Salute mentale: preservarla lavorando 8 ore alla settimana!

Aggiornato il da Ginevra Bodano

E se passassimo dalla giornata di 8 ore alla settimana di 8 ore? Sembra un’utopia, ma uno studio svolto dai ricercatori delle Università di Cambridge e Salford ha rivelato che questo sarebbe il tempo di lavoro ideale per preservare l’equilibrio della nostra salute mentale. Scopriamo di più a riguardo!

Salute mentale: preservarla lavorando 8 ore alla settimana!
 
 Sommario

Sono le 18 e finalmente la giornata lavorativa è finita! E-mail, riunioni, pausa caffè, le giornate sono tutte uguali. Se da una parte ci sono quelli che pensano al successo lavorativo, dall’altra alcuni non sopportano la noia della monotonia al lavoro! I rischi a lungo termine? Avere un esaurimento nervoso o morire di noia! E se lavorare di meno fosse la soluzione ideale per preservare la nostra salute mentale?

Potrebbe interessarti: Possiamo piangere al lavoro? La chiave per gestire le proprie emozioni

Il lavoro permette di incontrare persone, di dare il proprio contributo alla società, di socializzare ma anche di guadagnare per poter poi spendere liberamente. Non a caso, la pensione spesso comporta delle conseguenze negative sulla salute mentale e fisica. Tuttavia, è necessario trovare il giusto equilibrio. Come spiega Daiga Kamerade, sociologa all’Università di Salford: “Il lavoro è come la vitamina C: tutti ne abbiamo bisogno in una certa dose, ma non serve a niente prenderne più del necessario perché non apporterebbe alcun beneficio supplementare alla salute e anzi, prenderne troppa avrebbe degli effetti negativi”.

Lavorare 8 ore a settimana: perché?

Durante uno studio realizzato nel giugno del 2019 dai ricercatori dell’università di Cambridge e Salford, questi hanno cercato di valutare la relazione tra il cambiamento delle ore di lavoro, la soddisfazione dei dipendenti e la loro salute mentale. Sembra che lavorare 8 ore alla settimana possa ridurre del 30% i rischi di sviluppare problemi di salute o disturbi psichici. E in ragione di ciò, secondo un altro studio realizzato nel 2015, lavorare più di 55 ore alla settimana aumenterebbe considerevolmente il rischio di avere un Ictus o i rischi di contrarre problemi di cuore causati da alti livelli di stress o da un ambiente professionale tossico. Lavorare troppo è dunque una delle cause principali del malessere al lavoro e delle conseguenze legate ad esso.

È un’utopia?

Avere un weekend che dura 5 giorni su 7, lavorare 2 ore al giorno o aumentare la durata delle proprie ferie da alcune settimane a diversi mesi…è davvero un bel sogno, vero? Questa fantasia potrebbe diventare realtà anche prima di quanto lo si possa immaginare! Le nuove macchine robotizzate così come l’intelligenza artificiale presto renderanno superflui numerosi lavori che ora richiedono la manodopera umana. A quel punto, bisognerà riconsiderare la distribuzione delle ore di lavoro.

Lavorare meno: quali sono i benefici?

Gran parte della nostra salute mentale dipende dal lavoro: questo, infatti, garantisce una certa routine e permette di intrattenere dei rapporti sociali. Allo stesso modo, spesso dà un obbiettivo comune e un senso di identità. Bisogna certamente prendere in considerazione il fattore economico legato alla diminuzione delle ore lavorative, ma sembra che ridurre le ore di lavoro non faccia altro che bene. Ecco i benefici:

  • Più tempo libero: meno lavoriamo, più abbiamo tempo da dedicare alla nostra famiglia, alla comunità o al piacere. Anche se tutto ciò implica ripensare e rinnovare i nostri consumi, la qualità della vita ne trae giovamento.
  • La Terra ci ringrazia: gli spostamenti per recarsi presso il proprio posto di lavoro vengono ridotti, e di conseguenza anche le emissioni di CO2! Nel 2019, 3 italiani su 4 hanno utilizzato la macchina per andare al lavoro…
  • La produttività migliora: Il tempo di lavoro viene ottimizzato. Un dipendente che lavora meno è più concentrato sul suo obbiettivo perché è consapevole di disporre di meno tempo.
  • Diminuzione dei permessi per malattia: lavorare meno significa anche ammalarsi di meno, meno depressione, meno esaurimenti nervosi, meno noia! Questo permette quindi di ridurre i giorni di permesso di malattia e di lottare contro l’assenteismo, due fattori che spesso costano caro ai datori di lavoro!

La Svezia è uno dei paesi che mira, a breve, a ridurre il tempo di lavoro per ottenere un maggiore confort. Grazie a questa decisione, il paese nordico ha ottenuto nel 2015 il secondo posto nella classifica “Vivere meglio” redatta dall’OCSE.


 Lo sapevi? Secondo gli ultimi dati diffusi dall’Ocse, l'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, i Paesi dove si lavora il minor numero di ore annue sono la Germania (1.356), seguita dalla Danimarca (1.408) e dalla Norvegia (1.419). L’Italia si colloca vicino alla media, con 1.759 ore lavorative annue.


Non dimenticare però che, per essere produttivi lavorando meno, bisogna prediligere la qualità alla quantità! Per fare un primo passo verso la diminuzione dell’orario lavorativo, i lavoratori ma anche i datori di lavoro possono dare spazio allo smart working e adottare degli orari flessibili.

La redazione ti consiglia - Smart working: i miei amici, i miei colleghi, la bella vita!

Un disequilibrio tra vita professionale e vita privata può portare a degli effetti disastrosi sulla nostra salute (arrivando addirittura al burn-out), ma anche sulle relazioni con gli altri (conflitti, divorzi, lacune nell’educazione dei figli, etc). Al contrario, lavorare troppo poco può portare verso la procrastinazione a causa della stanchezza generale o della mancanza di motivazione, che a loro volta possono causare un brown-out, ovvero una crisi esistenziale sul lavoro.


Il consiglio della redazione - Questione di equilibrio

Per il benessere al lavoro dunque, è essenziale trovare il giusto equilibrio nella propria quotidianità che combaci la vita professionale e quella privata: realizzarsi pienamente in ambito lavorativo, ma sempre avendo a disposizione il tempo da dedicare alla propria crescita personale. Quindi, alla fine dei conti, sei o non sei a favore della 8 ore di lavoro a settimana?


Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!