Dopo che avrai letto le 9 ragioni che motivano la mia scelta, tu e la tua comfort zone sarete inseparabili!

10 citazioni per imparare ad approfittare del presente

Che vengano pubblicate sui social o stampate e appese in un angolo della casa, le citazioni e gli aforismi ci spingono a riflettere e hanno sempre un effetto positivo sul nostro umore. Queste frasi, brevi ma efficaci, ci aiutano a guardare la nostra vita da un punto di vista diverso e ridimensionare i nostri problemi. Approfitta del presente perché è la cosa migliore che potresti mai decidere di fare.

Come presentare il nuovo compagno ai propri figli?

Il fatto che ti sei separato/a non preclude minimamente la possibilità di rifarti una vita, ma i tuoi figli, come prenderanno la notizia? La paura che il tuo nuovo compagno non venga accettato è grande, ma noi siamo dalla tua parte!

Sneating, la nuova tendenza per avere una cena offerta

Non hai mai sentito parlare di sneating? Sei curioso di sapere in cosa consiste? È una tecnica per certi versi crudele, ma che ti permette di avere delle cene o dei pranzi in ristoranti gratis. Lo sneating consiste nell’accettare una cena o un pranzo, chattando con uno sconosciuto, con la scusa di volerlo conoscere.

Segreti di famiglia: svelarli o custodirli per sempre?

La verità fa male... ma il silenzio fa ancora più male. Nessuna famiglia è perfetta, e ogni famiglia ha i suoi segreti. Più si cercano di nasconderli, più sembrano grandi. È difficile proiettarsi nel futuro quando i fantasmi del passato ci perseguitano. Quindi, è giusto liberarsi di questo peso e rivelare i nostri segreti di famiglia?

Flirtare significa tradire?

Nella lunga lista delle preoccupazioni di una coppia, un posto importante è occupato dal tema della fedeltà e del tradimento. Flirtare significa tradire? Guardare con insistenza Paolo, all’uscita di scuola dei bambini è infedeltà? La risposta è: dipende!

Come superare le convinzioni limitanti e vivere sereni

“Non ci riuscirò mai”, “Non ho alcun talento”… BASTA! Cosa fanno questi pensieri nella mia testa? Chi ce li ha messi? Se si sono fatti spazio quando ero bambino, è tempo di liberarmene per stare bene e ritrovare un po’ di fiducia in me stessa. Queste frasi assassine non distruggeranno il mio potenziale o la mia felicità, ho intenzione di fare del mio meglio per sterminarle! Ecco 6 consigli per identificarle.

Disturbo narcisistico: cosa vuol dire e quali sono i sintomi?

Carismatici e sicuri di sé, i narcisisti sembrano capaci di fare tutto e invulnerabili, persone alle quali non può succedere nulla di male. Ma dietro questa apparenza si nasconde spesso una grande debolezza e la paura del fallimento: i primi sintomi del disturbo narcisistico. Come riconoscere una persona narcisista? E da cosa deriva questo disturbo? Ecco tutto ciò che c’è da sapere per gestire un disturbo narcisista.

Sono troppo pudica: perché è un problema?

In realtà sono una che parla di tutto: sentimenti, cose personali e nudità! Per me il pudore è una barriera inutile. Una mia amica però la pensa diversamente, dopo ben 10 anni di amicizia non riesce a spogliarsi davanti a me nemmeno in palestra. Mette sempre dei limiti. È una questione di rispetto? Forse. Pudore estremo? Sicuramente. Per lei esiste un solo credo: per vivere bene è meglio stare nascosti. Ma siamo davvero sicuri che si viva meglio?

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!