Parlare della vita privata al lavoro, ma non troppo! Come fare?

Aggiornato il da Giada Paoli

"Devo andare, il mio bambino è di nuovo malato e la cosa è cominciata ieri quando ha vomitato per tutta la cucina e ci ho messo un sacco di tempo per pulire. Inoltre, ieri sera io e il mio ragazzo abbiamo litigato, quindi sono ubriaca...". Ecco un esempio di conversazione, o meglio di monologo, che ho sentito una volta da un collega. È stato un buon esempio di come io abbia potuto conoscere i dettagli della sua vita privata. Ma allo stesso tempo, visto il tempo che passiamo a lavorare, non abbiamo forse il diritto di parlare con il cuore? Come si traccia il confine? Ci sono delle insidie da evitare, quindi parliamone.

Parlare della  vita privata al lavoro, ma non troppo! Come fare?

Parlare della propria vita privata al lavoro: una buona idea?

Trascorriamo gran parte della nostra vita al lavoro. A volte vediamo più i nostri colleghi che le nostre famiglie 😅. Quindi è naturale voler parlare delle proprie passioni, del proprio entourage, dei propri problemi - insomma, si vuole parlare della propria vita quotidiana per condividere e creare un legame, perché in fondo siamo tutti umani.

Parlare della propria vita privata come strumento di condivisione va benissimo, ma bisogna stare attenti a non farlo in un modo qualsiasi, rischiando di trovarsi in una situazione imbarazzante. Sì, dovremmo essere in grado di essere noi stessi al lavoro, perché dopo tutto siamo stati assunti per la nostra esperienza, le nostre capacità e la nostra personalità. Certo, ma la preoccupazione è che non si debba dire troppo.

Informazioni sensibili

In effetti, parlare troppo della nostra vita privata al lavoro può finire per creare imbarazzo 😶. Certo, puoi avere un migliore amico al lavoro e in questo caso non c'è nulla di cui preoccuparsi. C'è la fiducia necessaria per poter discutere di tutti gli aspetti della nostra vita privata. Tuttavia, questa è un'eccezione e nel mondo professionale non tutti vogliono diventare amici. Alcuni dettagli della nostra vita devono essere tenuti nascosti, anche se sono importanti per noi 🤐.

Per non parlare del fatto che, oltre a infastidire i tuoi colleghi, potresti metterti in una situazione imbarazzante. Non tutti sono benevoli e ci sono persone che non esiteranno a usare le informazioni contro di noi. Il risultato è un'immagine poco seria o addirittura totalmente negativa di noi! Tutto il contrario dell'ascolto attivo.

Fare la differenza tra privato e pubblico

Quando sei in un momento informale, come durante una pausa caffè, devi scegliere argomenti di conversazione che siano privati, ma non intimi. Mi spiego meglio: invece di parlare dei nostri problemi del fine settimana, di una discussione con il nostro fidanzato o, al contrario, di un'ottima cena in famiglia, opteremo per l'ultima mostra che abbiamo visto o  su un fatto di cronaca per dare la nostra opinione e mostrare la nostra militanza.

👉 Parliamo della nostra vita privata, dei nostri gusti e dei nostri hobby senza diventare troppo intimi. Quest'ultimo aspetto riguarda le nostre esperienze, le nostre ferite e le nostre emozioni. Quindi non esponiamo la nostra vita intima a persone che non conosciamo veramente.

Saper dare le informazioni giuste al momento giusto

Quindi dovresti evitare di dare dettagli intimi al lavoro... Tranne quando è necessario 😅. Questo non è in contraddizione con quanto ho detto, perché a volte si verificano situazioni che sfuggono al nostro controllo e che hanno un impatto sulla nostra vita professionale.

💬

Personalmente, soffro di un disturbo d'ansia e di depressione, non ne avevo mai parlato, ma un bel giorno non mi sentivo più in grado di lavorare. Ero esausta e questo mi ha portato a interrompere il lavoro. Se avessi parlato prima del mio disturbo, so che le mie condizioni sarebbero potute cambiare e che avrei potuto modificare un po' i miei orari di lavoro, in modo da non stancarmi, ma essere comunque produttiva.

Faccio un altro esempio, quello di una donna che soffre di endometriosi. Ogni volta, la sofferenza del suo ciclo avrà un impatto sulle sue prestazioni e chi non è a conoscenza della malattia non potrà tenerne conto. Lo stesso vale se ti stai sottoponendo a una procedura di PMA, se soffri di burn-out o se ti stai prendendo cura di una persona cara, e così via. In breve, dobbiamo parlare di questi aspetti della nostra vita personale che possono avere un impatto sul nostro lavoro. Ovviamente, non lo diciamo a tutti. In generale, devi parlarne con il tuo diretto responsabile, in modo da poterlo informare se c'è un problema.

E attenzione, anche se è importante parlare di queste cose, non devi farlo troppo spesso, per non rischiare di essere etichettato come "ah beh, ecco il depresso!". 😓. Non si sa mai cosa si potrebbe dire nei corridoi dell'azienda, quindi devi trovare l'equilibrio per parlare della tua vita privata, senza scendere in dettagli troppo intimi.

