Trasparenza nelle retribuzioni: perché gli stipendi sono così tabù?

Aggiornato il da Giada Paoli

Se c'è un mondo in cui i tabù abbondano, è quello del lavoro. Evita di sfogarti, evita le emozioni, evita di avvicinarti, evita il personale, ma soprattutto, soprattutto, l'opaco mistero che circonda gli stipendi! Il divieto è lì, mai dichiarato, mai stabilito, ma il suo profumo aleggia ovunque intorno all'argomento retribuzione. Ma perché parlare del proprio stipendio è così tabù?

Trasparenza nelle retribuzioni: perché gli stipendi sono così tabù?

Stipendio: argomento ancora troppo tabù 

La domanda è semplice: dovresti dire ai tuoi colleghi quanto guadagni? Se la domanda sorge spontanea, è perché parlare del proprio stipendio è un tabù. Ma perché?

🤔
Per cominciare, cos'è la trasparenza salariale?

In pratica, la trasparenza salariale consiste nel rendere accessibile a tutti i dipendenti la tabella degli stipendi. Questa griglia salariale dovrebbe permettere a ogni dipendente di vedere a che punto è e quale stipendio può aspettarsi di guadagnare dopo X anni di anzianità.

Perché lo stipendio è un argomento tabù?

Hai mai chiesto a qualcuno il suo stipendio? Francamente, è come le domande che ci facevamo a Obbligo o Verità. Se ti azzardi a farlo, probabilmente è con i colleghi più stretti, e anche in quel caso, faccia a faccia, sussurrando e aggiungendo molte precauzioni sull'argomento ("se non vuoi dirmelo, non c'è problema", "so che è una domanda indiscreta ma...", "ti dirò la mia in cambio"). Insomma, parlare di soldi è complicato e non necessariamente solo in ambito lavorativo.

Il tabù del denaro può estendersi anche alla famiglia e agli amici. Ma per chi è un tabù? Se rivedo il film, sono una di quelle persone che osano ammettere il proprio stipendio, in silenzio e senza pressioni. È normale, non ho uno stipendio molto alto ed è qui che arriviamo alla parte interessante 🤨. In Italia, in particolare, guadagnare tanto non è visto di buon occhio. Da un punto di vista storico, la tradizione cattolica francese incoraggia la convinzione che il denaro sia una fonte di peccato. La Chiesa, che non ne mancava, parlava del denaro come di un elemento che perverte l'anima👿. C'era anche la nobiltà, che si era a lungo arricchita alle spalle del popolo, una delle fonti della Rivoluzione Francese. Questa impressione di borghesia avara e meschina è ancora molto viva nella nostra società. Oggi, guadagnare molto denaro dà inevitabilmente adito a sospetti, o almeno a qualcosa di immeritato (eredità, escamotage, disonestà, ecc.).

Se la questione dello stipendio è inquietante, è perché implica necessariamente la questione del tenore di vita, del valore di una persona e forse anche della sua morale. Ecco perché non ho problemi a rivelare il mio stipendio. Non è alto, quindi questa cifra sembra essere la garanzia della mia integrità, della mia moralità e soprattutto non fa invidia a nessuno 😛 ! Resta il fatto che per alcune persone il tabù di uno stipendio basso esiste perché riflette un sentimento di vergogna e l'impressione di non essere in grado di contribuire abbastanza alla vita familiare e alla società e genera uno stress invalidante, soprattutto sul lavoro.

Trasparenza salariale contro fantasia e ingiustizia?

Se i nostri amici, che guadagnano bene, non rivelano l'importo esatto del loro stipendio, è per evitare invidie, gelosie e soprattutto prove di meritocrazia. Perché no, ma sul posto di lavoro la questione è diversa. Il tabù sta lentamente cadendo.

🔢 

La direttiva per la trasparenza di salario impone che non vi sia alcun segreto sulla retribuzione erogata dall’impresa al lavoratore. Questo divieto impone la massima trasparenza, già a partire dal momento in cui si pubblica, anche tramite strumenti online, un annuncio di lavoro.

È una buona idea rivelare il proprio stipendio?

Se vuoi, sei libero di rivelare o nascondere il tuo stipendio a chiunque te lo chieda. In realtà, la questione non riguarda tanto il livello individuale, quanto piuttosto quello aziendale, con vantaggi e svantaggi. Se la giustificazione della retribuzione è imprecisa e poco chiara in ogni occasione, rivelare gli stipendi di tutti sarà fonte di tensione a causa di una sensazione di ingiustizia. Potrebbero inoltre verificarsi stigmatizzazione, ostracismo, disagio, sensazione di fallimento e risentimento che potrebbero alterare l'equilibrio di un team o di un'intera azienda.

