DOC: Tutto ciò che c’è da sapere sui Disturbi Ossessivo Compulsivi

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Non soffro di un disturbo ossessivo compulsivo eppure è una malattia molto frequente, che colpisce in Italia circa 800.000 persone. Anche se non sono toccata in prima persona, ho visto diverse persone vicino a me soffrirne per tanto tempo con continue crisi di ansia. Diciamo che ciò che definisce i disturbi ossessivo compulsivi è proprio l’ansia che ne è all’origine. Come guarirne? Come nasce un disturbo ossessivo compulsivo? Scopriamolo insieme.

DOC: Tutto ciò che c’è da sapere sui Disturbi Ossessivo Compulsivi
 
 Sommario

Cosa significa DOC?

I disturbi ossessivo compulsivi, altrimenti detti DOC, fanno parte dei disturbi dell’ansia. Si tratta di una malattia psichiatrica (la quarta più frequente) che deriva da un’ansia generalizzata. Quando si hanno dei DOC si hanno dei pensieri ossessivi provenienti da paure e angosce. A causa di queste ossessioni si instaurano dei gesti ripetitivi o atti mentali per calmarsi. In ogni caso, che sia per un motivo o per un altro, un elemento innesca la nascita di un rituale, l’ansia raggiunge un livello insopportabile e tutto ciò potrebbe portare a una grave depressione...

Per esempio, una persona che conosco aveva un disturbo ossessivo compulsivo di verifica. Riusciva a passare anche diverse ore a verificare tutto in casa per accertarsi che tutto fosse in ordine 🤯.

Una malattia psichica

Come ho già detto, si tratta di una malattia mentale, ma non bisogna avere vergogna, ignora la della psicofobia che ci circonda 🤕! La maggior parte delle persone con un disturbo psichico vivono normalmente grazie all’aiuto di professionisti. Il problema è che i DOC sono spesso stigmatizzati e i malati hanno quindi paura dello sguardo altrui e di essere trattati da pazzi. Un’altra cosa da non fare è paragonare DOC e intelligenza, questi disturbi non hanno alcun impatto sulle facoltà intellettuali. Ci sono anche “alti potenziali” con disturbi ossessivi!

È grave soffrire di un disturbo ossessivo compulsivo?

Non è “grave” ma ha un enorme impatto sulla vita di tutti i giorni. I pensieri diventano invadenti al punto da perturbare la vita della persona che ne soffre e di chi le sta intorno. Non si tratta di una semplice mania, sono atti ripetuti all’estremo che rubano tantissimo tempo durante la giornata...

Spesso i disturbi ossessivo compulsivi iniziano timidamente. Il cervello riconosce che il gesto compulsivo diminuisce l’ansia e cerca quindi di riprodurlo per tranquillizzarsi ancora di più.

👉 È un circolo vizioso che diventa incontrollabile e che potrebbe intaccare la vita sociale e professionale 😥.

Cosa provoca un disturbo ossessivo compulsivo?

È importante conoscere l’origine dei DOC che si tratti di te o di qualcuno che ti sta vicino. Solitamente, la personalità ossessiva sa di avere pensieri spropositati, ma è impossibile controllarli. Visto che la persona convive solitamente con tantissime paure, mette in atto dei rituali e dei comportamenti compulsivi per calmarsi. L’obbiettivo dei DOC è quello di ridurre l’ansia tramite atti concreti (pulire, spegnere le luci, chiudere le porte ecc.).

Le persone con dei DOC hanno meccanismi di difesa come l’evitamento. Ovvero evitare a ogni costo qualsiasi situazione che potrebbe scatenare dei disturbi.

Quali sono i diversi DOC?

I disturbi ossessivo compulsivi si manifestano sotto diverse forme. Variano secondo l’ansia della personalità ossessiva. Ce ne sono quattro tra i più ricorrenti e più conosciuti:

👉 L’ossessione della pulizia: cela la paura di batteri e virus. Lo spazio vitale deve essere perfettamente pulito e la persona ha un’igiene irreprensibile. Si dedicano diverse ore al giorno alla pulizia ed è impossibile per queste persone toccare passamano in metro o il tasto di un ascensore 😨.

👉 La paura di sbagliarsi: a tutti è capitato di avere la sensazione di non aver chiuso la porta di casa. Solo che quando si tratta di DOC, è una paura permanente che spinge la persona a verificare e riverificare tutte diverse volte (anche 5, 10 o 15 volte...).

👉 L’ossessione della tristezza: una delle caratteristiche di questo DOC è la fobia dell’impulso. C’è una reale paura che succeda qualcosa di brutto 😞. Il tutto è anche amplificato se la persona incrocia un “brutto segno”: il numero 17, un uomo con i baffi, un gatto nero ecc. Questo DOC è estremamente invalidante poiché la personalità ossessiva finisce per abbandonare qualsiasi cosa possibilmente rischiosa (come la guida).

👉 La simmetria perfetta: qualcosa di traverso, un orologio storto, libri mal classificati.... L’ossessione della simmetria, al contrario della sindrome di Diogene. Diventa un DOC quando gli oggetti devono essere sistemati nello stesso modo e che il disordine diventa fonte di ansia.

Questi sono i principali, ma ce ne sono tanti altri che portano con sé pensieri aggressivi, paure psicosomatiche, rappresentazioni sessuali ecc. Se ti riconosci in queste descrizioni, insisto sul fatto che si tratta di gesti molto invasivi e che prendono molto tempo. Abbiamo tutti delle manie, ma non si tratta necessariamente di DOC.

Come guarire da un DOC?

È importante sapere che un DOC deriva solitamente da una mancanza di serotonina nel cervello, l’ormone detto della “felicità”. Ecco perché il DOC e la depressione sono estremamente legati e non è possibile guarire con una semplice “volontà”. Un trattamento antidepressivo è quindi fondamentale per regolare la serotonina 🧠.

Anche se prendere farmaci è spesso inevitabile, due terzi dei pazienti vedono i loro disturbi diminuire grazie a una terapia psicologica 👏. Effettivamente, l’associazione delle due soluzioni è raccomandata per guarire efficacemente ed evitare ricadute. Questo è il risultato di diversi studi e terapie psicologiche con DOC gravi.

Le TCC: la terapia più adatta per curare un DOC è la Terapia Comportamentale e Cognitiva (TCC). È particolarmente adatta per curare le paure e le angosce. Permette di “riprogrammare” il cervello cambiando poco a poco le abitudini. La persona che segue una TCC insegna a non essere costretti a fare cose che non si ha voglia di fare, come verificare mille volte la stessa cosa.

Guarire da soli dai DOC?

I DOC sono una malattia che si può curare, ma purtroppo non lo si può fare da soli 😕. Effettivamente, solo la diagnosi di uno psichiatra è considerata valida. Non ci si può autodiagnosticare e curarsi da soli visto che si tratta di una malattia mentale legata a fattori psichici. Una ricerca di altri disturbi legati ai DOC, come la bipolarità o i disturbi alimentari, sono spesso associati tra loro.

🤗 Non esitare quindi a consultare un medico se soffri di DOC o ad accompagnare qualcuno che ti sta vicino. Nel mio caso, ho aiutato una persona a me cara a uscire da questo problema ed è stata una grandissima soddisfazione per entrambi.


Il consiglio della redazione: un accompagnamento indispensabile

I DOC possono essere molto invalidanti nella vita di tutti i giorni, ecco perché è fondamentale farsi accompagnare da un professionista per guarire. Non aspettare oltre per prendere appuntamento per te o per una persona a te vicina.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe



Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte:

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!