L'opinione della redazione: trovare il giusto equilibrio


È giusto parlare della propria vita privata al lavoro, ma non in qualsiasi modo e soprattutto non con chiunque. Persone malintenzionate potrebbero usare queste informazioni contro di te, quindi non cedere troppo facilmente e ricorda: vita privata non significa vita intima. C'è un equilibrio da raggiungere. Se le tue relazioni sono complicate e gli stessi schemi si ripetono, allora potrebbe valere la pena di consultare uno psicologo per capire da dove nascono questi schemi e come mettere in atto nuove abitudini più felici.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felice… Qui e ora! 
#BornToBeMe


 Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Logorrea: come puoi fermare la diarrea verbale?

Chi non si è mai detto, dopo aver conosciuto una persona nuova, "ops, ho parlato un po' troppo"? A me è capitato spesso, perché tendo a stressarmi un po' troppo. So che il mio flusso di parole è dovuto alla mia ansia sociale. Tuttavia, può capitare di imbattersi in persone che parlano in modo davvero eccessivo, o addirittura del tutto incoerente. Si chiama logorrea e la causa principale non è lo stress. Quindi qual è la causa? Come puoi fermare questo flusso verbale e parlare con una persona logorroica? Ecco come fare.

Dermatillomania, ovvero come torturare la pelle...

Chi non si è mai schiacciatoun brufolo sul viso, sapendo benissimo che poi sarebbe peggiorato? Personalmente, non sono mai riuscito a resistere a quella protuberanza rossa e dolorosa sul mio viso. Tuttavia, non sono mai arrivata al punto di soffrire di dermatillomania. Dermatillomania è una parola apparentemente barbara che si riferisce al grattarsi la pelle fino a provocare cicatrici. Ma cosa si nasconde dietro questo comportamento? Come si fa a smettere di cercare di eliminare tutto il sebo dalla pelle? Ne parliamo.

La triade oscura: narcisista, machiavellico o psicopatico?

Mi è successo tante volte di rimanere stupita o senza parole ma in questo caso sono davvero in stato di shock. Facendo il test della triade oscura ho scoperto di avere una personalità per il 13% più oscura della media, con una netta tendenza al narcisismo. E se scoprissi anche tu di avere una personalità tossica? 😭 Quale test riesce a scoprire il tuo lato oscuro?

Tra bellezza e sofferenza: chi è la donna bambina?

Ma chi è veramente una donna bambina? Certo, la donna bambina è in realtà un'adulta ma non è "cresciuta". Quindi si mantiene la sua personalità-camaleonte: innocente e sexy, affettuosa e diffidente, oggetto di fantasia o di irritazione: chi è veramente?

Come riconoscere una persona psicorigida?

“Devi farlo tu”, “No, tu non metterci mano”, “non si può fare diversamente”. Non ne posso più di tutti questi ordini! Addio libertà, solo ansia continua… No, non è una malattia essere rigidi, ma diciamo che rovina l’atmosfera. Ormai ho imparato a riconoscere le persone psicorigide per adattarmi. Ebbene sì, esiste un buon modo per reagire di fronte a queste persone che vogliono dirci anche quando respirare.

Il test del cubo la dice lunga sulla nostra personalità... o forse no!

“Immagina di camminare nel deserto e di vedere un cubo...”, un amico mi ha fatto un test della personalità lo scorso Capodanno. Era il test del cubo! Esiste da diversi anni ma non lo conoscevo ancora! Alcuni dicono che abbia origini giapponesi ma non ne sono certa. In ogni caso, farlo è stato super divertente!

Chi sono le persone INFP: cosa significa? qual è la tua personalità?

Il questionario MBTI (myers-briggs type indicator) è un questionario di personalità oltre che uno strumento per lo sviluppo personale. Permettere di conoscere il proprio MBTI (quale personalità hai), di saperne un po’ di più su se stessi e di capire come percepiamo e interagiamo con il mondo. Il tuo test MBTI dice che sei una personalità INFP? Che significa?

Odio gli animali: sono una persona orribile?

"Che carino quel cane, che tenero quel gatto…" Si, troppo carini, in foto però, non di certo sulle mie ginocchia! Ho molta più voglia di evitare gli animali piuttosto che di accarezzarli. Alcuni mi dicono che sono tremenda, ma non si rendono conto di tutti quelli che sono gli inconvenienti dell’avere un animale in casa, o la paura che personalmente provo all’idea. Non mi piacciono gli animali, mi fanno anche un po’ paura, ma da cosa potrebbe derivare questa fobia? Vediamolo insieme!

Sindrome della “brava ragazza”: come liberarsene?

Mi è sempre stato detto che sono una ragazza seria e responsabile. Quando ero piccola ne andavo fiera e questo mi spronava a dare sempre il meglio. Tuttavia, è da qualche anno che mi sento stanca di dover sempre dare il meglio di me e di dover sempre essere accomodante. Non ho mai permesso a me stessa di essere imperfetta, perché non volevo deludere gli altri. Con il tempo ho capito che non si trattava di un aspetto del mio carattere, ma della sindrome della brava ragazza. Le donne ne sono spesso vittime e questo ci impedisce di realizzarci e affermarci. Che cos’è la sindrome della brava ragazza e come liberarsene? Vediamolo insieme.

Positivià tossica: mi impongo di stare bene... e non va bene!

L’ottimismo è una bella cosa. “Andrà tutto bene”, “sii forte”, “tutto tornerà alla normalità”. Te lo sei detto e ridetto e te lo hanno ripetuto anche gli altri, ma se da un lato questa attitudine positiva è una cosa buona, dall’altro alle volte può diventare tossica. Quando ci impediamo ad ogni costo di stare male, la mente rischia di soffrirne profondamente.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!