Sfrutta le vacanze per capire a che punto è la tua carriera

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Le vacanze sono l’occasione per spegnere il cervello. Ma se le sfruttassimo non solo per prendere una pausa ma anche per riflettere? Le vacanze offrono la possibilità di prendere del distacco dalla nostra quotidianità. Sono dunque un privilegio che ci permette di vedere le cose da un altro punto di vista.

Sfrutta le vacanze per capire a che punto è la tua carriera
 
 Sommario

Approfittare delle vacanze per pensare alla propria carriera

Quando si passa tutto l’anno sommersi da mille impegni, anche se ci lamentiamo dello stress sul lavoro, pensiamo allo sviluppo della nostra carriera o cerchiamo di bilanciare la nostra vita professionale con quella personale, spesso e volentieri è difficile trasformare le parole in fatti e agire per fare in modo che le cose cambino.

Perché schiarirsi le idee?

Iniziamo ponendoci le domande giuste: perché è importante fare il punto della situazione? Questo momento di introspezione ci permette di vedere la situazione con più lucidità e di avanzare nei nostri progetti che siano professionali o personali. Le vacanze sono dunque il momento ideale per dedicarsi a questa attività. Siamo meno stressati, le abitudini quotidiane cambiano e abbiamo più tempo a disposizione. Sembra anche che, quando ci troviamo in un ambiente diverso e insolito, ci si senta maggiormente ispirati. Dunque, le vacanze sono l’occasione non solo di scoprire nuovi posti e viaggiare, ma anche di riflettere e...:

  • prendere un po’ di distacco dallo stress lavorativo
  • congratularsi per i successi dei mesi passati
  • ripensare a ciò che si è fatto negli ultimi tempi
  • riflettere su ciò che ci piacerebbe fare
  • pensare a ciò che ci renderebbe felici

La redazione ti consiglia: Qual è il segreto di una vacanza di coppia perfetta?

4 consigli per fare il punto della tua situazione lavorativa

1) Ascolta il tuo corpo

Alle volte può capitare che il primo giorno di vacanza, quando hai previsto la giornata nei minimi dettagli perché non vuoi perderti neanche un minuto del tuo tempo prezioso, ecco che, di punto in bianco, inizia a venirti il mal di schiena o magari il mal di testa. In questi casi, significa semplicemente che il tuo corpo ti sta mandando dei segnali, ti dice di fermarti e di ascoltarlo. Questo ti permetterà di individuare i tuoi picchi di stress e di stanchezza.

2) Congratulati per i tuoi successi

Ricordati di tutti i bei risultati raggiunti negli ultimi mesi e focalizzati su questi. È un ottimo modo per aumentare la propria autostima. Una volta individuati i tuoi risultati, congratulati con te stessa; approfitta del fatto di essere in vacanza per concederti una piccola ricompensa. Poi, fissa degli obbiettivi per i mesi futuri. Chiediti: “che cosa mi frena?”, “che cosa mi piacerebbe cambiare al mio ritorno?”, “come posso passare dalle parole ai fatti?”

Potrebbe interessarti: 4 consigli per imparare ad amarsi: di' addio all'insicurezza!

3) Mantieni le tue abitudini prese durante le vacanze

Se durante le vacanze hai preso delle buone abitudini che ti facevano stare bene, cerca di integrarle alla tua giornata anche durante il resto dell'anno. Andare a correre, cucinare con calma, leggere, etc. Conservare del tempo da dedicare a te stessa ti aiuterà a continuare le tue riflessioni iniziate durante le vacanze e ti dimostrerà che sei capace di apportare un cambiamento nella tua vita.

Vedi anche - Meditazione consapevole: uno strumento per una vita migliore?

4) Poniti le domande giuste

Infine, per concludere questa riflessione nel modo migliore, è necessario porsi le giuste domande. Infatti, sono questi quesiti che ti permetteranno di capire quel è lo stato attuale delle cose. Ecco alcune domande che potresti porti:

  • Come mi sento la mattina prima di andare a lavoro?
  • Che cosa mi piace e che cosa non mi piace del mio lavoro?
  • La mia vita professionale ha delle ripercussioni sulla mia vita privata?
  • Che cosa mi fa venire voglia di cambiare lavoro e cosa invece mi convince a rimanere?
  • Che cosa mi piacerebbe cambiare della mia attuale carriera?
  • Come parlo del mio lavoro agli altri?
  • Come viene percepita dagli altri la mia vita professionale?
  • Il mio lavoro è stabile?
  • Quale attività mi farebbe sentire realizzata?
  • Che cosa mi aspetto dal mio lavoro? (Guadagnare di più? Avere una posizione di prestigio? Formarmi? Niente?)
  • Quali sono i problemi che riscontro quotidianamente?
  • Come immagino la mia carriera tra 5 anni?


Il consiglio della redazione – Resisti alla tentazione di essere sempre efficiente

È importante sfruttare le vacanze per fare il punto della propria situazione professionale e privata. Ma anche godere delle vacanze è altrettanto importante. Accetta il fatto di non essere sempre efficiente al 100%. Concediti dei momenti in cui non fare assolutamente niente e goditi un po' dei benefici della noia. Per ricaricare a pieno le batterie e avere ancora più energia per affrontare la vita, non c’è niente di meglio di un po' di riposo, senza senso di colpa, mi raccomando!


Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!