Tuttavia, anche in assenza di questa trasparenza salariale si può provare una sensazione di ingiustizia, soprattutto a causa di voci di corridoio che possono generare un senso di disagio sul posto di lavoro. Se sapere quanto vengono pagati i tuoi colleghi può generare risentimento, non saperlo può alimentare supposizioni che a volte sono più pesanti della realtà e che quindi alimentano altrettanto risentimento. Quindi, anche a costo di farsi male, è meglio conoscere o meno gli stipendi degli altri?

Tuttavia, anche in assenza di questa trasparenza salariale si può provare una sensazione di ingiustizia, soprattutto a causa di voci di corridoio che possono generare un senso di disagio sul posto di lavoro. Se sapere quanto vengono pagati i tuoi colleghi può generare risentimento, non saperlo può alimentare supposizioni che a volte sono più pesanti della realtà e che quindi alimentano altrettanto risentimento. Quindi, anche a costo di farsi male, è meglio conoscere o meno gli stipendi degli altri?

Dimmi quanto guadagni tu e saprò quanto valgo io.

Voglio sapere quanto guadagnano il mio manager e i miei colleghi? Sì, ma la vera domanda è: perché voglio saperlo? Per curiosità? Non esattamente. Per confrontarmi? Certo. Per confrontarmi per divertimento o per valutare il valore del mio lavoro e il mio valore sul mercato del lavoro? Per scoprire quanto valgo e quanto potrei guadagnare. Perché nella nostra società il nostro valore è determinato anche da quanto guadagniamo.

A volte la risposta è così semplice: sapere quanto guadagnano gli altri è anche un modo per scoprire quanto vali tu e quanto vale il tuo lavoro. 

Transparence salariale pour connaître sa valeur sans l'entreprise

Alla fine, ciò che conta non è tanto sapere se ogni persona dell'azienda merita il suo stipendio, ma sapere qual è il nostro posto nell'azienda, qual è la nostra posizione rispetto al ruolo che ricopriamo, se il nostro stipendio corrisponde al lavoro che svolgiamo e, soprattutto, se non siamo discriminati.

Un rapporto incoraggiante 

Secondo Il Sole 24 ore, "Il Rapporto globale sulla disparità di genere 2023 evidenzia l'aumento della partecipazione economica delle donne e il raggiungimento della parità di genere nella leadership, sia nelle aziende sia nei governi, come due leve fondamentali per affrontare i divari di genere più ampi nelle famiglie, nelle società e nelle economie. Un'azione collettiva, coordinata e coraggiosa da parte dei leader del settore pubblico e privato sarà determinante per accelerare i progressi verso la parità di genere e per stimolare una nuova crescita e una maggiore resilienza."

La discriminazione di genere esiste ancora, ma non è l'unica forma di discriminazione. Anche le discriminazioni legate all'origine, alla religione, all'età, allo stato di salute e così via costituiscono un problema. La trasparenza delle retribuzioni potrebbe quindi aiutare a eliminare queste disuguaglianze. 

Va inoltre ricordato che la retribuzione riflette il lavoro svolto e non il valore di una persona, ma questo aspetto viene spesso dimenticato, soprattutto quando si è donne. Quindi, quando si tratta di chiedere un aumento di stipendio o una promozione, siamo più titubanti e ci sentiamo meno legittimate, per paura che la nostra richiesta confermi una discrepanza di talento, capacità o intelligenza. 👋 E ciao sindrome dell'impostore!

Perché tutti abbiamo bisogno di aiuto e consigli


La questione dello stipendio, il desiderio di sapere quanto guadagnano il nostro capo o i nostri colleghi, solleva molte questioni: il valore del nostro lavoro, il bisogno di riconoscimento, di confrontarci e di collocarci all'interno dell'azienda, il sintomo dell'impostore, ecc. È un argomento difficile da affrontare perché può facilmente riattivare vecchie ferite in ognuno di noi. Paura della mancanza, rapporto delicato con il denaro? Non aspettare a fissare un appuntamento con uno dei nostri psicologi per fare il punto della situazione.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felice… Qui e ora! 
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Come superare i nostri complessi inutili?

Gambe troppo larghe, labbra troppo sottili, cicatrici, timidezza… che si tratti di complessi fisici o mentali, questi sono spesso inutili e capaci di rovinarci la vita e renderci infelici. Ma non bisogna permettergli di sovrastarci! Siamo meglio di così!

Di cosa si occupa la sofrologia? Ecco i suoi numerosi benefici!

Ho riscontrato diversi problemi nel gestire la mia ansia nel corso di questi ultimi anni. Ho deciso dunque di iniziare un percorso con una psicologa, ma una cara amica mi ha consigliato di provare anche qualche seduta con un sofrologo. Secondo la sua opinione, il sofrologo aiuta a rilassarti e ti insegna a gestire meglio lo stress. Dopo diverse sedute, ho iniziato a sentire gli effetti positivi di questa pratica. Il mio corpo non è più un fascio di nervi! La sofrologia fa parte delle pratiche della “medicina dolce”, che hanno tantissimi benefici per il corpo e per lo spirito. Vediamo più da vicino questo metodo di crescita personale che mira a farci riconnettere con la nostra psiche.

Il metodo SMART per raggiungere degli obbiettivi intelligenti e realizzabili!

Per riuscire a concludere un progetto spesso e volentieri ci fissiamo degli obbiettivi, e questo è del tutto nella norma. Ma per ottimizzare le probabilità di successo e stabilire degli obbiettivi chiari, motivanti e realistici, ecco che entra in scena il metodo SMART! Vediamo insieme di che cosa si tratta.

Lavorare meno… per salvare il pianeta!

Il lavoro ha un grande valore per tutti noi, eppure potremmo essere tutti d’accordo sul fatto che non sia per forza sinonimo di benessere, né per noi né per il pianeta! Infatti, alcuni studi affermano che è necessario ridurre il prima possibile il nostro orario di lavoro, per poter ridurre le emissioni di gas serra che noi stessi generiamo. La situazione sta precipitando!

Come destabilizzare e far innervosire un narcisista perverso?

Vivi con un narcisista perverso o ne conosci uno e vorresti destabilizzarlo? Vuoi farlo arrabbiare perché ti mette in ridicolo, a volte in pubblico, ti fa soffrire, ti fa perdere la pazienza e vuoi vendicarti. Ma è difficile far arrabbiare una persona brava a manipolare gli altri, ama vittimizzare se stessa e gioca con le proprie emozioni. Farlo innervosire è l’unico modo per fare in modo che mostri la sua vera natura, per smascherarlo...

Ipocondriaci: 5 sintomi e caratteristiche per riconoscerli

Ti preoccupi spesso per la tua salute? Al minimo sintomo ti convinci di avere una malattia grave? Passi le giornate sui forum medici online? 😨 E se l’unica malattia di cui realmente soffri fosse l’ipocondria? Ecco i 5 sintomi tipici che toccano le persone ipocondriache.

Ansia sociale, sintomi e come superarla

Parlare in pubblico è un vero e proprio incubo e la fiducia in se stessi un sogno ancora troppo lontano. Si diventa paonazzi e non si riesce a nascondere il tremolio, la paura di essere ridicolizzati o umiliati fa perdere letteralmente il controllo. Se la timidezza può essere la causa di questo inconveniente, l’ansia potrebbe nascondere un malessere molto più profondo: l’ansia sociale, altrimenti nota come fobia sociale. Di cosa si tratta? Come si supera?

4 consigli per imparare ad amarsi: di' addio all’insicurezza!

“Faccio schifo”, “sono brutto”, “sono inutile” … difficile avere sempre una buona autostima. Eppure, è la chiave del nostro successo e del nostro equilibrio psicofisico. Sentirsi bene con sé stessi e con il proprio corpo, imparare ad amare sé stessi, è la cosa migliore che possiamo fare.

Come calmare e gestire gli attacchi di rabbia?

La rabbia, un sentimento che proviamo spesso. Ci spinge a reagire d’istinto, senza riflettere, portando a volte a situazioni sgradevoli. Qual è il segreto per controllare la propria rabbia e fare in modo che non prenda il sopravvento sulla ragione?

Non sopporto le persone! È una cosa seria, dottore?

Mi lamento al volante quando c'è un ingorgo, mi lamento alle casse quando c'è la fila, mi lamento il sabato quando tutti hanno deciso di andare in centro città. Non credo di riuscire più a sopportare le persone. La ragazza di città che sono sempre stata ha persino iniziato a sognare la campagna e una casa isolata per avere meno contatti sociali possibili. È una cosa seria, dottore? Beh, non proprio. Spiegazione.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!